Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Monesi, annunci in corso… e il Belice

Dopo la disastrosa frana del novembre 2016, a Monesi di Mendatica, i cartelli segnaletici di  Lavori in Corso sono apparsi per un breve periodo estivo con il risultato oggettivo di aver condannato Monesi al totale isolamento per il secondo inverno. La doverosa e nota ordinanza – n° 12 del 26.11.2016 – di inagibilità emanata dal sindaco di Mendatica, Piero Pelassa, il giorno dopo il disastro,  permane su tutte le abitazioni della frazione. La “risposta” dello stesso sindaco alla petizione con la quale 19 proprietari di seconde case hanno chiesto, dopo un anno, l’aggiornamento dell’ordinanza, è stata tutt’altro che esaustiva malgrado sia articolata su due pagine. Se a tutto ciò aggiungiamo l’eloquente non risposta dell’assessore Giampedrone ad una richiesta formulata dall’allora presidente dell’associazione Monesi Borgo Antico inerente la seguente dichiarazione attribuita allo stesso assessore da un quotidiano locale:   “Se sarà possibile intervenire, faremo tutto quel che sarà possibile, anche chiedendo l’aiuto dello Stato. C’è però l’eventualità che ci arrivino risposte differenti. Siamo al cospetto di un malato gravissimo” (Tradotto?) “Un amministratore non può investire in maniera importante, se non ha almeno speranze ragionevoli di guarigione” .

Il senso può essere greve: sacrificare o non sacrificare Monesi ? Quando la variante ricollegherà la s.p. 100 di Monesi rendendo raggiungibile Monesi di Triora, Monesi di Mendatica farà la fine dei borghi del Belìce ? Se a tutto ciò aggiungiamo che la regione Liguria non ha ancora ottenuto, dal governo, la dichiarazione dello stato  di calamità naturale, i timori e le preoccupazioni aumentano. Per questi motivi, alcuni proprietari di immobili, nella frazione di Monesi di Mendatica, hanno censito i loro fabbricati in categoria F2 o Fabbricato Collabente allo scopo di essere legalmente esentati dal pagare i tributi su fabbricati inagibili. Quando agli ‘Annunci in Corso’ seguirà la fine dei ‘Lavori in Corso’, i proprietari riprenderanno a pagare le imposte. Speriamo che ciò avvenga quanto prima!

Rinaldo Sartore      

Avatar

R. Sartore

Torna in alto