Numero visualizzazioni articolo: 1.611

Savona un porto al Miramare, ma attenti
a ‘urbatetto’ che fa la punta alle matite

Dopo aver condizionato, in modo vergognoso, un Concorso di Idee per la Savona di Ponente mi attendo, dal nostro urbatetto, una qualche brillante idea anche per il Levante.

Una suggestiva immagine del 1912 per un progetto di riqualificazione e rilancio turistico di Savona: dalla Torretta a Miramare

L’ing. Carlo Maineri autore dell’articolo

Non mi stupire infatti che, su iniziativa dello stesso, si procedesse all’interramento ed il tombamento di tutta l’insenatura del Miramare, sino all’ex pontile di sbarco del carbone e la sistemazione in quest’area di capannoni industriali.

Non risponde ad alcun criterio urbanistico serio la realizzazione dei capannoni lungo la linea di costa che conduce da Savona ad Albisola e che dovrebbe costituire uno dei fattori di attrattiva di una Savona turistica; i capannoni, se necessari, sull’esempio dei cantieri Azimut e Wally che si sono trasferiti,con buona funzionalità sul lato est della darsena ottocentesca, possono avere collocazione in qualunque altra area del porto, oggi sottoutilizzata.

L’insenatura marittima di Miramare potrebbe essere recuperata nella sua originaria integrità; non va infatti dimenticato che qui, nel XIX secolo, furono realizzati i primi stabilimenti balneari di Savona.

L’attuale porticciolo ospita circa 150 imbarcazioni; togliendo l’ingombro delle Funivie e provvedendo ad un ampliamento fino alla Torretta, si può arrivare ad avere un bacino con oltre 450 posti barca, realizzando così il 70% di quanto previsto per il porticciolo della Margonara, senza occupare preziosi metri di costa e senza riempire il mare con una nuova diga foranea.

Una buona progettazione, se non condizionata dai signori di palazzo Sisto IV,potrebbe recuperare il volume del silo del carbone (la maglia quadrata dei pilastri lascia una luce libera di 6 m) trasformandolo in porto secco cioè deposito per barche di piccola dimensione, da insilare con mezzi meccanici (alcuni esempi sono operanti in Francia e USA): una prima analisi fa valutare in circa 150 le barche così ospitabili, destinate ad una nautica più popolare.

Il porticciolo sarebbe collocato in uno dei punti più interessanti della nostra costa, integrato su un’area già servita e potrebbe essere collegato,in modo efficace in un progetto turistico/ricettivo complessivo, con l’ex-albergo Miramare ed il quattrocentesco complesso monumentale della chiesa e del convento di S. Giacomo

L’ex-albergo Miramare, importante testimonianza di stile liberty, oggi abbandonato sopra la caletta, potrebbe tornare ad essere un luogo di ospitalità qualificata, con uno scalo a mare a pochi metri di distanza.

In ultimo non va dimenticato che nella zona è previsto uno svincolo dell’Aurelia bis e,se correttamente studiato e progettato, non si avrebbero aggravi sui flussi di traffico a servizio del porticciolo.

Ora mi aspetto un concorso di idee,con una Commissione ad hoc, sul come fare….la punta alle matite.

 

                                Carlo Maineri

 

 

 


Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi