Numero visualizzazioni articolo: 764

Alassio: in vendita (10 milioni) la villa del conte Massara ‘principe al Soglio pontificio’

Romano Massara, 86 anni, conte di nobile famiglia calabrese,  cittadino di Roma, Gentiluomo di Sua Santità, Principe aiutante al Soglio Pontificio’, Cavaliere di Grazia Magistrale del Sovrano Ordine Militare di Malta, aveva chiuso gli occhi il 3 giugno 2016. Tra le sue proprietà l’antica villa San Giorgio, quasi adagiata sulla sabbia, sul lungomare Adelasia, la zona più suggestiva e caratteristica di Alassio. Ad un anno dalla morte, l’edificio, con giardino, è stato messo in vendita dai nipoti: richiesta 10 milioni di €. valore stimato 8, ma se non ci mette lo zampino la Soprintendenza è possibile in teoria utilizzare l’incremento di volume (35%) del ‘Piano casa’. Per il Puc è proibita la sopraelevazione del tetto ed ampliamento se non un 5% per esigenze igienico sanitarie. Il divieto viene ‘baipassato’ dalla normativa del  2016 della giunta Toti – Scajola per la riqualificazione degli edifici esistenti. In pole position si fa il nome di un costruttore di Torino che ha in corso operazioni edilizie a Loano.

La villa San Giorgio, raro esempio stile Liberty rimasto intatto ad Alassio, è in vendita per 10 milioni di euro

Il dr. Romano Massara ogni anno, con la stagione estiva, era solito fare una capatina nella dimora dei primi del novecento che sorge in una delle zone più baciate dal sole della baia alassina: Adelasia, a levante, prima del porticciolo,  il nome discende secondo la leggenda dalla figlia di Ottone I di Sassonia che fu imperatore del Sacro Romano Impero dal dal 936 al 972, da qui Alaxia, poi Alassio.  Una proprietà che faceva parte di un cospicuo patrimonio immobiliare e mobiliare dei Massara. Proprietà e tenute agricole nella terra d’origine degli avi, in Calabria, e nella capitale, ai Parioli, a Monte Mario.  Il commendator Massara era socio del nobilissimo Circolo della Caccia di Roma, ad Alassio si racconta che l’unico ad essere stato suo ospite nella foresteria sia stato l’architetto Marco Melgrati, ex sindaco, ex capogruppo in Regione. Contattato per avere conferme e notizie il professionista si è rifugiato nel ‘no comment’: “Sulle vita personale degli amici non chiedete notizie…”.

La villa sia all’esterno, sia all’interno è in uno stato bisognevole di ‘cure’ ed interventi importanti.  Nelle stanze mobili originari Liberty, quadri e immagini che ritraggono il conte Massara con papi,  presidenti degli Stati Uniti (Bush e Clinton), personaggi del mondo cinematrografico. Nel film di Federico Fellini, Roma, del 1972, tra le comparse c’è quella di Romano Massara. Una persona gradevole, gentiluomo, socievole, così lo ricordano alcuni bagnini storici del litorale alassino. L’ultima sua visita, accompagnato da personale di servizio, risale al 2015 e con la solita diligenza si raccomandava a chi custodiva le chiavi, gli curava il giardino, di tenerlo informato per qualsiasi evenienza. “Non si è mai sognato di vendere, di disfarsene, nonostante l’Imu, prima l’Ici per gli 800 metri quadrati.”

La spiaggia dell’Adelasia dover sorge la villa con 900 mq. di giardino alberato e garage al piano strada

Da quando si è sparsa voce che l’immobile è vendita si sono susseguiti gli aspiranti compratori, dalle agenzie immobiliari, ai privati, a imprenditori edili. Tra i primi sembrava interessata, a quanto si dice, una facoltosa famiglia alassina proprietaria di alcuni esercizi alberghieri  e ristoranti, ma non c’è più stato un seguito. Pare che la trattativa sia seguita direttamente da uno o due nipoti a seguito della spartizione dell’eredità. Nell’annuncio funebre pubblicato dal Corriere della Sera de 4 giugno 2016 c’erano i nomi dei nipoti Giuseppe, Filippo, Vittori, Margherita e Beatrice Cerulli Irelli. I funerali si svolsero nella chiesa di Santa Teresa del Bambino Gesù in Panfilo.

L’antica scritta sulla facciata recita S. Giorgio

Sul lungomare di Alassio ormai si contano sulle dita di una mano le ville unifamiliari che non sono finite sul mercato  delle ristrutturazioni, trasformati in bilocali e trilocali. Certo che nella posizione in cui si trova Villa San Carlo, in prospettiva del trasferimento dei binari a monte, ipotesi rafforzata dall’ultima pronuncia del Tar che ha respinto il ricorso di un centinaio di proprietari di aree ed immobili tra Alassio, Albenga, Borghetto e Loano; in prospettiva si diceva, realizzare un ‘resort’, con possibilità di box interrati e sopraelevazione, sarebbe un altro gioiello per Alassio turistica e ricettiva, da unire al Grand Hotel nonostante abbia dato qualche delusione sul fronte delle aspettative e soprattutto l’esclusiva Villa Pergola di patron Antonio Ricci. A proposito c’è chi non esclude che propria Ricci possa essere tra gli aspiranti, per figli. Oltre all’acquisto ci sarebbe da mettere in conto l’investimento per realizzare una struttura di lusso come merita la zona e la posizione.

Il nobiluomo comm. dr. Romano Massara si è spento il 3 giugno 2016 a Roma

Si accennava al fatto che la Soprintendenza potrebbe svegliarsi. Attualmente lo stabile ricade in una zona con un generico vincolo paesaggistico. In teoria dunque con il Piano Casa 2016 (modificato rispetto a quello del 2015 della Giunta Burlando) si potrebbe realizzare un aumento di volume del 35 per cento. Piano casa che supererebbe i vincoli del Puc di Alassio che per la zona A 3 11 delle ville di ‘impianto storico’ non prevede sopraelevazione, nè ampliamento se non nel limite del 5% per servizi igienici sanitari.

Che ne sarà, dunque, di Villa Massara, pure esempio di architettura Liberty, una delle poche ad Alassio, con affreschi sbiaditi di San Giorgio, ma c’è chi sostiene che altri siano stati coperti da intonaci. Affreschi di automobili  perchè chi l’ha fatta costruire era un industriale dell’auto di Torino che non era nè Fiat, nè Lancia. Ed è proprio da Torino che si è finora fatto avanti il potenziale acquirente più ‘credibile’. Si tratterebbe della Eco Solution Group Spa, capitale sociale 10 milioni interamente versati, di cui sono soci i fratelli Davide, Carlo e Alberto Castellano. Sono anche titolari  di una prestigiosa casa editrice (Edizioni il capitello). Davide ha sposato Patrizia Tortarolo, architetto, figlia del compianto e benemerito sindaco di Pietra e soprattutto direttore amministrativo degli anni di grande spessore qualitativo del Santa Corona di Pietra Ligure.

Romano Massara, assistente al Soglio Pontificio, con padre Simeone metropolita di Santorini

La società immobiliare dei Castellano (vedi trucioli.it…..) a Loano ha acquistato  Villa Licia, trasformata in palazzo multipiani, ed in precedenza Villa Italia che era di proprietà del Comune e della Fondazione Leone Grossi. Editori ed imprenditori accorti e rigorosi, difficile immaginare si lascino sfuggire il possibile  e potenziale business di Alassio.

 

 

 

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi