Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Savona, 7 opere pubbliche da recovery plan. Appello a 8 sindaci e a Toti

Lettera all Presidente della Regione Liguria, Presidente della Regione Piemonte, Presidente della Provincia di Savona, Prefetto di Savona, Sindaci di Savona, Vado Ligure, Albissola Marina, Albisola Superiore, Stella, Sassello, Celle Ligure, Varazze.

“In questi giorni Liguria, Piemonte e Lombardia stanno evidenziando il loro fabbisogno di infrastrutture al Governo, per chiedere i finanziamenti e sfruttare il recovery plan.  Mi duole osservare, almeno così dalle informazioni di stampa, la mancanza di progetti di assoluta necessità per il territorio savonese. Solo il raddoppio ferroviario Genova-Ventimiglia, opera da concludere, ma senza nessun grado di novità. A questo si aggiunga la variante Aurelia bis da Savona a Savona-Vado: opera costosa e largamente inutile, assolutamente con rapporto negativo sui costi/benefici. Terza ed ultima proposta un autoparco di ponente: opera questa invece è indispensabile. Ma opera da  pochi “spiccioli” di valore!
Bisogna chiedere! Il recovery plan è una occasione da sfruttare meglio! A Savona servono molte opere!
Elenco:
1)- completamento del raddoppio del tracciato ferroviario Savona-Torino e per il tracciato Savona-Alessandria;
2)- Aurelia bis da Celle-Varazze a Savona-Vado tramite dismissione dell’attuale tracciato autostradale e costruzione di un nuovo ramo di autostrada diretto ed a monte;
3)- connessione ad Albamare tra l’attuale tracciato autostradale, dismesso ed usato come Aurelia bis, con l’Aurelia ed il porto (tunnel sottoporto), connessione che “porta il traffico” dove il rilevamenti di traffico indicano voler andare ovvero centro città, porto, ospedale;
4)- rifacimento totale della A6 tra Savona-Vado ed Altare: per ovviare al tracciato obsoleto ed alle gravissime problematiche di anutenzione;
5)- rifacimento di una corsia della A6 tra Altare e Priero sempre per ovviare al tracciato obsoleto ed alle gravissime problematiche di manutenzione;
6)– potenziamento della A10 Savona-Albenga per ovviare alla sua insufficiente adeguatezza al traffico esistente;
7)- adeguamento statale del Cadibona e statale del Sassello.
Il savonese soffre di una importante carenza di infrastrutture: è il momento di porci mano!
Cordiali Saluti, Paolo Forzano
NOTA DI REDAZIONE DI TRUCIOLI.IT – Riflessione e constatazione del giornalismo e giornalisti dei nostri tempi. L’autorevole La Stampa – cronaca di Savona e Liguria – ha pubblicato, su quattro colonne, nell’edizione di domenica 7 febbraio 2021, a firma di M.Ca. l’articolo titolato: ‘Le proposte del Comitato di Albamare per il Recovery Pal. Raddoppio della ferrovia Savona-Torino. Rifacimento della A& e nuovo casello A10’. Un particolare curioso  emerge in tutta evidenza.  Nel testo della lettera, inviata per conoscenza anche ai media savonesi e liguri, nulla indica il Comitato di Albamare di cui Forzano è  tenace e da sempre presidente.  Forzano, autore e firmatario, è l’unica firma in calce dell’appello, ma non viene neppure citato nell’articolo de La Stampa; contrariamente al ‘Comitato‘ che non figura mai nella lettera e viene indicato nel testo e nel titolo. Hanno censurato il nome della persona, ma evidenziato un Comitato di cui però non c’è traccia nella missiva. In onore di chi ?  Corretta informazione ai lettori ? Poco importa se a Forzano vada bene così, resta la ‘forzatura’ che non sembra buon esempio da imparare o insegnare.
Avatar

P. Forzano

Torna in alto