Numero visualizzazioni articolo: 725

Mendatica scompare? Attenti al luppolo!
Perché io tifo per l’ottimismo e le eccellenze

Mendatica: un paese che non si arrende.La frana che ha colpito Monesi ha messo certamente in difficoltà Mendatica e tutta l’Alta Valle Arroscia. Ma se crediamo che lo spirito degli abitanti della zona sia stato domato, potremmo anche incorrere in un errore. Le vicissitudini tragiche della stazione sciistica hanno come contraltare l’animo fiero di questa gente in cui permane l’origine Ligure Ingauno-Intemelia. Un carattere dalla scorza spessa, difficile da soggiogare, come lo furono i suoi antenati Celti.

Mendatica durante un’esposizione di prodotti del territorio

Mendatica si è distinta in un recente passato per essere l’unica realtà a voler tenacemente conservare le proprie tradizioni. Gli abitanti hanno sempre dimostrato un grande attaccamento alla loro terra. Un sentimento che è stato sempre accompagnato da iniziative concrete.

Non possiamo certo passare sotto silenzio il grande successo della “Cucina Bianca”, un appuntamento che è atteso da migliaia di persone e il cui numero di partecipanti sale vertiginosamente da un’edizione all’altra.

Oppure alla nuova idea di “Attenti al luppolo” una festa della birra consacrata alle eccellenze produttive della zona, e che si sta ritagliando il suo spazio anche a livello regionale.

Ma le attenzioni che Mendatica ha rivolto al territorio non si fermano qui. Da anni il paese è sede di una delle feste più ammirate dai bimbi in età scolare elementare: la transumanza. E con essa e l’arrivo a valle delle greggi, Mendatica ha inventato il Palio della Capra che consegna il simbolo della vittoria alla malga che prevale sul campo. Particolarmente gradita da tutti i convenuti è la classica sfilata in abiti d’epoca. Uno storico qui accorso mi faceva notare che si tratta di un “unicum”: la sola sfilata storica alla cui testa non c’è un Signore del Paese, ma il popolo, i pastori e la gente comune.

Queste non sono iniziative fini a loro stesse. I mendaighini sono ora intenti a modificare il loro calendario delle feste. Qualcosa potrà variare in nome del “panta rei”. Alla base c’è l’armonia di fondo suggellata recentemente dalla Pro-Loco con la Confraternita di Santa Caterina, che è sorta da poco proprio per conservare al paese gli aspetti religiosi. Si tratta di un’arma in più che è stata caricata per confermare lo spirito di rinascita e di rivincita. Assieme a queste due realtà è nata anche un’idea imprenditoriale. Una ventina di giovani di Mendatica hanno fondato una Cooperativa di Paese al quale è stato dato il nome di ‘Brigì’.

Questo tipo di azienda è rivoluzionaria e Mendatica è una delle primissime comunità che l’hanno scoperta e organizzata. In pratica è un tipo di cooperativa ad ordinamento speciale che è attiva al momento esclusivamente in pochissimi e lungimiranti paesi pilota della nostra penisola.

Lo scopo di fondo di Brigì è quello di assicurare il lavoro ai giovani della zona per impedire che essi lascino il territorio.

L’insieme di queste iniziative costituisce certo un buon viatico per un paese che non si arrende, come invece hanno fatto altre zone dell’entroterra italiano. La musica è certamente mutata dopo la frana di Monesi. Le azioni, che prima erano dedicate allo sviluppo, sono ora concentrate sulla rinascita. O meglio sulla volontà di ritornare al più presto ai fasti di un tempo.

Tutte idee che non avranno la prorompenza di un albero che cade, ma assomigliano molto alla foresta che cresce.

E sinceramente una voglia di rivalsa animata da tanta buona volontà non la si trova neppure nelle più rinomate realtà turistiche.

Di certo Mendatica merita simpatia e un grande augurio di buona fortuna.

Enrico Cannoletta*
*Perito Gioielliere
Graduate Gemologist (G.I.A.)
Tecnico Orologiaio
Consulente Tecnico del Tribunale

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi