Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Loano: governo di sinistra destra? E se un avvocato rodato sarà sindaco ? E se l’ex vice silenzioso tornasse in campo? E se prevalessero competenze da manager?

Suonano le trombe in attesa delle campane a festa e il ritorno alla pubblicità elettorale. Si legge che il formidabile Ivg.it ad ogni articolo, dichiarazione, starnuto di politici in quel di Loano, i lettori diventano molte migliaia: giovani e meno giovani attratti da un’informazione forte, autorevole, indipendente da tutti. Con un editore puro con interessi limpidi in uffici stampa e consulenze ad enti pubblici e privati.  Con benefici effetti per i locomotori: sano sviluppo e posti di lavoro garantiti. Intanto l’avv. Chicco Garassini  è indicato in un articolo di SavonaNews, a firma di Bruno Lugaro (in un libro racconta il complotto contro Teardo e C.), tra i potenziali competitor a futuro sindaco di Loano.

E battere, dopo mezzo secolo di strapotere, un centro destra radicatissimo in ogni strato sociale: ricchi e poveri, esercenti e commercianti, Bagni Marini, albergatori, artigiani, imprenditori edili, agenti immobiliari, liberi professionisti che vanno per la maggiore, personalità della cultura e dei social cittadini più diffusi.  Nell’angolino i soliti ‘compagneros’ rossi, anarchici, ambientalisti, talebani, estremisti dei 5 stelle litiganti, qualche nostalgico del socialismo di AN, e non si aggiunga qualche ‘scappato da casa’, ieri di là, oggi di qua.

ULTIMA ORA – LO SPILLO ALASSINO COMMENTA LO SCENARIO LOANESE

DELLA VIGILIA ELETTORALE: POLVERIERA LOANO. CENERE SI RITIRA DALLA CORSA, BRACCIO DI FERRO TRA LEGA E VACCAREZZA. MELGRATI PROPONE IL NOME DI PIETRO OLIVA A CANDIDATO SINDACO PER SCONGIURARE LA SPACCATURA DEL CENTRODESTRA IN 2 LISTE. IL CENTROSINISTRA PUNTA SU ALESSANDRO GARASSINI.

Francesco Cenere, nome caldeggiato da Vaccarezza per le comunali, si chiama fuori dalla contesa. Adesso c ‘è la concreta possibilità che il centrodestra locale alle amministrative si spacchi in 2 liste come già successo ad Alassio . La Lega continua infatti a sponsorizzare il suo Luca Lettieri mentre Vaccarezza ha già pre allertato la prediletta Luana Isella (geologo con esperienza in Comune e Provincia). E scomettiamo che alla fin fine sarà lei la prescelta e che Angelo rispetterà la parola data dalla prima ora. E che il coordinatore di FORZA ITALIA, Marco Melgrati, nelle ultime ore, ha proposto un terzo nome come candidato Sindaco, quello dell’ ex Assessore prof. cav. Pietro Oliva  grande hobby in agricoltura in quel di Verzi, munito dell’inseparabile Ape. Anche se non ha ancora risolto le grane, anche con la Corte dei Conti, per via delle presunte ‘spese pazze’ quando era consigliere regionale. Nel centrosinistra si va verso la candidatura a Sindaco dell’ex Presidente della Provincia Alessandro Garassini, già esperto e tecnico della Lega per risanare l’Ata di Savona che gli ha procurato  nuova notorietà in campo provinciale e pure amarezze e grane giudiziarie e alla fine scagionato. Grande amico ed ammiratore del sindaco di Bergamo Giorgio Gori, giornalista, produttore televisivo. Fondatore della casa di produzione televisiva Magnolia ed ex direttore di Canale 5 e di Italia 1, dal 10 giugno 2014 è sindaco di Bergamo a capo di una coalizione di centro-sinistra. I media hanno con enfasi dato notizia di Gori tra chi ha fatto la fronda anti Zingaretti per le sue ultime scelte nel governo Draghi.  Tanto per non cambiare a sinistra si gioca sempre la partita delle divisioni interne e anche Loano docet e parrebbe si continui a non imparare, senza andare lontano è quanto accaduto alle ultime comunali. Le due liste avrebbero perso anche se unite, stando ai risultati. Bene, ma continuerà a succedere fino a quanto non si metterà in campo un candidato sindaco capace di essere al di sopra delle parti e con un forte bagaglio di competenze e credibilità personale.


L’autore Chicco Garassini ha scritto quando non sapeva ancora della composizione del governo nazionale, post Conte 2, affidato al super banchiere (terzo al mondo quanto a notorietà) prof. Mario Draghi.

Le ricette dell’avvocato ? Estrema destra di Giorgia Meloni e estrema sinistra uniti a governare l’Italia. Con tutti gli altri schieramenti del parlamento nazionale. Garassini e il suo slogan: “MANDATO: FARE QUALCOSA DI UTILE E NUOVO“. Ma non prevedeva il niet di Giorgia Meloni, oltre di una significativa schiera di grillini ortodossi (almeno 34- 40) e di una minima frangia di Leu. Mentre Falce e Martello del Pci non è presente in Parlamento. Conclusione: delle 15 previsioni, Chicco per gli amici, ne ha azzeccate 5.  Sarà più ‘veggente o indovino’ nell’arena della futura amministrazione di Loano ? Il mini mini Trucioli.it prevede: ancora un trionfo per i fedelissimi vaccarezziani, se unito con i brunettiani dell’astro nascente ex primario della Rianimazione al San Paolo, nuova bandiera della Lega di Salvini premier, con prima gli italiani e prima i loanesi. Ecco ‘prima i loanesi’ per vincere sempre.

QUALE MODELLO DI GOVERNO IDEALE CON DRAGHI PRESIDENTE.

(E  in attesa di conoscere ‘consigli utili’ per il governo di Loano).

GARASSINI: Se fossi Draghi cosa farei? come comporrei un governo di unità nazionale?

Ecco il mio governo “Draghesco”
1) Giancarlo Giorgetti (Lega) sottosegretario alla presidenza del Consiglio
2) Stefano Zamagni (mondo cattolico) all’Economia con Guido Crosetto (FDI) sottosegretario.
3) Un leghista veneto o lombardo alle attività produttive (Garavaglia?)
4) Giuseppe Conte (M5S) agli esteri (così si leva anche Dimaio)
5) Enrico Letta (PD) affari europei
6) Un PD competente ad infrastruture e trasporti; da escludere la conferma dell’attuale, imbarazzante; bene un tecnico d’area.
7) Dario Franceschini (PD) Cultura
8) Giancarlo Caselli alla giustizia; è l’unico che, per autorevolezza, può rimettere ordine nella magistratura senza subire attacchi trasversali.
9) Carlo Calenda (Azione) ai rapporti con il parlamento, così lo sfila dalla corsa per il sindaco di Roma e fa un regalo al PD.
10) Antonio Taiani (FI) commercio estero (esiste ancora?)
11) Mara Carfagna (FI) pari opportunità Lo aveva già fatto e pure benino. (nota di trucioli, un lapsus è parlamentare di Forza Italia, ex ministro)
12)  Terranova (Ialia Viva) confermata all’agricoltura; non un granchè ma inattaccabile
13) Francesco Profumo (tecnico) istruzione, università e ricerca.
14) Sergio Costa confermato all’ambiente
15) Un campione alla salute più qualche ministro e qualche marchetta per accontentare un po’ tutti (nel mio puzzle manca un’equa rapprentanza per LEU e per FDI) ma ci sono almeno 4-5 ministeri scoperti.
———————-
IL FUTURO SINDACO DI LOANO ? MEGLIO L’USATO SICURO, MISTER VACCAREZZA SENZA FRENI: TORNIAMO A CENERE CHE PIACE ANCHE ALLA LEGA E A FRATELLI D’ITALIA, DAI MODERATI ALL’ESTREMA DESTRA. MA GIANNI, GIA’ ARBITRO INTERNAZIONALE DI CICLISMO, E’ L’UOMO PER TUTTE LE STAGIONI ? VACCAREZZA SPERO CHE SI CAMBI LEGGE PER IL TERZO MANDATO, COSI NON CI SONO PROBLEMI CON LA RICONFERMA DELL’AMICO PIGNOCCA.

Su Loano c’è un po’ di pasticcio…

PENSIERO DA LEADER MAXIMO 

A TUTTO CAMPO PUBBLICANO IVG.IT, SAVONA NEWS E ALTRI

(SEMPRE ESCLUSO ED IN LACRIME IL PICCOLISSIMO TRUCIOLI.IT)

Sempre in gran forma, giovani e sorridenti. Esemplare quartetto con triade di sindaco ed ex: foto grazie all’amministratore e coordinatore infaticabile e scherzoso di ‘ALBUM di Cose e diti e feti de LOA E DINTURNI’ (1943 membri), Nicolò Rabaglia meritevole anche lui di un cavalierato. Confidenza che avevamo già raccolto in ambienti comunali come proposta inviata alla prefettura, primo gradino per l’onorificenza gloriosa al merito

Quando un sindaco finisce i suoi due mandati è evidente che ci sia un po’ di effervescenza, ma non tale da far saltare il banco. Ci sarà modo, credo e spero, di far sedere intorno ad un tavolo tutta l’amministrazione, poi vedremo, troveremo la sintesi come abbiamo sempre fatto. Sono elezioni amministrative dove il centrodestra ha sempre vinto e governato. Poi esiste anche la possibilità che facciano una norma che insieme al rinvio delle elezioni consenta anche il terzo mandato per un sindaco ed ecco che il problema non sorgerebbe neppure, ma esiste anche la possibilità di candidare un uomo di esperienza come Francesco Cenere che starebbe bene a tutti e che sarebbe uno splendido sindaco farebbe crescere un cambio generazionale.

Sono coordinatore regionale di Cambiamo da un paio di mesi. Il partito ha fatto nel 2020 un tesseramento principalmente online e rivolto soprattutto ad amministratori, anche se si sono iscritti anche molti cittadini. Quest’anno le cose sono profondamente diverse e insieme al tesseramento 2021 stanno nascendo i comitati nazionali promotori di Cambiamo, e se ne stanno formando tanti anche nelle nostre città. Il tesseramento è iniziato a febbraio e aspettiamo marzo per un vero riscontro, quando verranno presentate ufficialmente tutte le iscrizioni nella sede nazionale di Roma. Ho aperto ad Albenga un mio ufficio (come consigliere regionale), una sede aperta il mercoledì e il venerdì e oltre alle attività regionali seguo anche quelle di iscrizione. In provincia di Savona il coordinatore provinciale è Mauro Demichelis sindaco di Andora, mentre a Savona il coordinatore è il consigliere regionale Alessandro Bozzano che sta seguendo le prossime amministrative. A Savona ad esempio ci presenteremo, ed è la prima volta, con una lista autonoma Cambiamo. (ANGELO VACCAREZZA)
Avatar

Trucioli

Torna in alto