Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

A scuola nel rifugio di Pian dei Corsi.
Altare e il suo ‘riso in cagnone’, piatto tipico

L’Istituto di Istruzione Superiore “Federico Patetta”, di Cairo Montenotte, in collaborazione con “Accademia di Benesserologia – La Medicina che integra”, “L’albero del Tao” e “Teatro Cantiere”, organizza”Sport, Territorio, Confini “un Campus residenziale estivo dedicato alle alunne e agli alunni dell’Istituto. La scuola cairese, unica in Liguria, ha infatti ottenuto il finanziamento ministeriale Monitor 440, grazie alla sinergia con le associazioni culturali e sportive del territorio.  Leggi anche il Patetta si arricchisce del nuovo Laboratorio per l’edilizia. Leggi : Altare ‘riso in cagnone ,’il piatto, con la sua crosta dorata, può’ essere servito, caldo o freddo, come antipasto, pietanza o piatto unico, ben si adatta ad esigenze del momento e merita il riconoscimento di Denominazione Comunale De.Co.

Il rifugio di Pian dei Corsi a Rialto

Venti studenti dell’Istituto, scelti fondamentalmente sulla base del merito tra gli allievi del primo triennio, saranno ospiti dal 2 all’8 luglio del Rifugio-Vivaio Forestale di Pian dei Corsi (nel Comune di Rialto) dove, con la guida degli insegnanti, degli educatori e degli istruttori potranno socializzare in un contesto naturale, sperimentando attività ludico-motorie innovative e non convenzionali. Una full immersion completamente gratuita, nell’ambito della quale gli studenti potranno cimentarsi in numerose attività sportive (dalla canoa al free ride con guide esperte, tra faggete affacciate sul mare), in Laboratori di Teatro ed esperienze di yoga, ed ancora in attività nel bosco quali orienteering, tutela ambientale, ricerca di piante spontanee commestibili e molto altro, nutrendosi in maniera adeguata dal punto di vista nutrizionale e stagionale.

Una settimana intensa e impegnativa, resa possibile grazie alla sinergia che si è realizzata tra l’Istituto e le associazioni sportive e culturali di Cairo Montenotte: l’Accademia di Benesserologia creata/fondata dalla dr.ssa Michela Carlini, che ha come finalità la promozione ed educazione alla salute psico-fisica, quindi al benessere, l’Associazione Sportiva “L’Albero del Tao” – il primo centro olistico del territorio valbormidese – e l’Associazione Culturale “Teatro Cantiere” il gruppo di ricerca teatrale nato nel 2003 e da sempre impegnato nella ricerca nell’ambito dell’arte teatrale, del canto, della voce, dell’espressione fisica, della danza, della musica.

Le attività laboratoriali, coordinate dal facilitatore educativo di Accademia di Benesserologia Graziano Marchi, saranno curate dagli attori e performer Sara Pirotto, Josephine Chiara Lunghi, dal regista Hengel Tappa, dalla dottoressa Michela Carlini, medico di Medicina generale e Medicina integrata, dall’educatore professionale Giorgio Ballocco, dall’educatore professionale e istruttore di yoga e mountain bike Samuel Ruggiero e da esperti di Fondazione CIMA.

Il Campus sarà completamente gratuito per i partecipanti e comprenderà il trasporto, vitto e alloggio e tutte le attività sportive e laboratoriali. Per illustrare alle famiglie interessate le attività del Campus, Venerdì 23 marzo 2018 alle ore 17:15  presso la sede di via XXV aprile 76 dell’Istituto si svolgerà un incontro con i referenti del progetto. Le domande di iscrizione potranno essere presentate nei giorni immediatamente successivi all’incontro e sino al 13 aprile 2018.

AL PATETTA IL LABORATORIO DI EDILIZIA

Comunicato stampa –   L’indirizzo Costruzioni Ambiente e Territorio dell’Istituto di Istruzione Superiore “Federico Patetta” di Cairo Montenotte (Savona) si arricchisce di un laboratorio di edilizia allestito presso la sede di Via XXV Aprile.

La nuova struttura consentirà agli allievi geometri di svolgere esercitazioni pratiche sulla progettazione e la verifica di strutture in calcestruzzo e calcestruzzo armato (mix design di malte, travetti gettati in casseratura, efficacia delle armature e molto altro ancora).

Il laboratorio si avvale anche di una macchina per le prove distruttive sul calcestruzzo. La pressa, già nella disponibilità dell’Istituto, è stata revisionata e rimessa in perfetta efficienza grazie all’intervento di alcuni studenti del corso M.A.T. (professionale manutenzione assistenza tecnica). Il sistema idraulico consente di portare alla tensione di rottura provini di calcestruzzo di varie dimensioni raggiungendo pressioni di alcune centinaia di chilogrammi ogni centimetro quadrato. Tali operazioni, fondamentali per determinare la qualità degli impasti, costituiscono una delle prove obbligatorie sui materiali messi in opera.

L’Istituto “Patetta” offre la possibilità, a quanti siano interessati (professionisti, responsabili di cantiere, imprese nel campo dell’edilizia etc.), di eseguire controlli su cubetti confezionati e consegnati presso la sede scolastica di via XXV aprile. I risultati delle prove, eseguite dagli studenti del corso C.A.T. con l’assistenza e la supervisione dei docenti, non consentono una certificazione ufficiale ma sono particolarmente significativi per una valutazione preliminare e di controllo.

Per avvalersi di tale servizio, assolutamente gratuito, è sufficiente contattare la segreteria della scuola (tel 019504684) e lasciare un recapito telefonico.

E  I CATASTI ANTICHI NELLA VALLE DEL BORMIDA

ALTARE E IL SUO RISO IN CAGNONE PIATTO TIPICO CHE MERITA DI ENTRARE NEL PROGETTO DE.CO.

L’Associazione Arti e Misteri ad Altare ha organizzato al teatro Asilo Mons Bertolotti  un incontro pubblico sul tema “RISO IN CAGNONE – Una tipicità della cucina altarese”. Hanno partecipato all’incontro rappresentanti dell’Amministrazione Comunale, della Pro Loco, associazioni di volontariato presenti sul territorio e la condotta SloW Food Valbormida, ma sopratutto le massaie desiderose di contribuire, con la propria esperienza e le proprie ricette, a valorizzare il piatto tipico altarese,

Il “RISO IN CAGNONE” , che da sempre ha occupato un posto importante nella cucina altarese, si fa risalire alle antiche attività lavorative del paese (vedi tradizione vetraria) ed ha rappresentato un momento di unità nel tessuto socio-economico. Il piatto, con la sua crosta dorata, può’ essere servito, caldo o freddo, come antipasto, pietanza o piatto unico, ben si adatta ad esigenze del momento.

Un prodotto che, insieme a altre realtà  altaresi enogastronimiche o artigianali, può  entrare  a pieno titolo nel “Progetto De.Co.” Ossia Denominazione Comunale atto deliberativo che lega in maniera anagrafica un prodotto al luogo storico di origine. Si desidera avviare una pratica di valorizzazione del territorio altarese attraverso la produzione di qualificati prodotti locali non solo gastronomici, ma anche artigianali. La speranza è che la proposta venga accolta con entusiasmo e si possa procedere agli atti necessari tendenti alla valorizzazione territoriale.

Avatar

Trucioli

Torna in alto