Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Albenga, grata, inaugura: ‘Partigiani cantano Fischia il Vento’. Monumento di Furlani donato al Comune dal prof. Nicola Nante in ricordo del padre

Sabato 17 luglio 2021, alle 11,00 presso i Giardini “Libero Nante”, zona Pontelungo di Albenga-  solenne inaugurazione del Monumento “Partigiani cantano Fischia il Vento”, dell’artista Flavio FURLANI, donato al Comune dal Prof. Nicola Nante in memoria del padre.

Libero Nante, già medico condotto nell’entroterra ingauno ( 7 Specialità e Primario Chirurgo), partigiano  e Dirigente Sanitario dell’ospedaletto da campo a Carnino e poi della Brigata Nino Berio ad Alto. Imprenditore nella ricostruzione postbellica della rete di assistenza sanitaria ingauna, fondò due Case di Cura, di cui una, la “San Michele” in attività.

La copertina dell’opuscolo scritto in occasione, nel 2008, dell’intitolazione dell’area verde e parco giardini alla memoria del prof. Libero Nante per meriti professionali, imprenditoriali e umani, la sua attiva partecipazione alla Resistenza per la quale fu decorato con croce al merito di Guerra e due Stelle d’Argento. Quando era in vita

Il monumento vuole rappresentare Felice CASCIONE (Medico, Medaglia d’Oro al Valor Militare) che, con la sua squadra partigiana, canta “Fischia il Vento”, definita da R.Battaglia nella sua “Storia della Resistenza italiana” (1953) “la canzone più nota ed importante nella Lotta di Liberazione”(1953, Ed.Einaudi), nata tra le nostre montagne,

In allegato il programma della manifestazione (unica presenza non confermata quella del Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, che ha delegato a rappresentarlo il Dr. Brunello Brunetto, Presidente della Commissione Sanità regionale).

La manifestazione è stata organizzata di concerto tra Comune di Albenga, Regione Liguria, Istituti Storici della Resistenza e dell’Età Contemporanea delle Province di Savona e di Imperia.

Il programma prevede, a partire dalle 11, una introduzione di Nicola Nante e i saluti di Riccardo Tomatis (sindaco di Albenga), Brunello Brunetto (consigliere regionale, in rappresentanza del presidente Giovanni Toti) e Franco Vazio (parlamentare ingauno). A seguire gli interventi di Giovanni Rainisio (presidente Isrec Imperia), Franca Ferrando (presidente Isrec Savona), Francesco Tessarolo (presidente nazionale Fivl) e Carlo Ghezzi, vice presidente nazionale vicario Anpi.

A scoprire il monumento saranno due “madrine”: Maria Aschero, sorella del Martire della Foce Attilio, e Wanda Di Ferro, sorella della Medaglia D’Oro Roberto. A impartire la benedizione sarà Mons. Ivo Raimondo, vicario generale della Diocesi di Albenga-Imperia.

In allegato, oltre all’invito-programma della manifestazione, anche  la descrizione del Monumento, che è stata tradotta, oltre che in inglese, in braille, dal momento che il sito verrà inserito dal Comune di Albenga nel percorso protetto “Ci vado al buio” volto a guidare anche le persone disabili alla fruizione dei punti  storico-culturali della città.

Monumento “Partigiani cantano Fischia il Vento 

in bronzo, rappresenta la Banda Partigiana di Felice CASCIONE che canta il suo Inno “Fischia il Vento”: volti trasfigurati dal grido di dolore di giovani, costretti ad uccidere o essere uccisi.

Il testo fu partorito sotto la regia del Capo Partigiano, Dr.Felice CASCIONE”, uno dei primi martiri della Guerra di Liberazione (settembre 1943- aprile 1945), Medaglia d’Oro al Valore Militare, nelle lunghe notti passate con i compagni d’arme nei “Casoni” di montagna, baite che li ospitavano via via, in preparazione degli assalti o in fuga dalle rappresaglie nazi-fasciste.  Nel “Casone di Votagrande” presso “u Passu du Beu”, alle spalle del Pizzo d’Evigno (Stellanello-SV, inizio dicembre 1943) ai gregari della banda ribelle viene l’idea di scrivere un  proprio inno: Giacomo SIBILLA (IVAN), reduce dalla Campagna di Russia (agosto 1941-dicembre 1943, sempre nel contesto della Seconda Guerra Mondiale), accompagnandosi con la chitarra intona l’aria di Katiuscia (canzone popolare russa, testo di Ivan ISAKOVSKIJ, musica di Matvej BLANTER).

Felice (U MEGU – il Medico)  e Silvano ALTERISO (VASSILI) scrivono i primi versi.  Le strofe vengono completate tra il 15 ed il 25 dicembre, nel “Casone dei Crovi”, sul monte Castellermo (Vendone-SV), con la collaborazione di altri Partigiani della Banda; la madre di Felice, Maria BAIARDO, maestra, vi apporterà le prime correzioni. Una prima prova del testo completo avvenne a Curenna (frazione di Vendone-SV), dalle cui famiglie  i Partigiani vennero ospitati la sera di Natale del ’43.

Vi furono (e vi sono) incertezze su alcune parole, in particolare sulla prima (inizialmente “soffia” oppure “urla” oppure “fischia”), ma anche tra “ardir” ed “andar”, nonché, soprattutto, sull’aggettivo “rossa” oppure “nostra”, attribuito a “primavera” e “bandiera”: chi le voleva più marcatamente di parte, chi preferiva rispecchiare in quei versi l’unione di tutte le forze partigiane, senza distinzione di colore, così da unire in una sola causa tutti i combattenti antifascisti, manifestando un sentimento universale di fratellanza e unione tra gli uomini. La canzone riceverà forma matura a “Case Fontane” (sopra il Lago della Madonna di Alto-CN, alle pendici del Monte Dubasso), dove, pochi giorni dopo, Felice CASCIONE troverà eroica morte sotto il fuoco nazi-fascista, il 27 gennaio 1944.

Fischia il Vento” fu ufficialmente cantata per la prima volta in pubblico dalla Banda Partigiana, passata in rassegna da Felice CASCIONE, sul sagrato della Chiesa di San Michele in Alto (CN), il giorno dell’Epifania 1944, divenendo rapidamente “la canzone più nota ed importante nella Lotta di Liberazione”.

L’artista Flavio Furlani in una foto d’archivio. Oggi al suo estro geniale un’altra opera destinata alla storia (foto Silvio Fasano- archivio trucioli.it)

L’ARTISTA-  Flavio FURLANI, torinese di nascita, ma da sempre villanovese, è stato valente fotografo. Egli scopre la sua inclinazione artistica da bambino, quando raccoglieva l’argilla destinata ai mattoni per modellare piccolo oggetti. Circa 30 anni fa comincia a dedicarsi alla scultura, in legno, marmo, materiali vari e poi approda al bronzo. Partecipa a numerose mostre ed ottiene successi in numerosi concorsi. Sue, nel comprensorio ingauno, diverse altre sculture, tra le quali:

– ad Albenga, in piazza XX settembre – IL MULO E L’ALPINO

– ad Albenga, nella rotonda all’uscita dall’ autostrada – I RAGAZZI DI ALBENGA E LE TORRI STILIZZATE

– ad Albenga, in  piazza Tortora – CARABINIERI  NEL 100° ANNIVERSARIO FONDAZIONE DELL’ARMA (2014)

– ad Alassio, in  piazza Stalla – TOTO’

– a Ceriale, rotonda sull’Aurelia – GLI STUDENTI

– a Villanova d’Albenga, in piazza Torretta – LA DONNA DELLE VIOLETTE

– a Zuccarello, all’ingresso del paese  – ILARIA DEL CARRETTO 

Il SITO che ricorda questa “pagina strappata alla storia”, progettato dall’Architetto Pier Luigi BOVIO, vuole rappresentare due mani che si incontrano a formare un cuore, il popolo che abbraccia riconoscente chi ha lottato per la LIBERTA’. 

Riferimenti /References

Donatella ALFONSO,Fischia il vento. Felice Cascione e il canto dei ribelli”, Ed.Castelvecchi Lit, Roma, 2014

Roberto BATTAGLIA, “Storia della Resistenza italiana”, Ed. Einaudi, Torino, 1953

Francesco BIGA,Felice Cascione e la sua canzone immortale”, ISREC IM, Imperia, 2007

Libero NANTE,Tempo di ricordi”, Ed. Bacchetta, Albenga-SV, 1993

Giovanni STRATO, “Storia della Resistenza imperiese (I Zona Liguria)”, Volume I, Ed. Liguria, Savona, 1976-

——–

L’INNO – CANZONE 

“ Fischia il vento, urla la bufera

Scarpe rotte e pur bisogna andar

A conquistare la nostra primavera

In cui sorge il sol dell’avvenir.

Ogni contrada è patria del ribelle

Ogni donna a noi dona un sospir

Nella notte ci guidano le stelle

Forte il cuore e il braccio nel colpir.

Se ci coglie la crudele morte

Dura vendetta verrà dal Partigian

Ormai sicura è la bella sorte

Contro il vil che ognun di noi cerchiam

Cessa il vento, calma la bufera

Torna fiero a casa il Partigian

Sventolando la nostra bandiera

Vittoriosi alfin liberi siam. “

 

 

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto