Numero visualizzazioni articolo: 573

Melgrati: Ecco la cura, dopo GSL, per l’ospedale di Albenga e le fughe ortopedia

Gara Europea per il recupero delle fughe di Ortopedia. C’è un’altra strada che preserva il ruolo pubblico dell’Ospedale di Albenga. Restano liberi con l’abbandono da parte di GSL Srl 2250 mq di nosocomio.

COMUNICATO STAMPA DI MARCO MELGRATI (Forza Italia): occupare il quarto piano dell’Ospedale con un reparto pubblico di qualità (per esempio il reparto del Dott. Camera), e il recupero delle fughe in strutture private.

Non posso che essere lieto dei propositi dell’assessore  Sonia Viale sul nostro Ospedale S Maria di Misericordia; questo è il commento del vice-coordinatore regionale di Forza Italia, Marco Melgrati, che continua: come ho espresso poco tempo fa ho molto apprezzato il forte senso istituzionale delle sue parole quando affermava come riportato dagli organi di stampa, di voler restituire l’Ospedale alla gente e non a servizio di pochi. Erano anni che la nostra gente si aspettava dichiarazioni di questo genere! Pur essendo dell’avviso che ancor prima di correre a recuperare le fughe sanitarie… forse sarebbe meglio riqualificare e redistribuire l’offerta sanitaria di cui la popolazione ha bisogno, proprio per evitare che sia costretta a fare viaggi della speranza, generando mobilità passiva che va a gravare sui bilanci, e su questo aspetto invito tutti a riflettere…, voglio proporre un modesto pensiero su questa problematica ora molto importante.

Pur essendomi sempre occupato spesso con successo di politica sanitaria con risultati lungo il mio mandato in Regione di cui vado fiero, nonostante l’ostracismo della giunta Burlando & friends, quali i casi di Emodinamica H24 del DEA e la Pediatria per citarne alcuni, mi permetto di offrire ai cittadini e all’Assessore alcune osservazioni a tutela del nostro Ospedale che spero non restino inascoltate. Conclusa la vicenda dell’esperienza nel recupero fughe con la sanità privata del gruppo GSL s.r.l. ci troviamo con ingenti spazi ospedalieri lasciati liberi al quarto piano (circa 950 m²) ove la società effettuava le visite pre-operatorie e nel luglio prossimo con altri gli spazi operatori e di degenza al primo piano dell’ospedale (circa m² 1.300) che a tutt’oggi ancora sono occupati da GSL, per complessivi m² 2.250.

Come in passato ho già avuto modo di teorizzare e descrivere più volte, l’unica possibile operazione di tutela del DEA del ponente, organizzandolo funzionalmente sui due plessi di Pietra ed Albenga, quindi lasciando reparti e funzioni di emergenza/urgenza a Pietra Ligure e trasferendo reparti di elezione chirurgica a media complessità nella sede ingauna. Ovviamente mantenendo le funzioni esistenti per reparti di base quali medicina e le diagnostiche nelle rispettive sedi, per assolvere anche alle funzioni sanitarie territoriali. Ora, si vocifera di una “gara europea” con cui appaltare la sperimentazione gestionale del recupero fughe sanitarie. A prescindere dal fatto che la legge sulle sperimentazioni gestionali sanitarie, pur se in maniera non imperativa, consiglia o quantomeno lascia intendere che si formino all’uopo delle società miste pubblico-privato ove la parte privata non abbia una quota di partecipazione superiore al 49%, mi chiedo perchè mai non si possa dare tout-court in appalto in pura convenzione sanitaria remunerata a DRG la prestazione sanitaria oggetto del recupero fughe, la medesima, evitando però di inserire operatori privati in spazi pubblici ospedalieri i quali dovrebbero in questa fase essere utilizzati per ospitare reparti pubblici del DEA quale per esempio quello ultra specialistico di Artroprotesi ortopedica del Dott. Camera, a pieno titolo di tipo elettivo.

Evitando cioè, come avvenuto in passato, di far passare una mera convenzione sanitaria quale di fatto era quella affidata a GSL, per una sperimentazione gestionale sanitaria. Cioè rinunciando ad un modesto recupero economico del canone di locazione dei preziosi locali ospedalieri i quali, in termini di utilizzo pubblico, rappresentano invece una risorsa e di importante opportunità programmatoria per il riassetto del DEA del ponente che non deve essere nuovamente mancata.

A tutela dei fattori occupazionali di GSL, intendendo 54 unità tra infermieri operatori sanitari impiegati e altri lavoratori dipendenti nel bando di gara per l’affido della mera convenzione sanitaria potrebbe essere prevista una clausola di salvaguardia dei dipendenti con l’impegno ad assumere il personale.

Credo che in questo modo si potrebbero realmente implementare i propositi dell’Assessore, ponendo cioè al sicuro la realtà ospedaliera del ponente a servizio della gente, evitando errori del passato, quando un importante parte di ospedale pubblico di ben 2.250 metri quadrati veniva riservata ai privati con un gravissimo (spero non strumentale) mancato sfruttamento intensivo della risorsa pubblica.

Se proprio occorre anteporre all’etica logiche di mero bilancio come piace tanto a qualche maldestro tecnocrate o a qualche politicante di cui non resterà memoria, si può affermare che nessun operatore privato sensato “regalerebbe” o darebbe in affitto per simili modesti tornaconti spazi di prestigio e di così rilevante estensione come quelli ospedalieri a privati per far fare cose che pure esso stesso svolge in proprie altre strutture inadeguate e da riqualificare come quelle pietresi di alcuni reparti… Assolutamente illogico e peraltro poco opportuno.

Spiace ammettere che invece in passato i compagni del PD non ci hanno pensato due volte a darsi questa martellata… nei piedi per poi arrogarsi pure il diritto di declamare “…abbiamo salvato l’ospedale di Albenga”…! Complimenti,,, bel salvataggio! Speriamo di non ripeterlo… Illustrerò questa ipotesi, conclude il vicecoordinatore regionale di Forza Italia Marco Melgrati, all’assessore Sonia Viale, sperando che questa maniera di interpretare il suo ammirevole intento e propositi sul nostro Ospedale sia di interesse oltre a cercare un importante passo per la perfetta unificazione/integrazione tra i due Ospedali verso l’obiettivo di perfezionare il DEA del ponente.

 Marco Melgrati

Alassio, 10.03.2016

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi