Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Pietra Ligure, sparito 1 milione dai conti in banca del cap. Delfino, ex presidente ‘Agricola’. La scoperta della vedova. Indagini su funzionario, opera a Loano

Per i pietresi era ‘Menegu’, apprezzato e stimato: Domenico Delfino, una vita da comandante sulle navi mercantili, e una volta in pensione anche presidente della storica Società Agricola Cooperativa di Pietra Ligure. E’ morto a 92 anni, nello scorso aprile, a Vicoforte (CN) dove si era trasferito con la moglie Caterina Sostegni, 84 anni, nata a Riva Santo Stefano al Mare (IM), ma cuneese in famiglia. E ora il ‘giallo’ di un milione di cui non c’è più traccia nei conti in banca.

Il cap. ex comandante di navi mercantili, Domenico Delfino che è stato anche presidente della Cooperativa Agricola di Pietra Ligure

I coniugi Delfino senza figli, con cugini sia a Pietra che a Vicoforte. Pare sia stata la vedova, oggi ospite di una residenza protetta, a scoprire che dal conto bancario sono spariti i loro risparmi. Si parla di 1 milione di €. Ed è in corso una delicata e riservata inchiesta della Procura della Repubblica.

Una vita di lavoro e sacrifici, ma anche di risparmi investiti, si presume, in titoli obbligazionari. Non era una coppia tirchia che si privava di tutto. Non erano neppure spendaccioni, ma hanno messo a frutto nel corso di decenni un bel malloppo affidato sembrerebbe ad un istituto bancario cuneese operante anche sulla piazza di Loano.  E’ qui che stando alle poche notizie apprese operava l’impiegato infedele e ‘traditore’. C’è molto da chiarire sull’iter degli investimenti dei Delfino per avere un quadro preciso.

Certo, nessuna conclusione sommaria fino a quando non si cercherà di arrivare almeno a presunte responsabilità al termine dell’indagine penale. Il lavoro investigativo affidato, parrebbe, alla Guardia di Finanza. E eventualmente ad un perito. Il fatto che non sarebbe ancora scattato  un provvedimento cautelare dimostrerebbe che c’è molto da approfondire. Probabile invece che si sia proceduto a sequestri cautelari.  A meno che il ginepraio sia tale da rendere oltremodo lunga e complessa la ricostruzione dei movimenti, investimenti ed eventuali disinvestimenti. Scontata pure la piena collaborazione dell’Istituto di credito cooperativo con sede in provincia di Cuneo.

Le poche notizie che abbiamo appreso, utile precisarlo, non sono di fonte ufficiale o ufficiosa. La vicenda pur non essendo di dominio pubblico, non è difficile ascoltarla  a Pietra Ligure anche stando seduti al tavolo di un bar. E cercando di sapere qualcosa di più da conoscenti ed amici. I coniugi abitavano in un alloggio acquistato nella zona del Soccorso (Arbaschi) mentre la casa natale e dove hanno inizialmente dimorato, si trova nel centro storico in via Emanuele Accame. In città hanno cugini, uno agente immobiliare è stato assessore e consigliere comunale. Il capitano Domenico aveva una sorella pure senza figli che non è più in vita. Pare, tra l’altro, che proprio tra i parenti di Pietra e Vicoforte siano sorti contrasti sulla gestione dei beni immobiliari.

Dicevamo, il giudizio che si ascolta tra i pietresi, descrive una coppia affiatata, affabile, gentile, persone di fede e di chiesa, generose. Il notiziario comunale RES PUBLICA aveva riportato, come è solito fare, la notizia della morte e la foto del comandante Delfino. Inoltre il manifesto funebre reca  la partecipazione della Società Agricola Cooperativa Pietra Ligure. Questo il testo: “Il Consiglio Direttivo ed i dipendenti partecipano al dolore dei familiari per la scomparsa del caro Domenico Delfino già Presidente ringraziandolo per gli anni di dedizione e impegno verso la nostra Società”. Il notiziario dava conto nell’album dei pietresi che ‘ci hanno lasciato’ del funerale tenutosi il 10 aprile 2020. Ma anche tantissime partecipazioni che si possono leggere nella pagina Facebook di RES PUBLICA.

Ecco alcune tra le più significative attestazioni di persone piuttosto conosciute in città. Con le condoglianze pubbliche dell’ Gruppo Marinai d’Italia di cui il cap. Delfino faceva parte.

Alessandro Marinelli- Mi spiace Comandante, grande persona… Sentite condoglianze. Sergio Bonci – Grande personaggio mi dispiace. Condoglianze. R. I. P. Cenere Gianni – Sentite condoglianze. Alberto Zanolla – Riposa in pace. Massimiliano Cauteruccio – R.I.P. COMANDANTE CONDOGLIANZE ALLA FAMIGLIA ERA VERAMENTE UNA BRAVISSIMA PERSONA MI SPIACE DAVVERO.

Sebastiana Basso – Mi dispiace molto,sentite condoglianze alla famiglia. Roberto Novara- Una bravissima persona. Condoglianze. Angelo Battistella – Sentite condoglianze dal Gruppo Marinai d’Italia. Gabriella Puppo- Onorata di averlo conosciuto, condoglianze alla famiglia.

Paola Bergallo – Condoglianze. Caterina sei sempre nel mio cuore. Janny Rose Gan- Non sapevo…. Mi dispiace tanto, il padrino di mio figlio.. Era buona compagnia.. Condoglianze alla Caterina. Carla Mattea- Mi spiace,condoglianze. Marina Fazio – Sentite condoglianze, un abbraccio a Caterina. Vittorio Menicanti- Un grande uomo e un grande amico. Pieranna Gabellieri – Ciau Menegu. Elio Torterolo – Mi mancherai comandante. Lidia Vivenza – Sentite condoglianze, mi dispiace tantissimo, grande persona R.i.p. Tra le memorie storiche la partecipazione al lutto di Emanuele Viziano una vita con la macchina fotografica tra le mani e un ricco album di ricordi.

Avatar

Trucioli

Torna in alto