Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Il giudice martire. Il libro di Chiorazzo sul capo del Comitato di Liberazione a Savona. La figlia Gabriella racconta

Il giornalista Emilio Chiorazzo ha scritto il libro “La scelta difficile”. La figura del giudice lucano e partigiano Nicola Panevino.  Fu giudice istruttore a Savona dove venne arrestato, interrogato e torturato alla Casa dello studente di Genova e ucciso per rappresaglia il 23 marzo 1945 a Cravasco. Un mese dopo la brigata partigiana di Giustizia e Libertà, che aveva preso il suo nome, fu tra le prime ad entrare nella Savona libera. Panevino era il Capo del Comitato Nazionale di Liberazione.

“La scelta difficile” prima della fucilazione tedesca. Ad arricchire l’opera un’intervista esclusiva alla figlia Gabriella. Il libro è edito per i tipi Edigrafema, collana DietroFont.

Emilio Chiorazzo giornalista e scrittore autore del libro La scelta difficile. Nicola Panevino giudice partigiano

Ricerche, scritti dal carcere, testimonianze ricostruiscono pensieri e azioni del magistrato morto a 34 anni in una rappresaglia tedesca, nel marzo 1945, poche settimane prima della Liberazione.

Nato in Lucania e vissuto a Napoli, la professione portò Nicola Panevino a Savona, dov’era giudice istruttore del tribunale. All’indomani della caduta del fascismo e dell’armistizio dell’8 settembre del 1943, con la nascita della Repubblica Sociale Italiana, aderì alla Resistenza. Non quella armata, sui monti, nelle brigate, ma in città, con un ruolo altrettanto importante, di supporto politico, pratico e logistico. Le sue radici cattoliche lo portarono ad avvicinarsi inizialmente a Giustizia e Libertà, poi al Partito d’Azione: divenne membro e in seguito capo del Comitato di Liberazione Nazionale in una Savona dove sospetti e delazioni si rincorrevano. Una di queste gli causò il carcere, mentre era diventato padre da pochi mesi.

Dalla sua cella, sospinto da una fede incrollabile che gli permise di sopportare ogni forma di tortura, Nicola Panevino fece arrivare lettere toccanti alla moglie Elena e alla figlia Gabriella. In una delle ultime, prima di essere prelevato dai soldati tedeschi per essere fucilato, scrisse: “Sappi che se fino a dieci giorni fa la mia fronte non si incurvava né fisicamente né moralmente, oggi si offre tersa ai raggi del sole e, quel che più conta e a cui più tengo, alla stima dei miei amici e dei nemici, ammesso che nemici io abbia. Se un giorno io potrò tornare, la mia fronte potrò portarla alta, perché non arrossirò davanti a nessuno. Gli amici non si vergogneranno di me e nemmeno la mia Gabriella si vergognerà di papà suo”.

L’autore del libro Emilio Chiorazzo, lucano di origini, vive in Toscana. Giornalista professionista, dal 1987 è stato redattore e poi responsabile delle redazioni di Empoli, Pontedera e Pisa del quotidiano Il Tirreno. È curatore di una trasmissione televisiva di approfondimento politico, cultura e attualità in onda su una emittente regionale. Dirige il web magazine StorieOggi.it.

Avatar

Trucioli

Torna in alto