Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Misteri di Liguria, libro tra realtà e fantasie
Dalla ‘macchina del tempo’ di don Borello a veggenti e demoni, statue miracolose
E presto in libreria: trapianto negato a Finalborgo, giovane uccisa dalla malasanità

Sabato 23 settembre, a Loano, alle ore 17.30, alla Mondadori Bookstore, presentazione del libro “Misteri di Liguria” di Luca Valentini (2017, Atene Edizioni). Un capitolo è dedicato a don Luigi Borello, prete-scienziato di Alba, scomparso nel 2001, che aveva ideato una teoria fisica, supportata dal sapere scientifico, di realizzare un apparecchio capace di ‘leggere’ i ricordi impressi nella materia inanimata. Si era trasferito a Varazze per gestire una colonia elioterapica diocesana, portandosi dietro un vecchio oscilloscopio a raggi catodici, il prototipo sul quale aveva iniziato i primi esperimenti sulle rimanenze delle luci e dei suoni sulla materia. Allievo di don Enzo Manfredi, professore di fisica e chimica, antesignano del ‘tubo catodico’. Un libro in cui si parla anche di mistici, veggenti, statue miracolose, enigmi, caccia agli alieni e perfino disco volanti. Creature misteriose nel mare e nei fitti boschi liguri. Leggi anche: presto nelle librerie il libro del giornalista scrittore Camillo Arcuri. Storia scandalosa e criminale di un trapianto negato ad una giovane di Finalborgo, uccisa dalla malasanità.

COMUNICATO STAMPA – Il retro di copertina così descrive il libro: “Tratto dal programma radiofonico omonimo, Misteri di Liguria è un intrigante viaggio alla scoperta di personaggi curiosi – come il  “ventimigliese” Voronoff alla ricerca dell’elisir di lunga vita -, vicende straordinarie ed oscure – dagli studi varazzini sulla cronovisione di don Luigi Borello ai processi trioresi di fine Cinquecento che condussero al rogo molte donne accusate di stregoneria -, antiche leggende di mistici, veggenti, demoni fantasmi e statue miracolose, ed enigmi irrisolti, a caccia di alieni, dischi volanti e creature misteriose nel mare, nel cielo e nei fitti boschi dell’entroterra ligure, immersi nell’atmosfera magica di un territorio ricco di tradizioni affascinanti e spesso dimenticate. Lo scopo del libro è quello di evitare le generalizzazioni separando con cura i fatti dimostrabili dalla mitologia attraverso una lunga attività di ricerca rigorosa svolta con il supporto di testimonianze dirette, documenti e indagini sui luoghi teatro dei fenomeni, facendo attenzione a non superare mai il sottile limite che separa la scienza dalla pseudoscienza.

Luca Valentini studioso e scrittore

Luca Valentini è nato a Milano nel 1970, diplomato all’Istituto Statale d’Arte di Imperia ha trascorso gli ultimi quarant’anni in Liguria dividendo il suo tempo tra gli studi e le attività artistiche, e la professione di speaker e presentatore per diverse emittenti radiofoniche locali dove, tra gli altri, ha ideato e condotto il programma Misteri di Liguria dal quale è tratto il libro. Da anni svolge ricerche legate alla storia, le tradizioni e gli enigmi. Ha scritto per diverse testate Online occupandosi di cultura, spettacolo e politica locale, partecipato a vari programmi tv e curato la direzione artistica di dozzine di eventi e manifestazioni. Questo è il suo primo saggio.’

CHI ERA DON  LUIGI BORELLO

Don Luigi Borello era nato a Pezzolo Valle Uzzone (Cn) nel 1924 ed era divenuto sacerdote nel ’50, cresciuto educato presso la Società San Paolo di Alba, dove la sua innata propensione alle discipline scientifiche aveva trovato un eccellente maestro nel professore di fisica, chimica e matematica don Enzo Manfredi (l’inventore antesignano del tubo catodico, morto nel 1977). Don Borello fu certo il più dotato fra gli allievi del maestro e ne ereditò, insieme al gabinetto sperimentale, la passione geniale per la ricerca e la realizzazione scientifica, cui dedicò ben 35 anni di vita. Quando nel 1964 egli abbandonò il laboratorio del liceo San Paolo, in gran parte da lui creato, per la riviera ligure (si era trasferito a Varazze per gestire una colonia elioterapica diocesiana), si era portato dietro soltanto un vecchio oscilloscopio a raggi catodici, il prototipo sul quale aveva iniziato i primi esperimenti sulle rimanenze delle luci e dei suoni sulla materia, oltre ad una montagna di appunti. Questi servirono a ‘La Domenica del Corriere’, sul cui numero del 2 maggio 1972 comparve un articolo dal titolo: “La macchina del tempo”. Qui si affermava che era stato inventato un congegno con il quale era possibile vedere le immagini e sentire i suoni del passato non fissati con i consueti mezzi di registrazione, ma con un nuovo strumento che era in predisposizione.

L’inventore di questo strumento, in grado di captare suoni e immagini del passato, verrà rivelato nel 1988 sul ‘Secolo XIX’ di Genova, in un’intervista concessa da don Borello, in cui si parla di un “prete di Varazze che studia la ‘cronovisione’ ed afferma che la materia inanimata abbia una memoria, la quale è stata captata in quell’anno stesso dal ricercatore francese Jacques Beneviste, come rivela la rivista inglese ‘Nature’”.
In breve, don Borello aveva studiato la famosa ‘teoria neutrinica’ di Cesare Colagneli, fisico italiano ‘miscredente’ rispetto all’accademia, capace di teorizzare, in un testo molto complesso quanto completo, la possibilità rivoluzionaria di percepire le ‘tracce mnestiche’ (tracce di memoria energetica) che la materia percepisce in qualunque punto dell’universo, proprio perché la materia è energia e l’universo è energia. Ogni ‘cosa’ è perturbata da un movimento energetico delle particelle subatomiche e pertanto ogni oggetto conserva la traccia energetica di quanto ha ‘vissuto’: è acclarato da decenni, ormai, che l’energia non si crei né si distrugga, ma si trasformi.
“Lo spazio è un pieno continuo nel quale non è possibile esista il vuoto. Ogni volta che i suoni o le immagini di un avvenimento colpiscono la materia, vengono in parte trasformate in energia statica che può, in determinate condizioni, essere di nuovo suscitata. Una forma di energia finora sconosciuta”, asserisce il prete albese.

La scienza capace di leggere la materia è la ‘cronovisione’ e lo strumento di lettura, descritto da Borello, è da lui chiamato ‘cronovisore’. A questo punto, è d’uopo citare padre Pellegrino Ernetti, monaco benedettino a Venezia, musicologo, filosofo e scienziato che, in un articolo del 1972 affermava che sin dalla seconda metà degli anni ‘50, insieme ad un gruppo di famosi scienziati, tra i quali Enrico Fermi e Wernher von Braun, avrebbe progettato e infine costruito il cronovisore, una macchina capace di vedere avvenimenti accaduti nel passato, che Ernetti chiamava ‘macchina del tempo’. Il principio fisico che permetterebbe il funzionamento di questa macchina sembrerebbe riassumersi nella teoria secondo cui ogni essere vivente lascia dietro di sé, nel tempo, una traccia costituita da una non ben identificata forma di energia. Tali tracce visive e sonore rimarrebbero ‘impresse’ nell’ambiente nel quale si manifestarono……La teoria neutrinica studia ed interpreta i fenomeni naturali partendo dai concetti di ‘campo’ e ‘spazio’.

Don Luigi Borello originario di Alba ha vissuto gli ultimi anni a Varazze

Borello scopre e comprende che la materia rappresenta grandi riserve di energia e l’energia rappresenta la materia. “Di conseguenza, non si può procedere ad una distinzione qualitativa fra materia e campo: si ha materia dove la concentrazione dell’energia è grande; si ha campo ove la concentrazione dell’energia è debole. Ma nella nostra nuova fisica non c’è più posto per il binomio campo e materia”.
Il risultato clamoroso, come afferma anche la fisica quantistica del 21° secolo, è che non c’è che una sola realtà: il campo.

Così, la teoria neutrinica, dopo aver definito lo spazio (o campo magnetico), ci dà modo di capire che cosa siano le onde elettromagnetiche che, interagendo tra loro, si traducono in una polarizzazione, onda che avanza da un neutrino all’altro e costituisce la traccia mnestica (neutrini che permangono sotto forma di polarizzazioni statiche), e che si fissa nella materia inerte e nel sistema nervoso centrale dell’individuo, tramite la traduzione operata dagli organi di senso, avendo essi la stessa base.  Sbalorditivo: è possibile recuperare le tracce energetiche per vedere cosa è accaduto nel passato al momento dell’osservazione.

Parola di don Borello: “La cronovisione, termine da me coniato, è il nuovo mezzo tecnico con il quale è possibile, operando su qualsiasi agglomerato di materia inerte, che sia stato impressionato da immagini o da suoni, rivedere dette immagini e risentire tali suoni che in passato hanno lasciato tracce nell’impatto con la materia”. In campo religioso, ad esempio, don Borello sognava che ognuno con la cronovisione avrebbe avuto la possibilità di vedere il Cristo dalla nascita alla morte, vedere come agisse, ascoltare quello che dicesse con la mentalità critica che abbiamo oggi e di poter giudicare se veramente egli era l’inviato di Dio, il Figlio di Dio, Dio egli stesso (da buon sacerdote, don Borello si premurò di far conoscere alle autorità del Vaticano le virtù conoscitive del nuovo mezzo elettronico, senza ricevere alcun divieto). Peraltro, nel suo testo ‘Come le pietre raccontano’, egli avverte il lettore che “per le acquisizioni alle quali siamo arrivati, essendo consci di tutte le conseguenze che il nuovo mezzo può comportare, ritardiamo per ora qualsiasi accordo con le case costruttrici di apparecchiature elettroniche, le quali potrebbero senza grandi difficoltà iniziarne la produzione e la diffusione indiscriminata, senza tener conto delle violazioni che ne potrebbero derivare di segreti anche molto delicati che ognuno desidera conservare”.

Don Borello preservò il brevetto dell’apparecchio, ma s’intuisce chiaramente che esso assomigli ad una specie di sonda che preleva le tracce mnestiche registrate nella materia: si opera così in due fasi, l’apprendimento ed il riconoscimento. Si tratta di operazioni note agli esperti elettronici.

In conclusione, il padre albese, assieme al suo maestro ed a noi di scienziati che fanno impallidire le nostre membra, per la loro sconfinata sapienza, riuscì a cogliere e mettere parzialmente in pratica qualcosa di miracoloso, che poi venne rigorosamente insabbiato da chi di dovere. Ma qualcuno sa tutto e ne abbiamo avuto una prova giornalistica: un anonimo personaggio milanese, possiede un documento che testimonia, inequivocabilmente, che l’apparecchiatura esista, che sia smembrata in tre blocchi, conservati in tre città differenti e distanti, e soprattutto che funzioni. Proprio come i personaggi di quest’intervista avevano chiaramente indicato.
Ma la conoscenza, purtroppo, spesso eleva la condizione umana e spesso la infossa: sta a noi cercare la verità.

Paolo Pulcina (Precedentemente pubblicato su “L’imprevisto”)

Avatar

Trucioli

Torna in alto