Numero visualizzazioni articolo: 500

Imperia, Scajola non merita la sconfitta

Non abbiamo scritto libri sul personaggio Claudio Scajola, non siamo mai stati alla sua corte, né tra i giornalisti che più di tutti lo conoscono, l’hanno seguito negli anni, hanno approfondito il ‘caso Scajola’ con la cronaca quotidiana, dentro e fuori i palazzi, quello di giustizia compreso. Non figuriamo nell’album dei Pm e dei giudici che hanno promosso indagini e poi scritto sentenze. Siamo tra i lettori che hanno cercato di tenersi informati e raccolto un mega fascicolo di ritagli stampa. Il Secolo XIX , La Stampa, la Repubblica – Liguria, con la firma di Vittorio Coletti docente, in particolare. Se, come indicano le previsioni, sarà premiato dalla maggioranza degli imperiesi (le astensioni dei votanti non saranno poche) il sindaco Scajola dovrebbe mettere in disparte le sue aspirazioni politiche, dedicandosi anima e corpo alla città che gli ha dato i natali e gli ha permesso di raggiungere vette nazionali. Senza tornare nell’arena dei duellanti. Lo faccia per Imperia e la sua famiglia che, con lui, tanto ha sofferto più che nelle aule giudiziarie per la gogna mediatica capace di ferire più di un’imputazione.

L’ultimo significativo appello di Claudio Scajola attorniato sul palco dalla significative presenza di giovani, ragazze soprattutto. Sullo sfondo la Carige, la banca dove il fratello Alessandro, papà di Marco, ex assessore comunale e regionale, è stato per anni vice presidente senza essere coinvolto nello scandalo Berneschi, con arresti e sequestri di somme ingenti per ladrocinio e malaffare

In una foto d’archivio Carlo Carli, se nè’ andato a 99 anni, persona retta, amante e fedele alla sua montagna della Valle Arroscia, alla sua Monesi, al centro il benemerito dr. Alberto Alberti, oggi presidente di Confindustria Imperia, con Claudio Scajola durante una premiazione

Siamo stati tra i primi lettori del libro “Oltre l’Orizzonte – Dal passato al futuro nell’avventura politica di Claudio Scajola” – editore de Ferrari, autore dei testi Rino Di Stefano e finito di stampare nel giugno 2006 -; la citazione di Scajola alla presidenza del Copaco (Servizi segreti) con vice presidente Massimo Brutti del Pd; la citazione di Taviani nella Resistenza con il nome di battaglia Pittaluga.  La foto del matrimonio con Taviani testimone mentre firma il registro.

Abbiamo letto ‘Politica a memoria d’uomo’, scritto da Paolo Emilio Taviani (il Mulino – 2002) dove in una pagina cita Claudio Scajola: L’avventura dei pontieri o tavianei. Milano 27 novembre 1967.  “Un congresso che rischiava di essere una sanzione precostituita a tavolino dei detentori del potere. Rumor segretario del Partio, Moro presidente del Consiglio, Fanfani presidente del senato, Forlani, Piccoli, Silvio Gava, Zaccagnini, Emilio Colombo, Andreotti si sono accordati per una lista comune di maggioranza, lasciando in minoranza, l’intera sinistra politica (Galloni, Granelli, De Mita e Marcora) e quella sindacale (Donat Cattin, Pastore). Ho perciò costituito – prosegue il racconto testimonianza di Taviani _  una terza lista autonoma detta anche ponte (di qui il termine pontiere). Sono come me, in primo luogo ancora l’infaticabile Gasparri (il ministro che per primo, a Loano, nel 1967, accolse formalmente il trasferimento dei binari a monte a Sanremo a Finale Ligure) e poi Cossiga (si spiegherebbero i legami con Gladio ndr), Sarti (cuneese ndr), Micheli e Bova, i due campioni della lotta contro la mafia in Sicilia: D’Angelo e Alessi, quasi tutta la dirigenza Dc ligure: Dagnino, Borgna, Bonelli, Pastorino, Cattanei, Epifani a Genova, Scajola e Manfredi a Imperia, Morandi a La Spezia, Olimpio ed Enrico Rembado (ex sindaco anticemento e ‘mani pulite a Borgio Verezzi ndr). Siamo entrati al Congresso con l’8% dei voti ed ho tenuto – concludeva Taviani – il mio primo discorso. Al Congresso è stato un successo: il 12% dei voti congressuali, 14 consiglieri nazionali eletti al Congresso ai quali si aggiungeranno i rappresentanti dei gruppi parlamentari ed i tre segretari regionali. Potrò contare, nel complesso, su 24 voti al Consiglio nazionale”.

Claudio Scajola che con il ‘matrimonio politico’ Pdl (poi Forza Italia) diventerà l’uomo di punta di Silvio Berlusconi. Fu lo stesso Taviani al G.H. Garden Lido di Loano, alle 18 di un lunedì sera, dove aveva riunito una ventina e poco più di fedelissimi savonesi, a descrivere il suo stupore, l’amarezza umana e padrepolitico per la scelta dell’amico Scajola. “Non ho ben chiaro cosa ci sia dietro – disse e fummo testimoni seduti in platea – , la sua giustificazione (di Claudio) non mi convince, credo non sia sincero, anche se  lo ritengo un sincero democratico. Chi mi fa paura è Berlusconi e in Italia abbiamo tre ‘istituzioni’ in grado di fermarlo in caso di pericolo per la Repubblica nata dal sacrificio e dal sangue della Resistenza….”. Taviani fece i nomi, tra cui un corpo speciale dell’Arma. Non è il caso di indicare i rimanenti visto che in passato abbiamo subito qualche monito.

Preferiamo concludere con le parole di Di Stefano, significative, ieri come oggi: “Per Claudio Scajola inizia una nuova stagione…A nessuno è dato a sapere cosa sarà il futuro e cosa accadrà nella propria vita….affronterà anche questa volta il suo destino…. certamente saprà guardare  oltre l’orizzonte dell’immediato domani”.

Gli imperiesi chiamati a votare secondo coscienza, ad evitare salti nel buio. Potrebbe davvero iniziare  una storia nuova per una provincia che non ha mai brillato nei dati statistici nazionali, a cominciare dai giovani laureati, diplomati e non in cerca di lavoro, meglio se non precario e non estraneo allo studio, ai sacrifici. Verrebbe da dire per Scajola è davvero l’ultima chiamata. Nonostante “Mio nipote Marco sia contro di me, impegnato a far votare per un altro candidato. La realtà supera la fantasia. Ho ricoperto quattro dicasteri diversi, merito più rispetto dal centro destra.” E il nipote a replicare duro: ”  Claudio Scajola che ricordiamo era uno che decideva  su tutti, è stato bravo a livello di comunicazione, a insistere sul concetto di autonomia locale….la battaglia non era tra Marco e Claudio, semmai tra un vecchio modello di centrodestra e uno più moderno, innovativo. Ho dato una mano a Luca Lanteri e sono convinto che nel ballottaggio avrà la meglio”. (L.Cor.)

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi