Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Parco Alpi Liguri ora c’è il ‘migliore’: competente e meriti. Scajola jr e Piana promuovono Alessandri presidente. E Montegrosso festeggia in grande la giornata nazionale delle Pro Loco

Il gran capo della Lega, Matteo Salvini, ripete: “Da quando sono io segretario si sceglie per competenza e meritocrazia e l’amministratore pubblico deve godere della stima dei cittadini  per i risultati raggiunti. I mediocri li lasciamo alla sinistra…”. E se manca il curriculum ? “Mi fido delle scelte che fanno i miei dirigenti di zona”. E chi meglio del geom. Alessandro Alessandri, giovane pluri-votato sindaco di Pieve di Teco, un debole per passerelle e carrierismo, meritava l’incoronazione a presidente  del Parco Alpi Liguri ? Ente già ‘paludato’  dall’occupazione politica (eccezioni escluse).

E ancora Salvini, il passionario, alle Tv nazionali: “In Italia, soprattutto nei piccoli centri, nessuno vuole più fare il sindaco; si corrono troppi rischi, certi magistrati rincorrono l’abuso d’ufficio e l’omissione d’atti d’ufficio…troppi magistrati rossi…“. Succede anche nelle nostre valli ? Non si trovano più candidati disposti a sacrificarsi. C’è chi è perfino stato ‘costretto’ a farsi eleggere al terzo mandato. Questo si chiama eroismo soprattutto quando si hanno capacità ed onestà, non si curano gli interessi propri e degli amici, siano essi imprenditori, artigiani, professionisti e progettisti, consulenti. E si raggiungono importanti risultati di crescita e sviluppo del proprio paese.

Per onorare la nomina di Alessandri presidente gli amici della ‘compagnia del buon umore’ gli hanno dedicato con affetto una moneta. Il marchio ‘Nutella’ è una garanzia nel mondo.

A Pieve di Teco, finalmente, la scelta è caduta sul ‘migliore’ senza ricorrere ad aneddoti del ‘900. Per  Giolitti il “​Migliore“, per antonomasia, era Palmiro Togliatti.  Il nostro Alessandri è lungi da militare tra ‘i compagni’. Il suo cliché personale lo vede affascinato dai potenti di turno, parliamo di Liguria. Pur non avendo mai tradito, per via di parentela della moglie, la stima e vicinanza per un enfante prodige che è stato ancora più baciato dalla ‘dea fortuna’, il Marco figlio di ex onorevole Dc,  ‘risanatore dei conti’ negli anni di vice presidenza Carige. Un gradino indietro al patron benefattore, Berneschi finito in cupa disgrazia. Marco che i berlusconiani ortodossi non hanno voluto candidato al Parlamento, ma i 18 mila € al mese, da assessore regionale, rappresentano una buona ricompensa. E il vice presidente, assessore leghista, Piana, pure imperiese Doc, non può certo rinunciare alla stessa indennità di carica.

Alessandri, senza una ‘sfortuna bieca’, da presidente dell’Unione dei Comuni della Valle Arroscia, dal giorno della sua costituzione il 5 novembre 2014, avrebbe fatto faville. Non è andata proprio così. Con l’autorevolezza e la determinazione, il consenso di cui gode, avrebbe segnato lo storico risveglio (almeno a leggere gli articoli martellanti degli estimatori giornalisti)  e la sua sofferente Valle Arroscia avrebbe preso il volo. Alessandri al quale attribuiscono, forse a ragione, elevate capacità manageriali, coerente negli obiettivi e le mete proprie di un presidente dell’Unione dei Comuni.  Vogliamo fatti e non parole: il motto suadente di Salvini premier.

Purtroppo nell’Unione e nell’attività amministrativa del nostro brillante Alessandri non sono mancate vicissitudini varie e contrasti. Doveva capitare persino la scelta di una segretaria comunale imperiese in condivisione con la mitica Portofino. E in precedenza quell’altro segretario comunale da lunga data messo alla porta, non più affidabile. E quel geometra dell’Ufficio tecnico, a sua volta sindaco, che lascia con destinazione Imperia. E poi tutte le colpe della burocrazia e del legislatore, di quei ‘rompiscatole’ della Corte dei Conti. Eppure non si può dire di male in peggio. E’ arrivata la ricompensa e la nomina a presidente del Parco.

Una comunità di 4500 residenti suddivisi tra Armo, Aquila d’Arroscia, Borghetto d’Arroscia, Cosio di Arroscia, Mendatica, Montegrosso Pian Latte, Pieve di Teco, Pornassio, Ranzo, Rezzo, Vessalico. L’Unione è divisa in aree: Servizi sociali, Polizia locale,  trasporto alunni, Protezione civile, Settore tecnico e modulistica. Nell’informazione dell’hompage è scritto: La novità ? Lo sai che esiste l’APP dell’UNIONE dei COMUNI dell’ALTA VALLE ARROSCIA per Android e per iOS? Scaricala per ANDROID CLICCANDO QUI oppure per IOS CLICCANDO QUI oppure cercala nei market predefiniti del tuo smartphone. Ultimo aggiornamento 8 marzo 2021: Visita il sito web info@unionevallearroscia.it a cura del Centro Stampa Offset s.a.s.Viaggi e info locali.

Sarà perchè non siamo dotati di capacità tecniche, i cittadini più tecnologici possono accertarsi quante notizie utili e quanto sia stato prodotto in  questi anni dall’Unione dei Comuni sotto la sapiente guida di Alessandri.

DAGLI ANNI DI IMPERIA TV, DEL SUO CAPO REDATTORE ANDREA POMATI, IL PRESIDENTE DELL’UNIONE DEI COMUNI DELLA VALLE E PRIMO CITTADINO HA SEMPRE GODUTO DI ‘BUONA STAMPA’. E NON GIA’ UN OCCHIO DI RIGUARDO, MA L’OPERATO DI GIORNALISTI LIBERI E CANI DA GUARDIA DEL PALAZZO. HA MERITATO PURE UN RECENTE SERVIZIO DEL TG3 LIGURIA QUANDO HA MESSO IN BILANCIO BEN 33 MILA € PER SOSTENERE LE ATTIVITA’ ECONOMICHE DEL SUO COMUNE. E A PIEVE IL SUO CONSENSO, PER TANTA LUNGIMIRANZA, CONCRETEZZA, E’ ANCORA ACCRESCIUTO. CON I MALDIPANCIA DEGLI INVIDIOSI. I SOLITI QUATTRO. ANZI, DIMINUIRANNO ANCORA

LA NOTIZIA UFFICIALE DELLE NOMINA A PRESIDENTE

(il linguaggio politichese non tragga in inganno il lettore, è il nuovo marchio comunicativo post Bossi)

Il Parco delle Alpi Liguri ha un nuovo presidente. La nomina ufficiale  per decreto del presidente di Regione Liguria, Giovanni Toti. “

“Queste nomine – spiega il vice presidente e assessore agli Enti Parco di Regione Liguria Alessandro Piana – daranno slancio alla ripartenza del settore per puntare sulla crescita e sullo sviluppo sostenibile del territorio. Gli sforzi della nuova governance vanno nella direzione di una politica di valorizzazione in cui conciliare accessibilità e progettualità in un rilancio coordinato che sia motore di sviluppo per tutta la Liguria. Nei prossimi giorni è mia intenzione incontrare i consigli direttivi e i neopresidenti ai quali rivolgo i migliori auguri di buon lavoro. Inoltre, colgo l’occasione per ringraziare coloro che hanno traghettato gli Enti Parco in questo delicato periodo».

 Il nome del sindaco di Pieve di Teco era nell’aria già da tempo e la conferma è arrivati con la conferma dei decreti del presidente di Regione Liguria, Giovanni Toti. Oltre ai presidenti dei parchi regionali sono stati nominati anche i membri dei consigli.

“Gli sforzi della nuova governance vanno nella direzione di una politica di valorizzazione in cui conciliare accessibilità e progettualità in un rilancio coordinato che sia motore di sviluppo per tutta la Liguria. Nei prossimi giorni è mia intenzione incontrare i consigli direttivi e i neopresidenti ai quali rivolgo i migliori auguri di buon lavoro. Inoltre, colgo l’occasione per ringraziare coloro che hanno traghettato gli Enti Parco in questo delicato periodo” – ha concluso Piana. (Stefano Michero).

Nella ‘cinquina’ del consiglio del Parco Alpi Liguri sono stati cooptati il sindaco di Rezzo, Renato Adorno, il collega di Mendatica, Piero Pelassa (alla sua terza legislatura), il consigliere comunale di Pigna, Cristian Rodini e Lorenzo Cortelli di Isolabona in rappresentanza della regione Liguria.

Con lo stesso decreto il presidente Toti (Cambiamo e Coraggio Italia) ha designato Eleonora Landini per l’Ente Parco di Montemarcello Magra Vara, Matteo Viacava per l’Ente Parco di Portofino, Daniele Buschiazzo per l’Ente Parco del Beigua e Giulio Oliveri per l’Ente Parco dell’Antola.

Daniele Buschiazzo ha un suo esaustivo curriculum( vedi………). E’ sindaco di Sassello.

E IN CORO: IL PARCO DELLE ALPI LIGURI VOLTA PAGINA….

CON ALESSANDRI PRESIDENTE IL ‘PATTO TRA UOMO E AMBIENTE’

LA FIRMA DEI DUE ARTICOLI E’ LA STESSA, ANDREA FASSIONE

GIORNATA NAZIONALE DELLE PRO LOCO – MONTEGROSSO PIAN LATTE:
POMERIGGIO CULTURALE CON DEGUSTAZIONE
In occasione della Giornata Nazionale delle Pro Loco, prevista per Domenica 11 Luglio 2021, organizzata dall’UNPLI Nazionale (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia), il borgo di Montegrosso Pian Latte ha intenzione di spalancare le sue porte a simpatizzanti e visitatori.
L’evento in programma nasce dalla collaborazione dell’Ass. Tur. Pro Loco di Montegrosso Pian Latte con “Meraviglie di Imperia e dintorni”, nota Pagina Facebook il cui intento è quello di guidare e far conoscere ai molti appassionati della “nostra terra” le curiosità, le tradizioni e le peculiarità storiche del territorio della nostra provincia, e non solo. L’iniziativa, che vanta della direzione tecnica dell’Ag. di viaggi Mondomoderno di Imperia, avrà luogo Domenica 11 Luglio 2021 a partire dalle ore 15.00 e consisterà in un Pomeriggio Culturale con Degustazione.
La visita dell’11 Luglio fa parte di un più ampio progetto dell’Ass. Pro Loco di Montegrosso Pian Latte, denominato “Gli Echi della Castellania“: la rassegna di seminari itineranti esperienziali sarà composta da successivi appuntamenti (date da definirsi) alla scoperta dell’intero territorio comunale, passando per i luoghi dove si è scritta la storia del nostro borgo, proprio nell’anno in cui ricorre il 700esismo anniversario dall’inizio del processo di indipendenza dei villaggi della Castellania dell’Alta Valle Arroscia.

Il programma prevede la visita alle carbonaie con approfondimento sulla tematica del “bosco addomesticato” ovvero come anticamente questa risorsa naturale veniva gestita e curata affinché fornisse sostentamento alla comunità paesana; la visita al paese ed ai principali luoghi di interesse storico ed etnografico come la chiesa parrocchiale, l’oratorio, il museo della castagna ed un antico essiccatoio utilizzato per il trattamento delle castagne, durante queste visite verranno approfondite la movimentata storia e le antiche tradizioni del borgo; il rientro presso la sede della pro loco e degustazione, a cura delle attività del borgo comprendente: tortello di patate, pane aié e brusso, panino all’olio con toma di capra e gelatina, Raviore di Montegrosso, budino di uova tradizionale al vapore, gelato di castagne. In loco sarà possibile anche acquistare prodotti tipici e gadget del borgo.

L’evento, anche a causa dell’emergenza sanitaria ancora in corso è a numero chiuso, pertanto per partecipare è obbligatorio prenotarsi entro Venerdì 9 Luglio: chiamando il numero 3917929389, oppure scrivendo una mail all’indirizzo meraviglie.prenotazioni@gmail.com, oppure recandosi direttamente nell’Agenzia di Viaggi “Mondomoderno” in Via Doria 49 a Imperia (Oneglia).

La partecipazione costa 25 Euro tutto compreso: visita del paese, dei principali luoghi di interesse storico ed etnografico e degustazione di prodotti tipici locali. Il pagamento potrà essere effettuato in loco all’inizio della visita (in questo caso sarà possibile solo il pagamento in contanti) o anticipatamente recandosi presso l’agenzia di viaggi “Mondomoderno” di Imperia (Via Doria 49, Oneglia).

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto