Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Savona 2021: strumentalità dei problemi. Savona 2/Aschei, da Fratelli d’Italia a candidato sindaco, lista e nomi. Savona 3/Ilaria lascia, a sorpresa Schirru: medico persona stimata, già presidente Rotary

La difficile scelta per le candidature a Sindaco in una situazione delicata (davvero di “crisi complessa”) come quella di Savona dovrebbe rispondere, prima di tutto, all’esigenza di un alto livello di proposta progettuale e non di strumentalizzazione dei temi correnti, più facilmente interpretabili in una visione meramente populistica.

di Franco Astengo

Prendiamo ad esempio due temi sui quali riflettere:

1) Il giudizio sull’amministrazione uscente, entrata in carica in un momento di grande difficoltà sotto l’aspetto finanziario. Una situazione della quale portava evidenti responsabilità la precedente gestione di colore apparentemente opposto.

Ebbene: a distanza di 5 anni i conti, ragionieristicamente parlando, sono migliorati ma le questioni centrali che riguardavano e riguardano la vita della Città hanno sicuramente fatto segnare un passo indietro dal punto di vista della stessa possibilità di intervento e iniziativa da parte dell’amministrazione Comunale e del complesso delle istituzioni. Tanto è vero che, stando alle notizie correnti, gli esponenti della Giunta uscente stanno evitando di presentarsi al giudizio di elettrici ed elettori almeno al riguardo della funzione apicale, quella di Sindaco, che l’elezione diretta ha trasformato in soggetto monocratico dotato di poteri assolutamente decisivi.

Si potrebbe tranquillamente affermare che la mancata ripresentazione del Sindaco uscente (che avrebbe a disposizione la possibilità di svolgere un altro mandato) certifica il fallimento dell’esperienza fin qui portata avanti. Ma questa affermazione contiene sicuramente un dato di strumentalità e quindi è bene che sia accantonata;

2) Il centrodestra (dominante in Regione, dato che rappresenta il punto preponderante nelle scelte riguardanti il Comune di Savona: a dimostrazione del permanere di un fenomeno di dipendenza e di subalternità da parte delle forze politiche savonesi) sembra scegliere, nello sviluppo della proposta di candidatura, il tema ,nella contingenza , di apparente più facile “appeal”: quello della sanità. Una scelta compiuta, anche attraverso l’espressione di soggettività fin qui indicata, compiendo un’operazione di markentig molto sottile: evitata l’analisi della condizione concreta della Sanità in Liguria con un settore assolutamente “martirizzato” dalla pesantezza della scelta privatistica, si pensa di sviluppare un confronto tra diverse strutture ospedaliere, tra levante e ponente, quasi un derby asimmetrico per distogliere l’opinione pubblica dalla centralità delle questioni (anche nel settore). Una manovra di corto respiro perché priva, al centro del suo costituirsi, di una progettualità e di una visione (un’assenza che prescinde anche dalla stessa possibile valutazione al riguardo delle capacità soggettive dei candidati dal punto di vista dell’amministrazione nel suo complesso).

In realtà è assolutamente necessario che la futuribile, ormai alle porte, discussione democratica sulla scelta del prossimo Sindaco di Savona abbia al centro la volontà di offrire ad elettrici ed elettori una possibilità di scelta non strumentalizzata, appunto, dall’episodicità legata all’episodicità dei problemi specifici affidandosi a scelte di carattere settoriale se non corporativo.

Si possono racchiudere in due punti le questioni centrali che, partendo dal governo della Città, dovranno essere affrontate .

Due punti che al loro interno contengono tutti gli altri temi, da quelli più minuti a quelli inerenti il futuro stesso della nostra comunità:

1) il ritorno alla, ormai da troppo tempo dismessa, funzione di Capoluogo. Il mutamento delle forme istituzionali di governo nel sistema degli Enti Locali, il modificarsi della realtà interna ai partiti, la carenza di costruzione di una nuova classe dirigente ha portato il Comune di Savona ha rintanarsi in una funzione secondaria rispetto al territorio circostante e all’intera provincia. Si è consolidata una forma di completa subalternità ai dettati della Regione Liguria e della parte politica in essa di volta in volta dominante (un fenomeno non limitato nel tempo all’esame della presente tornata amministrativa, beninteso). Qualsivoglia progetto che si intenda proporre e di conseguenza realizzare ha bisogno di una Città capace di misurarsi con un’entità territoriale di riferimento ben più ampia della propria cinta urbana (si è scritto di comprensorialità, di Patto e /o Alleanza territoriale). Così come all’interno della stessa cinta urbana sarà necessario recuperare un equilibrio di presenza istituzionale e di vivibilità tra le diverse parti che la compongono;

2) l’uscita dall’isolamento. L’avvio di una visione riguardante il territorio che preveda il ritorno a direttrici di relazione con il nord-ovest del Paese e dell’Europa appare del tutto determinante anche al fine di affrontare le singole questioni specifiche (assetto urbano, sanità, traffico, lavoro, cultura, ecc,ecc). E’ questo il punto sul quale avviare il confronto sull’utilizzo dei fondi del PNRR ma non solo.

L’idea di fondo del ritorno ad un allaccio diretto con le aree più sviluppate e produttive in Italia e in Europa deve rappresentare il vero punto di riferimento di un’amministrazione moderna, capace di cogliere le contraddizioni in atto misurandole in una prospettiva di governo non episodica e strumentale, come si sta cercando invece di imporre,da parte del centro destra, nelle scelte riguardanti la prossima gestione dell’amministrazione comunale in un quadro di provincialismo elettoralistico davvero di mediocre profilo.

Franco Astengo

(coordinamento “Il rosso non è il nero”)

———————————————-TESTI ELABORATI DA TRUCIOLI.IT———————————————–

ELOQUENTE TABELLA DEI ‘MIGRANTI’ DELLA ‘POLITICA’ CITTADINA

PUBBLICATA DAL SECOLO XIX SAVONA SABATO 12 GIUGNO 2021

(fai un click sull’immagine per ingrandire la lettura)

ASCHEI, MANAGER, GIA’ RESPONSABILE CITTADINO DI FRATELLI D’ITALIA (non più iscritto)

Il dr Luca Aschei esperto di marketing. Si specializza alla Bocconi in Economia del Turismo. Ha una lunga e consolidata permanenza lavorativa presso aziende italiane di importanza nazionale, sempre impegnato nella formazione dei professionisti e delle aziende. E’ stato insignito del premio “Uomini Illuminati” per la sua visione di genere nel rispetto delle donne nel 2017 presso l’Università di Pavia. Esercita le sue attività a Savona.

Era il 15 gennaio 2018, SavonaNews titolava: Luca Aschei è il nuovo responsabile cittadino di Fratelli d’Italia per Savona. Il commento del commissario provinciale Pizzimbone: “Lo conosco e lo stimo da molti anni, la sua presenza con noi è un vero valore aggiunto”.

Era il 7 giugno 2018, Trucioli.it: “Benvenuto Turista” è il titolo dell’incontro, in programma a Palazzo Tagliaferro,  Venerdì 8 giugno, alle ore 21.00,  condotto  dal sociologo Luca Aschei, docente esperto di comunicazione con il pubblico nei settori commerciali, turistico-ricettivi e aziende pubbliche e private. E segretario politico, a Savona, di Fratelli d’Italia, il partito della Meloni e di Pierpaolo Pizzimbone. Un convegno, ad ingresso libero, dedicato in particolare agli operatori turistici, ricettivi e  commerciali interessati a scoprire i piccoli segreti del Marketing dell’accoglienza…….Luca Aschei dal gennaio 2018 è il nuovo responsabile a Savona di Fratelli d’Italia. Si specializza alla Bocconi in Economia del Turismo. Ha una lunga e consolidata permanenza lavorativa presso aziende italiane di importanza nazionale, sempre impegnato nella formazione dei professionisti e delle aziende è stato insignito del premio “Uomini Illuminati” per la sua visione di genere nel rispetto delle donne nel 2017 presso l’Università di Pavia. Esercita le sue attività a Savona…”

NEL CENTRO DESTRA FA ‘IRRUZIONE’ IN PUNTA DI PIEDI UN INATTESO ?

IL MEDICO CHIRURGO SCHIRRU CANDIDATO INDIPENDENTE 

ERA IL 2 LUGLIO 2015 DA IVG.IT

Savona. Passaggio di consegne al Rotary Club Savona tra il presidente uscente Armando Bovero e il presidente entrante Angelo Schirru, primario dell’ospedale San Paolo. La cerimonia si è svolta nella cornice di Villa Noli alla presenza del prefetto Gerardina Basilicata, dell’assistente del governatore Franco Formaggini e del socio onorario Don Giampiero Bof  (oggi compianto)


Consiglio direttivo
Presidente Franco Bochicchio
Vice Presidente Armando Bovero
Segretario Elisabetta Ferrero
Past President Giovanni Toso
Incoming Presidente Renato Chiarlone
Tesoriere Alberto Becchi
Prefetto Elena Bergero
Vice Prefetto Simone Clematis
Programmatori Emanuele Porcile, Stefano Puppo, Laura Demichelis
Revisore dei Conti Riccardo Bolla
Consiglieri Francesca Ratti, Mauro Prando, Paolo Verani Masin

 

Commissioni Presidente Membri
Effettivo Buzio M. Chiarlone R., Bergero E., Becchi A.
Amministrazione – Comunicazione Interna Porcile E. Ferrero E., Mozzone L., Ferrua E., Guerina A.
Progetti Sogno G. Chiarlone R., Guerina A., Delfino G., Ferrero E., Schirru A., Bovero A, Noberasco G., Visentin A., Becchi A., Giusto F., Palmieri A.
Immagine Pubblica – Comunicazione Esterna Palmieri A. Puppo S., Milano R., Buzio M.
Rotary Foundation Demichelis L.  Rutelli G., Visentin A., Chiarlone R., De Filippi A.
Salute Noberasco G.

Giovedì 24 Giugno 2021, ore 20.00Villa Noli Loc. Santuario: Riunione coniviviale. PASSAGGIO delle CONSEGNE.

CURRICULUM DEL DR. ANGELO SCHIRRU – Nasce a Narbolia (Ca) il 6.4.1952. Si laurea in Medicina e Chirurgia all’Università di Genova nel 1976. Si specializza in Chirurgia Generale e, successivamente, in Chirurgia dell’Apparato Digerente ed Endoscopia Digestiva. Si diploma in Videolaparoscopia all’Università di Nizza e in Chirurgia Robotica alla Scuola Nazionale ACOI (Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani). Dal 1976 al 2005 lavora come assistente e aiuto chirurgo presso l’Università di Genova, l’Ospedale di Fossano e l’Ospedale di Savona. È docente presso l’Università di Genova per la Scuola di Specializzazione in Chirurgia ed ha insegnato Chirurgia laparoscopica per numerosi anni presso l’Università di Torino. È docente alla Scuola Nazionale di Chirurgia laparoscopica della ACOI. Ha pubblicato oltre 180 lavori scientifici. Dal 2005 ha intensificato la sua attività scientifica come relatore e moderatore a Congressi e Corsi di aggiornamento italiani, europei e medio-orientali. Ha eseguito oltre 8000 interventi chirurgici, dedicandosi negli ultimi 25 anni particolarmente alle tecniche mini invasive laparoscopiche e robotiche. Dal 2005 Direttore della Chirurgia Generale dell’Ospedale San Paolo di Savona.E’ sposato con Valeria Bagnasco. Ha tre figli: Davide, Elisabetta e Michele.

LA STAMPA 13 APRILE 2018

 

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto