Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Noli dove si paga l’acqua non ‘depurata’
Depuratore guasto, sindaco e vice che fanno?
Mandano bollette illegittime, da vero sopruso

Stamane (30/03/2020) ho ricevuto l’ultima bolletta dell’acqua. Come previsto, ho constatato l’addebito del costo del (dovuto) “servizio di fognatura” e quello  per il “servizio di depurazione”; nulla di nuovo….ma non deve essere così!  Ecco perchè.

di Carlo Gambetta

Il sindaco del centro sinistra Lucio Fossati

A seguito di una prima interpellanza in Consiglio Comunale sull’argomento, Trucioli.it aveva scritto già una prima nota sul No 16 del 19/12/2019 “spiace la depurazione ko” (vedi………)  da rileggere attentamente, date incluse!
Su quel numero veniva riprodotta una esplicita nota del Consorzio Depurazione del 2 settembre 2019 che informava ufficialmente chi di dovere (il Comune di Noli compreso) sulla rottura accidentale della tubazione di mandata della stazione di sollevamento e inizio relativo scarico a mare (di emergenza come previsto); equivalente di “stop” alla depurazione. Comunicazione evidentemente non recepita dai responsabili locali con la dichiarazione sindacale sulla pagina ufficiale del Comune datata 11 febbraio 2020.
Ad una seconda interpellanza, sempre su questo argomento e discussa  nel Consiglio Comunale del 18 febbraio u.s. Chi scrive attende ancora la pubblicazione sull’albo pretorio del resoconto del verbale riassuntivo, da parte del Segretario Comunale Dott. Massimiliano Morabito, per avere conferma ufficiale della sintesi degli interventi/risposte del Sindaco Lucio Fossati e del suo Vice Debora Manzino.

Debora Manzino vice sindaco di Noli, libero professionista- amministratore condominiale presso Studio EmmeDi, ha postato sulla sua pagina Facebook

E si, perchè la registrazione del Consiglio s’interrompe alla fine del preambolo formulato dall’interpellante consigliere di minoranza  Marina Gambetta  (mia figlia ndr) e prima delle domande oggetto dell’interpellanza.
Solo chi era presente (come chi scrive) ricorderà le confuse risposte del Sindaco; secondo il primo cittadino il depuratore pare funzioni (certo che funziona, ma per tutti  i comuni non interessati alla rottura della condotta di mandata dei liquami, cioè quella che da Finale arriva a Vado). Altra affermazione del primo cittadino nell’ambito della discussione: secondo altri comuni del Consorzio (non è stato detto quali) non si può richiedere l’esenzione del costo del servizio.
Ma alla chiara domanda dell’interpellante: depurazione si o no per Noli, sono state date risposte fuorvianti, imprecise, e comunque non soddisfacenti, per cui l’interpellante si è riservata di verificare la veridicità di tali risposte.
Sostanzialmente, alla domanda formulata al Sindaco sulla possibilità di richiesta d’intervento da parte del Comune, in caso della non depurazione dei nostri liquami, con  la conseguente richiesta al Consorzio di non addebito sulla bolletta della voce “servizio di depurazione” dal 2 settembre sino alla data di ripristino, la  risposta è stata negativa, cioè il Comune non prende iniziative.
Pochi giorni fa, il Consorzio comunicava su un organo di stampa la buona notizia: ” Riparata la condotta danneggiata del depuratore consortile e stop allo scarico dei liquami in mare…”, ben in anticipo rispetto alle iniziali previsioni di fine aprile.
Ulteriore conferma che la depurazione dei nostri liquami era stata sospesa.
Tutto quanto detto sopra:
a) domande in Consiglio Comunale rimaste senza chiara risposta
b) nuove informazioni invano attese dall’11 dicembre (come da comunicato a firma del Sindaco …Sarà cura della scrivente amministrazione fornire ulteriori aggiornamenti”), ecco la novità che i responsabili dell’Amministrazione dovrebbero conoscere, e soprattutto attuare, per salvaguardare gli interessi economici dei suoi concittadini.
Trattasi di richiedere al Consorzio il risarcimento della quota NON dovuta per il servizio di depurazione dal 2 settembre 2019 sino alla data del ripristino.
Anche se al Sindaco questa richiesta non è mai parsa attuabile, è bene sapere che  esiste una sentenza della Cassazione , la 3314/2020 dell’11 febbraio, dove la Suprema Corte chiarisce che l’utente deve essere risarcito  “…non sussiste obbligo di pagamento del corrispettivo per il servizio, se gli impianti di depurazione siano assenti o temporaneamente inattivi, poichè all’obbligo di pagamento non è ricollegabile alcuna prestazione”.
Di conseguenza, vedremo come l’Amministrazione, in quanto tale, quale iniziativa intenderà finalmente intraprendere a livello ufficiale nei confronti di questa domanda, questa volta posta da un cittadino (contrariamente ad altre nel tempo inevase) per patrocinare la difesa degli interessi economici di ciascun utente comunale  attualmente illegalmente costretto a pagare il non dovuto, richiedendo il relativo doveroso rimborso. Regole o non regole, di fronte alle indiscutibili evidenze, quello che conta sono i fatti.

LUTTI CITTADINI
Francesco Patti  di 70 anni.  Ha lasciato la moglie Rita, i figli, nipoti e parenti. Figlio di una famiglia di pescatori siciliani di palamiti immigrata a Noli dal dopoguerra, da tempo si era spostato a Vado Ligure, ma non perdeva occasione per fare un salto nella sua Noli. La messa funebre è stata celebrata nella nostra parrocchia alla presenza dei tanti amici.
Carlo Cecchi a 75 anni ha lasciato la moglie Silvana, i figli, i nipoti oltre i parenti. Genovese di nascita, artigiano edile, persona  dalla battuta facile e spiritosa, era stato uno dei più affezionati sostenitori della nostra banda folkloristica “CAU de NOI”.
Roberto Garzoglio a 68 anni ha lasciato il fratello con la sua famiglia, cugini e amici. Impiegato presso l’ASCOM di Savona, nolese doc, era figlio di Antonio (Ninnu du Sarvatu), pescatore battagliero a difesa dei diritti di pesca del cicciarello.
Alla fine degli anni 80, presente il dirigente romano del Ministero della pesca, in un convegno appositamente organizzato dall’amministrazione comunale a difesa del diritto di pesca del cicciarello, ha contestato la normativa europea sul divieto. Dopo aver dimostrato, di fatto, l’inadeguatezza della legge in una sala consiliare gremita di pescatori provenienti da tutta la Liguria, ricordo la sua battuta finale fortemente condivisa e applaudita anche dal rappresentante governativo: ” I cicciarelli di Capo Noli ci stanno dicendo: noi siamo qui, veniteci a prendere!!!!!”.
p.s.
A Finale Ligure è mancata la mamma del nostro Sindaco Lucio Fossati. Condoglianze sincere da parte di Trucioli.it.

Carlo Gambetta

Avatar

C.Gambetta

Torna in alto