Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Ceriale trema ? La morte di Marina. Era un pilastro del piccolo impero dei Murialdo. Papà Franco da Vado Ligure a Calizzano, da Savona fino a Ospedaletti

Papà Franco Murialdo, il geometra imprenditore edile della prima generazione del boom edilizio in Riviera (iniziò a Borghetto in società con il geom. Silvio Sarà), non aveva bisogno di ‘curriculum’ e ‘attestati’. Era la trave portante del piccolo impero che aveva creato dagli anni ’60. La figlia Marina che un destino crudele e ingrato ha strappato ai suoi cari e a quanti la stimavano, dopo la perdita del padre, tre anni or sono, era il pilastro centrale che reggeva aziende ed interessi di famiglia. Marina donna semplice, idealista, che preferiva non esibirsi, lontana dai riflettori.

Marina Murialdo il giorno del funerali di papà Franco

Dal Parco Acquatico Caravelle, importante industria del divertimento e del turismo,  al Villaggio Turistico Il Paese di Ciribì – Bungalows, con ristorante e bar, all’operazione edilizia sul mare dopo l’abbattimento dell’ex Hotel Torelli. Poi  c’è la sorte dell’ approdo turistico (Poseidon), a Borghetto S. Spirito, finito nella procedura fallimentare: curatore il dott. Ambrogio Botta di Albenga che su designazione del Comune di Loano fa parte del collegio sindacale della Servizi Ambientali Spa (società interamente pubblica).

Trucioli.it dell’11 gennaio titolava: Ceriale sul sito di Marina Murialdo. “Non tollero manipolatori e opportunisti. E col ‘sì’ alle Caravelle: papà grazie a chi so io”.
mmmhttps://trucioli.it/2019/01/11/ceriale-sul-sito-di-marina-murialdonon-tollero-manipolatori-e-opportunistie-col-si-alle-caravelle-

Quali saranno le ripercussioni con la scomparsa di una manager che aveva imparato alla scuola di un saggio capofamiglia, conosceva a dito la realtà imprenditoriale locale, aveva ben chiari strategie e rischi. Erede di una famiglia facoltosa e dignitosa che in nome della coerenza si era trovata le redini tra le mani. La sua pagina Facebook forse rispecchia più di ogni altra cosa il suo animo e modo di essere,  di porsi e affrontare la quotidianità: “”Nel tempo dell’inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario. G.Orwell’ Era tra i suoi ultimi post, il 4 maggio 2019. E il 13 aprile: “Buon compleanno papà !”. E il 2 gennaio 2019: ” .”La stanchezza è quel momento di riflusso che precede la nuova onda e le lacrime sono il lubrificante dell’anima per andare più lontano di prima…. è proprio quando si hanno queste sensazioni che si raccolgono le forze per andare avanti”. La vigilia di Natale del 2018: “…più stimi le persone, tanto più le persone stimano il loro Prossimo e quindi stimano te e allora tu stimi te stesso perché sei stimato dal tuo Prossimo! Buon Natale a tutti!”.

Marina Murialdo non aveva raggiunto il successo con la ‘mediocrità’. E da imprenditrice cresciuta nel mestiere adorava la concretezza e le persone concrete. Non sappiamo se tra quanti oggi la piangono e la descrivono anche sui media, siano stati presenti e al suo fianco nei momenti difficili. Certamente ha potuto contare sulla coesione dei suoi cari, di una mamma privata prima dell’adorato marito e ora della creatura su cui tanto contava. Toccherà alla sorella Silvia prendere le redini in un momento non facile nel mondo dell’imprenditoria immobiliare e nel settore volano turistico. Le aziende Murialdo che creano e danno lavoro, ultimo baluardo di una realtà socio economica dove quasi sempre laureati e diplomati devono lasciare il proprio paese.

Quel capitolo infelice di storia cerialese. Trucioli Savonesi titolava:

E’ dal 1972 che si era iniziato a parlare di porto. I progetti
Il nuovo complesso portuale di Ceriale
Dellepiane group compra da Murialdo
Una buona notizia in un momento drammatico per la cittadina

I PRIMI PASSI UFFICIALI DEL PROGETTO PORTO CHE POI NAUFRAGO’

E LA RINUNCIA ALL’OPERAZIONE DEL GRUPPO DELLEPIANE DI SAVONA

Era il 19 dicembre 2004 e presso l’Ufficio Regionale di Valutazione di Impatto Ambientale, a Genova, venivano depositati gli atti per l’avvio della procedura.  (vedi…). Oggetto: progetto di approdo per il diporto nautico in Comune di Ceriale.  Proponente: Nettuno SRL, corso Europa 38, Loano. Ubicazione: litorale comunale di Ceriale tra molo San Sebastiano e Capo Santo Spirito. Descrizione intervento: realizzazione di approdo nautico per 100 P.E. e relative aree a terra. Edificazione RTA ed accessori. Riqualificazione paesaggistica del sito”.

Pochi mesi dopo, il 30 aprile  2005, a tutta pagina, La Stampa, a firma di Romano Strizioli:Ecco il porticciolo di Ceriale. Avrà 247 posti barca, parcheggi, aree verdi, un albergo a 4 stelle e moderni servizi “ (vedi …con progetto).

LA SCHEDA DELLA NETTUNO SRL E DEI MURIALDO

Il giorno dell’ultimo compleanno di Franco Murialdo

Era 26 giugno 2011. Da Trucioli- La società interessata al nuovo porto di Ceriale e all’operazione immobiliare annessa, è la Nettuno srl.  Costituita il 10 maggio 2011 dal notaio Virginia Ceri di Loano.  Capitale sociale 11 mila euro. Inizio dell’attività il i maggio 2002.L’oggetto sociale ha al primo punto la costruzione di aree portuali, di strutture ed infrastrutture annesse, su aree private ed in concessione demaniale. Poi costruzioni residenziali,  gestione di aree del demanio e di complessi portuali, nonché ricreative.

Amministratore unico della società Franco Murialdo, nato a Vado Ligure, 76 anni, residente a Ceriale.  Nel 2006, dal notaio Luciano Basso, viene registrato un trasferimento di quote. L’elenco dei soci depositato a fine 2009 e ripartizione delle quote nominali del capitale sociale è il seguente.

 1) Asterias Srl, Loano, corso Europa 38:  quote 5.610.

2) Franco Murialdo, quote 275.

3) Ornella Borgna Molle,  quote275. Ha 74 anni, moglie, stesso indirizzo civico di Franco Murialdo, a Ceriale,

4) Marina Murialdo,  quote 2.420. Ha 48 anni, Ceriale, dirige il parco acquatico Le Caravelle.

5) Silvia Murialdo,  quote 2.420. Ha 42 anni, Ceriale, dirige il villaggio turistico Il Paese di Ciribì (62 bungalow, 332 posti letto), un figlio.

La società Asterias srl  è stata costituita il 20 dicembre 1978 dal notaio Navone a Pietra Ligure con un capitale sociale iniziale di 44.440. E’ stata al centro di un progetto di fusione per incorporazione che  riporta all’ex Fabbrica dei refrattari di Noli.

Nacque successivamente e con altri soggetti la mega operazione edilizia di Liguria 17, con alcuni risvolti mai chiariti in merito alla convenzione del 2007 in sede di Provincia di Savona. Il coinvolgimento di progettisti e consulenti (Murialdo non c’entra più) che ritroviamo in altre operazioni di grande impatto ambientale e spesso sul filo del rasoio. Da album dei “misteri” di questa provincia.

Diacimo che Murialdo, con l’Asterias, il 6 agosto del 2002, assorbì  a Noli, la Società a responsabilità limitata Fabbrica refrattari con sede a Viacarpagnon in provincia di Vicenza. Nella cittadina ligure aveva aperto, in via Colombo 1, un ufficio vendite, poi chiuso.

Nel 2009 all’Asterias, con Franco Murialdo, amministratore unico,  risultavano 5 dipendenti, sede operativa a Ceriale in via Chioso e Loro, sede legale a Corso in corso Europa, a Loano.

Capitale sociale e quote nominali pari a  46.440. Cosi suddivise:

1) Franco Murialdo 6.966  quote di proprietà e 8.127 (doppie)  di usufrutto.

2) Marina Murialdo, nuda proprietà, di 8.126 quote.

3) Silvia Murialdo, idem come la sorella.

4) Ornella Borgna Molle, 8.127 e 6.966 di usufrutto (doppie), con le figlie Marina e Silvia  detentrici della nuda proprietà.

La famiglia Murialdo è pure proprietaria dell’approdo di Borghetto S. Spirito, ai confini di Loano, quasi completato, lavori bloccati da due anni, in stato di degrado ed abbandono, pare per contestazioni sorte con le confinanti Ferrovie dello Stato.  L’opera è stata realizzata per conto della Poseidon Srl  (galassia Murialdo), con sede a Ceriale in via Chioso e Loro, inizio attività il 13 novembre 2006. Capitale sociale di 200 mila euro.

Il capitolo porticciolo di Borghetto S. Spirito. I suoi risvolti ai nostri giorni e quale futuro. Dai Murialdo all’Amministrazione controllata richiesta dalla stessa società proprietaria alla buona probabilità che il piccolo scalo ai confini con Loano trovi un acquirente solido, meglio se del settore, per il bene della comunità stessa.

UNA PAGINA DEL LIBRO: Cento anni di lavoro. Il ruolo delle imprese edili nella trasformazione del paesaggio urbano del ‘900 savonese. A cura di Mario Lorenzo Paggio. Edito per conto dell’Unione Industriali della provincia di Savona. Sezione imprenditori edili. Finito di stampare nel dicembre 2000 da Marco Sabatelli Editore.

CERIALE, LA MORTE DEL VECCHIO PINO DELLA PINETA

L’ANNUNCIO DEL VICE SINDACO GIORDANO

Ceriale, unica cittadina della costa savonese che può vantare un’angolo alberato sul mare meritevole di tutta l’attenzione e la considerazione che fino ad oggi gli è stata riservata dalle Amministrazioni comunali che si sono succedute, in particolare con il sindaco Ennio Fazio. Un investimento ambientale vero fiore all’occhiello. Apprezzato soprattutto dai turisti e da chi si rende conto quanto valga quel polmone verde per la salute, non soltanto la ricerca dell’ombra, al riparo dal sole e dal caldo.

Luigi Giordano sulla sua pagina Facebook: “Stamattina dobbiamo dare una notizia che non fa piacere a nessuno. I nostri operai stanno procedendo all’abbattimento del pino più vecchio della pineta, per la precisione il primo sulla sinistra venendo da Borghetto. Il pino è stato oggetto di osservazione costante da anni e da settembre 2019 veniva installato sul fusto ad altezza di 3 metri un’apparecchiatura in grado di registrare eventuali aggravamenti dell’inclinazione della pianta stessa. A seguito della forte burrasca dei giorni scorsi, durante il sopralluogo di prassi è emerso l’aggravamento dell’inclinazione come segnato dalla strumentazione installata. Nell’occasione è stato anche riscontrato un innalzamento della zolla radicale, indice di movimento anomalo della pianta. Per quanto sopra, il sindaco ha dovuto emettere ordinanza contingibile e urgente per l’abbattimento immediato della pianta a tutela della pubblica incolumità

 

 

 

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto