Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Pietra Ligure e Ana artista Uruguaiana. Asinolla onore nazionale per onoterapia. La campana donata da Hedy e Gianni. Mozione per cimitero ampliato in centro

DA RES PUBLICA: E’ stato firmato il protocollo di intesa tra L’Altritalia Ambiente e l’associazione Asinolla di Pietra Ligure che si occupa di onoterapia rivolta ai bambini, soprattutto con disabilità. Asinolla sempre più proiettata oltre i confini pietresi. Leggi anche  da Montevide a Pietra Ligure con amore, firmato Ana Poggi artista con cittadinanza onoraria pietrese. Infine la mozione consigliare di Mario Carrara: no ad ampliare il camposanto nell’area attigua e centrale.

Maria Teresa Bergamaschi avvocato penalista fa parte della Camera penale dell’avvocatura di Savona

L’accordo, proposto durante lo svolgimento del Consiglio Nazionale della nota associazione ambientalista, consentirà di operare in sinergia al fine di estendere la pratica terapeutica in altre parti d’Italia, compreso il savonese e la Liguria.

La terapia presenta un duplice vantaggio: permette di recuperare quadrupedi, nella fattispecie asini, maltrattati o destinati ai macelli e, nel contempo avvicinare e sensibilizzare i bambini al meraviglioso mondo degli animali.
Asinolla, grazie al suo staff e alla sua struttura, è in prima linea nel settore dell’onoterapia: “L’asino è l’animale maggiormente indicato ai fini della realizzazione di interventi e percorsi terapeutici grazia al suo temperamento mite ed ha una vocazione molto forte alla vita sociale – afferma Maria Teresa Bergamaschi, presidente di Asinolla e consigliera nazionale de L’Altritalia Ambiente, responsabile del progetto di Pet Therapy – . Essendo un animale erbivoro e naturalmente predato in natura, ha trovato nel branco la miglior forma difensiva che gli ha permesso la sopravvivenza. Questa sua caratteristica e questo suo attaccamento resta ancora oggi ed è sufficiente osservare i suoi comportamenti quando si interfaccia con l’uomo per comprendere la sua propensione alla relazione”.
“Altra importante peculiarità è la sua reattività, sempre molto blanda e misurata nei confronti delle stimolazioni esterne. Il suo agire è sempre molto più riflessivo rispetto ad altri animali, in particolare rispetto al cavallo. Questo aspetto è di assoluta rilevanza in ambito terapeutico, in quanto il grado di rischio è molto inferiore; inoltre, per chi conosce i propri asini e, per fare terapia occorre conoscerli come i migliori amici che abbiamo, i loro comportamenti sono prevedibili, garantendo quindi di lavorare con un grado di sicurezza molto elevato” aggiunge ancora Maria Teresa Bergamaschi.
“Durante i momenti di attività e/o terapia gli asini sono mediatori naturali della relazione tra terapeuta e paziente, sviluppando i giusti stimoli sensoriali ed emozionali. La sua lentezza lascia spazio ad entrambi per capire cosa sta accadendo, quali sensazioni stanno entrando in campo, con ampi margini di adattamento per il paziente e quindi, nel caso, porre eventuali cambiamenti al terapeuta”.
“La loro infinita disponibilità ci garantisce la possibilità di trattare qualsiasi disabilità o problema comportamentale, dalla più lieve alla più grave” conclude la presidente di Asinolla. Leggi inoltre il dono della nuova campana di Hedy e Gianni Orsero.
DALL’URUGUAY A PIETRA LIGURE CON AMORE
Sono andato a sfogliare ancora una volta l’ “Agenda 2020 degli Artisti Urugauiani”, prima della imminente archiviazione. Nella pagina dedicata ad Ana Poggi, “artista uruguayana de ascendetia italiana” nata a Montevideo nel 1950, Cittadina Onoraria di Pietra Ligure, si parla delle sue numerose opere in musei e in svariate collezioni private tra America, Asia ed Europa. Tre le sue sculture si ricordano, il Monumento al Partigiano (Pietra Ligure, Italia), Sueňos tejidos para viaje en àvion (Lodz, Polonia), Ayuntamiento de Gta de Gorgos (Valencia, Spagna), Renacer de San Gregorio (Tacuarembò, Uruguay).
La gioia più grande scoprire, a piena pagina, proprio la foto del “nostro” monumento. Tra i commenti citati, felice sorpresa, quello di Luigi Potente. Grazie Ana, a te e a tutti i pietresi che, ovunque nel mondo, tengono alto il nome della cittadina che portano nel cuore.
Ana PoggiTanti saluti al mio paese e tutti citadini. Abbraccio da Montevideo fino a Pietra.Caro Marco, mi hai fatto piangere ! Grazie, sono felice da essere Ligure.
LA NUOVA CAMPA DONATA  DA HEDY E GIANNI ORSERO –
Il dono di Fedy e Gianni Orso a imperituro ricordo

Ecco la nuova campana della chiesa dell’Annunziata, dono di Hedy e Gianni Orsero, che andrà a sostituire quella vecchia dopo la riparazione del campanile. Antica, ma crepata. “Canterò il tuo nome come la valle canta l’eco delle campane delle chiese del villaggio; ascolterò il linguaggio della tua anima come la riva ascolta la storia delle onde.” Kahlil Gibran, Le ali spezzate, 1912
Fotografia di Emanuele Viziano

MARIO CARRARA: NON SACRIFICHIAMO UN’AREA CENTRALE PER AMPLIMENTO DEL CIMITERO

Comunicato stampa –

POLO DI CENTRODESTRA PER PIETRA – LISTA CIVICA DEI PIETRESI

Gruppo consiliare “CENTRODESTRA” Consigliere Mario Carrara

Al Presidente del Consiglio comunale          Mozione Consiliare1/21

Un’area importante come quella tra il cimitero ed il grande  parcheggio di piazzale Geddo non deve essere sacrificata per ingrandire ancora il cimitero, ma deve diventare nuova occasione di migliorare i servizi della città. Nuovi dati impongono un ripensamento circa l’attuazione di un progetto di ampliamento del cimitero verso la città.

Abbiamo presentato recentemente una Mozione consiliare, che è stata regolarmente respinta, nella quale chiedevamo di modificare il programma delle opere pubbliche stralciando il punto che prevede la realizzazione dell’ampliamento del cimitero nel lato verso il grande parcheggio di piazzale Geddo, sul terreno, ove erano i capannoni dell’impresa Orso, ora, recentemente spianato.

Nella precedente Mozione chiedevamo espressamente, tra l’altro, di sopperire alla carenza di loculi cimiteriali costruendo un nuovo capiente colombario, da due/trecento posti, nei campi per inumazione 12 e 13, che, per sopravvenuti mutamenti dei flussi delle acque sotterranee, risultano ora assolutamente inadatti al seppellimento delle salme. Quindi, una soluzione per “nuovi loculi” all’interno del recinto del cimitero, non ancora “all’esterno” dello stesso. L’attuale Camposanto, infatti, da metà 800 ha continuato ad “allargarsi” occupando sempre nuove aree confinanti; tuttavia,  se prima ciò era possibile perché il cimitero si trovava in una periferia distante dal centro abitato, ora, invece, con l’avvenuta espansione urbanistica, il cimitero si trova in pieno centro ed è veramente assurdo che si sia potuto pensare ancoral ad un suo allargamento.

Ciò, soprattutto, in considerazione di nuovi dati dei quali non eravamo in possesso precedentemente. Il primo, evidente, è che la presente Amministrazione, pur respingendo la nostra precedente Mozione in merito, la sta, nei fatti, in parte attuando, in quanto si è preso atto che, finalmente, quell’intervento più sopra indicato, di realizzazione di nuovi loculi nei campi del comitero divenuti inadatti all’inumazione è in corso di realizzazione. Già con questo intervento il fabbisogno di loculi dovrebbe esser soddisfatto per diversi anni.

Ciò, in considerazione, poi, del secondo importante dato: il ricorso sempre più numeroso all’opzione della cremazione.

I dati riferiti all’anno 2020 sono estremamente chiari ed eloquenti in proposito.

Nel 2020 ci sono stati a Pietra Ligure, al 29 Dicembre,  120 morti (88 nel 2019); di questi 120 morti, ben 57 sono andati in cremazione, praticamente il 50%.

Ciò indica un notevole mutamento del costume civico circa la destinazione delle proprie spoglie mortali, che denota un’evoluzione costante e progressiva in aumento verso questa scelta che, molto probabilmente nel corso degli anni futuri  crescerà ancora.

C’è, inoltre, da osservare che il restante 50% non ha, ovviamente, dovuto ricorrere alla tumulazione in nuovi loculi perché molti sono stati inumati sottoterra ed altri ancora sono stati tumulati in loculi preacquistati o in tombe di famiglia.

Con questi nuovi elementi si può dire che la pressione della richiesta di loculi possa ben essere soddisfatta negli anni con i nuovi colombari in costruzione e che venga meno la necessità della costruzione di un mega colombario da 500 loculi nel nuovo allargamento cimiteriale sul terreno ex impresa Orso. Questa operazione, inoltre, potrebbe risultare, alla fine, anche antieconomica perché difficilmente potrebbero essere “venduti” dal Comune 700/800 loculi nuovi (200/300 interni + 500 esterni all’attuale cimitero), visto il cambiamento del “costume” in atto, cui si è fatto cenno più sopra.

Sembra, quindi, ben più saggio ed opportuno, quindi, mutare la destinazione del terreno confinante col cimitero e col parcheggio Geddo ad altre finalità più consone alle necessità dei “vivi”, come l’ampliamento ulteriore dello stesso parcheggio, la previsione di un’area per l’innesto del ponte sul Maremola quando sarà un giorno realizzato; inoltre, nella parte più  vicina alla collina, la realizzazione di un’area di dimensioni finalmente adeguate destinata ai cani che in tutto il centro della città manca, creando non pochi problemi a chi vuol bene ai propri animali; infine, ma, prioritariamente, di un nuovo ingresso dignitoso al cimitero che, tramite una nuova piazza alberata, possa consentire l’accoglienza dignitosa dei feretri ed, al contempo, l’abbandono degli attuali pericolosi ingressi sulla trafficata via Francesco Crispi.

Per tutto quanto sopra esposto, si chiede che il Consiglio comunale approvi la presente Mozione nel dispositivo che segue:

Il Consiglio comunale di Pietra Ligure impegna il Sindaco e la Giunta a modificare il progetto esecutivo di ampliamento del cimitero tramite la sistemazione dell’area ad esso esterna e finitima, già di proprietà dell’impresa Orso, a finalità cimiteriali (progetto legato al permesso di costruire convenzionato n.22/2018, Rif. Convenzione del 3/10/2018, n. Rep. 19353, Rac. 13050) stralciando ed eliminando il suddetto ampliamento cimiteriale e destinando, invece, integralmente, la stessa area, ex impresa Orso, a finalità più consone con le esigenze attuali della cittadinanza.

Mario Carrara, consigliere comunale

Pietra Ligure, 11/1/2021

MOZIONE PER UNA STRADA DELLA FRAZIONE RANZI

PER UNA GRAVE SITUAZIONE DI DEFLUSSO DELLE ACQUE E PERICOLO INCOMBENTE

Avatar

Trucioli

Torna in alto