Numero visualizzazioni articolo: 183

Il libro di Toscani / Altaresi caduti e dispersi nelle guerre del Duce dal 1935 al 1945

Ad Altare presentato il libro “Ricordo degli Altaresi Caduti e Dispersi nelle Guerre del Duce (1935-1945)” a cura di Gianni Toscani. Lo scrittore altarese Toscani, con il suo volume, scandaglia vicende poco approfondite nella memorialistica e nella storiografia ufficiali. Emerge inoltre un dimenticanza clamorosa: il Comune dovrà aggiungere, nella lista dei Caduti, i soldati Cagliari, classe 1921 e Legano 1922. Altare era sede del comando dei San Marchi e tra gli ‘uccisi’ figurano appunto due altaresi che hanno tutti i requisiti perchè il loro nome e sacrificio sia ricordato sulla lapide.


Giovedì 7 giugno è stato presentato il volume: “”Ricordo degli Altaresi Caduti e Dispersi nelle Guerre del Duce (1935-1945)

Insieme all’autore Gianni Toscani è intervenuto l’ing. Antonio Rossello, Presidente del “Centro XXV Aprile“, che raccoglie l’eredità di componenti autonome e cattoliche della Resistenza, Segretario della sezione dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Varazze, autore di varie pubblicazioni.
L’evento, su iniziativa esclusiva dell’autore, al fine di promuovere la conoscenza della storia locale; ha avuto luogo in una data che, forse, è stata volutamente scelta al di fuori delle canoniche celebrazioni, proprio per favorire un clima sgombro da ogni tipo di retorica.

Punto d’arrivo di una ricerca iniziata diversi anni presso sedi archivistiche e grazie a testimonianze dirette, la pubblicazione riporta i nominativi dei Caduti e Dispersi altaresi di nascita o per residenza durante le vicende belliche occorse nel decennio 1935- 1945, diversi dei quali fino ad oggi marginalmente o mai ricordati, due aventi titolo ad essere aggiunti all’elenco che attualmente reca il locale Monumento.
Il testo non costituisce solo una raccolta di informazioni sulla vita e sulle modalità della morte di tutti questi Caduti e Dispersi, in quanto rappresenta un utile compendio degli avvenimenti generali che contemporaneamente la nostra Nazione si è trovata ad affrontare. Fasi cruente, ma anche mutamenti sociali e politici che in questa nostra era di squallidi egoismi e miopi calcoli utilitaristici hanno del prodigioso. La ricostruzione di passaggi di straordinaria temperie, non resa attraverso anacronistici stereotipi, bensì quale un’evidenza che scaturisce dai documenti degli archivi, della parrocchia, dalla memorialistica e dai ricordi di un’intera comunità.
La presentazione del volume è stata l’occasione per illustrare i criteri seguiti e le difficoltà affrontate dall’autore nel reperimento di questi dati, ma anche per riflettere, insieme, su alcune aspetti che la più recente storiografia ha posto al centro dei propri interessi.  Come avvenne che i soldati, ed anche i civili, presero consuetudine con la violenza indotta dalla guerra? Quali forme ha assunto la memoria del conflitto? Ha avuto un senso il tributo di sangue versato?

Il dramma dei familiari. Accade a volte che qualcosa lungo il cammino possa sembrare inaffrontabile: la perdita di un figlio, dell’unico amore conosciuto sino a quel momento, pare suggerire che l’esistenza stessa non possa avere più senso. Il dolore della mancanza, il dolore della solitudine, la perdita del significato di ogni azione del quotidiano, tutto sembra precipitare nel buio.
Gianni Toscani nasce ad Altare nel 1937. Una vita lavorativa trascorsa nell’industria. Da sempre appassionato di storia, compiendo un’intensa attività di ricerca e raccolta di fonti archivistiche e di testimonianze. Ha pubblicato diverse opere: Da Montenotte alle Langhe. L’epopea dei Partigiani dalla Brigata Savona alla Divisione Fumagalli  – L. Editrice – 2016; I giorni della R.S.I. Tedeschi, San Marco, partigiani. Altare 1943-’45 – L. Editrice – 2015; Il partigiano Gino Mazzola «Max». Controversie tra «garibaldini» e «Mauri» eliminazione di MarzolaL. Editrice – 2013; I Ron di Pinerolo. Una famiglia antifascista nella bufera della guerraL. Editrice – 2008; Croci bianche. Il cimitero militare di guerra ad AltareL. Editrice – 2010; «Jena» vita da partigianoMagema – 2006; Divisione Fumagalli brigata «Savona», brigata «Val Bormida», brigata «Montenotte», brigata «Valle Uzzone» Magema – 2008; Con i partigiani in Valbormida, valle Uzzone, valle Belbo, Langhe. Interviste, documenti, fotografie – Magema – 2007; Da Altare al Tembien – Grifl 2000.

Presente in diverse conferenze, Toscani ha collaborato con l’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea in provincia di Savona. Possiede un vasto archivio nel quale trova spazio testi poco note e copie di documenti originali. Può essere annoverato fra gli autori il cui contributo di ricerca è risultato utile per far emergere particolari e fatti nuovi, per smontare distorsioni della realtà e parziale “reticenze”, avvenute negli anni. Una nuova memorialistica e storiografia che può pian piano erodere e smentire versioni ufficiali.


Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi