Numero visualizzazioni articolo: 1.031

Commosso addio di Finale L. a Mario Cocco, medico, ex assessore, presidente Avis e Anpi

Ancora un lutto, il terzo in un anno, all’Anpi di Finale Ligure. Se n’è andato per sempre Mario Cocco, medico anestesista e rianimatore, già assessore e consigliere comunale socialista, presidente onorario della sezione Anpi e Avis provinciale. Lo piangono i figli Massimo e Maurizio, i cittadini che lo stimavano per rettitudine e coerenza, gli amici di una vita. Il funerale  nella basilica di San Giovanni Battista in Finalmarina, martedì 26 alle ore 15. La camera ardente all’AVIS di cui fu benemerito presidente provinciale. La storia inoltre ricorda che Cocco mise a punto il motore della barca per far fuggire dai nazifascisti  Sandro Pertini.

Nei mesi scorsi l’Anpi di Finale aveva onorato, il 16 febbraio 2015, il partigiano Pasquale Baldini (Scheggia),  morto a 94 anni. Qualche giorno dopo lo seguì anche la moglie, Elvira Aicardi.

IL COMUNICATO STAMPA DIFFUSO DALL’ANPI DI FINALE LIGURE - Mario Cocco era nato a Savona il 24 apile 1924 da una famiglia modesta: suo padre era operaio al porto e, cosa di cui Mario era orgoglioso, aveva messo a punto il motore della barca per la fuga di Sandro Pertini dai fascisti. Nel 1934 la famiglia Cocco si trasferì a Finale. L’8 settembre 1943 Mario era militare ad Albenga e si trovò nello sbandamento generale dell’esercito italiano, lasciato senza ordini dal re in fuga. Mario restò 1 o 2 giorni in famiglia, poi pensò di rifugiarsi presso parenti della madre in un paesino della provincia di Parma da cui la madre proveniva. Ma anche qua non poté restare a lungo: per sfuggire ai rastrellamenti, si rifugiò a Bologna, dove visse un po’ di giorni da sbandato, finché, entrato in contatto con una staffetta, fu accompagnato a un distaccamento partigiano sull’Appennino tosco-emiliano.

Qua iniziò la sua vita da partigiano col soprannome di “Ligure” nella 36^ brigata Garibaldi (gruppo Bianconcini)e partecipò a scontri importanti contro i tedeschi come la battaglia di Puro Celo, nella quale persero la vita 57 partigiani. In uno di questi scontri fu ferito ( e della ferita conservò per il resto della vita una cicatrice al mento) e fu ricoverato all’Ospedale militare Sangallo di Firenze.

A fine guerra tornò a Finale con mezzi di fortuna il 26 maggio 1945. Si iscrisse subito alla sezione ANPI di Finale, nella quale fu sempre attivo e ricoprì cariche nel Direttivo e come presidente, fino alla proclamazione negli ultimi anni come presidente onorario.

Subito dopo la laurea in Medicina iniziò dal 1954 la sua collaborazione alla Sezione AVIS di Finale, nella quale fu attivo come medico e come dirigente (fino alla carica di Presidente Provinciale). Nell’AVIS volle praticare un volontariato puro, rifiutando qualsiasi compenso o rimborso e il suo esempio è tuttora seguito da tutti i medici, gli infermieri e gli altri volontari della sezione AVIS finalese. Anestesista presso l’Ospedale Ruffini, fu per molti anni medico di base a Finale, ma non si limitò alla cura delle malattie, bensì cercò di aiutare con consigli e atti concreti tutti coloro delle cui difficoltà venisse a conoscenza. Partecipò anche all’amministrazione della città come consigliere comunale e assessore socialista.

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi