Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Loano e Toti. ‘Pre Meeting? precorre le tendenze dell’Italia’. E la tappa ‘La Belle Vie’: 14-18 luglio. Bocce: dopo 56 anni la città ospita scudetto di serie A maschile

Marina di Loano ospita due avvenimenti. Uno nazionale: il Pre Meeting di Comunione e Liberazione. Tra gli ospiti bis, il presidente della regione Toti: Qui si precorre le tendenze dell’Italia, coerente con un’altra epoca quella dell’Umanesimo e del Rinascimento. Altra notizia dalla cittadella portuale. La tappa “La Belle Vie”,  spettacolo con artisti de “Le Cirque World’s Top Performers”. Che alle arti circensi contemporanee unisce cabaret, musica, danza. Leggi anche l’articolo del Secolo XIX: Loano dopo 56 anni ospita lo scudetto nazionale di serie A maschile nella specialità al volo.

PRE-MEETING DI RIMINI, PRESIDENTE TOTI: KERMESSE

CHE PRECORRE TENDENZE DEL PAESE E INTERCETTA ESIGENZA DI NUOVO UMANESIMO

COMUNICATO STAMPA – GENOVA. “Ho seguito il meeting spesso come giornalista, quasi tutti gli anni, mi ricordo giornate memorabili della kermesse. E’ un bel titolo quello che avete scelto, il coraggio di dire io, in coerenza con il meeting dell’anno scorso. Tenendo conto che il meeting di Rimini precorre le tendenze, e non è un caso infatti che la Lectio Magistralis di Draghi sia stata pronunciata al meeting dell’anno scorso, mentre oggi abbiamo un governo di unità nazionale presieduto proprio da lui, a dimostrazione di quanto il Meeting sia in grado di intercettare le tendenze del Paese”. Lo ha detto il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti intervenendo al Pre Meeting di CL che si è svolto questa sera a Loano, in vista del Meeting di Rimini previsto dal 20 al 25 agosto, dal titolo ‘Il coraggio di dire Io’.

“Quello che sta avvenendo – ha detto Toti – è coerente con un’altra epoca quella dell’Umanesimo e del Rinascimento, arrivata dopo una grande pestilenza che si è abbattuta sull’Europa, un evento tragico dopo il quale arrivò la Firenze del Brunelleschi e la Repubblica Marinara di Genova. Spesso dopo i grandi cataclismi ritorna la centralità dell’uomo e io credo che il Meeting di quest’anno intercetti proprio questa volontà che esiste in Italia e in tutto il mondo.

Il saluto commento di Vaccafrezza sulla pagina Facebook: Buona sera Amici.
Concludo la mia giornata nella mia città, nella suggestiva cornice della Marina di Loano.
Proprio qui, questa sera, si inaugura uno degli eventi più importanti dell’estate loanese: il PreMeeting, che anticipa le tematiche del Meeting di Rimini, che si svolgerà dal 20 al 25 Agosto.
L’ Evento, che ha raggiunto quest’anno la sesta edizione, è occasione per ritornare a vivere quella “normalità” che attendiamo tutti, seppur con qualche differenza rispetto al concetto di sempre.
Incontri, testimonianze importanti, ospiti illustri, serate culturali e dibattiti di attualità saranno i protagonisti di questo appuntamento che affrontano quest’anno il tema: Il coraggio di dire “io”. Una presentazione attenta, preparata e coinvolgente da parte del Presidente della Fondazione Meeting di Rimini Bernhard Scholz che, insieme alla Docente Emilia Guarnieri e al Governatore della Regione Liguria Giovanni Toti, hanno dato il via a questa cinque giorni densa di appuntamenti.
Un ringraziamento particolare agli amici dell’associazione Culturale Cara Beltà che, insieme al Banco di Solidarietà San Francesco Maria da Camporosso “Padre Santo” di Loano, hanno promosso e organizzato questa importante iniziativa che vede coinvolti, non solo gli addetti ai lavori, ma anche un folto pubblico dal vivo, e in collegamento sulle maggiori piattaforme social del web. #avantiliguria

Abbiamo passato una crisi come non avevamo mai vissuto, io per primo mai avrei immaginato di prendere decisioni così gravi con cui ci ha messo a confronto la pandemia. Oggi quello stesso meeting che ha temprato una classe dirigente ci dà lo sprone di costruire qualcosa di migliore. Al di là del rimbalzo del Pil mi auguro che tutto questo porti con sé un riordino economico e sociale del nostro modo di stare insieme. Ci tenevo a esserci oggi e ci saremo come Regione Liguria a settembre a Rimini come facciamo ogni anno. Credo che questo sia un meeting molto importante perché abbiamo davanti domande che possono cambiare la storia di tutti noi. Per questo dobbiamo saper cogliere la lezione del dolore e le opportunità che ci vengono offerte ad esempio dal PNRR e da una rinnovata fase politica del paese che credo debba essere affrontata da una classe dirigente ampia. Non perché la politica da sola possa fare il benessere della nostra nazione e nemmeno la classe intellettuale, ma tutti insieme possiamo farlo, all’interno del Meeting che rappresenta un melting pot di idee e progetti e può essere utile a indirizzare il futuro di tutti noi e ad aiutarci a tirare fuori il meglio”.

NOTE STAMPA DI CARLO SCRIVANO – Dal lungomare di Loano al web. Dal vivo e online. È la formula con cui si svolge il

Carlo Scrivano tra gli organizzatori del Pre Meeting di Loano ed il capogruppo in Regione di Cambiamo, Angelo Vaccarezza, ex sindaco ed ex presidente della Provincia

PreMeeting Loano (7-11 luglio), organizzato dal Centro Culturale Cara Beltà in collaborazione con il Meeting per l’amicizia fra i popoli, che quest’anno giunge alla sesta edizione. Ospiti illustri, serate culturali e dibattiti di attualità per mettere a fuoco quello che sarà il tema della kermesse che si svolgerà a Rimini dal 20 al 25 agosto: “Il coraggio di dire ‘io’”.

Con questo titolo, tratto da una citazione del filosofo Søren Kierkegaard, si vuole «porre l’attenzione sulla libertà dell’uomo e sulla sua vocazione a contribuire alla costruzione di un mondo più umano», spiegano gli organizzatori del Meeting di Rimini, in un «periodo storico difficile e tormentato».

Non a caso l’incontro di apertura, mercoledì 7 luglio alle 18.30, ha come titolo proprio “Il coraggio di dire ‘io’”: sul palco il presidente della Fondazione Meeting di Rimini, Bernhard Scholz, insieme ad Emilia Guarnieri, docente e già presidente della Fondazione Meeting di Rimini, e a Giovanni Toti, presidente Regione Liguria.

Giovedì 8 luglio alle 18.30 appuntamento dedicato a “Il grido del rock”, con la partecipazione di Paolo Vites, giornalista e critico musicale, e Walter Muto, musicista. Alle 21, invece, l’incontro con la scrittrice e regista Elisa Fuksas, dal titolo “Ama e fai quello che vuoi”.

La kermesse continua venerdì 9 luglio alle 18.30: sul tema “Educazione: il coraggio di dire ‘io’”, si confronteranno don Pierluigi Banna, educatore, ed Eraldo Affinati, scrittore ed insegnante. Alle 21 la serata “C’è speranza?”, in cui dialogheranno don Julián Carrón, presidente della Fraternità di CL, e Costantino Esposito, ordinario di Storia della filosofia e Storia della metafisica presso l’Università di Bari.

Sabato 10 luglio alle 18.30, l’insegnante e scrittore Francesco Fadigati terrà una “Conversazione su Dante”. A seguire, alle 21, l’incontro “L’uomo davanti alle sfide dello sport”: sul palco Claudio Marchisio, calciatore e giornalista sportivo, e Fabio Incorvaia, campione del mondo di moto d’acqua.

Domenica 11 luglio, alle 17.45, “Flash Meet”: 45 minuti con don Marco Pozza, sacerdote e scrittore. Infine l’incontro conclusivo, alle 18.30, che sul tema “Italia: i numeri della ricostruzione” vedrà dialogare Mattia Noberasco, imprenditore, Giorgio Vittadini, presidente Fondazione Sussidiarietà, il giornalista Enrico Castelli, il presidente Istat Giancarlo Blangiardo e (in collegamento video) il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti.

Gli eventi si potranno seguire dal vivo (con ingressi limitati, prenotando al 329.2106016) e in streaming su www.carabelta.it. Per incontrare «la testimonianza di persone che possano comunicare la propria esperienza e il proprio modo di affrontare la realtà nei vari ambiti in cui si dipana la vita umana», affermano gli organizzatori del Meeting: «Nella politica, nella ricerca scientifica, nell’economia, nell’educazione, nell’arte, nell’assistenza sanitaria, ovunque».

AL PORTO MARINA DI LOANO SHOW ‘LA BELLE VIE’

Dal 14 al 18 luglio a Marina di Loano farà tappa “La Belle Vie Tour”, lo show firmato da “Le Cirque World’s Top Performers” con artisti provenienti dal “Cirque du Soleil” e dal mondo del circo contemporaneo mondiale.
Le Cirque World’s Top performer propone uno spettacolo che alle arti circensi unisce cabaret, musica, danza e che offre al pubblico anche un “prima” e un “dopo” show, grazie alla musica di MC2-Radio Monte Carlo 2, che accompagnerà l’evento con un music-design dedicato.
L’amministratore delegato di Marina di Loano, Gianluca Mazza, commenta: “La stagione di eventi di Marina di Loano prosegue con questo splendido show, che vede protagonisti artisti provenienti dalla più importante compagnia circense d’Europa (NO del mondo). Ospitando la ‘La Belle Vie’ la nostra struttura si conferma essere non solo una delle più importanti marine turistiche del mondo, ma anche un contenitore in grado di ospitare eventi culturali, di intrattenimento e sportivi di alto profilo”.
Onofrio Colucci, direttore artistico e artista in scena, sottolinea: “La bellezza delle performance di questi artisti di livello internazionale e di cui fanno parte anche la cantante e trapezista australiana Elli Huber e la multi-talentuosa Purplegiù di Las Vegas, sono ispirate dalla tradizione del cabaret”.
Le Cirque WTP ha organizzato date e repliche per accogliere quanti più spettatori possibili. Sono le 100 persone che potranno assistere ad ogni singola rappresentazione, nel rispetto delle regole sanitarie attualmente in vigore.
Lo spettacolo va in scena due volte ogni giorno, all’ora dell’aperitivo (dalle 18.30 alle 20) oppure dopo cena (dalle 21.30 alla mezzanotte) per gustare i drink preparati dai barman e l’accompagnamento musicale.
I biglietti sono in prevendita alla Pro Loco di Loano, su TicketOne o direttamente al botteghino a partire dalle 18.
Per informazioni visitare il sito www.lecirquewtp.it (Ufficio Stampa Marina di Loano).

LOANO DOPO 56 ANNI OSPITA LO SCUDETTO DELLA SERIE A MASCHILE SPECIALITA’ AL VOLO.

LA NOTIZIA DEL SECOLO XIX A FIRMA DI MARTIN CERVELLI

Avatar

Trucioli

Torna in alto