Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Alassio uniti in consiglio comunale per nuove risorse ‘crisi Covid’. Gli autonomi. E grazie alla Lamborghini, fa promozione

Alassio sostegno alla locazione. Fino al 20 novembre 2020 è possibile presentare domanda per l’accesso ai contributi straordinari per l’affitto che verranno riconosciuti a coloro che autocertificheranno un calo del reddito causato dall’emergenza Covid – 19. La riduzione del reddito o volume d’affari per gli autonomi, relativo ai mesi di marzo/aprile/maggio/giugno 2020, deve essere almeno del 25% rispetto al reddito del medesimo periodo del 2019″. Leggi anche l’Encomio solenne con il pensionamento del commissario di Polizia locale Foschini. Infine vedi la Lambnorghini promuove ancora Alassio.

Potranno accedere i cittadini con Isee fino a euro 18.000,00 e un affitto annuale non superiore a € 9.000,000 (750 euro mensili).
Il contributo teorico erogabile a ciascun richiedente è pari a massimo il 30% del canone di locazione annuale, rapportato al numero di mesi sostenuti nell’anno 2019 con un minimo di 400€ ad un massimo di € 2000,00, ma potrà essere ridotto proporzionalmente sulla base delle risorse disponibili e il numero degli aventi diritto.
La domanda e l’Avviso completo sono scaricabili dal sito istituzionale del Comune di Alassio: www.comune.alassio.sv.it oppure ritirabili presso l’area esterna dell’Ufficio Politiche Sociali del Comune di Alassio in P.zza Paccini 28, negli orari di apertura nei giorni di lunedì, mercoledì e giovedì dalle 9,30 alle 12,30 (con ingressi contingentati).

LETTERA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE, AVV. MASSIMO PARODI

Questa amministrazione, all’unanimità, maggioranza e minoranza coese, nei giorni scorsi ha approvato l’ennesima manovra di bilancio per erogare un sostegno tangibile nei confronti della cittadinanza.

Il DPCM del 24/10/2020 e le successive Ordinanze Regionali con le quali è stata imposta una serie di obblighi e divieti ad alcuni settori già penalizzati – come bar, gelaterie, pasticcerie e ristoranti, ma anche palestre, piscine…- rischia di trasformarsi in una autentica catastrofe economica per il nostro territorio, sia direttamente sulle categorie colpite in prima istanza, sia indirettamente su tutte le altre legate all’indotto.
Siamo consapevoli del momento di grave difficoltà in cui versa il Paese e dell’emergenza sanitaria che affligge l’Italia, l’Europa, il Mondo. Ma, proprio perché si sta parlando di una problematica che investe il pianeta, corre l’obbligo di sottolineare le differenze, stringere le maglie laddove necessario, e allentarle dove invece vi siano i presupposti per farlo.
Se è vero che la nostra città, Alassio, nel cuore del ponente ligure, è stata teatro del primo cluster della Liguria nella primavera scorsa, è anche vero che quell’esperienza ci ha insegnato il valore di quelle accortezze di base che ci hanno consentito, durante tutta l’estate, e ci stanno consentendo oggi, di abbattere la curva del contagio e di essere oggi su percentuali di contagiati (in cura presso le proprie abitazioni) che da settimane oscillano tra lo 0,16 e lo 0,22% di una popolazione di 10.500 persone. Oggi questi numeri non destano preoccupazione.
Il ponente ligure non è Genova, non è Milano e non è Roma: lo dicono i numeri, in forza dei quali, questa amministrazione, ancora una volta all’unanimità allargata anche alle associazioni di categoria del nostro territorio, ha ritenuto di sottoporvi un accorato appello, a nome di tutta la cittadinanza.
Ben vengano maggiori controlli sull’utilizzo delle mascherine, sull’esecuzione dei protocolli sanitari, sul divieto di assembramento e sulla vigilanza da parte della forze dell’ordine, ma proprio in base alla realtà oggettiva del nostro territorio (ad oggi i contagi sono allo 0,16%) chiediamo di rivalutare:
– la riapertura di bar, ristoranti, gelateria e pasticcerie, al servizio serale;
– la riapertura degli esercizi commerciali, palestre, piscine… che abbiamo dimostrato di essere in regola con le prescrizioni sanitarie;
– l’individuazione di parametri per individuare protocolli sanitari in base alle zone e agli effettivi dati dei contagi;
– solleciti aiuti alle categorie economiche colpite: quelli finora stanziati non sono sufficienti e gli enti Locali non sono in grado di integrare in maniera sensibile;
– di dare quanto prima seguito all’approvazione e attuazione del Decreto Ristoro e all’attuazione del Decreto Rilancio;
– il potenziamento dell’organico della Polizia Municipale, anche in deroga ai vincoli assunzionali vigenti, necessario a prescindere, non tanto in ottica repressiva, quanto preventiva.
Questo documento, che sarà trasmesso ad altri enti locali, nella nostra stessa situazione, vuole muovere nel solco della legalità e della ragionevolezza, ma anche della tutela di un territorio che non sarà in grado di arginare gli effetti negativi del DPCM vigente e delle successive Ordinanze Regionali. Al momento della sottoscrizione siamo in attesa di nuove disposizioni da parte del Governo e delle Regioni che confidiamo possano andare incontro a questa nostra riflessione.
Il Presidente del Consiglio Comunale
Avv. Massimo Parodi

Encomio Solenne (e doveroso) per il Commissario Foschini

presente alla cerimonia anche l’ex mitico comandante Tindaro Taranto

Encomio solenne al Commissario della Polizia locale Franco Foschini che ha raggiunto la meritata pensione

La cerimonia in Comune alla presenza del vicesindaco Angelo Galtieri, del Comandante Francesco Parrella e dell’ex Comandante Tindaro Taranto

Si è svolta ieri in Comune, presso l’Ufficio del Sindaco, la breve ma sentita cerimonia di consegna dell’Encomio Solenne al Commissario di Polizia Municipale di Alassio, Franco Foschini che, dopo un trentennio di servizio,va in pensione.

“Una cerimonia – ha commentato il vicesindaco di Alassio – doverosa nei confronti dell’alta professionalità mostrata in questi anni, che ha avuto il riconoscimento delle amministrazioni che si sono susseguite alla guida della città, ma anche dell’utenza che ha sempre considerato l’Agente, quanto il Commissario un punto di riferimento”.

Per anni al coordinamento dell’Ufficio Territorio, era infatti in costante contatto con la cittadinanza. Presenti alla cerimonia, oltre all’attuale Comandante della Polizia Municipale Alassina, anche l’ex Comandante Tindaro Taranto a testimoniare il percorso di ingresso, come agente in trasferimento da Torino, e di accompagnamento verso una meritata pensione. “Considero un privilegio – ha concluso il Comandate Parrella – aver condiviso questo percorso con il Commissario Foschini: sentiremo la sua mancanza, lo dico sotto un punto di vista professionale, ma anche personale”.

ALASSIO CONTINUA A BRILLARE E A ESSERE PROMOSSA SUL SITO UFFICIALE DELLA LAMBORGHINI

Questa foto promozionale è stata scattata sull’Isola d’Elba

Avatar

Trucioli

Torna in alto