Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

La poesia / Covid 19. Passato il tormento

  COVID 19. (Silloge poetica) 

 

                                                                              di 

                                                           Gianfranco Barcella*

                                                                                              

                                                            PASSATO IL TORMENTO 

                                                             Passato il tormento

                                                             che la memoria non resti

                                                             un raro momento

                                                             come  fiato d’ aspre rovine

                                                             e l’abbraccio non si rinnovi

                                                             come un gesto avaro.

                                                                

                                                                        COVID 19

                                                         Rumore e paura è la vita

                                                         con il corona virus.

                                                         Selvatichezza di natura

                                                         è la mia arma quotidiana.

                                                         Altra barriera pare vana

                                                         e il disegno provvidenziale

                                                         di questa mattana, mi sfugge.  

                                                         Come il lilium ancora porgo

                                                         il mio stilo delicato al sole

                                                         e offro la mia fragilità

                                                          come sola verità.

                                                                             LA VITA

                                             La vita è sempre bella

                                              quando le vele sono tese al vento.

                                              Nel ricovero del porto

                                              dopo il maestrale

                                              e i terzaroli sono ben serrati

                                              si gode della beatitudine

                                             dei danni sventati.

                                             Forse il segno vero della speranza

                                             è in un moto leggero del mare

                                             che danza solo per un momento

                                             come un gioco senza ironia

                                             di concetto e di sentimento.

                                                         IL VITUPERIO

                                             Mi manca il vituperio di Rustico Filippi

                                            per denunciare le nuvole di sangue

                                            che salgono ogni giorno dalla terra

                                            in una guerra di natura che dimentica

                                            i suoi figli che hanno i giorni corti

                                            e subito uccide anche chi crede ancora

                                            all’amore del fratello.

                                            La vita è ruota di tortura

                                           che lascia rovina su rovina.

                                           I poveri si devono aprire anche le fosse

                                           con le proprie mani.

                                           I padroni della terra non avranno lacrime di pietà

                                           finché su tutti gli orizzonti sarà proiettata

                                           una verità parallela da seguire per fatalità.

                                                         LA GRAZIA DEGLI ANGELI

                                          Nella mia vita di uomo

                                          c’è ancora la grazia degli angeli

                                          nel fertile buio del cielo.

                                          Con un verso a ridirlo è dolore

                                          ma resta una sillaba d’ombra

                                          sotto un velo di sangue

                                          a specchio di quell’intimo fulgore.

E’ FATICA

                                        E’ fatica alzare le vele a braccia nude

                                        e cercare il vento per tracciare la rotta

                                        sull’onda  del destino che respinge la barca.

                                        E’ una follia anelare il domani,

                                         temendo i desideri vani d’inquietudine

                                         ma c’è almeno un verso che piace

                                         anche nella poesia più brutta

                                        come un pesce venuto da lontano.

                                        E’ un sogno nel silenzio

                                        davanti ad un oceano dalle gote azzurre

                                        e la bocca loquace giace nella bonaccia

                                        in un guazzabuglio di tronchi galleggianti

                                        sul mare che non ha casa né padroni

                                        e ha voce per tutti quelli

                                        che lo stanno ad ascoltare.

                                                     

                                                                   L’APE

                                         Il poeta è come l’ape

                                         che non conosce la sofferenza,

                                         l’incaglio e lo sconfino della morte

                                         e sugge senza posa  polline di vita

                                         per offrire miele ai cuori

                                          che hanno fame infinita.

 

   IL CERCATORE

                                              L’unica decisione coraggiosa

                                              da prendere su questa terra

                                              è quella di fare il cercatore del nulla

                                              con l’illusione di trovare

                                              una fama che non perisca.

                                               Come la poesia, la vita

                                              è un tristissimo imbroglio

                                              e solo quello che non c’è

                                              ci illude di saggezza e d’eternità.

                                              Rassegnarsi a quel poco che resta

                                              è l’unica verità tra vita e morte.

                                              Non c’è riparo in altra sorte.

 

 AI TEMPI DEL CORONA VIRUS

 

                                        Nella finta gabbia del covid 19

                                        tra ozio e diletto, finalmente

                                        mi sono sentito un uomo perfetto.

                                        Solo dal silenzio del mio sepolcro

                                        s’è schiuso un orizzonte di vita

                                        e ho sentito la carezza del mondo.

                                        Ho stretto nelle braccia il nulla

                                        del tempo verticale

                                        che pare a noi uguale,

                                        nella falsa verità dell’inazione.

                                         M’è piaciuto pensare nel lucore

                                        della  pagina bianca, senza dover andare

                                        e scegliere l’ultimo percorso

                                        solo guardando in fondo a quell’orizzonte

                                        che sempre stanca. Ho amato anche l’illusione

                                        dell’ amore ch’è diventata certezza solo

                                        per le mie povere ore. Almeno il pensare

                                        m’ha fatto essere al mondo

                                        per cercare la realtà in qualsiasi direzione.

                                        La mia casa è diventata il mio zaino,

                                        ricolmo delle sole emozioni d’inutile fatica,

                                        ma ho sempre amato le allucinazioni

                                        del niente che non hanno parole.

 *Gianfranco Barcella, nato a Savona nel 1954, già docente di materie letterarie e giornalista, è stato direttore editoriale di periodici. Ha collaborato con giornali e riviste letterarie. Ha pubblicato tra l’altro, opere letterarie a carattere monografico, saggi storici, saggi di critica letteraria, un romanzo giallo e studi di carattere locale. Si è dedicato anche alla poesia. Ultimamente ha rivolto i suoi interessi agli studi giuridici e ha pubblicato un testo scolastico di educazione alla legalità per la scuola Media Superiore.

 

 

 

 

 

 

 

                                           

 

 

 

 

 

 

Gianfranco Barcella, nato a Savona nel 1954, già docente di materie letterarie e giornalista, è stato direttore editoriale di periodici. Ha collaborato con giornali e riviste letterarie. Ha pubblicato tra l’altro, opere letterarie a carattere monografico, saggi storici, saggi di critica letteraria, un romanzo giallo e studi di carattere locale. Si è dedicato anche alla poesia. Ultimamente ha rivolto i suoi interessi agli studi giuridici e ha pubblicato un testo scolastico di educazione alla legalità per la scuola Media Superiore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Avatar

G.F. Barcella

Torna in alto