Numero visualizzazioni articolo: 861

Savona, Alfa Costruzioni lascia San Paolo Spa
Barbano era subentrato alla coop Unieco

Il tam tam sussurra che Alfa Costruzione Srl, sede legale a Mondovì, unità operativa a Savona in corso Ricci, avrebbe divorziato dalla San Paolo Spa. “Per ora siamo ancora nel cantiere – dice un tecnico- , per avere notizie bisogna rivolgersi all’impresa”. Che, a sua volta, non fa trapelare nulla. Da una parte la proprietà dell’immobile con Maurizio Bagnasco (società capogruppo Parfiri di corso Italia) ed il cugino geom. Giampaolo (Emi srl di Cengio), dall’altra Fabrizio Barbano imprenditore molto attivo nel comprensorio savonese e che era subentrato nell’esecuzione dei lavori dopo che il colosso Unieco di Reggio Emilia era finito al centro di istanze di fallimento e in liquidazione. Un progetto ed una realizzazione importante per Savona, per la riqualificazione di un’area di 16.500 mq, 85 mila mc di volume, definita una potenziale reggia nel cuore della ‘città vecchia’ con gallerie di negozi, bar, ristoranti, uffici Asl. Con 42 alloggi al secondo piano e 22 nel piano attico. Un ‘disegno progettuale architettonico’ di un urbanista  spagnolo di fama internazionale, Ricardo Bofill. E da ultimo anche ‘Piazza Pertini’ nel rendering del futuro San Paolo.

Come si presenta il grafico del nuovo complesso San Paolo, con al centro Piazza Pertini

Fabrizio Barbano imprenditore edile

L’indiscrezione raccolta da trucioli non ha trovato finora una conferma ufficiale. Abbiamo contattato ripetutamente la direzione di Alfa Costruzione, cercando di metterci in contatto telefonico con Fabrizio Barbano, siamo sempre in attesa di una risposta. La notizia non è di fonte politica, raccolta negli ambienti professionali del capoluogo. Un fulmine a ciel sereno ? Non lo sappiamo, difficile stare dietro alle voci che riferiscono di contrasti crescenti tra la proprietà dell’immobile e la ditta che si è trovata ad ereditare l’opera incompiuta lasciata da Unieco.  Una cooperativa che all’esordio del contratto aveva tutte le credenziali di affidabilità e solidità. Anche la società di Barbano è a sua volta subentrata all’insegna dei migliori auspici. Nulla, insomma, che potesse presagire una rottura dei rapporti, con tutto ciò che ne consegue. Intanto, se così stanno le cose, la necessità di trovare una terza azienda disposta a mettersi in gioco. L’obiettivo sarà comunque quello di evitare, scongiurare, ulteriori rallentamenti di cantiere e portare a termini una mega operazione che vedrebbe già venduta un 30 per cento della parte residenziale.

Tra l’altro un cantiere che forse mai prima d’ora aveva visto impegnata anche una troupe di tecnici (architetti, ingegneri, geologi, geometri) di Savona, soprattutto, ma anche di fuori provincia. Per la serie i Bagnasco hanno voluto garantirsi le migliori professionalità per un’opera destinata a lasciare un segno nella vita e nella storia socio economica, urbanistica della città. L’avvio, con il permesso a costruire del 29 aprile 2011. Una prima defezione nel gruppo proprietario era stata quella dell’imprenditore Aldo Dellepiane che, a quanto pare, ha preferito concentrare i suoi obiettivi al progresso edilizio residenziale del Crescent.

Lo staff tecnico professionale oltre all’arch. Bofil, con studio a Barcellona, hanno collaborato al progetto architettonico gli architetti di Savona, Manuela Briano e Giulia Ciamberlano; per le strutture  l’ing. Giovanni Botta di Cuneo e il collega Arturo Donadio di Milano, al progetto di restauro dell’atrio, scalone e cappella l’arch. Giorgio Mori di Genova, al restauro della facciate l’arch. Cesare Romeo di Torino; la valutazione di impatto acustico dell’ing. Edoardo Caccia; al progetto acustico dell’ing. Gabriele Angaramo di S. Albano Stura (CN); agli accertamenti geognostici e geotecnici l’ing. Diego Minuto di Savona. Alla direzione lavori l’arch. Pierluigi Feltri e l’ing. Giovanni Botto; l’architetto Enrico Werndorfer responsabile  della sicurezza con l’ing. Paolo Taramasso; i geologi Giuseppe Galliano e Diego Minuto. Alla direzione cantiere imprese esecutrici l’ing. Emanuele Ferraiolo  ed il geom William Marsano di Alfa Costruzioni.

Nei giorni scorsi anche la buona notizia  dell’intitolazione di Piazza Pertini, nell’area interna del vecchio San Paolo e che fa seguito  all’intitolazione  di una scuola e del ponte  mobile della Darsena. Una scelta di valenza storica. Nel 1926 apparvero sui muri esterni  dell’edificio le prime  scritte antifasciste.  Tra queste “W Sandro Pertini” e gli altri personaggi sono Giacomo Matteotti, Antonio Gramsci, Tito Zaniboni, Luigi Cappello, Giovanni Amendola. Tutte scritte attualmente protette anche se alcuni anni fa vandali deturparono con vernice nera e l’allora sindaco Berruti faceva presente che quelle scritte  rappresentano un patrimonio della storia cittadina.

Ma è l’imponente edificio che di giorno in giorno muta aspetto a dare speranze di un volto nuovo e dinamico per una Savona che cambia. Un edificio interamente antisismico che conserva alcune antiche caratteristiche, dallo splendido ingresso, allo storico scalone, le statue anche di savonesi benemeriti, la chiesa.  Un intervento grandioso che l’imprenditorialità d’eccellenza di questo territorio non ha voluto farsi sfuggire, assumendone gli oneri,  rischi, onori, le difficoltà. I prossimi giorni diranno fino a che punto il caso Alfa Costruzioni potrà incidere sulla tabella di marcia.

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi