Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Borghetto-Loano, lo studio legale a Servizi Ambientali: no a conciliazione con l’impiegata (moglie del sindaco). E notizia triste, si è ucciso ex esercente

Se non fosse che la dr.sa Claudia Buratto è  felicemente sposata con il sindaco di Loano e che la controparte, nella causa di lavoro, sia la Servizi Ambientali Spa, partecipata come secondo socio maggioritario dallo stesso Comune loanese, sarebbe una delle tante controversie davanti al tribunale di Savona. Questo però non dovrebbe andare a discapito di nessuno. Non accade spesso, soprattutto in una realtà ( Spa pubblica) dove partiti al potere tra spartizione di poltrone, uno a me, l’altro a te, non si fanno mancare nulla. Assunzioni clientalari incluse.

Villa Laura a Borghetto S. Spirito, un’ex pensione di proprietà comunale, fu venduta per 602 mila € a Servizi Ambientali Spa, società pubblica di cui il Comune è azionista

Ora ci sono altre novità sul fronte legale e di conseguenza giudiziario- civile. Trucioli.it, attirandosi molte ed immancabili critiche, è stato purtroppo il solo (vedi libera informazione locale) a dare notizia che due dipendenti della Servizi Ambientali Spa, partecipata interamente dai Comuni del comprensorio, hanno fatto causa, come è loro diritto, davanti al giudice del Lavoro, per asseriti diritti contrattuali che non sarebbero stati applicati nella loro carriera.

Un’azienda dove non manca un debituccio di 2 milioni di Euro, con molta carne al fuoco, tra dimissioni strane, a volte improvvise, valzer ed avvicendamenti apicali sempre di nomina politica. Un’azienda -fortino inespugnabile e che non ha mai risposto alle sollecitazioni di trucioli.it.

Bene, oltre al clima di tensione, con richieste  e rivendicazioni sindacali (causa Covid) di cui abbiamo letto negli ultimi tempi, ci mancava che due impiegati amministrativi di rango abbiano di fatto creato un caso e forse non poco imbarazzo in alcuni ambienti e famiglie. Rivolgendosi al giudice del Lavoro non potevano infatti ignorare che la vicenda rimanesse tra le mura della sede borghettina. Forse si poteva contare sulla ‘buona stampa’ o quella amica. Pratica peraltro assai diffusa come può testimoniare chi, per professione giornalistica, segue da 55 anni le sorti di questa provincia. Ma come si fa a scommettere su un ‘silenzio tombale’. Come sottovalutare che è pur sempre la moglie del sindaco Pignocca, persona a modo, che ha praticato il ‘basso profilo’, il ruolo di mamma premurosa, mai da ‘prima donna’ del primo cittadino. E in una piccola realtà locale non è insignificante e depone a merito.

Ma spazzato via l’aspetto personale, resta  un latente ‘conflitto di interessi’ più o meno palese ?  Pone interrogativi leciti. Sarebbe bastato l’arrivo nel Cda del ‘soccorso azzurro’ di Angelo Vaccarezza ? Ipotesi non campata in aria e scomparsa per merito di chi ? E tra i pochi messaggi che a Trucioli.it è capitato di ricevere uno riferisce pressapoco “… inspiegabilmente (o quasi) le minoranze consiliari di Loano hanno preso spunto dall’articolo di 2 settimane fa di trucioli.it. …per presentare un’interrogazione….E se fosse in elaborazione una lista unitaria (Pd e Cambiamo e…), in contrapposizione al candidato in pectore del centro destra Luca Lettieri...mister preferenze….ora leghista…..? Assisteremo ad un basso profilo senza affondare la lama nei confronti del sindaco,  in imbarazzo per via della causa della moglie…e in sua assenza, per motivi personali, chi risponderà all’interrogazione…il vice sindaco….l’assessore alle partecipate….un bel quadretto, maledetto trucioli.it a rompere le uova….”. Non siamo stati invece noi a scrivere, anche se su social si legge di un acceso diverbio, davanti a Palazzo Doria, tra il sindaco Pignocca e l’amico di sempre Vaccarezza. C’è di più, l’anonimo di Uomini Liberi crede di sapere che Pignocca è stato folgorato da vocazione leghista  ed è pronto a fare armi e bagagli in vista delle elezioni di ottobre.  Una bufala per far tremare chi ? Ispirata dal solito noto cinquestellato ?

Trucioli.it non ha antenne del giornalismo d’inchiesta ed approfondimento alla pari del potente ed indipendente Ivg.it che può disporre di due direttori, di un giovane e motivato staff di redazione.  Trucioli.it   si accontenta dei ‘resti’, degli ‘spicciolini’, così capita di sapere notizie pregnanti solo dopo che altri giornalisti accreditati ritengono che questa o quella novella, pur di cronaca, non meriti neppure una breve.

La prova del nove ? Basterebbe numerare tutti i ‘piccoli scoop’ di cronaca locale messi in rete da Trucioli.it in nove anni. E prendere buona nota di chi usa definirci  il ‘blog dei vecchietti‘ che “scrivono per il loro piacere all’esibizionismo”. Non solo: “...imperterriti e ignorati dai più e seguiti non si sa bene da chi ….”. Che ridere ! Ma guai se non accettassimo almeno le critiche, noi che dovremmo sempre poter esercitare il diritto di cronaca e di critica senza guardare in faccia….O quando si sbaglia, le scuse non hanno pretesti.

Un lampare riscontro alla stima – credibilità verso trucioli.it, se ce ne fosse bisogno, riemerge nello stesso comunicato stampa che la minoranza consiliare loanese ha inviato ai media accreditati nei giorni scorsi dandone conto in una loro interpellanza: ““….Apprendiamo da blog di stampa locali dell’esistenza di situazioni di insoddisfazione tra il personale dipendente di Servizi Ambientali spa, al punto che alcuni hanno intentato causa nei confronti della partecipate con richieste economiche di rilievo”, sottolineano i due capigruppo di minoranza Paolo Gervasi (LoaNoi) e Roberto Franco (Pd/Da sempre per Loano) come riportano Ivg.it. e SavonaNews”. E per concludere: “…Chiediamo quindi di riferire in consiglio in merito a quanto segnalato, per capire anche quali siano i potenziali rischi a carico della partecipata, le probabilità di uscire soccombenti dalle vertenze intentate e le eventuali responsabilità in merito ai suddetti rischi”.

Vedi….. l’articolo  pubblicato trucioli.it. 11 marzo 2021 con 2.234 visualizzazioni

Gervasi, commercialista, già candidato sindaco, attivista della destra sociale in gioventù; Franco, capogruppo subentrato al dimissionario Siccardi, con esperienza e fiuto da diligente sindacalista Cgil alla Piaggio. I due esponenti della minoranza, con i ‘calli’ per battaglie perse, dunque siamo in buona compagnia, sapranno  più di quanto può sapere un umilissimo e ormai vecchio cronista savonese – imperiese che ‘scribacchia’ su trucioli.it.

Meglio non fidarsi, non elargire pubblicità, e così la fonte dell’interrogazione consiliare diventa più generica di così non si può: “da blog stampa locali’. Il plurale, non il singolare.  Che dispiacere ! Che torto da legarselo al dito !

Non si sono fatti trovare impreparati, disinformati, senza informatori dopo che avrebbero letto le ultimissime in  merito alla controversia tra la Spa Pubblica (Servizi Ambientali) e due suoi dipendenti. Si sussurra abbiano pure letto  una lettera dello studio legale Zambrano di Milano. In essa si affronterebbe la proposta conciliativa avanzata ( a fine marzo) dalla dr.ssa Buratto e sottoposta al presidente della Servizi Ambientali avv. Barbara Balbo. 

Un’altra curiosità giornalistica ha portato a conoscere che la signora Buratto Pignocca si era iscritta  il 28 agosto 2017 all’Università Telematica  Niccolò Cusano di Roma e  avrebbe conseguito la laurea breve. Dunque dottoressa come emergere dagli atti di causa.

Veniamo ai nodi legali. Tra le proposte formulate dalla funzionaria Buratto,  l’aumento di retribuzione pari alla differenza tra l’attuale mensile e quello previsto  per il livello superiore, se riconosciuto.  Ovvero l’inquadramento del VII livello, in subordine il VI, ma da quale data ? E con le rivendicazioni  accolte, rinuncia tombale ad ogni ulteriore pretesa. Mettiamoci infine l’abbandono della causa e spese compensate.

Il dr. Gervasi e Franco, forse sempre informati ‘da blog locali‘  avrebbero saputo ciò che non si era finora letto: l’impiegata Buratto  sarebbe disponibile  a trasformare il contratto  di lavoro da tempo parziale a tempo pieno, oppure disposta anche al distacco alla società APS (Acque Pubbliche Savonesi) dove non mancano problemi grandi e piccoli.

Tutto qui ? E no ! I due amministratori pubblici loanesi, non volendo essere da meno alla ‘macchina di lavoro‘ che produceva da consigliere comunale il compianto tenacissimo dr. Maurizio Strada (dalla lista del Pli, al Pri, da ultimo alla Lega con oltre 900 voti ‘personali’), si sarebbero andati a rileggere, sempre grazie ‘a blog locali’,  l’istruttoria testimoniale della causa di lavoro in corso in cui, oltre alla Buratto, c’è il geom. Calogero Guarino, classe 1961, nato a Villalba, che ha, a sua volta,  citato in tribunale la Servizi Ambientali. Motivi economici, di inquadramento e di progressione di carriera, arretrati ?

Ben sette testi avrebbero sostanzialmente confermato la brillante ed esaustiva (?) memoria difensiva  della Società pubblica intercomunale e messa sotto accusa perchè inadempiente e che non tutelerebbe i diritti dei due suoi dipendenti. Tra i testi che hanno deposto a favore della Spa l’avv. Alessandro Vignola affermato studio legale a Pietra Ligure e che ha ricoperto diversi ruoli di nomina politica.

Cosa accadrà ora ? Il giudice  del Lavoro, Laura Serra, nominerà un CTU per accertare gli importi pretesi /dovuti ai due dipendenti ? A tale richiesta il legale della Servizi Ambientali si sarebbe opposta, chiedendo invece la discussione finale d’udienza.  E’ pure successo che il giudice abbia ritenuto inammissibile la documentazione depositata dalla ricorrente e la prossima udienza è fissata al 11 maggio prossimo. Si può dedurre che avrà difficilmente un seguito la richiesta della Buratto per la nomina del CTU contabile.

Avviandoci alla conclusione da umile informatori che apprendono le notizie da ‘blog locali’  sarebbe provata  la correttezza dell’inquadramento sindacale, vale a dire il IV livello anche perchè non risulterebbe che la Buratto fosse anche addetta alla redazione delle buste paga. E può mancare il colpo di scena finale riservato ai lettori dei ‘blog locali ‘ ? Un legale ( lo studio Zambrano ?) sarebbe del parere che  l’attuale V livello riconosciuto  alla Buratto non sarebbe corretto. E dunque la Spa  avrebbe dovuto riconoscere e pagare il livello realmente attribuito e di conseguenza percependo più soldi pubblici del dovuto. Ancora lo studio legale milanese metterebbe in guardia dal rischio di creare un precedente pericoloso nel caso di accoglimento delle richieste, a prescindere da valutazione su eventuali responsabilità  degli organi societari. Ma a questo punto il ginepraio sfugge all’umile cronista, è materia di altri più esperti ed informati. I nostri pochi lettori sanno accontentarsi.

MAURIZIO SI E’ TOLTO LA VITA

AVEVA GESTITO UN CHIOSCO BAR AL CAMPO SPORTIVO E UN LOCALE IN CORSO EUROPA

Nessun manifesto funebre e i social locali hanno preferito non dare conto ai loro amici ‘iscritti’. Ha scelto la morte Maurizio Bosi, una persona che, soprattutto per l’attività svolta, era assai conosciuto a Loano e negli ambienti sportivi del calcio. Aveva gestito un bar nel campo da gioco dello stadio Ellena che significa farsi tante conoscenze: si pensi alle partite, ai tifosi, agli allenamenti. La notizia della sua morte ha lasciato sgomenti.

Chi lo conosceva riferisce di una persona che nella vita aveva avuto soddisfazioni e gioie, ma non erano mancati i dispiaceri, avversità, difficoltà, delusioni. Non era molto espansivo e negli ultimi tempi appariva piùo ansioso del solito, anche se nulla lasciava presagire il peggio. “Era sempre attaccato al cellulare, a leggere le ultime di IVG e dei due principali social loanesi, si interessava molto, ma appariva una persona ferita – ricorda un conoscente -, mai più pensavo ad un gesto disperato….” Il bar di Corso Europa era stato  ceduto da Maurizio e dal socio Mario C. alla famiglia di un ex giocatore della Loanesi.

Maurizio già colpito da altre disgrazie famigliari.  La pietà di fronte alle tragedie non può avere limiti, così come la pessima scuola di giornalismo locale e seguito di fans a cui da tempo assistiamo sempre più allibiti. Al punto di ignorare un concittadino che ha scelto la morte ed al quale è dovuta la pietas almeno di quanti l’hanno conosciuto e stimato. E che aveva avuto altre disgrazie in famiglia. (L.C.)

E PER NON DIMENTICARE…..

L.Corrado

L.Corrado

Torna in alto