Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Noli, l’orologio, la signora Cristina, la cronaca vera. A domanda chi risponde?

La miccia accesa a seguito di  una provocazione apparsa su Facebook con la foto di un lato dell’orologio della torre civica bloccato ormai da più di due mesi, ha scatenato azioni e reazioni tra i fans. In realtà le lancette sono bloccate su due dei quattro lati.

di Carlo Gambetta

Se aggiungiamo allo scritto di L.C.,  della settimana scorsa, i 38.000€ per una consulenza su Via IV Novembre, come da determina dell’Ufficio Lavori Pubblici, la cornice è completa.
Ci sarà pure un limite alla decenza? A Noli, sotto questo aspetto, a quanto pare, no!

L’orologio dalla pagina facebook di Città di Noli antica repubblica marinara

Scorrendo la sequenza dei vari commenti sull’ “orologio”, ho trovato interessante estrapolarne tre della Signora Cristina Gandoglia, membro non eletto della lista #Idea Noli, seppure attiva nella maggioranza.
1) ”A Noli ci sono state amministrazioni che se ne sono sempre fregate e che hanno preferito anteporre il nuovo al vecchio e quindi costruire più che ristrutturare”.
2) ”L’amministrazione attuale ci sta provando cercando il più possibile di riparare ai danni passati, ma non è facile, in più ci mettono l’immobilismo di certi “uffici” che con la scusa del Covid allungano le procedure”.
3) “Non mi permetto di giudicare  ciò che hanno fatto le precedenti amministrazioni anche perché i “danni” sono sotto gli occhi di tutti. Su quella di oggi mi permetto di dire che stanno facendo quello che possono con i mezzi che hanno. E mi fermo qui…”
Finalmente, dopo almeno dodici anni di denunce scritte, qualcuno mi concede soddisfazione.

Se vogliamo rinfrescarci le idee… allora utile ripercorrere con qualche cenno la cronaca vera:
1) Vogliamo ricordare Liguria17?  (11 articoli scritti da Trucioli Savonesi dal 2005 prima e poi Trucioli.it senza smentite, rettiche, né querele ndt)
Cos’ha fatto la minoranza Repetto (2000/04) per contrastare lo scandaloso “do ut des” concesso da Niccoli, come il muraglione sul torrente e galleria, la non congiunzione con Piazza Aldo Moro come scomputo degli oneri di urbanizzazione?
Se c’è una lottizzazione che grida vendetta…i nolesi ce l’hanno davanti.  E’ vero, però è altrettanto comodo e conveniente far finta di niente, dimenticare.
Le opere di urbanizzazione sopra citate, indispensabili per realizzare la lottizzazione, dovevano essere a carico esclusivo di Liguria17, non della comunità.  E sempre Repetto (2004/09), perché ha proseguito con l’agevolare spudoratamente il secondo lotto di Liguria17 rinunciando, cemento per cemento, alla realizzazione di un autosilo?
A tal proposito non si può e non si deve mai dimenticare quanto sottoscritto dalla commissione provinciale  (sette favorevoli, quattro astenuti) nel rilasciare un’autorizzazione a poter costruire (tra quali il geologo assessore provinciale e consulente di Liguria 17, come documentava il cartellone delle concessioni edilizie ndt)
In sintesi: questa collina (San Michele) non sarà mai sicura, ma con le opere di consolidamento previste ed approvate, purché costantemente monitorate secondo le prescrizioni, il progetto può essere realizzato e rilasciato a Liguria17  (aveva sede a Loano ndt) e aventi causa (cioè a chi ha comprato).
2) Se è vero che questa maggioranza ce la mette tutta per cercare di portare avanti, ad esempio i due buchi sull’area ferroviaria, per quale motivo la situazione di stallo è di fronte a tutti?
Chi nel 2007 ha accettato come secondo socio della Progetto Noli quella ditta milanese, la Angelo Cega di Milano, risultata poi fallita ed inserita in un’indagine della Dia e magistratura sulla ndrangheta. Ignoriamo l’epilogo e meglio per Noli se era tutto limpido. ( Negli atti viene fatto cenno ad un appuntamento tra un incaricato della Cega ed un personaggio nolese che per ragioni sconosciute non ha incontrato all’ultimo momento, riferiva la Dia ndt).
Ed oggi, chi vuole far rientrare a tutti i costi Progetto Noli, società inaffidabile, (da una memoria scritta da parte dell’Avv. Mauro Vallerga) per far recuperare 1.600.000€ agli incauti che hanno anticipato somme per la prenotazione di box? Sul solco tracciato da Niccoli!
Perchè deve essere la comunità a sobbarcarsi tale ingenuità? Possono Niccoli e Fossati, ciascuno con le loro maggioranze al potere disporre del denaro pubblico in loro mani e decidere che la comunità si sobbarchi l’errore di incauti acquisti di una cinquantina di box in Via IV Novembre? Perchè queste persone truffate non agiscono intentando azioni legali nei confronti di chi li ha gabbati? Facile dire (sempre scritti dell’Avv. Vallerga) “battiamo cassa al Comune”….ma ”cosa ne direbbe la Corte dei Conti”?
Se agli elettori di #Idea Noli va bene così, i loro rappresentanti che hanno “i numeri” in Consiglio hanno il placet di proseguire, condivisi dal Consigliere di minoranza Fiorito (leggi Niccoli).
E cosa dire per la realizzazione della nuova viabilità parallela di via Belvedere ferma da luglio 2020?
Meno male che gli uffici comunali sono efficienti…(parola di Sindaco sul “Il Letimbro”).
3) Perchè aver paura di giudicare l’eredità delle scelte politiche lasciate da Repetto  in maggioranza? Oltre naturalmente quelle di Niccoli , passate con il silenzio assenso dimostrato nei suoi nove anni di minoranza ( 2000/04 – 2014/19)?
A chi giovava il silenzio di allora? Come si può criticare le scelte del passato, quando questa stessa amministrazione dimostra cocciutamente di volerle proseguire, anche contro ogni logica di liceità legale/amministrativa? Con il perdurante conforto oneroso di pareri/assistenze legali?  Per cui tutto va bene, nel silenzio dell’opinione pubblica che, a quanto pare, non è interessata a reagire e subisce passivamente il degrado dell’ambiente, il disagio che si crea al turismo, a noi stessi residenti.
I mezzi che hanno”? Sono quelli a disposizione anche negli altri Comuni. Bisogna avere la capacità di saperli usare….
E cosa dire dell’organizzazione/assistenza alle vaccinazioni?  A Noli, se l’utente aspetta il dovuto coordinamento comunale riservato ai comuni sotto i tre mila abitanti, per sentito dire e per esperienza personale, devo ammettere che si riscontrano non poche anomalie. Per quale motivo, ad esempio, il sottoscritto, insoddisfatto per le risposte ricevute, può prontamente usufruire del servizio prestato da un premuroso consigliere comunale per fissare, su richiesta, un appuntamento via computer con Regione Liguria, e la stessa operazione non viene resa disponibile, con le stesse modalità per altri da impiegati non in smart working? 
“ Non possiamo prenotare noi (dal Comune), le do il numero verde e chiami lei”.
Ecco la risposta data all’utenza.
Arrivederci e grazie.

Lutti cittadini
Alberto Fontana di 89 anni è mancato alla moglie Maria al figlio Mauro con la moglie e due figli, ai parenti ed amici.
Alberto, operaio, pescatore, bagnino, volontario nella Croce Bianca è stato un personaggio che ha saputo distinguersi per la sua allegria e disponibilità nella vita della comunità, dalla battuta facile, ci mancherà.

Carlo Gambetta

Avatar

C.Gambetta

Torna in alto