Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Savona verso le ‘comunali. La sinistra resta divisa? La sorte del ‘modello Sansa’. Proposta ‘convenzione programmatica’. La difesa del San Paolo e infrastrutture

La sinistra, il centro sinistra di Savona, nuovo laboratorio per vincere o perdere le amministrative 2021 dopo il ritorno del centro destra e la prima sindaca donna nella storia della città. Un tempo feudo del Pci e che aggregava, a volte, in giunta ed in maggioranza, persino forze eterogenee. Si pensi al Pri, al Pli. Se la parola d’ordine di Matteo Salvini anche per Savona è “centro destra unito alle comunali”, sull’altra sponda va in scena (bis sconfitta delle regionali) “più divisi siamo e più serviamo sul piatto d’argento la vittoria a chi ha imparato come vincere”.

Troppe sono le anime della sinistra in quel di Savona ? Cosa ha insegnato, fino ad oggi, correre in ordine sparso, illudendosi di essere almeno rappresentati a Palazzo Sisto? La storia è ricca di ‘trombati’. Senza ricorrere all’estremismo di chi denuncia ed invoca l’esclusione dei “vecchi tromboni” (almeno loro senza macchie giudiziarie) e ‘eterni candidati’. Moderazione e rispetto verso galantuomini non sarà un dovere ma almeno una ‘verità di vita pubblica e coerenza’. Certo, il rinnovamento, in simbiosi con la competenza, l’esperienza e la meritocrazia non sono ‘scendiletto’. Si avrà il coraggio, la forza, il buon senso a non ignorare quanto si dovrebbe imparare dal passato ma  senza il marchio della delegittimazione reciproca ? Ideologie sì, senza ostracismo, con un progetto chiaro, stringato, fattibile con scadenze precise e rendiconto costante di ‘dove siamo arrivati’. Basta lobby, le poche che restano, meglio senza politici di professione, o trasversali ad affari pur leciti e politica. Ne abbiamo già vissuti abbastanza.

La foto pubblicata da Uomini Liberi

Scriveva con frusta e irriverenza Uomini Liberi il 30 luglio scorso:” Ieri alla SMS di via Verdi a Savona un gruppuscolo di vecchi tromboni e trombati, acide donne, capigruppo ex cda ATA, eterni candidati e qualche rara eccezione positiva emanavano tanta TRISTEZZA. Naturalmente il loro verbo è …noi abbiamo la verità in tasca… senza sapere che al massimo possono iscriversi ad un torneo di cirulla forse 4-5 tavoli riescono a metterli in piedi”.

Nessuna firma ma l’ombra di un redattore, oggi pensionato del Secolo XIX, che si occupava anche di cronaca politica.

LA STESSA NOTIZIA PUBBLICATA DAL SECOLO XIX

IL ROSSO NON E’ IL NERO”:

UNA PROPOSTA DI CONVENZIONE PROGRAMMATICA

per avviare la formazione di una coalizione democratico – progressista.
La presentazione della proposta di un “Patto Per Savona” avanzata da Marco Russo nella sua recente conferenza stampa può rappresentare sicuramente un punto di apertura di grande importanza in vista della costruzione di uno schieramento democratico – progressista in grado di imprimere una svolta all’amministrazione comunale di Savona.

Si tratta di affrontare in una prospettiva di alto profilo progettuale le elezioni previste per la primavera del 2021.

A questo punto giudichiamo possibile aprire un forte livello di interlocuzione sia con il Patto, sia con gli altri soggetti potenzialmente interessati alla costruzione di una alleanza sviluppata sulla base di istanze comuni orientate nel senso appena indicato.
Su queste basi nei giorni scorsi abbiamo promosso un documento sul quale sono state raccolte adesioni tali da fornire a questo tipo di impostazione positivi elementi di consenso e di autorevolezza che cercheremo di porre a disposizione di idee di crescita sul profilo della qualità di progetto e di programma e di capacità di confronto esterno.
La proposta più coerente che può essere avanzata a questo punto è quella di realizzare, pur nelle difficoltà del momento, una convenzione programmatica nella quale tutti i soggetti politici, sociali, civici, d’associazione culturale possano trovare sede per l’espressione della loro volontà di contribuire ad un significativo cambiamento per la nostra Città, proponendo non solo l’uscita dalla fase del declino ma soprattutto l’avvio di una fase di nuovo sviluppo.
I punti sui quali avviare la riflessione sono:
1) una progettualità comprensoriale orientata soprattutto sull’obiettivo di rendere le infrastrutture (ferroviarie, stradali) adeguate a recuperare un rapporto diretto tra Piattaforma, Porto, Città. Sul piano comprensoriale comprendendo di conseguenza la Val Bormida deve essere affrontato anche il tema dell’area di crisi complessa, al riguardo della quale Savona deve portare avanti un ruolo di primaria importanza senza estraniarsi. Non deve trattarsi di un semplice confronto di livello istituzionale ma dell’apertura di una ricerca comune per una condivisione di “progetto”.
2) il ritorno ad una capacità di relazione tra centro e periferia, partendo dalla necessità di recuperare anche “strappi” sul piano urbanistico. Si tratta di puntare un equilibrio nel decentramento cittadino della crescita delle condizioni generali di vivibilità. Nello stesso tempo è necessario far emergere anche elementi di nuova capacità di rappresentanza sociale all’interno dei quartieri; Il dopo-emergenza sanitaria vedrà il determinarsi di condizioni inedite sul piano della richiesta di vivibilità, sicurezza, salute. La questione della sanità attorno ai due punti della difesa dell’Ospedale San Paolo e del recupero della territorialità si dimostrerà assolutamente prioritaria.
Occorre inoltre considerare fenomeni di grande importanza come il presentarsi di un arretramento strutturale nel fenomeno del turismo di massa, sia la necessità di rendere la Città attrattiva alle nuove forme di lavoro imperniate sullo smart-working. Questo dato richiede un punto di riflessione particolare: servirà attenzione all’arredo urbano; sarà necessario puntare su di un alto standard di qualità abitativa ( pensiamo alle migliaia di case sfitte);diventerà urgente il recupero dei contenitori storici da utilizzare per molteplici funzioni e in specifico in raccordo con l’attività culturale; la gestione pubblica delle utilities; si dovrà modificare l’offerta commerciale, culturale, del tempo libero, (pensiamo all’utilizzo delle colline nell’immediato entroterra in funzione sportiva e di diporto) mentre la gestione della sicurezza dovrà privilegiare la prevenzione del disagio sociale.
5) Dovrà essere rivista e potenziata la macchina comunale rispetto a settori strategici nel frattempo abbandonati, quindi servirà una grande attenzione alla pianta organica nei suoi punti deboli, rispetto alla necessità di una ridefinizione complessiva.
IL COORDINAMENTO DEL “IL ROSSO NON E’ IL NERO”
Sergio Acquilino, Franco Astengo, Sergio Tortarolo, Dilvo Vannoni

INTERVISTA DEL DIRETTORE DI IVG.IT ANDREA CHIOVELLI (SABATO 21 NOVEMBRE)
a Marco Russo ufficialmente in campo: candidato sindaco con il suo “Patto per Savona”

Un progetto per una Savona “Giusta, Dinamica e Attrattiva”.  Slogan troppo generico ? Resta da decidere se avrà l’appoggio del Pd o se correrà “da solo” (VEDI……….)

Altri tempi e simpatico fotomontaggio di ‘uomini liberi’ con l’on. Franco Vazio, Marco Russo e Nicola Isetta sindaco di Quiliano

Marco Russo è ufficialmente un candidato sindaco alle elezioni amministrative del 2021. L’avvocato savonese rompe gli indugi e scende in campo con tutto il pacchetto: una sua lista, un suo logo, uno suo slogan, un suo progetto. Il lungo tira e molla degli ultimi mesi, tra chi lo vedeva come possibile candidato del Pd e chi dubitava che alla fine il partito avrebbe puntato su di lui, si conclude dunque così: Russo sarà della partita in ogni caso, con l’appoggio del Partito Democratico o senza.

Patto per Savona- Marco Russo

🎙Il mio obbiettivo è quello di aggregare più voci intorno a una proposta. Ci sono persone pronte a spendersi indipendentemente dalle appartenenze politiche. I temi sono moltissimi, ma fortunatamente possiamo contare sull’aiuto di un numero sempre maggiore di cittadini, per elaborare progettualità davvero nuove e coraggiose per Savona.
🔴 Si parte! Grandissimo successo per la presentazione del Patto per Savona, progetto collettivo per una Savona Giusta Dinamica e Attrattiva!

Ringraziamo tutti i media, on e off line, per l’attenzione che stanno dedicando al progetto, in particolare

La Stampa Savona – Il Secolo XIX-  IVG.it per aver pubblicato l’intervista a Marco Russo, che trovate interamente qui sotto.

Avatar

Trucioli

Torna in alto