Numero visualizzazioni articolo: 189

Assalini, nato a Cairo, morto sul fronte russo E…quelle lapidi dimenticate nel camposanto

La direzione del cammino individuale, nella buona fede del suo autore, concettualmente è difficoltosa da spiegare, il nostro cammino è quasi sempre imprevedibile e imprevisto. Ci si espone all’autoesame perpetuo delle nostre risorse, fisiche, economiche, temporali, ci espone alla trasformazione dei tempi e alla interpretazione inedita della storia e del senso. Un fatto dietro l’altro, in quel progredire logico e illogico che accompagna la vita, con tante domande e alcune risposte pratiche ai quesiti muti della nostra umanità che avanza consequenziale, si dirama e rioccupa lo spazio degli avi e anche il nostro spazio.

Un commilitone di Lodi fece tumulare il cadavere di Armando Assalini di Cairo Montenotte che era stato dilaniato da uno scoppio di mina. Era stato militare a Sanremo, ed era particolarmente bravo per le riparazioni meccaniche. A Sanremo andò a trovarlo la madre, alla quale, al ritorno dei superstiti dalla Russia il compagno scrisse informandola che aveva seppellito il figlio, non dicendole però che era quasi completamente carbonizzato.

Senza respiro, ma certamente con crescente consapevolezza. Invisibili forse nel rapporto con gli altri e specialmente con le parole vivaci e superflue che si aggiungono nelle righe immobili e incise profondamente nella matrice marmorea, peggiorando talvolta la situazione. Quelle parole esistevano già sui testi antichi e le troviamo poi sulle lapidi dimenticate del camposanto.

Bruno Chiarlone Debenedetti

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi