Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Savona, accesso al San Paolo e dramma ambulanze. Chi tace è corresponsabile

“Anche oggi, 15 maggio, è tutto bloccato! Ma che futuro ci può essere per i nostri territori se perdura questa situazione?”. Si sfoga un cittadino savonese a proposito di un’emergenza che dura da tempo (problematiche di viabilità, Tir, incidenti, e di accesso all’ospedale San Paolo persino per le ambulanze a sirene spiegate). Dove è quella classe politica che cavalca il ‘cambiamento’, il ‘governo del fare’ anche a Palazzo Sisto IV, e poi si finisce a perseguire da una parte un imbattibile ‘esibizionismo’ mediatico, dall’altra si allarga la cancrena causa inconcludenza, parolai, presuntuosi che falliscono un obiettivo dopo l’altro. Se poi c’è in ballo il bene primario salute e salvezza di vita umane, abbiamo davvero toccato il fondo dove non ci sono scusanti se non l’incapacità e la mediocrità; di male in peggio.

Giampiero Storti presidente del Comitato Amici del San Paolo

Cari amici e sostenitori, dopo la inarrestabile sequela di tragici eventi, sulle strade e autostrade attorno al nostro Capoluogo, abbiamo apprezzato l’impegno dei sindaci del Levante convocati dal sen. Franco Orsi  nel  pubblico consiglio comunale di Albissola Superiore.

Non abbiamo ben compreso le conclusioni. Dalle rassegne stampa abbiamo notato l ‘assenza nel dibattito del problema dell’accesso all’Ospedale San Paolo. Argomento più volte rappresentato dai sindaci della Val Bormida e non solo.  E’ sotto l’occhio di tutti la drammaticità in cui si trovano le  autoambulanze impossibilitate a portare i soccorsi nelle emergenze /urgenze.
Questi temi sono stati segnalati dal “Comitato amici del San Paolo” dal primo giorno della sua costituzione , unitamente alla ricerca della  soluzione delle gravi criticità legate all’emergenza ( emodinamica,centro ictus, angiografo,equipes mobili di specialisti angiografisti e vascolari). Comprendiamo che i problemi ormai incancreniti da decenni di errori e incuria non si risolvono con la bacchetta magica.
Siamo convinti che i nostri rappresentanti locali siano angosciati nel non riuscire a impostare con i livelli decisionali superiori soluzioni rapide ed efficaci.
Non ultimo, l’annoso collegamento San Paolo – Casello autostradale,  per la cui soluzione il comitato costituito dall’ ing. Paolo Forzano da anni si batte con proposte tecniche e competenza.
Crediamo che i nostri rappresentanti locali ,regionali e  nazionali,questi due ultimi se esistono per la città di Savona, debbano essere aiutati a sostenere la soluzione di questi problemi legati alla vita delle persone ,alla loro qualità di vita, allo sviluppo del territorio, al lavoro per le nostre popolazioni.
Consideriamo assai lodevole l’iniziativa  della prof. Daniela Pongiglione con la petizione in Change.org ,  poichè rientra nello spirito di quanto sopra descritto e invitiamo a parteciparvi.
Crediamo che la soluzione ai nostri numerosi problemi passi attraverso la sinergia di tutte le forze vitali che albergano nella nostra città .
Ringraziando per l’attenzione porgo distinti saluti,
Il Presidente del Comitato Amici del San Paolo, Giampiero Storti
LA LETTERA APPELLO DI DANIELA PONGIGLIONE
Daniela Pongiglione di Noi per Savona, consigliere comunale

Cari amici, da troppo tempo stiamo aspettando dalle diverse Amministrazioni un segnale di attenzione sul problema drammatico del traffico caotico, dei TIR in Città, delle navi in porto col motore sempre acceso, del conseguente forte inquinamento. Per non parlare dell’urgenza del raddoppio della ferrovia tra Ceva e San Giuseppe, intervento basilare per eliminare il “collo di bottiglia” e rilanciare economia e turismo.

Il nostro Gruppo ha organizzato due Convegni sul tema della mobilità ( “La cura del ferro” e “Le virtù dell’elettrico”) nodo cruciale su cui intervenire senza aspettare ancora. Gli incontri richiesti anche con esponenti della Regione sono sempre slittati per tanti motivi e da un mese e mezzo stiamo aspettando l'”incontro urgente” col Sindaco e i tre Assessori di competenza. Nulla si muove.

Allora, data l’emergenza della situazione, Noi per Savona ha progettato due iniziative:

  1. una mozione su questo problema che impegni il Sindaco e la Giunta a convocare un tavolo tecnico per richiedere i finanziamenti già esistenti (che nessuno ha richiesto per la nostra Città). Questa mozione è stata depositata ieri e verrà discussa nel prossimo Consiglio comunale.
  2. una raccolta di firme su Change.org. E’ partita oggi e la trovate su Facebook, nella pagina di Noi per Savona.

Vi invito a firmare, a condividere e a diffondere il più possibile.

Vista l’inerzia di chi potrebbe / dovrebbe intervenire confidiamo in una forte presa di posizione dei Cittadini (non solo savonesi). La nostra indignazione, il nostro dire BASTA! devono essere portati all’attenzione dei responsabili.

Grazie e cordiali saluti a tutti, Daniela Pongiglione

Avatar

Trucioli

Torna in alto