Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Alassio – Quilici a processo: 3 capi d’accusa con stalking. Due parti lese. Albenga tristezza: marito manesco, la moglie perdona e non denuncia

Il dr. Alessandro Quilici di Alassio un’altra novità, da ultima ora, per trucioli.it. E’ stato rinviato a giudizio per stalking aggravato, danneggiamento per incendio aggravato, violazione del divieto di avvicinamento alla persona offesa, anche in  questo caso con l’aggravante. Il processo, con rito immediato, è stato fissato in tribunale, a Savona, al 7 maggio alle ore 9. Leggi anche un altro caso e che tristezza ! Marito manesco, la moglie non vuole denunciarlo e lo perdona da anni.

Giudice la dr.ssa Laura De Dominicis, pubblico ministero la dr.ssa Maddalena Sala. Parti offese Katia La Corte e la madre Angela Palli. Quest’ultima quale proprietaria della casa a cui Quilici ha appiccato il fuoco. Un quadro giudiziario e da codice penale delicatissimo per l’affermato oculista con diversi studi medici ambulatoriale nel ponente ligure ed appartenente ad un paio di associazione elitaria sempre del ponente. Ora si trova agli arresti domiciliari a Nervi. Legale delle parti lese l’avvocato Elena Pezzetta del foro di Imperia; difensore dell’imputato Massimo Rabagliati del foro di Roma.

E QUEL  LICENZIAMENTO ALL’ASL 1 DI IMPERIA

CON GLI ARTICOLI DE IL SECOLO XIX E LA STAMPA

 

CHE TRISTEZZA ! QUEL MARITO MANESCO E LEI LO PERDONA SEMPRE:

SPERO CHE POSSA CAMBIARE NON MI SENTO ANCORA DI DENUNCIARLO

di Willy Olivero

La vedo ogni due settimane, quando nella mezza giornata libera di lavoro, va accudire la vecchia zia. La osservo con quel viso sempre più tirato, il corpo sempre più stanco con un fisico che appare sempre più provato.

La sua esistenza ruota tra un lavoro di assistenza e le ore trascorse a casa dove deve fare i conti con un marito burbero, frustrato, spesso manesco. Lei deve soltanto obbedire e fare i lavori di casa dove non riceve la collaborazione del marito e neppure del figlio che ne sembra aver seguito le orme.

Ho provato avendo con lei un’amicizia ormai trentennale a convincerla ad abbandonare quella casa infernale, a venire a vivere dalla vecchia zia e poi, con i proventi del lavoro, a vivere indipendente in un posto nuovo. Ma lei niente, e la vita continua così giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, mese dopo mese. Perché lei, che voglio identificare in tante donne che ancora non trovano il coraggio di ribellarsi e denunciare, rimane convinta che quell’uomo che ha sposato possa trasformare gli schiaffi in carezze, le urla in parole dolci, sussurrate nelle orecchie.

Pensa che un incubo possa trasformarsi in un sogno, pensa che il domani sarà diverso. Non sarà così e tra dieci giorni il suo viso apparirà ancor più sofferente. Ma lei, e tante altre, continueranno ad illudersi, non mettendosi in testa che gli uomini, come recitava il brano di Mia Martini, non cambiano. Anzi, peggiorano con il passare del tempo.

Willy Olivero

Avatar

Guglielmo Olivero

Torna in alto