trucioli

Suonando lo spartito topografico di Piana Crixia… a dorso di mulo per Savona

Bruno Chiarlone Debenedetti

Disseminate come i nomi delle frazioni circostanti fiorivano su di una carta topografica le parole che si andavano disponendo da sole le une accanto alle altre, sparse in ordinata disseminazione, occupando ciascuna il suo spazio libero, in precisa sequenza sulla superficie della collina. Continua…

La solitudine nuda del Taranco di Giusvalla

Bruno Chiarlone Debenedetti

Si era ancora agli albori del capire, ci rendemmo ben presto conto con sgomento che ci mancavano i più elementari strumenti per costruire la base di un pensiero strategico in quella terra solitaria del Taranco. Continua…

Nessuno a Ronco Giurato di Giusvalla…

Bruno Chiarlone Debenedetti

Nessuno a Ronco Giurato accettava la nostra imperizia nel sondare Continua…

Cairo quell’uomo scalzo e a piedi nudi

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

Obiettivamente non era dato sapere se anche l’uomo fosse in attesa di una risposta alla nostra incapacità a recepire anche un solo pensiero superficiale, uno sbocco di beatitudine credibile, in quello stato apparente, da scrutare meglio e approfondire. Continua…

Cairo: volevo dare sapore alla scena nuda

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

La mano sempre immobile sul tavolo, mi sembrava una fiera in agguato o un soprammobile di ceramica. Pareva pronta per un’attesa prolungata nel tempo. Ma avrebbe sentito presto un formicolio lungo il braccio, ci avrei giurato. Continua…

La mia Valbormida senza felicità e sofferenza

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

Senza felicità e neppure sofferenza. Continua…

La poesia di un nubifragio

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

La poesia di un nubifragio insistente. Continua…

La mano aperta a Cairo Montenotte.
E ultime novità dell’archeologia
in Val Bormida con Silvia Pirotto

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

Lo avevamo trovato da solo in casa che posava sul tavolo la mano aperta come in attesa di un segno, ma era già un segno la mano stessa. Continua…

A Cairo Montenotte l’estetica frantumata

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

Un giorno, alla fine del futuro troveremo che questa estetica frantumata del cambiamento risponde ad una esigenza. Continua…

Il pensare è cosa totale anche a Roocavignale

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

Perché il pensare è cosa totale anche a Roccavignale.  Continua…

La ‘Torre di Pisa’ caduta in Val Bormida

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

Improvvisamente, dopo vari fatti luttuosi ed attentati cruenti che si erano verificati nelle nazioni vicine, accadde negli ultimi giorni di quel luglio, nel territorio geografico dell’Alta Val Bormida, un fatto decisamente insolito: un disastro di grandi proporzioni che si verificò improvvisamente senza nessuna causa apparente. Continua…

Un mural a Pallare, la mia vita…

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

Un mural dove capita anche in Liguria, immagini che guardo ogni giorno e racchiudo in formato digitale prima di stamparle sulla carta sono come un raccolto con cui esprimere il movimento progressivo della mia vita etica, estetica, estatica [della mia vita etica estetica estatica colgo immagini in forma digitale e le mostro con intenzione espressiva..] Continua…

A Cairo M. sagome in forma umana.
Estate al sole l’artista si denuda

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

Come produrre immagini dal nulla, con una matita sul foglio tracciare fili e intersecarli tra di loro fino a formare rettangoli irregolari, triangoli e cancellature grafiche.

Continua…

Mappe di avvicinamento strategico alla Valle Bormida…

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

Ritornando da Brescia o da Torino, dopo aver scritto e aggiornato più volte la paginetta di appunti, passando per Firenze e diretti a Mondovì, dopo aver memorizzato le variazioni locali, cercato spazi tra le righe per infilarci dentro altre impressioni, vorrei provare l’utilità degli appunti, aprire il testo e utilizzarlo come un lievito madre, farlo dilatare e lievitare, stendere una mappa ben dettagliata del tragitto. Continua…

Cairo Montenotte, una curiosa scrittura

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

Non c’è nessun confine o limitazione concettuale a priori per la scrittura se non attingere a quello strato di humus che si è formato nella testa negli anni passati a leggere libri in Liguria, a dialogare con le persone in Piemonte, a meditare sulle idee in Lombardia, lasciando depositare la materia acquisita a Venezia, gli orizzonti oscuri di Bologna, i fili interrotti a Torino… Continua…

A Cairo Montenotte le parole sono chiavi

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

Quasi che uno si aspettasse chissà cosa dalla sua vita a Cairo Montenotte e che si impegnasse in progetti e sfide grandiose per tracciarsi un futuro tranquillo mentre la sua vita si svolgerebbe invece secondo una casualità sempre imprevista e disattendesse le aspettative quando addirittura non si rilevasse infida e malevola nei suoi confronti. Continua…

Casualità, sulla Bormida nuotano i gabbiani

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

Non si può far a meno di valutare le parole che abbiamo raccolto e ricavarne suoni consueti e inconsueti affiancandole in significati precipui (nel fondo dei fossi scorre l’acqua in primavera, nei ruscelli puliti si trovano gamberi d’acqua dolce, sulla Bormida nuotano i gabbiani di Riviera). Continua…

Cairo Montenotte, la vita di Matteo. La bandiera cucita di parole è lunga 15 anni…

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

Matteo aveva preso brevi appunti su piccoli foglietti che raccoglieva in una ciotola posata sul tavolo di lavoro.

Continua…

Il libro segreto. Codice Cairo. Un pastorello trovato morto nei boschi di Montenotte

Bruno Chiarlone Debenedetti scrittore

Elegia della penombra urbana. I pilastri, a Cairo Montenotte, si raddoppiarono nella via centrale dei portici.  I campanili speculari divennero due, appoggiati saldamente al fianco mastodontico della chiesa di San Lorenzo, le porte più vecchie si affiancarono, allineate nella loro singolare identicità, le immagini stampate sui manifesti già strappati si sovrapposero con angolazioni casuali, gli scritti antichi nelle lettere d’archivio cambiarono verso e finirono su corpi sconosciuti, sulle giacche chiare, sulle nuvole rigonfie, sulle tasche finte… Continua…

L’artista in Valbormida, lettera premonizione o realtà della memoria

Bruno Chiarlone Denedetti

Lettera come premonizione o realtà parallela della memoria ? Continua…

In Valbormida francobolli d’artista fanno il giro del mondo

Bruno Chiarlone Denedetti

Accanto alla mia collezione di francobolli d’artista, provenienti da tutto il mondo da una decina d’anni, si sta facendo strada la mia produzione personale di francobolli autoprodotti quest’anno a partire da agosto… Continua…

I baci di Millesimo (Millesini) adorati da Remo Fresia

Bruno Chiarlone Denedetti

I baci di Millesimo, Millesini, molto apprezzati da Remo Fresia… Continua…

Vi racconto perché ero tra i primi partigiani in Valbormida

Bruno Chiarlone Denedetti

La scelta partigiana di Oreste Arnello, 89 anni compiuti e con gli auguri di una torta per i 60 anni di matrimonio felice con Liliana. Continua…

Un personaggio curioso a cavallo, in chiesa,
a Cairo Montenotte

Bruno Chiarlone Denedetti

A Cairo Montenote, San Bonifacio sulle nuvole… mentre Felice Serono lo guarda compiaciuto.

Continua…

Storia di vita: a Millesimo per 36 anni dipendente delle Officine Fresia, i nonni gestivano l’Osteria dei Cacciatori, poi l’amore

Bruno Chiarlone Denedetti

Ho raccolto in un libretto le memorie amene di un anziano valbormidese, Remo Fresia, cantore e poeta, testimone allegro e conviviale di un’epoca a noi vicina, a cavallo dell’ultima guerra mondiale. Continua…

Felice Serono pittore cairese e le mele

Bruno Chiarlone Denedetti

Felice Serono e le mele nei suoi quadri… Continua…

Le trame di un valbormidese in Russia

Bruno Chiarlone Denedetti

Nei panni di nonno Giovanni, Martino Caldara, arriva a Mosca nella primavera 1921… Continua…

Nonno Giovanni giornalista e l’impresario Caldara. Da Cairo M. a Berlino, poi in Russia

Bruno Chiarlone Denedetti

Nonno Giovanni si porta l’amico Martino in viaggio per Berlino… Continua…

Cairo Montenotte nel 1921 nonno Giovanni artista, turista (e mancata spia) in Russia

Bruno Chiarlone Denedetti

Nel 1920 la ballerina Isadora Duncan viene invitata dal governo sovietico ad aprire una scuola a Mosca, la cui direzione Isadora affida all’allieva Irma, compone nuove danze legate all’idea della rivoluzione russa, la Duncan, l’anno dopo sposerà il poeta Esenin: fu il suo primo matrimonio. Continua…

Debenedetti ? Perchè mio nonno Giovanni conosceva Winston Churchill

Bruno Chiarlone Denedetti

Nonno Giovanni eletto nel 1924 membro ad honorem del Catasto inglese… Continua…

Nonno Giovanni Debenedetti riabilitato combattente, ma pacifista a 39 anni

Bruno Chiarlone Denedetti

La potenza dell’amicizia… ma non solo. Continua…

A Cairo Montenotte il cuore trafitto di Maria

Bruno Chiarlone Denedetti

La parola si sgabbia, la pagina scritta si fa pappa reale, la scrittura mostra i denti… Continua…

Ballata allegra valbormidese per la Leva 1945

Bruno Chiarlone Denedetti

Gli organizzatori della festa di Leva 1945 hanno chiesto all’ormai mitico Bruno Chiarlone di dedicare al gruppo di amici una canzone popolare.  Bruno ha scelto la vena del canto poetico. Ai promotori, ai festeggiati il plauso e l’augurio di trucioli.it. Un ricordo meritato che mette in primo piano l’amicizia, l’allegria, la solidarietà umana in tempi di disgregazione sociale e orfani dei valori etici dei nostri avi. La festa tra chi è nato nei mesi in cui terminava la tragedia dell’ultima Grande Guerra; tra chi ha vissuto le ferite e la povertà che ogni evento bellico lascia alle sue spalle. Poi il secondo Risorgimento della madre Patria, quando c’era lavoro per tutti e la rettitudine, la pace ideali da imparare e tramandare. Continua…

La salvezza delle forme in Val Bormida

Bruno Chiarlone Denedetti

La salvezza delle forme, in Valle Bormida, è tutta nella sublimazione. Le montagne possono prendere il volo, le grandi sagome diventare mongolfiere, le zolle librarsi, i fiumi sollevarsi dal loro percorso ondulato e galleggiare, sospesi tra pezzi di topografie contrapposte… Continua…

Al Caffè di Cairo i più bei sogni d’amore

Bruno Chiarlone Denedetti

Reportage di un visitatore appassionato d’arte dal caffè Roma di Cairo Montenotte dove troviamo Francesca e Patrizia. Continua…

Cairo Montenotte la fantasia viaggia per posta

Bruno Chiarlone Denedetti

La fantasia viaggia per posta. Continua…

Cairo Montenotte ora si scopre il libretto verde della fucina Gallo

Bruno Chiarlone Denedetti

Assieme al libretto marrone con la scritta “Felicita” ho trovato anche un libretto verde dello stesso tipo che ha destato il mio interesse. All’inizio delle paginette sono scritti i nomi dei clienti e la data in cui sono stati consegnati i manufatti. È un libretto che “resiste alla lettura”, mi è difficile decifrare la minuscola scrittura che specifica il tipo di lavoro fatto da un fabbro, anche se potrebbe essere della moglie. Continua…

Il misterioso libretto della signora Felicita a Cairo Montenotte. Pagava il prof. Buffa direttore del Corriere Mercantile di Genova

Bruno Chiarlone Denedetti

Curiosando in uno scaffale di vecchi libri (in via Buffa, a Cairo Montenotte) ne ho trovato uno assai singolare: è un libretto formato cartolina, dalla copertina marrone, che un tempo era grigia, sulla quale è scritto a penna con la giusta inclinazione :“Felicita”. Continua…

Libro artistico in terra di confine (Bormida)

Bruno Chiarlone Denedetti

La Val Bormida terra di confine gode di apporti di Riviera e di Piemonte…. Continua…

Vecchi orti delle Moglie Verdi a Rocchetta

Bruno Chiarlone Denedetti

La mia fotografia di questi giorni ritrae una porzione di quello che fu un vecchio orto alla Fornace in zona Moglie Verdi; ora è un bosco palustre divenuto rifugio e habitat naturale per varie specie di uccelli e piccoli animali acquatici, anfibi e terricoli. Continua…

Pagina 1 di 3123

collabora

collabora

Segnalazioni e consigli

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

Chiudi