Numero visualizzazioni articolo: 443

Pista ciclopedonale Savona-Varazze
Tra fantasie, realtà e progettisti
Appello: ‘Impedite questo delitto’ !
Con Albissola Marina e Capo senza progetto

Pista ciclopedonale Savona-Varazze tra fantasie e realtà. Fantasie sono i nomi dei progetti, realtà invece il loro contenuto!

di Paolo Forzano

La pista ciclopedonale Savona-Varazze è stato progettato da  IRE (che ha inglobato la savonese IPS) usando veramente poche “capacità” intellettuali!

Riassetto viario ed urbanistico dell’Aurelia storica fra la Torretta ed Albissola Marina”

Infatti tra Savona ed Albissola Marina ha posto la pista ciclopedonale sull’Aurelia, togliendo spazio prezioso a questa arteria fondamentale. Incredibile!

La ciclopedonale a Limone del Garda

Attualmente l’Aurelia ha una corsia centrale , stretta, ma indispensabile al transito dei mezzi di soccorso, viste le perenni code sia in andata che di ritorno. Questa corsia sarà eliminata!

Galleria Valloria, ristretta dai recenti lavori di 60 cm, verrà utilizzata per la pista ciclopedonale, piuttosto che passare all’esterno verso il cantiere.

Posso dire: scarsa qualità dei progettisti e scarsissima attenzione dei politici Savonesi ed Albissolesi!

Rendering ciclopedonale a Savona

Non è forse un progetto migliore lasciare la strada alla larghezza attuale, utilizzare il marciapiedi esistente tra Savona ed Albissola per la pista ciclabile, e realizzare a sbalzo una passeggiata pedonale da 2,5 metri come a Bergeggi o come a Riva del Garda?

Un appello a Caprioglio, Sindaco di Savona, ad Arecco Assessore all’Urbanistica e Mobilità del Comune di Savona, a Nasuti Sindaco di Albissola Marina: non lasciate che questo “delitto” venga perpetrato!

Ricordo che nel 1930 il Sindaco di Albissola Marina si oppose strenuamente a che la nuova Aurelia in costruzione (l’Aurelia che conosciamo ed usiamo tutti i giorni) fosse larga “solo” 8 metri! Chiese a piena voce che fosse di 13 metri, ed ottenne i 13 metri di larghezza!

Oggi il Comune di Savona è totalmente “passivo” ed accetta i risultati di una indecente progettazione da parte di IRE che toglie diversi metri all’Aurelia per fare una pista ciclopedonale che si potrebbe fare come sul Garda al di fuori della sede stradale!

Ad Albissola Marina NON C’E’ PROGETTO! Il progettista suggerisce alle biciclette di utilizzare la passeggiata degli artisti od in alternativa la strada interna pedonale!

Ad Albisola Capo NON C’E’ PROGETTO! Il progettista suggerisce alle biciclette di utilizzare la passeggiata a mare.

La galleria di capo Torre verrà evitata passando sulla passeggiata a mare.

Ma mi chiedo: è uno sforzo eccessivo per progettisti e politici “vedere” che cosa hanno già fatto altri?

Ad esempio Bergeggi, od ancora meglio Riva del Garda.

Limone sul Garda (Brescia): La pista ciclopedonale a sbalzo sul lago.

L’hanno già chiamata «la ciclabile più bella del mondo», o la «ciclabile dei sogni».

Certamente il primo tratto della pista da Limone a Riva del Garda impressiona per bellezza, capacità progettuali e operative.

Si tratta di una passerella a sbalzo, larga circa 2.5 m, lunga circa 2 km, agganciata alla parete rocciosa che strapiomba nel lago, accanto alla ‘storica’ strada del Meandro, così battezzata da Gabriele d’Annunzio negli anni Trenta del secolo scorso, poi ripresa come statale 45 bis ‘Gardesana Occidentale’.

In un panorama italiano dove la costruzione di nuove piste ciclabili è particolarmente parsimoniosa e frutto talvolta di improvvisazioni con rischiose conseguenze per gli utilizzatori – succede non di rado che le piste siano più pericolose delle strade ordinarie – vedere un’opera progettata e realizzata a regola d’arte conforta e fa sperare bene per il futuro.

Questo tratto, appena inaugurato (novembre 2018), è quello di maggior suggestione del futuro anello del Garda quello che dall’abitato di Limone raggiunge il confine con il Trentino affiancandosi alla vecchia Strada Gardesana Occidentale: con la particolarità che, dove la strada entra in galleria, la pista ciclopedonale si aggrappa alla roccia sporgendo a sbalzo sulle acque del lago.

Il progetto prevede la realizzazione di parte di un percorso ciclopedonale lungolago inserito nel progetto di “Realizzazione di un collegamento ciclopedonale sulle sponde del lago di Garda”, che coinvolge i comuni della sponda bresciana, trentina e veronese.

Il tratto sul comune di Limone completa le opere già eseguite fino a capo Reamol portando la ciclopista al confine con la provincia di Trento e, certamente, il collegamento tra i centri abitati di Limone e Riva del Garda appare il più impegnativo da un punto di vista tecnico-economico.

Allo scopo di aumentare la “trasparenza” del parapetto e, di conseguenza, per migliorare l’inserimento architettonico dell’infrastruttura, oltre all’allargamento del passo dei montanti verticali, è stato realizzato un pannello di tamponamento con sistema a “rete in fune in acciaio inox tipo CXS”.

Si tratta di una soluzione che associa alle caratteristiche di trasparenza ottime proprietà meccaniche. I dettagli tecnologici risultano, nella loro semplicità, essenziali e funzionali, garantendo nel contempo un’ottima durabilità.
Paolo Forzano

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi