Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Noli chi indovina l’indovinello, 8 anni dopo

Accadeva nel mese di aprile 2011. La scoperta di questo personaggio/indovinello che alla fine così si firmava (Indovinello vedi….) potrebbe essere riservata ai soli residenti nolesi perchè sono gli unici che conoscono i nominativi delle diverse località (regione) ubicate sul territorio collinare. Ma forse anche estesa, per la conoscenza, ai proprietari  più assidui di seconde case. Buona lettura.

FAI UN CLICK SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRE LA LETTURA

dell’anonimo che si rivolgeva Ai miei cari concittadini nolesi, anonimi e non….

Fai un click sull’immagine per ingrandire la lettura

Alcune riflessioni, rileggendo, a partire dal titolo:”Ai miei cari concittadini Nolesi, anonimi e non”. Ora posso aggiungere che  gli strali (vedi riproduzione) erano rivolti a Carlo Gambetta e agli anonimi di Nolinia. Ma chi può essere questo personaggio così poetico ? E cosa voleva far capire concretamente ? E se fosse un importante amministratore pubblico che gli elettori nolesi hanno premiato ? E se fosse lo stesso autore che si firmava Franco Cordorelli come documenterò in un prossimo articolo ? Tutto sommato resto fiducioso e ottimista. Oggi potrebbe svelare: Caro Gametta, ero io l’estensore e i concittadini mi hanno pure promosso.

Il servizio che era stato pubblicato da Trucioli Savonesi il 10 aprile 2011. E per quanto mi è dato a capire, sul blog, in quel periodo, oltre ai miei articoli da ‘non anonimo’, trovava ospitalità la firma degli “anonimi” ad opera di ‘gruppo nolesi‘; dovrebbero essere coloro che inviavano alla stessa redazione i loro scritti settimanali raccolti da una rivista satirica intitolata “Nolinia” (vedi immagine) con lo straordinario personaggio “Paperinik”.
L’anonimo (si fa per dire…) visto che “goliardicamente” vorrebbe farsi  riconoscere, ma non ci metteva la faccia,  per creare cos, (guarda caso) ” solo dubbi…”. Ma sbagliava a dare per scontato: “Sono certo che nulla v’importa del fuggente attimo di notorietà virtuale da blog...”.
Vede, caro anonimo (si fa per dire), dovrebbe sapere che non esiste il “fuggente attimo”: la realtà ci dice che con un semplice clic sulla tastiera del computer, coloro che “navigano” potranno sempre essere soddisfatti nella ricerca. E vero anche che proprio di questo articolo non si trova più traccia on line e per fortuna l’avevo, come mia abitudine, fotocopiato. E ora cade a fagiolo.
Spero che il lettore abbia recepito il senso del tentativo filosofico del goliardico di denunciare una situazione che aleggiava su Noli in quel periodo.
Mi permetto di aggiungere alle considerazioni inerenti il “rispetto” di cui l’anonimo scrive, osservando che ha inoltre dimenticato di precisare che il rispetto è dovuto anche e soprattutto nel dare risposte a domande ben precise. Domande con tanto di indirizzo (Protocollo comunale) volutamente inevase!!!
Ognuno se  è padrone della propria “Coscienza” (vedi riproduzione) si firma.

Carlo Gambetta

PS. L’ultima riga  del testo che abbiamo fotocopiato (….Ai mei cari cittadini nolesi…) si legge: “al lume moltiplicato con dentro il femminile e gli apostoli“. Aggiungiamo che gli apostoli del Vangelo e dell’ultima cena sono 12. Guarda caso lo stesso numero civico di una casa di Regione Luminella di Noli.

NOLI E LA SUA STORIA DA CARTOLINA

L’ultima Littorina che ha raggiunto la stazione di Noli
Noli quando ancora non era stato realizzato, in stazione, il terzo binario, qui siamo agli anni ’50

 

Avatar

C.Gambetta

Torna in alto