Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Noli, senti chi parla!

Il 13 giugno 2020 SavonaNews pubblica un comunicato stampa così intitolato: “ Noli, il sindaco Fossati attacca: “Banche devono ripristinare orario di apertura normale”. Ecco il testo del comunicato, in parte condivisibile  , …ma senti chi parla!

di Carlo Gambetta

“ Le attuali procedure stanno causando disagi alla cittadinanza. Per questo abbiamo deciso di ammettere il pagamento di questa imposta (IMU n.d.r.) sino al 30 giugno, senza incorrere in sanzioni o costi aggiuntivi di interessi. (iniziativa condivisibile ndr). Mio malgrado devo tornare sull’argomento banche presenti sul territorio nolese.  Perchè da ormai dieci giorni dalla mia lettera-invito a modificare orari di apertura e “modus operandi”, nulla al momento è cambiato. Se aggiungo la gentilezza dei due istituti nel non aver fornito alcun riscontro scritto mentre la “buona norma” lo indicherebbe, credo che il quadro della situazione sia più che esaustivo. Certo non sono che il sindaco di un piccolo comune ma identifico,comunque, una ruolo/figura istituzionale, eletta democraticamente e soprattutto rappresenta un’intera comunità che è palesemente condizionata se non danneggiata da questa ‘sconsolante’ situazione. Probabilmente esiste una diversa sensibilità verso la problematica e forse servono altri tipi di strumenti di ‘comunicazione’. Nel frattempo, le attuali “procedure” dei due istituti bancari ‘non agevolano’ certamente i cittadini di Noli”.
Il comunicato prosegue ricordando che la scelta della proroga del pagamento a fine giugno produce conseguenze finanziarie negative per le casse comunali.
E’ bene far presente, però, che perdurano anche lamentele circa la ridotta funzionalità degli uffici comunali, dei servizi igienici, per cui andrei cauto a puntare il dito solo in una direzione, quella bancaria, (a chi giova?) senza considerare che le procedure in attuazione delle norme vigenti sul Covid19 consiglierebbero di valutare tutti i reali disagi sopportati dalla popolazione a 360°.
Al Sig. Sindaco di Noli Fossati che con sacrosanta ragione fa notare, a prescindere, che esiste una “buona norma” quella di rispondere, pongo ora una semplice domanda: lei ne fa uso?  Visto che la richiama per altri.
La redazione di Trucioli.it ed in particolare  il sottoscritto, attendono da lei tante risposte a domande inevase, sia da consigliere di minoranza per cinque anni, sia in questo ultimo anno  da Sindaco.
A spanne, per quelle che mi vengono in mente, ecco le risposte che, per “buona norma”, avrebbe dovuto dare, ad esempio a:
—No. 63 del 28/01/2016 : “ Noli, a chi (non) giova la verità?” (vedi con 1929 visualizzazioni);
—No. 112 del 09/02/2017 : “Lo scribacchino di Noli non tace” (vedi con 1260….);
—No. 18 del 16/01/2920 : “ Noli, chi indovina l’indovinello” (vedi con 463);
—No. 23 del 20/02/2020 : “Noli, quando l’anonimo era Franco”; (vedi);
—No. 29 del 02/04/2020 : “ Noli, dove si paga l’acqua non depurata…” (vedi);
—No. 38 del 04/06/2020 : “ Noli, goccia dopo goccia, il vaso trabocca…” (vedi).

Affermare che se “probabilmente esiste una diversa sensibilità”,   da parte sua quali sono gli altri “strumenti di comunicazione”  per ottemperare alla “buona norma”, quella di dare comunque,  democraticamente e pubblicamente risposte a chi gliele pone?.

P.S. Quando non si ha nulla da nascondere, e per la doverosa trasparente informazione, ripubblico (per chi non l’avesse letta) l”errata corrige” da me tardivamente inviata alla redazione, e riferita al No. 39 del 11 giugno 2020.

Una lettura frettolosa della “Relazione per ripascimento stagionale delle spiagge in località Chiariventi  2020” redatta dallo STUDIO GAGGERO mi ha indotto ad una interpretazione altrettanto frettolosa, che non corrisponde alla realtà.

Mi sono reso conto che quanto da me scritto con tanto di foto esplicativa e pubblicata lo scorso numero 38 di trucioli.it (vedi…….):”Sulla parte sud del sito degli ex Bagni Nereo, invece, si è formata una pietraia che si estende anche in mare, impedendo, di fatto, una sicura balneazione.  Solo una bonifica del sito può risanare l’intera area marina, non di certo un ripascimento”  non corrisponde alla proposta progettuale, ragion per cui è doveroso, da parte mia, porvi rimedio con questo mio intervento. La relazione progettuale prevede, infatti, un”Prelievo materiale di spiaggia grossolano” con successivo ripascimento di “materiale di spiaggia liberato dalla matrice grossolana”.

BANANA’S STYLE


Solo gli anziani indigeni nolesi ricordano le sferzanti notizie che apparivano sul “U BANANA” goliardico bollettino satirico locale, poi messo a tacere .
Da parte mia, un tuffo nel passato: ultimamente, sui muri di Noli, in bella evidenza per i colori vivaci, è affisso questo manifesto che intende, satiricamente, mettere in risalto tre scelte operative di questa amministrazione su servizi, turismo, viabilità:
—il centro di Noli, ormai servito e circondato  da soli parcheggi blu, acquista un colore azzurro;
—la viabilità sulla fiumara ormai da tempo interrotta continua a creare disagi al traffico;
—la segnaletica orizzontale in piazza Mons. L. Vivaldo  come appariva modificata da questa amministrazione  a “slalom”, paragonabile (visto dal proponente fotografo) ad un circuito  di gara automobilistico.  E’ stata la presenza di questo manifesto che ha forse contribuito a rimodificare prontamente la precedente proposta?

LUTTI CITTADINI
De Vincenti Lazzaro a 81 anni ha lasciato la moglie, due figli con le loro famiglie, il fratello e tanti parenti.
Lazzaro, persona particolarmente socievole, ha esercitato per lunghi anni in Noli la sua professione di stimato odontotecnico/dentista, stimolando, di fatto, la scelta professionale dei due figli: il primo medico chirurgo/dentista, il secondo odontotecnico. Volontario presso la Croce Bianca di Noli, era anche un appassionato “fan” del rione Burgu ,  partecipando attivamente alla organizzazione e logistica per le regate sportive fuori sede. Insieme all’inseparabile consorte Vanda, entrambi amanti della montagna, è stato uno dei promotori del gemellaggio con la città tedesca di Langenargen.

Pastorino Nicoletta (Lina) ved. Giacosa, a 87 anni ha lasciato la figli con la sua famiglia, il figlio Don Piero (Parroco della parrocchia di S. Andrea e Giovanni in Savona), il fratello Pino con la sua famiglia ed i numerosi parenti.
Il papà di Lina,con il fratello Giovanni, sono stati “carrettieri” in Noli; lo zio, in particolare, nell’immediato dopoguerra, e per lunghi anni, è stato il conduttore del famosissimo “tramballero” da Noli a Spotorno.
Castino Plinio a 85 anni ha lasciato la moglie, i due figli Fabiana e Fabio con le loro famiglie, il fratello Elvio  assieme a tutti i parenti. Ferroviere, persona mite, sempre  nostalgico di Noli dove ha vissuto sin dalla nascita , per poi, da sposato, con la famiglia ha preso domicilio in quel di Finale.

Carlo Gambetta

Avatar

C.Gambetta

Torna in alto