Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Scappa, scappa arriva Ivg
il giornale della legalità & cronaca vera

Non volevamo credere a leggere il resoconto di un incidente stradale del quale siamo stati quasi testimoni. Non è la prima volta, la sorte ci era toccata altre due volte, abbiamo soprasseduto anche se in un caso c’era di mezzo una bimba che viaggiava con la mamma. Questa volta è davvero troppo ! Accade che Ivg.it, col nuovo direttore responsabile che ha la fortuna di essere corrispondente per tutta la provincia di Savona dell’Agenzia Ansa (in pratica una voce ufficiale di proprietà degli editori italiani), scriva la cronaca di un incidente stradale completamente strampalata. ‘Inventi’ di sana pianta lo scontro tra due ciclisti. In realtà l’incidente è accaduto perchè un’auto ‘pirata’ ha tagliato la strada, senza fermarsi allo stop. Uno dei due ciclisti, Giuseppe, 72 anni, di Pietra Ligure, è rovinato sull’asfalto, subito soccorso dall’amico in bici, di Spotorno, da tre passanti e dopo pochi  istanti  sia intervenuto un medico che faceva parte di una comitiva di giovani. Infine la Croce Bianca di Borghetto. Il tutto documentato dalle nostre sequenze fotografiche.

Il ciclista è a terra nel momento in cui arriva un medico che si trovava a Loano con una compagnia di giovani. In piedi il collega ciclista che ha assistito all’accaduto. La scritta dell’ora va corretta per un errore ( un’ora avanti) dell’apparecchio fotografico. Sono le 11,14 di domenica 25 febbraio 2018

Ivg.it fa’ scuola di giornalismo’ a giovani studenti con il beneplacito dell’autorità scolastica provinciale e che aveva suscitato la reazione dell’Ordine dei giornalisti. Alla fine solo tanto ‘ rumore ‘con lettera indignata del neo direttore Andrea Chiovelli. Ebbene a corredo dell’articolo che sotto riproponiamo, Ivg.it (Il Vostro Giornale, da 60 a 100 mila ‘contatti) mette la foto della zona dove si è verificato il sinistro, ai confini con Loano, già in territorio di Borghetto.  Il bello è che era in sosta un camioncino di ambulanti napoletani abusivi che vendeva ortaggi, con tanto di cartello ‘carciofi a 10 euro’. Nell’immagine, manco a dirlo, non compare nulla, scompare. Foto d’archivio.

Ambulanti abusivi di ortaggi. Vecchia e vergognosa piaga, un affronto a tutti quei cittadini che rispettano le leggi dello Stato. La nostra piana ingauna e il ponente hanno tra le primizie i carciofi nostrani, ai quali fanno concorrenza i sardi, i campani, i siciliani. Organoletticamente, i ‘savonesi’ pare siano più ricchi, teneri, soprattutto nelle terre  sabbiose.

Gli ambulanti hanno tranquillamente continuato la loro attività, incuranti del possibile arrivo di una pattuglia. Del resto sono diversi anni che questo blog pubblica fotoservizi in cui compaiono lungo la Riviera, da Varazze  ad Andora, camioncini che sostano quasi sempre sull’Aurelia, a volte facendo uso di megafono. Un’illegalità sfacciata, alla luce del sole, al 95 per cento impunita. Inizialmente operavano nella stagione estiva (da qui il nome melonari), ora tutto l’anno ed hanno esteso la copertura commerciale. Un danno per  agricoltori, una categoria che già si trova tra tanti fuochi della concorrenza, con la scarsa incisività delle rispettive associazioni. Un danno per i commercianti onesti, ambulanti o fissi, di prodotti dell’ortofrutta.

Un settore, che come le panetterie, si è moltiplicato con decine di aperture, in zone trafficate delle città, e in parecchi casi i gestori sono extracomunitari, perlopiù asiatici che possono resistere ad affitti proibitivi per gli italiani. Dove si riforniscono ? Di notte o di giorno ? Acquistano da questi ambulanti ? Che oltre a girare con furgoni utilizzano anche il Fiorino ?  I vigili ripetono che intervenire è complesso, causa pratica sequestro merce e reazione dei colpiti, generalmente sono in tre. I carabinieri pare lasciano correre, così la Guardia di Finanza, la polstrada. I sindaci, gli assessori, i consiglieri comunali, come tutti i cittadini, tirano dritti non si intromettono.  Se chiedi spiegazioni, “alzano le mani” e consigliano il cronista a ‘lasciar perdere, possono essere pericolosi, pare abbiano già minacciato….’.

Le pattuglie in divisa e in transito li notano e procedono oltre.  Perchè ? La buona stampa tace con sistematicità, a chi e quando interessa il tema ‘legalità’ ?  Ivg.it ha scritto un paio di volte, per Pietra Ligure, con il collaboratore – consigliere comunale Nicola Seppone. Un tematica da ignorare, sottovalutare ? E’ diversa dagli abusivi sulle spiagge, sui lungomare (di borse, indumenti, occhiali, chincaglieria )?  I connazionali napoletani, cittadini italiani senza lavoro (?), debbono essere tollerati e dare spettacolo assai poco educativo di ‘prepotenza’ ed impunità ? Impotenza dello Stato democratico, delle istituzioni che lo rappresentano, con il Prefetto, il Questore. Da chi fanno le provviste gli abusivi e quale la garanzia sanitaria dei prodotti ?

Da una parte la cronaca di un incidente taroccato, con una dinamica inventata, con un pirata della strada che è fuggito (in Alfa Romeo), un ferito probabilmente lieve, decine di persone che accorrono. Dall’altra il ‘silenzio stampa’  e fuorviante dell’editore più ‘autorevole’ ed introdotto della Provincia, voce ufficiale anche per via dell’Ansa, pagata dagli editori, che ignora la ‘mala pianta’ degli ex ‘melonari’. E da l’esempio !

Non è moralismo, né vestire i panni di Giamburrasca. E’ un problema di etica, di cervello, di cuore. Si può disinformare, buona fede data per scontata, anche di fronte ad un povero anziano ciclista ? Che una domenica mattina viene fatto cadere per mancato rispetto dello stop e poi riferire che invece è caduto causa scontro con l’amico ? Nessuna auto ha frenato, contrariamente a quanto riportato, anzi, ripetiamo, uscendo dal lungomare di Loano, oltrepassando il passaggio a livello, il pirata si è immesso sull’Aurelia, direzione ponente, senza curarsi del ciclista, della caduta. La polstrada avrà indagato, ci sono tante telecamere. E se accadesse ad uno di noi, un congiunto, un amico ?

ECCO LA CRONACA DI IVG.IT

Borghetto Santo Spirito. Un incidente si è verificato questa mattina, qualche minuto dopo le 11, sull’Aurelia a Borghetto Santo Spirito, all’altezza del bar Crystal. Secondo quanto riferito, un automobilista avrebbe frenato bruscamente causando la collisione di due ciclisti che lo seguivano. Sul posto sono subito intervenute l’automedica ed un’ambulanza della Croce Bianca di Borghetto. Fortunatamente i due ciclisti non hanno riportato gravi ferite, anche se uno dei due per precauzione è stato portato in codice giallo all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure. Sull’incidente indaga ora la Polizia Stradale: gli agenti stanno cercando di ricostruire le ragioni per cui l’auto ha frenato improvvisamente, innescando l’incidente. Il conducente della vettura non si è fermato sul posto ma si è allontanato.

TUTTE LE SEQUENZE DELL’INCIDENTE DOCUMENTATE DAGLI SCATTI E DALL’ORA INDICATA

 

 

 

 

 

 

L’arrivo del camioncino  ‘Maiello’ degli ambulanti della frutta e verdura e la sosta sull’Aurelia, abituale in molte altre volte che abbiamo ripreso la presenza a Borghetto. Usano l’accortezza di non fare un carico troppo piene nella malaugurata ipotesi remota di un sequestro. Ma l’automezzo dovrebbe pure essere sequestrato. E questo non succede mai, ci sarà una scappatoia
La scelta non manca 10 euro per 25 carciofi (se si tratta), ovvero 25 centesimi l’uno contro l’euro (minimo) dei negozi

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto