Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Storia Patria, prima lezione di Nicolini
Savona: storie di luoghi fuori le mura

Con il corso didattico Savona storie di luoghi fuori le mura intendiamo affrontare, crediamo per la prima volta, una “inventariazione” di quale straordinaria ricchezza culturale e naturalistica risieda al di fuori del centro storico cittadino. Lo riteniamo un atto dovuto ad una parte molto estesa del nostro territorio circostante. E lo facciamo perché intendiamo seguire i tre obiettivi cardine della nostra Storia Patria: conoscere, studiare e tutelare. LEGGI ANCHE : Pablo…le poesie parlano tutte d’amore» con Elio Berti e Cristiana Rossi e il trio batteria, basso e tastiere per la produzione AocchiAperti è lo spettacolo in programma sabato 1 febbraio alle 21 al Teatro Sacco di Savona.

Il Piano, l’Oltreletimbro e Légino

La maggior parte dei luoghi che incontreremo saranno quasi sconosciuti alla maggior parte dei savonesi “cittadini”; inoltre, ricordiamo che quanto si dirà nelle conferenze sarà raccolto in un volume di nostri Atti e Memorie che uscirà a metà anno: il corso è riservato ai soci di Storia Patria e il volume sarà loro distribuito gratuitamente.

Per incominciare il corso ci siamo affidati ad Angelo Nicolini, colui che può descrivere palmo a palmo il nostro territorio, perché lo ha percorso virtualmente sulla scorta di tutti i documenti disponibili negli ultimi due secoli di Medioevo. La lezione si svolgerà venerdì 31 gennaio (ore 16.30, aula Magna Liceo Martini, via Aonzo, 2, Savona).

Il lavoro che ci presenta sarà una sintesi ma anche il canovaccio dei successivi tre interventi sui quartieri savonesi.

Il torrente Letimbro, la Guardia e il crinale verso Albisola

questo caso, lo sforzo della nostra Società e degli Enti che ci accompagnano in questo lavoro impegnativo e originale è fornire materiali nuovi per definire il Genius loci di Savona, augurandoci di poterlo trasmettere a chi verrà dopo di noi arricchito con le nostre esperienze.

Dal punto di vista urbano, la Savona della prima metà del Trecento merita la stessa definizione coniata da Bianchi e Poleggi per la Genova di fine Duecento: quella di «città “finita”». Dopo di allora infatti, e sino al XIX secolo, essa non andrà incontro ad alcuna espansione edilizia degna di nota.

Vale comunque la pena di soffermarsi brevemente sulla rapida costruzione del “centro direzionale” cittadino fra il Brandale e il mare, avvenuta in poco più di un ventennio (1318-1340): un avvenimento accompagnato da riforme politiche e amministrative, successi finanziari e una nuova forma statutaria, che segna anche l’affermazione di un consapevole orgoglio civico e, molto probabilmente, l’apice economico del Medioevo savonese.

All’esterno, fuori dalle mura e a poca distanza da esse, i documenti ci dipingono una esigua ma fertile pianura, percorsa da “crose” e irrigata da una rete di piccoli canali, che ospita orti e “viridari” separati e protetti a loro volta

L’insediamento antico di Montemoro
Legino, la chiesa di San Pietro e Paolo

da muri di cinta, dove si coltivano verdure e alberi da frutta.

Angelo Nicolini

 

 

 

 

 

AL TEATRO SACCO DI SAVOA: Pablo…le poesie parlano tutte d’amore» con Elio Berti

«Pablo…le poesie parlano tutte d’amore» con Elio Berti e Cristiana Rossi e il trio batteria, basso e tastiere per la produzione AocchiAperti è lo spettacolo in programma sabato 1 febbraio alle 21 al Teatro Sacco di Savona

Uno dei più grandi poeti del Novecento Pablo Neruda, uomo silenzioso e affascinante, poeta che spazia dalla vita all’amore alla politica. Raccontare Pablo Neruda è una impresa, non del tutto impossibile. Da qui siamo partiti: “Pablo, tutte le poesie parlano d’amore”. Già perche i poeti, coloro che vedono, assaporano, scrivono, sono capaci di lodare qualsiasi cosa basta che ci sia, basta che si capisca che c’è. E’ quello che Pablo Neruda ha costantemente cercato di raccontare in anni difficili, sostenendo le sue idee, senza accusare, senza criticare, ma soltanto attraverso la poesia raccontare l’amore per una terra, un pensiero, una donna. Le donne hanno avuto una grande componente nella sua vita, specialmente la madre, morta poco dopo la sua nascita, e la figlia, morta prematuramente per una grave malattia.

La contaminazione sarà proprio nelle poesie rigorosamente in lettura interpretata, legate insieme in un racconto di questo personaggio in scena che potrebbe essere lui! Musica e danza si fondono con il racconto a monologo e le poesie recitate rigorosamente in lettura interpretata. Per rispettare la normativa vigente sulla sicurezza, il Teatro ha una disponibilità di posti a sedere limitata, pertanto è molto gradita la prenotazione.

 

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto