Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Noli colpo di scena: deserto il consiglio sul bilancio, 3 presenti, sindaco assente.’Collina del disonore’. E vigili integrati con Spotorno, il comandante Pastorino all’Ente Porto. Anno nuovo: chiudono 6 negozi nel centro storico

ULTIMA ORA – Oggi, sabato 30 dicembre, era convocato il consiglio comunale. Un solo punto all’ordine del giorno: approvazione del bilancio preventivo 2018. L’atto pregnante e qualificante di un Comune. Ma alle 12,30 si sono presentati il vice sindaco Fiorito e due consiglieri di minoranza (Repetto e Fossati). Il sindaco Niccoli assente: si è recato in Calabria, terra natia. Giustificazione ufficiale ? Tutti ammalati gli altri 7, senonchè alcuni consiglieri sono stati visti nella stessa mattinata camminare in città. Come non bastasse, il bilancio era già stato rinviato il 21 dicembre per documentazione incompleta. E ora il colpo di scena messo a verbale dal segretario Morabito. E’ quanto meritano i cittadini, i contribuenti nolesi ? Verrebbe da dire di sì; restano le coscienze critiche e quanti amano Noli magari in silenzio. E’ la maggioranza silenziosa ? Alle urne saprà finalmente voltare pagine e ribellarsi ? (redazione trucioli)

Ormai è palese: l’interesse per il pubblico a partecipare al Consiglio Comunale è chiaramente negativo; a Noli massimo cinque/sei persone (sempre le stesse).
Nei confronti del passato, cioè prima del radicale cambiamento che si è venuto a creare in seguito alle sostanziali modifiche apportate dalla “Legge Bassanini” (1992),  il dibattito sulle scelte da prendere, il confronto tra le parti era chiaro, ed i cittadini che assistevano sempre numerosi, potevano giudicare, di volta in volta, il comportamento di maggioranza e minoranza sulla proposta da attuare poi in atti.
Il calore umano del Consiglio si è trasformato nella freddezza degli atti burocratici.
Gli argomenti del Consiglio di mercoledì 13 dicembre trattavano soprattutto la risposta ad interpellanze.
1) – Per il pontile galleggiante di Capo Noli costruito come opera pubblica in occasione del centenario dell’affondamento del Transylvania, è stato rimarcato, tra l’altro, il totale inutilizzo da parte dei visitatori diportisti ancorati nella baia. Per il prossimo anno si spera che da parte del Comune ne venga comunicata la disponibilità sul “portolano“, l’informatore ufficiale delle strutture nautiche a disposizione dell’utenza diportista (nota del sottoscritto).
2) – Pulizia e decoro /pavimentazione di Via Sartorio. La minoranza auspica la pulizia giornaliera del guano prodotto dai colombi (“pallino” ripetitivo della minoranza, mai risolto quando era maggioranza…) mentre la pavimentazione rimane come cimelio a ricordo di quella storica di Via Colombo rimossa dalla precedente amministrazione Niccoli.
3) – Situazione realizzando parcheggio di Via IV Novembre. Ci sono contatti da parte della giunta con una ditta interessata alla costruzione di box e garage, la quale si è riservata di aderire o meno a seguito dei risultati di ricerca di mercato.
4 – Tassa di soggiorno. La risposta all’interpellanza è stata rimandata al prossimo Consiglio Comunale, insieme al successivo O.d.G. sull’approvazione del regolamento per  l’istituzione dell’imposta di soggiorno. Ciò a seguito di un documento prodotto dalla minoranza che metteva in dubbio la regolarità della procedura.
Giovedì 21 dicembre il Consiglio Comunale ha trattato i seguenti argomenti:
1) – Situazione parcheggi Via Belvedere :  “… Ad oggi, il concordato rappresentato dal Dott. Matteo Rellecke Nasi con l’apporto dei suoi consulenti legali (studio GRODER di Torino), la promissaria società Levy srl in qualità di soggetto privato in subentro con la consulenza dell’Avv. Amedeo Caratti e del Comune di Noli con l’apporto del consulente legale Avv. Riccardo Maoli con studio legale in Genova, stanno esaminando le clausole contenute nello schema di convenzione e definendo gli adempimenti relativi alle garanzie fideiussorie da prestare per le opere urbanizzative pari a € 600.151,18 previste a carico del nuovo soggetto privato attuatore soc. Levy srl da cedere al Comune…”
Rimane quindi fermo il progetto definitivo approvato in Consiglio Comunale il 5 agosto 2015 che prevede parte dei garage non costruiti al terzo piano, trasferiti sulla zona ex ferroviaria (che non rimane più piana), per raggiungere l’altezza di Via Belvedere.
Il Sindaco ha poi ancora una volta ricordato il buon esito di un rinnovato  intervento del governo (soldi pubblici del popolo italiano) che, con la sua legge ad hoc, ha evitato al Comune di Noli la bancarotta.
2) – Nuovo sistema raccolta rifiuti. Si prevede l’attivazione dell’adeguamento del sistema in sostituzione del vecchio (carenze igienico sanitarie, vincoli di orario e giornate di conferimento) per la fine di febbraio 2018 con serate divulgative il 2/3/4 gennaio in sala consigliare.
3) – Acquisizione ex albergo Pontevecchio. Una volta letta la dettagliata relazione in risposta all’interpellanza, ecco la novità dell’ultimo momento: la proprietà risulta  pignorata; tutto rimandato.
4) Situazione ex colonia monzese. Nessuna novità da parte della proprietà, gruppo Delle Piane di Savona. Forse il dialogo è in attesa di tempi migliori… da riprendere magari dopo l’esito delle elezioni del 2019…
Per i successivi punti all’O.d.G. (tassa di soggiorno – bilancio di previsione) l’ampia  (condivisibile) relazione da parte di Semplicemente Noli su IVG del 22/12/2017 (vedi….) è esaustiva. Azzeccata la “battuta” di Repetto a proposito della NUOVA TASSA di soggiorno proposta dalla Regione: “… con Berlusconi e Toti rappresentanti quel centro destra che vuol togliere se non diminuire le tasse, ci troviamo di fronte all’esatto opposto”.
Pure interessante il documento/comunicato dell’associazione albergatori provinciale con i Comuni (Noli compreso) pubblicato su Trucioli.it del 13/12/2017 “Meno tasse sull’albero di Berlusconi” (vedi…….)

Carlo Gambetta

FUORI SACCO DI CARLO GAMBETTA
Per quanto concerne “l’affair” di Via Belvedere, “fuori dai denti”, personalmente mi torna prepotente la significativa affermazione in Consiglio Comunale dell’ex Assessore ai Lavori pubblici (Piero Penner) della Giunta Repetto: “…onde rispettare i parametri precedenti  (170 garage progetto Niccoli su due piani),…. ne concediamo un terzo interrato, totale 174 garage”. Nessuna reale opposizione allora.
Dal famigerato 14 dicembre 2009 (data fermo cantiere) dopo che  le conseguenze negative del disastroso connubio tra Comune con i suoi Consulenti legali (costo oltre 500.000€ ?)  Sovrintendenze, Imprenditori hanno dimostrato la loro totale tragicità a carico della comunità (compreso quel centinaio di persone che hanno anticipato denaro per un incauto acquisto di garage), ancora oggi, Comune e Sovrintendenza permettono, di fatto, un profitto (sul mal-eseguito) all’imprenditoria. In particolare la Sovrintendenza ai beni ambientali, nella persona dell’Arch. Canziani che, favorevole alla costruzione di garage sopraelevati, non riconosce alcun impatto ambientale nella costruenda “montagnola russa“. Nessuna reale opposizione oggi.
Centro-destra, centro-sinistra d’accordo ieri come oggi: complimenti!!!
A questo punto viene spontaneo chiedersi a quale “personaggio” meritevole di coinvolgimento verrà dedicata la “collina del disonore? “.

LE ALTRE NOTIZIE DI TRUCIOLI.IT

Il sindaco di Spotorno Mattia Fiorini ed il comandante dei vigili di Spotorno e dal primo di gennaio anche di Noli, dr. Alessandra Ghidara

Il nuovo anno porta una rivoluzione nel comando e nell’organizzazione dei vigili urbani, soprattutto per Noli. Ci sarà un comando unico affidato alla dr.sa Alessandra Ghidara, con oltre 20 anni di esperienza come comandante dei vigili urbani di Albisola Superiore e che aveva ricordato il sindaco di Spotorno Mattia Fioriniporta con se una grande competenza e professionalità, preziosissimi sopratutto in questa fase di riorganizzazione e potenziamento della polizia locale”. Noli resterà come ‘presidio’, perdendo però l’attuale comandante e vice segretario comunale dr. Attilio Giovanni Pastorino destinato, su sua richiesta, nello staff dirigenziale dell’Ente Porto di Savona.  Pastorino che proviene dalla

Il comandante dei vigili urbani di Noli, dr. Attilio Giovanni Pastorino,  a destra nella foto in abiti civili, lascia l’incarico a fine anno per l’Ente Porto di Savona

Capitaneria di Porto, era stato comandante ad Alassio e da qui al Ministero della Marina Militare a Roma. Per motivi di famiglia era tornato in Riviera assumendo il grado di comandante, a Noli, con sei uomini in organico, tra cui il commissario Michele Pellegrini (caduto in disgrazia per problematiche interne), i sovrintendenti Sergio Pennacchio e Andrea Nicorelli, agente scelto Alessandra Trinchero e Stefania Spotorno. Forza che si riduce di un’unità causa maternità ed è già sottodimensionata rispetto al territorio e al movimento turistico estivo e dei fine settimana. Alle problematiche di una città turistica, con Voze e Tosse in collina.

La riunificazione dovrebbe razionalizzare il servizio, resta da capire se si pensa di far fronte col semplice ‘presidio’ e alle esigenze delle due comunità, al moltiplicarsi della popolazione in parecchi mesi dell’anno, con le povere ed inadeguate forze disponibili. Chi ricorda gli anni ’80 e ’90 con organici più adeguati. Ora i vigili non solo non hanno ottenuto rinforzi, rispetto ai parametri nazionali delle località turistiche, ma sono stati quasi ridotti di un terzo. Se questo fa parte di quella politica della sicurezza e della legalità che si ascolta ripetere a destra e a sinistra, non ci sono parole. Risparmiare sui vigili è quasi come risparmiare sulla sanità. Entrambi strategici nella convivenza civile. Si pensi poi a tutti i compiti che sono demandanti al corpo della polizia municipale nell’ambito della legislazione che si è via via rinnovata. Non c’è solo il controllo dei viabilità, ci sono tante altre mansioni, incombenze.

Dalla razionalizzazione pare difficile concludere che Noli abbia benefici significativi in particolare di fronte a quel movimento turistico e di traffico in cui la popolazione si moltiplica fino a toccare punte di un comprensorio con 60- 80 mila persone. E che dire del serpentone che si crea sull’Aurelia dai pendolari ? Gli attraversamenti pedonali, i park a pagamento da controllare, i furbetti.

PREMIO AL BENEMERITO VETERANO DELLO SPORT

Giuseppe Pisano, 76 anni, era arrivato dalla Sicilia a Noli, ragazzino. Qui ha sposato la figlia di una coppia di nolesi doc. Giuseppe una vita da vigile urbano, in divisa; una gioventù da giocatore di calcio e allenatore. Una figlia Marta, farmacista, eletta nel consiglio comunale per due legislature, una militanza coerente in Rifondazione comunista, passione per la bicicletta, compagna di vita del geometra comunale a Quiliano Piero Penner, ex vice sindaco di Noli durante i mandati del sindaco Ambrogio Repetto.

Pisano cittadino benemerito della comunità, soprattutto del mondo dello sport locale, quello che sottrae alla strada e all’ozio, ai vizietti facili, tanti giovani; il sano agonismo che è anche educativo e forma il carattere insieme a scuola e famiglia.  Allontanano dalla cattive compagnie. Pisano un’esperienza umana formidabile e di ammirevole altruismo.

Ha ricevuto il  meritato premio riservato a chi si è distinto nel mondo del volontariato. Premio giunto alla 33 esima edizione, voluto dall’Associazione Centro Sportivo Culturale ‘Civitas Nauli’ che ha sede nella torre di San Giovanni. La cerimonia si svolge durante il tradizionale Confuoco.

Trucioli si unisce a quanti sono riconoscenti ai nolesi che hanno ‘servito’ la comunità e i giovani, con passione, seminando virtù sportive e sano svago.

ANNO NUOVO CON SEI ATTIVITA’ COMMERCIALI IN MENO

Non sarebbe una notizia da rilegare ad un ‘breve di cronaca‘, ma trucioli.it non è un social strutturato ad azienda editoriale. Solo volontari, nessuna raccolta pubblicitaria, né donazione onlus. Una scelta di libertà e senza vincoli. Scriviamo questo perchè sarebbe utile approfondire, anche con interviste e statistiche, la cessazione a fine anno di sei attività commerciali in un sol colpo. Non siamo in periferia, ma in quel centro storico che richiama turisti (la storia di Noli, Antica Repubblica Marinara, le testimonianze architettoniche, venivano studiano già nel dopoguerra nei libri degli alunni delle scuole dell’obbligo in Germania); resta il cuore commerciale e ritrovo abituale, il ‘salotto buono’ si direbbe. Dove non è difficile riscontrare che i prezzi, in molti casi, sono superiori a quelli di altre cittadine rivierasche.

Ebbene chiudono una boutique, una  gastronomia, una fiorista, una galleria d’arte, un negozio d’abbigliamento per bambini, un vecchio negozio di calzature che merita un articolo a se.  Sarebbe interessante conoscere da ogni operatore le motivazioni, dalla pressione fiscale agli affitti o altro ancora. Il turista di cui si guardano e si pubblicano sempre solo arrivi e presenze e non già la capacità di spesa pro capite. Ascoltare dagli interessati proposte e suggerimenti, critiche e stimoli se il caso. Insomma l’errore peggiore è far finta di niente, ignorare un possibile malessere diffuso mentre pare che il sistema Italia stia uscendo da una crisi mondiale iniziata otto anni fa. Troppo spesso i media locali tacciono o ignorarono  notizie e  realtà che andrebbero conosciute e sviscerate. Il rischio è disinformazione e disinteresse crescente. Vedi i consigli comunali deserti. Non è un caso se con la Grecia e la Turchia, in Europa, l’Italia è il Paese dove si vendono in edicola meno giornali e continua a calare il numero dei lettori anche dei libri conferma una recentissima indagine. Essere pessimisti non è utile, troppo ottimismo di maniera fa perdere la bussola della ragione.

 

 

Avatar

C.Gambetta

Torna in alto