Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Noli 19 in isolamento Covid. Il sindaco: io sto bene e tace da ospite del matrimonio ‘focolaio’. Coppia di esercenti ricoverata

A Noli è argomento del giorno seppure taciuto  finora dai ‘media’. Antefatto. I coniugi titolari di uno stabilimento balneare ricoverati  per Covid 19.  Accade che erano al pranzo di nozze di un’albergatrice in un ristorante locale. Tra gli invitati presenti il sindaco e consorte, l’ex vice sindaco e amici. C’è chi è  in quarantena, tra i 6 della lettera ufficiale di chiarimenti postata dallo stesso capo della giunta comunale e che sotto riportiamo integralmente. Ma nessun cenno’nuziale’. Non è successo nulla? ULTIMA ORA – Il sindaco comunica che in ‘isolamento’ ci sono 19 residenti, vedi a fondo pagina.

Mentre il sindaco di Pietra Ligure, Luigi de Vincenzi, via Facebbok ha comunicato  il 22 ottobre: “.…Ho avuto il dubbio di essere entrato in contatto con il coronavirus, nonostante la mia completa assenza di sintomi. Per tranquillità e responsabilità verso tutti… osservo una quarantena….”.

LA COMUNICAZIONE SOCIAL DEL SINDACO – Cari Concittadini, informo sulla situazione sanitaria nel nostro Comune legata alla problematica Covid-19, gli ultimi dati ASL, pervenuti alla data di oggi 15 Ottobre, sono:  n°6 posizioni di isolamento causa contatto.

Al fine di chiarire ulteriormente, evidenzio che gli unici dati ufficiali sui quali l’Amministrazione Comunale si basa e riferibili pubblicamente sono quelli che pervengono via mail al Protocollo del Comune di Noli, direttamente dall’ASL. Non è noto con quale criterio/protocollo/procedura/dinamiche l’ASL definisca le informazioni che poi invia ai Comuni; semplicemente ci si limita a “leggere quello che c’è scritto” ed a riportare i dati possibili.
Qualsiasi altra “informazione” che possa passare/circolare (indipendentemente se fondata o meno) non riveste in alcun modo il carattere dell’ufficialità pertanto, doverosamente, non viene presa in considerazione. A tal proposito vorrei ricordare a tutti che esistono precise norme sul rispetto della Privacy che, in primis, le Istituzioni ma anche tutti i cittadini sono tenuti a rispettare.
Sull’aggravarsi della situazione contagi di questi ultimi giorni non credo necessario alcun commento; mi permetto solo un nuovo deciso invito al rispetto di tutte le prescrizioni/obblighi in essere.
Mi congedo ricordando che sabato prossimo 17 Ottobre alle ore 17.30 in Piazza Chiappella si svolgerà il secondo incontro fra Amministrazione e tutti i Concittadini che avranno piacere di partecipare. L’ultimo incontro sarà a Tosse, in località Veni alle ore 18.00 del 24 Ottobre. Il primo incontro si è svolto a Voze sabato scorso e colgo qua l’occasione per ringraziare tutti i presenti.
Mi auguro che il dialogo intercorso sia stato esaustivo ed interessante! Da parte mia e dell’Amministrazione sicuramente si anche perché una delle finalità principali di detti incontri è proprio quella di ascoltare e ragionare insieme sulle necessità, problematiche e iniziative che giungono proprio dai Concittadini. Inevitabilmente il tutto sempre in ottemperanza alle normative sul Covid-19.
Un caro saluto. Lucio Fossati
I coniugi Fossati dall’immagine della pagina Facebook del sindaco

Nell’incontro  pubblico (25-30  le presenze, oltre a 7 dell’amministrazione comunale, vedi altro servizio di trucioli.it) di sabato 17 ottobre, alle 17,30,  Fossati ha ribadito, forse per allontanare ogni sospetto: ‘Io sto benissimo….se dico che ……’. Un  ulteriore chiarimento all’insegna della trasparenza ? Parrebbe di sì, se non fosse che è il primo responsabile della sanità (e relative norme che la regolano) della città di cui è sindaco. Come prevede una legge del 1978. Che recita tra l’altro: “…Le funzioni in materia di igiene e sanità’ pubblica, non espressamente riservate allo Stato ed alla Regione…nonche’ quelle di cui all’art. 7 della legge n. 833 del 1978, sono attribuite alle unità’ sanitarie locali, ferme restando le attribuzioni di ciascun sindaco quale autorità sanitaria locale. … In materia di igiene e sanità pubblica spetta al sindaco l’emanazione delle ordinanze di carattere contingibile e urgente con efficacia estesa al territorio comunale… nonché l’emanazione di provvedimenti, ivi compresi quelli già demandati ai medici provinciali e agli ufficiali sanitari, che comportano l’uso dei poteri autorizzativi, prescrittivi e di concessione, che non siano conseguenti a mera ricognizione di presupposti fissati da legge o da regolamento.”

Se due persone partecipano ad un pranzo conviviale (nel caso erano oltre un centinaio) a chi spetta provvedere ed accertare che il presunto ‘focolaio’ non abbia contagiato ? E’ pur vero che essere ‘positivo’ al test non vuole dire essere contagioso, ma esiste quantomeno una ragione di prudenza, di opportunità, di cautela. Deve provvedere il sindaco che era tra i commensali e dal momento che è stato subito informato dell’accaduto ? Oppure anche lui si è  immediatamente sottoposto, assieme ad altri potenziali infetti, ai tempestivi tamponi e sono risultati negativi ? Una o due volte per dare sicurezza ?

E’ fuori dubbio che i coniugi  esercenti ricoverati all’ospedale di Albenga per Covid  19 fossero tra i commensali dei matrimonio e in quarantena si è prudenzialmente messa anche una cognata. Si è quantomeno ‘monitorato’ chi sedeva al loro tavolo ? Il sindaco si appella alla privacy. Nessuno chiede di conoscere nomi e cognomi (esclusione fatta, accade abitualmente, per personaggi pubblici di cui leggiamo sui media e ascoltiamo in Tv). Nel disgraziato caso di Noli una nota esplicativa sarebbe stata utile sia a tranquillizzare, sia a porre fine a voci incontrollate, peraltro ascoltate al tavolo di un bar piuttosto che al ristorante. A interrogativi più o meno benevoli nei doveri di un sindaco. Una vicenda del resto di dominio pubblico. Anche i carabinieri sarebbero stati informati.

Per concludere, il sindaco a conoscenza dei due esercenti ricoverati (gli auguri di guarigione -e senza postumi- sono doverosi) che iniziative ha assunto a tutela della sanità pubblica ? Tutto di guadagnato se, oltre ai suoi doveri di pubblico ufficiale, ha dato buon esempio di coerente cittadino.

E  un piccola informazione sull’impegno dell’amministrazione comunale in tempi di pandemia.

DETERMINAZIONE DI IMPEGNO. COVID-19.

FORNITURA DI UN TERMOMETRO AD INFRAROSSO DA PARETE E DI UN TERMOMETRO A PISTOLA

…..Il preventivo di spesa della ditta ELETTRONICA GALLI SAS con sede in Savona … di importo pari ad € 279,90 oltre IVA 22% e così per un totale di €341,48….

ULTIMA ORA DEL 22 OTTOBRE DAL COMUNE DI NOLI UFFICIO TURISMO

 

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto