Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Alassio, Gesco Srl, entra Parolini esce Alda Naso. Melgrati – Ripamonti: ‘Totale convergenza e stesso modello’. Pagine di storia: quei ‘carbonari’ veri

Alassio nel Cda Gesco, Angelo Parolini subentra a Naso. Confermati Igor Colombi e Simona Ivaldi. Melgrati: “Grazie alla riconferma dell’avvocato Igor Colombi la Lega aumenta la propria compagine all’interno dell’Amministrazione alassina”​.Parolini nel 2017 eletto presidente del Rotary Club di Albenga.

Angelo Parolini presidente Rotary Club Albenga nel 2017

COMUNICATO STAMPA – La Giunta Comunale alassina si è riunita per definire le nomine del Consiglio di Amministrazione di Gesco srl. “Abbiamo riconfermato Igor Colombi, attuale presidente, e Simona Ivaldi – spiega Fabio Macheda Assessore alle Società Partecipate del Comune di Alassio – non era però possibile riconfermare l’uscente Alda Naso che, in quanto pensionata, da regolamento non può rimanere in carica per oltre un anno. La ringrazio, a nome di tutta l’amministrazione Melgrati Ter, per l’aiuto prezioso nel lancio del nuovo corso di Gesco legato all’acquisizione dei nuovi servizi della Biblioteca, delle pulizie e della manutenzione di Villa Fiske. Al suo posto è stato nominato Angelo Parolini, alassino e figura molto nota e attiva in città,  con una riconosciuta carriera nel settore bancario. A lui va il nostro augurio per la nuova sfida amministrativa”.

“Grazie alla riconferma dell’avvocato Igor Colombi alla guida della Gesco – il commento del Sindaco Marco Melgrati – la Lega aumenta la propria compagine all’interno dell’Amministrazione alassina. La Lega, già oggi rappresentata all’interno della Amministrazione Alassina dalle Consigliere Roberta Zucchinetti e Alessandra Aicardi, con il rinnovo al ruolo di Presidente della partecipata Gesco all’avvocato Igor Colombi, arricchisce la propria compagine all’interno della maggioranza del governo del paese di un nuovo membro. Se all’atto della prima nomina l’Avvocato Colombi venne nominato come rappresentante di una lista civica, il suo tesseramento alla Lega ha fatto prendere all’atto di riconferma una connotazione di natura politica”.
Dei giorni scorsi un confronto, tra il Sindaco Marco Melgrati, nonché coordinatore provinciale di Forza Italia, e il Senatore Paolo Ripamonti , nonché commissario provinciale della Lega: “E’ emersa una totale convergenza di vedute non solo sulla nomina – spiega Melgrati – ma anche sulla condivisione dei due partiti sulle linee di governo del Paese. Dopo le alleanze politiche che hanno portato alla riconferma del centro destra in Regione Liguria, per ottenere gli stessi risultati nelle prossime amministrative, si dovrà replicare lo stesso modello politico e, nei comuni già amministrati, rafforzare le rappresentanze partitiche come avvenuto ad Alassio”.
ALASSIO IN PIAZZA PACCINI SONO TORNATE RUSPE E SCAVI
‘SI ESPANDE L’ISOLA ECOLOGICA PER RIMUOVERE LE BRUTTURE FUORI TERRA’

I lavori ed il cantiere erano stati ultimati e chiusi scorso anno. Ora sono tornati tecnici ed operai, ruspe, per il nuovo cantiere. Alassio si fa bella nella piazza più frequentata e traffica della città. Un’area dove si affacciano alberghi, esercizi pubblici e commerciali. Dunque conviene a tutti ‘nascondere’ sotto terra la nuova isola ecologica. Con tutti i benefici conseguenti anche sul fronte del decoro urbano.

Il nuovo cantiere di Piazza Paccini in notturna per ampliare l’isola ecologica

5G e la rivoluzione elettromagnetica:

Alassio mette mano al Piano Antenne

Battaglia e Giannotta:  dovrà essere rivisto sulla base dei nuovi indici elettromagnetici e ponendo ben chiare limitazioni al proliferare delle antenne e le distanze rispetto ai centri abitati.

Su proposta degli Assessori all’Ambiente ed Informatica, Giacomo Battaglia, e alla Pianificazione Urbanistica, Franca Giannotta, è stato dato mandato agli uffici comunali l’affidamento del servizio per la gestione della tematica relativa ai campi elettromagnetici ambientale e la redazione di un Piano Comunale per la telefonia mobile – il cosiddetto Piano Antenne – e relativo regolamento di attuazione.

“Le recenti modifiche tecnologiche, non ultimo l’avvento del 5G – commentano gli stessi Battaglia e Giannotta- impone un adeguamento normativo e l’aggiornamento di un Piano Antenne con relativo Regolamento di attuazione congruo con le recenti disposizioni di legge”.

Attualmente il Piano Integrato “Piano Comunale per la Telefonia mobile” e il relativo Regolamento di attuazione prevedono:

– la definizione del quadro conoscitivo generale con l’analisi aggiornata dello stato di fatto con censimento comunale degli impianti di telefonia mobile con raccolta dati radio elettrici di tutti gli impianti esistenti, importazione di tutti i progetti esistenti nei simulatori con specificazione delle caratteristiche tecniche e delle tecnologie utilizzate on relativa mappatura delle reti divise per ogni gestore;

– il calcolo e rappresentazione dei valori di impatto elettromagnetico previsionale in 3D sullo scenario territoriale derivante dagli impianti esistenti con eventuali criticità;

– la predisposizione di modulistica per la richiesta ai gestori delle aree di copertura e piani di sviluppo; la raccolta e analisi dei nuovi piani di sviluppo dei vari gestori e sovrapposizione alle mappe di rete degli operatori;

– la ricerca di siti idonei ad ospitare nuovi impianti o potenziamento di quelli esistenti ed effettuazione dei calcoli di impatto elettromagnetico;

– l’individuazione soluzioni e rappresentazione dei valori di impatto elettromagnetico previsionale in 3D sullo scenario territoriale a partire dai livelli esistenti ed integrati con le emissioni previste per i nuovi potenziali impianti;

– l’estrazione di mappe tematiche in formato shp-file.

“Tutto ciò – la conclusione dell’Amministrazione Melgrati Ter – dovrà essere rivisto sulla base dei nuovi indici elettromagnetici e ponendo ben chiare limitazioni al proliferare delle antenne e le distante rispetto ai centri abitati. Di qui la scelta di dare indirizzo agli uffici per l’affidamento di un servizio di supporto tecnico specialistico per le valutazioni e variazioni del caso”.

LA STORIA: I ‘CARBONARI’ AD ALASSIO

Avatar

Trucioli

Torna in alto