Numero visualizzazioni articolo: 2.359

Alassio e Bordighera, cercasi ville da 15 milioni di euro

Tempi di crisi anche per il mattone? Il mercato è crollato, concordano agenti immobiliari e notai, ma non mancano clamorose sorprese. Ad Alassio e Bordighera (con Portofino) ci sono richieste da parte di inglesi e tedeschi per acquistare immobili (ville) anche a prezzi oltre 15 milioni di euro. Lo rivela l’inserto Casa24Plus de Il Sole 24 Ore dello scorso giovedì.

La cementizzazione della nostra costa, la carenza di parcheggi, la ragnatela di mono e bilocali, la trasformazione di centinaia di abitazioni unifimigliari soprattutto in seconde case, avrà pure disincentivato l’industria alberghiera, creato danni alla qualità della vita, ma  il fascino pare non abbia scalfito l’aspirazione di qualche ‘miliardario’ straniero di ‘trovare casa’ – diciamo così –  in Riviera.

C’è da credere? A leggere  l’articolo apparso  il 24 gennaio 2013 (Così la casa italiana si vende all’estero- Ricercati gli immobili di grandi dimensioni. Tedeschi e inglesi più attivi specie in Liguria, Toscana e Sardegna) bisogna ammettere che  a quanto pare non è una bufala.

La fonte della notizia  è l’ultimo rapporto sul residenziale in Italia di Knight Frank, network globale del lusso con sede a Londra.  Nella top five  di tutte le destinazioni più quotate: Liguria, Toscana, Umbria, Venezia, Roma, i laghi e la costa sarda. Dopo gli inglesi seguono, sempre secondo la stessa fonte, tedeschi, russi, olandesi, americani, francesi.

E ancora, scrive la stessa agenzia: ” Le vendite di immobili di prestigio sono in ripresa anche se a prezzi inferiori del 20 per cento rispetto al picco del 2008.  Tra le zone in cui gli stranieri  sono disposti a spendere di più – sopra i 15 milioni di euro – ci sono la Liguria con Portifino, Alassio, Bordighera e la Costa Smeralda. Mentre gli acquisti meno cari, sotto i 5 milioni di euro,  si accentrano soprattutto a Venezia ed in Toscana”.

Tra le le altre informazioni, questa volte fornite da Scenari Immobiliari, viene rimarcato che le case acquistate dagli stranieri in Italia lo scorso anno sono state  4.600, il 13,5% in più del 2011, con una spesa di 2,1 miliardi, un incremento del 53% negli ultimi 8 anni.  L’investimento medio si aggira  sui 456 mila euro.  E a fare la parte del leone  sono i tedeschi, il 39%  dei compratori esteri in Italia. I più facoltosi scelgono la Toscana. Tra i più attivi gli inglesi, seguiti dai russi ed americani.  Nel complesso le zone più richieste  sono la Puglia (più 22%) e la Toscana.

Portofino, Alassio e Bordighera non risultano le prime della classe, tuttavia sapere che c’è chi è disposto a spendere anche più di 15 milioni di euro, pur di assicurarsi una dimora da vacanza (e un po’ da sogno) può rendere felici quanti scommettono su questo segmento di mercato.

E poi, sarà vero, che la massa non incoraggia la clientela vip, tuttavia potrebbe essere un segnale di speranza. C’è chi sostiene, dati alla mano, che una Riviera più tutelata nel suo territorio, nel rapporto edifici, verde, spazi pubblici, infrastrutture, avrebbe valorizzato tutto il comparto immobiliare e turistico-alberghiero. Altri caldeggiano lo sviluppo a tutto spiano, come occasione da non perdere. Dopo il consumo edilizio della fascia costiera – con gradi di saturazione impressionanti – , in tanti casi si è acceso a macchia di leopardo lo sfruttamento della fascia collinare. Molti comuni costieri incoraggiano questo ulteriore fronte di espansione, grazie anche agli oneri di urbanizzazione. E’ manna!

A proposito di Alassio, tra le festività natalizie e di fine anno, la cittadina ha vissuto alti e bassi. Con periodi di relativa stasi, pochi turisti, a giorni da pienone. Alassio alle prese con l’attrattiva degli immancabili vu’ cumprà, spesso anche ragazzini. Alle spalle un’organizzazione da anni radicata e di fatto fino ad oggi imbattibile, nonostante tutte le azioni di contrasto. Per il resto bisogna ammettere che Alassio resta una formidabile attrattiva per tanti ‘ambulanti abusivi’, persino regolamentati tra le loro file, quasi alla stregua di una organizzazione capace di seguire le regole non scritte dell’illegalità elevata a sistema.

Se Alassio resta la prediletta, le presenze  di improvvisati mercatini all’aperto sono sotto gli occhi di tutti lungo la Riviera. All’inizio presenze estive, oggi tutto l’anno. Ci sarà pure un motivo.

UNA CARRELLATA FOTOGRAFICA DEL LUNGOMARE DI ALASSIO NEL PERIODO DI FINE ANNO

Nelle feste di fine anno qualche sdraio ‘solitaria’ sulla spiaggia dorata di Alassio

Alassio, pranzo frugale per 4 giovani amici tedeschi in piazza San Francesco

  

Alassio, lungomare di ponente. Una pausa per due minorenni extracomunitari impegnati a trovare acquirenti della povera mercanzia tra i turisti di fine anno

Alassio, sosta-relax, sul lungomare cittadino, anche per l’assessore comunale Chicca Ienca

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi