Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Alassio al via il recupero abitativo dei sottotetti. E vertenza Fincos (Grand Hotel): arbitrato pari a € 5.883.790. E le maggiori entrate del bilancio comunale

L’annuncio in consiglio comunale senza seguito sui media locali. Eccolo: “”Il Sindaco ha già anticipato il contenuto di questa delibera, con cui concludiamo un iter iniziato scorso anno al fine del recupero dei sottotetti. Abbiamo recepito il rapporto preliminare di assoggettabilità a Vas. Non sono pervenute osservazioni, ma solo precisazioni di Arpal. Prendiamo  atto della non assoggettabilità a Vas per recepire la disciplina del recupero dei sottotetti. Chi ha necessità di recuperare ai fini abitativi il proprio sottotetto potrà farlo…” Leggi a fondo pagina tutte le cifre più significative del bilancio preventivo del Comune 2021.

Utile premettere una buona lezione di trasparenza su le cifre, le somme ‘importanti’ del bilancio comunale di Alassio. Sono tante ed qualificanti. Ad esempio il personale dell’Ente costa all’anno ad € 4.919.959,00.  Oppure maggiori entrate correnti per euro 134.395,00 relative a maggior gettito di imposte arretrate e maggiori incasso di imposta di soggiorno. Maggiori spese correnti per euro 732.724,72 relative a acquisto di beni e servizi, trasferimenti correnti, redditi da lavoro dipendente. Aumento del passivo per euro 1.614.351,27 e diminuzione dell’attivo per euro 13.188,00. Oneri di Urbanizzazione:€ 1.080.000.

Nel complesso i capisaldi del bilancio sono: Bilancio 2021  a pareggio per € 37.073.431,00 a cui va aggiunto il Fondo Pluriennale Vincolato di oltre 10.000.000 di euro in corso di definizione, presentando entrate correnti per € 25.651.341,00 trasferimenti correnti per € 852.887,00; entrate extra tributarie per € 3.016.688,00 ed entrate in conto capitale per € 3.630.000,00. Tra spese si rilevano le spese correnti per € 28.995.528,00 e spese in conto capitale (opere pubbliche- investimenti) per € 3.865.590,00.

Melgrati a commento e conclusione del dibattito sul bilancio: “Oggi tutti i dirigenti, compreso il direttore generale, lavorano in simbiosi con gli Assessori, il sindaco e i Consiglieri delegati che ringrazio perché in tutta la mia carriera non ho mai avuto collaboratori tanto solerti e attivi.”

Il sindaco Marco Melgrati e i sottotetti abitabili: “Una delibera fondamentale, attesa da tempo da cittadini e professionisti per recupero sottotetti licenziati dal 2001 al 2014 e tutti gli ambienti che hanno le altezze di legge. Avevo chiesto di riuscire a sbloccare la situazione entro 2020. Voglio ringraziare in primis l’Assessore Giannotta, per ver seguito la pratica con grande assiduità, e ovviamente l’ufficio tecnico dell’edilizia privata e il suo dirigente. Si tratta di un incentivo per recupero volumi fermi da tempo e muove nel senso della rivalutazione del suolo e della limitazione del suo consumo. ”  Martino Schivo (era subentrato alla dimissionaria Loretta Zavaroni, candidasta sindaco): “Mi asterrò come già fatto in precedenza, tuttavia condivido la positività espressa dal sindaco perché permette di risolvere una serie di situazioni presenti sul territorio consentendo di meglio valorizzare il patrimonio”. Votazione: Favorevoli 12 Astenuti 3 Contrari 0. Delibera immediatamente esecutiva. ” Con questa delibera si permetterà di recuperare spazio evitando ulteriore consumo di suolo, dando così nuovo impulso all’economia del territorio” si legge nel comunicato stampa.

COMUNICATO STAMPA DEL SINDACO SUI SOTTOTETTI – “Vorrei ricordare che questa legge (la 24 del 2001) era stata approvata dalla giunta regionale guidata da Sandro Biasotti e da subito aveva dato ottimi frutti nel recupero di unità abitative senza consumo del territorio – Marco Melgrati torna su uno dei temi caldi dell’ultimo Consiglio Comunale, ovvero la modifica al regolamento per il recupero dei sottotetti ampliato anche agli edifici antecedenti al 2014 – Un testo a me particolarmente caro posto che, capogruppo di opposizione della Giunta Burlando, avevo contribuito a rivederlo insieme all’allora Assessore Gabriele Cascino e al dirigente del settore Pierpaolo Tomiolo, oltre ad essere stato relatore di minoranza. Era il 2014 e il testo di legge così come modificato era sicuramente migliorativo del precedente. Era stato fatto tesoro di molti suggerimenti, in special modo quelli arrivati dagli avvocati amministrativisti, che ogni giorno “misuravano” sul campo gli effetti di questa legge e le contestazioni del Tribunale Amministrativo Regionale, che comunque, dopo il dettato nazionale del “Decreto del Fare” sulle distanza dai fabbricati, ha sensibilmente modificato l’orientamento”. Il Consiglio Comunale alassino aveva già affrontato il discorso nel giugno del 2019 quando venne discussa la delibera del rapporto preliminare per la verifica di assoggettabilità al Vas e l’adozione per il recupero ai fini abitativi dei sottotetti negli edifici esistenti al 29 novembre 2014. “In quella sede – spiega l’Assessore all’Urbanistica, Franca Giannotta – venne sancita la volontà di estendere il recupero ai fini abitativi dei sottotetti e dei locali di cui all’art 5 della Leggere regionale 24 del 2001, negli edifici esistenti al 29 novembre 2014, individuando zone del territorio comunale in cui rendere ammissibili detti interventi, in relazione alle caratteristiche tipologiche, formali e strutturali degli edifici e delle relative coperture, prevedendo specifiche indicazioni per gli interventi comportanti modifiche delle altezze di colmo e di gronda e individuando eventualmente le esclusioni per ogni singola zona urbanistica”. “Eravamo consapevoli – aggiunge Giannotta che gli interventi consentiti avrebbero determinato un incremento di carico urbanistico con un potenziale effetto sull’ambiente in particolare su un territorio che al momento è provvisto di un sistema di depurazione primario, di pretrattamento. Di qui l’incarico di verifica di assoggettabilità a Vas affidato all’Arch. Roberto Burlando“. “Con la delibera approvata nel dicembre scorso – la conclusione di Giannotta – abbiamo preso atto non solo delle risultanze del procedimento di verifica dell’Arch. Burlando relativamente alla non assoggettabilità a Vas, ma anche le prescrizioni espresse dall’Arpal, giungendo così al termine di un lungo percorso che consentirà il recupero di spazi urbani altrimenti inutili, evitando di andare ad incidere con nuove costruzioni e nuovo consumo e sfruttamento di suolo”.

ALASSIO ED IL BILANCIO COMUNALE – Bisogna dare atto che tra i comuni con ufficio stampa quello di Alassio è l’unico che non si risparmia nel dettagliare informazioni che tutti i cittadini dovrebbero conoscere.

Altro spunto significativo nella lunga vicenda Fincos – Grand Hotel. Il capogruppo, ex sindaco, dr. Enzo Canepa ha dichiarato in consiglio: “Riconosco la strada giusta percorsa con il contenzioso con Fincos, soluzioni che noi avevamo proposto ma che era stata all’epoca rifiutata. E’ stata la Corte dei Conti a indicare questo percorso e un po’ mi spiace perché se oggi abbiamo una struttura come si deve è grazie alla famiglia Vinai. Se avessimo avuto un’altra azienda forse ci saremmo trovati con un buco in piazza per chissà quanti anni. Non voglio polemizzare sulle opere a costo zero.

ARTICOLO DEL LA STAMPA: COMUNE CONDANNATO PER CONTROVERSIA ‘PENNELLI SOLARI’.

DOVRA’ VERSARE 100 MILA € A SOLENERGIA

Non viene riportato l’autore “dell’annuncio in pompa magna”. E’ l’attuale primo cittadino Melgrati ?   In carica  dal 14 maggio 2001 al 17 maggio 2010. Poi è subentrato il vice sindaco Giovanni Aicardi fino al 15 maggio 2011.  Dal 17 maggio 2011 terza volta sindaco per Roberto Avogadro che aveva già guidato l’amministrazione  con la bandiera della Lega di Bossi dal 7 giugno 1993 al 14 maggio 2001 (due mandati consecutivi). Non è citato a chi il Comune affidò  la causa e la successiva transazione. Spesso infatti le amministrazioni civiche, al di là di scelte politiche, si affidano al proprio legale o ad esterni prima di avviare una causa e resistere. Certo che sarebbe  utile insegnamento far conoscere quanto le casse comunali dei cittadini hanno versato negli ultimi decenni per parcelle. Cause vinte e causa perse.  Spesso la transazione ha costi assai minori, a meno che non sussistano fondatissime certezze. Alcune più recenti sono portate a conoscenza dei cittadini nel corso della discussione ed approvazione bilancio 2021. Ed è già qualcosa di ‘istruttivo’.

ULTIMO ‘REGALO’ SATIRICO VIA SOCIAL DEI NEMICI ‘OCCULTI’ (!?) DEL SINDACO MELGRATI

TRUCIOLI.IT SI DISSOCIA A OGNI RIFERIMENTO ALLA COCAINA CHE SARA’ PURE CASUALE MA….

IL TITOLO FORSE NON E’ IL PIU’ AZZECCATO. E POI CHI SAREBBERO GLI ‘ANZIANI SCRITERIATI’ ? QUANDO SI FA ESPLICITO RIFERIMENTO ALLA GAZZARRA DI GIOVANI TURISTI DEL FINE SETTIMANA

SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE: APPROVAZIONE DEL BILANCIO 2021

SALDO DI CASSA  !  Si sottolinea che non sono state registrate situazioni di criticità nella liquidità del Comune in nessuno degli esercizi del triennio 2017 – 2018 – 2019 (con saldo cassa sempre molto alto da 11.091.856 nel 2017 a 14.647.995 nel 2019), né nel corrente anno 2020 (al 23/09/2020 saldo cassa oltre 14 milioni).

CAUSA FINCOS SRL – GRAND HOTEL (concluso con due lodi arbitrali)

Si è preso in esame il contenzioso pendente con la società Fincos srl. Il magistrato istruttore ha chiesto aggiornamenti in merito al contenzioso in argomento, in particolare in merito agli accantonamenti effettuati nel corso del biennio 2018-2019 al fondo rischi, nonché dell’avvenuto conseguimento di un accordo tra le parti teso ad individuare le modalità attuative della condanna contenuta nel lodo arbitrale. Nelle controdeduzioni dell’ente – post-adunanza, l’Amministrazione ha precisato di aver provveduto, in osservanza alle indicazioni della Sezione, ad accantonare, nel risultato di amministrazione 2019 (e nel bilancio 2020-2022) le risorse corrispondenti alla passività potenziale emergente dalla vertenza Fincos nei termini seguenti: Residuo passivo 1.000.000,00 – Fondo rischi contenzioso rendiconto 2019 2.600.000,00- Bilancio di previsione 2021 2.400.000,00- Bilancio di previsione 2022 2.483.790,00- Totale 8.483.790,00.

Gli stanziamenti vengono ritenuti ampiamente sufficienti a coprire il valore capitale dell’arbitrato pari a € 5.883.790, dei quali peraltro sono parzialmente coperti dalle soluzioni meglio viste (prolungamento della durata della concessione a 94 anni e trasformazione del diritto di superficie dei box e dei posti auto in diritto di piena proprietà). Il Comune, inoltre, ha riferito che, in sede di rendiconto 2020, opererà una nuova valutazione in ordine all’ammontare degli stanziamenti sopra indicati, sia in ragione dello stato del contenzioso pendente che dei risultati dell’esercizio in parola, che sarà fortemente influenzato dallo stato di emergenza sanitaria derivante dalla pandemia per “COVID-19”.

LIQUIDAZIONE SOCIETA’ ACQUA AZZURRA SRL, PONENTE ACQUA SRL E BAGNI DI MARE SBM SRL –  Si richiedono inoltre aggiornamenti in ordine all’evoluzione delle procedure di liquidazione delle società Acqua Azzurra srl e Ponente Acqua Srl, mentre si prende atto della chiusura in data 22/07/2019 della procedura di liquidazione della società Bagni di Mare SBM srl.

Infine, constata la presenza di un organo amministrativo collegiale per le società direttamente controllate dall’ente, GESCO SRL, SCA SRL, Marina di Alassio Spa, e ne chiede di confermare l’intervenuta adozione della delibera assembleare, esplicitandone le motivazioni, come prescritto all’art. 11 c.3 del TUSP. …La società Marina di Alassio spa può ritenersi una società in produttiva e in bonis in quanto produce una media di utili annuali oscillante fra i 120.000 e 150.000 euro. …il Comune ha programmato, quale prioritaria misura di adeguamento al disposto dell’art. 17 c. 1 del TUSP, l’acquisizione delle azioni detenute dal socio privato di minoranza. La nuova configurazione permetterebbe anche il legittimo affidamento diretto di appalti e concessioni (in aderenza ai presupposti richiesti dagli artt. 5 e 192 del d.lgs. n. 50 del 2016), non possibile in caso di società miste.

In merito alla liquidazione della società Ponente Acque l’ente ha esposto che stanno proseguendo le attività liquidatorie, consistenti principalmente nel recupero dei crediti relativi alle fatturazioni emesse nei confronti degli utenti finali per le annualità di diretta gestione del servizio. Per quanto riguarda la società Acqua Azzurra scarl, anch’essa in liquidazione, indirettamente detenuta per tramite partecipata SCA Servizi Comunali Associati srl, si fa riferimento alla nota integrativa 2019 di quest’ultima, nella quale risulta interamente svalutato il credito vantato nei confronti della Acqua Azzurra scarl in liquidazione e stato inoltre allegata nota a firma del dirigente del settore tecnico, nella quale si ribadisce l’estraneità del Comune rispetto alle obbligazioni assunte da Acqua Azzurra scarl.

MAREGGIATE – Melgrati: Tra ieri e oggi assistito sui social un rincorrersi di commenti e superficialità relativamente al muro di pietre che è stato posizionato su Passeggiata Cadorna. Addirittura ho letto un intervento del Consigliere Casella che sostiene l’inutilità di questa barriera oltre al fatto che la considera esteticamente inaccettabile. In proposito urgono alcune precisazioni: quello che è sotto gli occhi di tutti è solo una parte di un progetto che ancora non è stato completato e che si prefigge lo scopo di mettere in sicurezza un tratto di strada che ad ogni mareggiata rappresenta un pericolo per l’incolumità pubblica e per le strutture (abitazioni e locali) che insistono sul quel tratto. L’intero progetto è già finanziato dalla Regione Liguria e appaltato a società che non hanno alcun legame di parentela o affinità con il sottoscritto o con chiunque di questa amministrazione. Durante la mareggiata dello scorso anno ricordo di aver cercato di raggiungere il porto con la mia auto e proprio su quel tratto di strada sono stato investito da un maroso che ha trascinato per metri la mia macchina. Io credo che la cosa importante sia che durante quest’ultima mareggiata ha impedito danni a persone e cose. Nessuno ha subito danni, neanche i garage né i locali. Ma veniamo al progetto che, se il Consigliere Casella fosse venute a chiedere lumi, avrebbe avuto modo di consultare evitando di scrivere inesattezze. Realizzato dagli Ing Stefano Puppo, Stefana Rossi e Luca Tarantino si articola in diversi punti.

1 – il muraglione era previsto per un tratto più lungo ma a seguito di verifica in corso d’opera abbiamo ritenuto di accorciarla intervenendo invece con una ulteriore protezione in massi naturali. Davanti al muraglione prevediamo quindi un aumento della berma.

L’alternativa al muro di pietre alto 1,20m. sarebbe stata quella di realizzare una montagna alta più di 2 metri di scogli che certo avrebbero impedito l’intera visuale. Abbiamo optato per una barriera più bassa perché chiunque passeggiando potesse godere della vista della baia.

2 – proseguendo verso il centro prevediamo il risanamento delle strutture ammalorate e delle travi portanti e a sbalzo e delle solette

3 – Per quanto riguarda la scogliera di levante abbiamo registrato insufficienti condizioni statiche. Procederemo alla ricostruzione della sezione preesistente anche mediante recupero dei massi caduti a mare eliminando le pendenze e gli ultimi residui di cemento armato (resti famigerato grattacielo) che ancora affiorano dalla sabbia.

4 – tra il pennello e la spiaggia libera prevediamo infine un ripascimento per stimati 33mila mc per metro lineare su 150m lineari di spiaggia finanziato da Regione. Quindi, riassumendo: non ci sono stati danni a cose e persone, è interamente finanziato dalla Regione, forse sarà brutto, e cercheremo di metterci una pezza dal punto di vista estetico, ma quei blocchi sono stati approvati da soprintendenza e hanno funzionato. Il progetto è comunque a disposizione di quanti lo vorranno vedere. In questi giorni ho letto di tutto e sembra che siamo qui a prendere in giro la gente e me ne dispiace: abbiamo sempre messo la cittadinanza la primo posto e fatto di tutto per tutelarla”.

CASELLA – Non entro nel merito del progetto ma sulle parole che mi sono state messe in bocca: ho detto che quella soluzione ad oggi non è risolutiva. Lei attribuisce a quel muraglione il fatto che non ci siano stati danni a cose e persone. Non ne abbiamo prove.

PATRIZIA MORDENTE – Si prende, quindi, atto che la variazione di bilancio riguarda: tra le entrate rileviamo:

a) maggiori entrate correnti per euro 134.395,00 relative a maggior gettito di imposte arretrate e maggiori incasso di imposta di soggiorno;

b) maggiori trasferimenti correnti per euro 214.299,00 relativi a contributi per trasferimenti correnti da Amministrazioni Centrali e da Amministrazioni Locali;

c) maggiori entrate extratributarie per euro 351.066, 00 relative a maggiori proventi da sanzioni amministrative e a maggiori entrate da rimborsi;

d) maggiori entrate in conto capitale per euro 158.302,00 relativi a maggiori contributi agli investimenti da amministrazioni pubbliche;

e) minori entrate correnti per euro 5.303,00 relative a minor gettito per diritti sulle pubbliche affissioni:

f) minori entrate extratributarie per euro 7.885,00 relative a minor proventi per attività scolastica integrative;

tre le spese per l’anno 2020

g) maggiori spese correnti per euro 732.724,72 relative a acquisto di beni e servizi, trasferimenti correnti, redditi da lavoro dipendente;

g bis) maggiori spese in conto capitale per € 881.626,55 relative a spese per l’acquisto attrezzature, interventi sul litorale, interventi a seguito.

h)venti alluvionali, acquisto mezzi di trasporto, acquisto arredo urbano, spese per arredo asilo nido;

i) minori spese correnti per euro 455.000,00 relative a interventi su plessi scolastici e messa in sicurezza di vie, piazze e marciapiedi a favore delle fasce deboli degli utenti della strada; e così per un totale in variazione per l’anno 2020 di euro 1.627.539,27 – aumento dell’attivo per euro 858.062,00 e diminuzione del passivo per euro 769.477,27 – aumento del passivo per euro 1.614.351,27 e diminuzione dell’attivo per euro 13.188,00.

Maggiori trasferimenti correnti per euro 166.987,00 relativi a trasferimenti dallo Stato per funzioni fondamentali art. 106 Dl 34/2020 e per acquisto di generi alimentari che vanno a finanziare le maggiori spese relative alla solidarietà alimentare.

Per l’anno 2021 è presente una variazione per un totale di euro 6.400,00 e per l’anno 2022 una variazione per un totale pari ad euro 11.400,00. Votazione: Favorevoli 10 Astenuti 3 Contrari 0.

INCARICHI E CONSULENZE –

Con la presente delibera si richiede di approvare, ai sensi del disposto dell’art. 3 c. 55 della legge n. 244 del 24.12.2007, l’affidamento di incarichi esterni secondo i seguenti criteri per l’affidamento:

  1. Incarichi di studio per l’elaborazione di piani e progetti particolarmente complessi per i quali è necessario possedere specifiche competenza professionali per le quali non è possibile ricorrere al personale interno;
  2. Ricerche e indagini propedeutiche alle scelte di natura amministrativa di elevato livello qualitativo, richiedente l’iscrizione ad albi professionali, non espletate dal personale interno;
  3. Consulenza con obiettivo di acquisire pareri, chiarimenti, interpretazioni di elevata complessità, non reperibili all’interno dell’ente, che orientino le scelte operative per l’efficace raggiungimento di obiettivi strategici;
  4. Collaborazioni per acquisizione di professionalità di particolare e comprovata specializzazione universitaria, in assenza di figure professionali idonee all’interno della dotazione organica.

Di individuare per l’anno 2021 il seguente elenco di incarichi: Avvocato con specializzazione giuslavorista ed Esperto in materia del lavoro e con tipo di incarico Consulenza e contenzioso del lavoro per motivazioni riguardanti l’assistenza per la risoluzione di problematiche complesse afferenti i procedimenti del personale e contenziosi del lavoro.

Schivo – “La mia opinione è che chi governa deve avere tutti gli strumenti necessari ad espletare questa funzione ivi inclusa la possibilità di dare incarichi qualora necessario. La valutazione su uso e abuso di questi strumenti è soggettiva e va valutata caso per caso. Vorrei infatti capire meglio la necessità degli incarichi oggetto della delibera”. Mordente: ” In questa delibera vengono individuate figure che non sono presenti all’interno dell’ente. L’avvocato giuslavorista è un ruolo che potrebbe rendersi necessario in prospettiva dell’adozione del nuovo contratto per gli enti pubblici. Non è detto che sarà dato questo incarico ma abbiamo individuato questo settore come un settore sensibile di cui si potrebbe avere bisogno”. Schivo M. : “Mi asterrò perché francamente un po’ mi sorprende che ci sia necessità di ricorrere a figure così specifiche. La delibera di apertura a questa possibilità ha comunque una sua ragion d’essere”. Votazione- Favorevoli 12 Astenuti 3 Contrari 0- Immediatamente esecutiva

  • Il Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari anni 2021/2023, che include nell’elenco degli immobili disponibili per il quale si rileva:
  • È stato inserito l’importo per l’alienazione per i seguenti beni: immobile magazzino+lastrico solare in viale Hanbury per € 100.000; parcheggio su lastrico solare AUTOPARK TERESA per € 500.000; parcheggio privato ALASSIO PARKING diritto di superfice, per trasformazione in diritto di proprietà per euro 2.600.000,00, parcheggio su lastrico solare in Via Maiolo/Via Michelangelo – Park San Rocco per euro 450.000,00; porzione albergo hotel flora per € 288.696,00; porzione di terreno in Via Pera mq 94 per € 38.258,00; permuta dell’immobile ad uso abitativo di Via Mazzini 39/4.

FABIO MACHEDA –  “Si tratta di programmare le assunzioni per prossimo triennio e in particolare anno che verrà in coerenza con indicazioni dirigenti: 4 dipendenti ruolo 1 operaio 1 giardiniere, 1 funzionario per il commercio, 1 messo comunale, 1 per ufficio turismo che saranno assunti mediante concorso. categoria d2: 1 per la ragioneria, 1 per i cimiteri e 1 per polizia municipale. categoria d3: 1 per servizi sociali, 1 per anagrafe e 1 per polizia municipale”.

Casella-  Sono stato negli uffici, Signor Sindaco e devo far notare che, in proposito, avevo fatto una richiesta di accesso agli atti che è andata persa. Non ho detto che è un’opera inutile ma che allo stato attuale non è risolutiva. Riconosco il problema reale di rischio per la pubblica sicurezza. Resto della mia idea: si tratta di un’opera brutta e allo stato attuale non risolutiva. Meglio sarebbe valutare altri interventi magari a mare e rimuovere questi massi esteticamente impattanti. Avevo riconosciuto a voi e alla precedente amministrazione il fatto molto positivo di aver mantenuto i plessi scolastici delle frazioni. Per me è un tema fondamentale per la sopravvivenza delle comunità dei paesi. Vedo che avete previsioni di investimenti ma sul secondo anno, non sul primo. Mi chiedo la ragione e se si può anticipare l’intervento. Vedo che l’intervento su Madonna delle Grazie rientra nel primo anno di lavori. Io farei poi una valutazione su Villa Fiske vista la cifra importante che è stanziata. Su Via Pera noto poi che la cifra mancante è prevista dalla vendita di altre aree già adibite a sosta. Mi chiedo se avete fatto una valutazione del numero di posti auto in più che si andranno a realizzare. Nei momenti di emergenza le vostre risposte sono state piuttosto efficienti, devo riconoscerlo, ma a volte pare utilizziate due metodi: l’uno trasparente e lineare o l’altro a spot. Passeggiata Baracca per esempio azione step by step. Metodo onesto e corretto. Non trovo la stessa linearità nella scuola e su parcheggio via Pera.”

CANEPA (ex sindaco)- “Nel 2014 avevamo approvato il bilancio a Novembre. Invito l’amministrazione a seguire quanto è stato fatto ovvero richiedere spazi finanziari per la progettazione in modo che in futuro si possano realizzare nuove opere pubbliche. Ci sono finanziamenti ministeriali o europei ma occorre avere i progetti pronti.  Mi soffermo su Passeggiata Cadorna, non voglio ripetere quanto ha detto Casella che peraltro condivido. Io non l’avrei fatto. Avrei cercato di prolungare la massicciata preesistente. Invece, non solo questo muro, ma è stato alterato il ciclo del movimento sabbioso, sono stati prelevati massi a protezione della strada. La mareggiata di ieri non è come quella del 2018 o del 2019. Sono state onde di tre metri. Non un sasso in tutta passeggiata Cadorna. Non è quest’opera che ha salvato l’incolumità delle persone, ma il mare che non ha infierito sulla costa….Avevamo messo Villa Fiske in vendita perché gli uffici prevedevano un intervento oltre 1mln di euro per ristrutturazione. I 500mila che avete messo a bilancio non credo siano sufficienti.

PATRIZIA MORDENTE BILANCIO DI PREVISIONE 2021 –

“Bilancio 2021 risulta a pareggio per € 37.073.431,00 a cui va aggiunto il Fondo Pluriennale Vincolato di oltre 10.000.000 di euro in corso di definizione, presentando entrate correnti per € 25.651.341,00 trasferimenti correnti per € 852.887,00 entrate extra tributarie per € 3.016.688,00 ed entrate in conto capitale per € 3.630.000,00 tra spese si rilevano le spese correnti per € 28.995.528,00 e spese in conto capitale per € 3.865.590,00.

Si rileva un risultato presunto di amministrazione pari ad euro 10.735.365,69; di cui euro 4.300.567,06 a formazione del Fondo Crediti dubbia esigibilità; euro 3.600.000,00 Fondo Contenzioso ed euro 50.000,00 altri accantonamenti; è inoltre presente la parte di avanzo vincolato per euro 499.245,35 e quindi si chiude con un AVANZO LIBERO PRESUNTO alla data odierna di € 2.285.553,28, che sarà determinato ed imputato in via definitiva in sede di Rendiconto, un SALDO DI CASSA presunto FINALE pari ad € 11.436.986,49; quest’ultimo dato particolarmente importante anche alla luce di tutte le ripercussioni negative che l’ente deve affrontare anche a seguito della pandemia ancora in corso e comunque rispecchia lo stato di “buona salute” del nostro Ente. E’ stato destinato a fondo contenzioso l’avanzo dell’esercizio precedente pari ad € 1.841.038,00.

Sempre per quest’anno senza previsione di accensione di nuovi finanziamenti, anzi con l’estinzione di alcuni e di conseguenza di una contrazione delle spese correnti che si tradurrà in una futura maggiore disponibilità di parte corrente.

Il presente bilancio è la fotografia di quanto sta attraversando il nostro Comune, in particolare rappresenta la necessità di dover accantonare risorse notevoli ai fondi rischi per gli importanti contenziosi ereditati da questa amministrazione. Per l’esercizio 2021 è necessario accantonare l’ultima tranche della transazione della vertenza con Stadio Alassio Parcking che rileva per euro 299.052,00.

Altra situazione è la vertenza FINCOS, per la quale la Corte dei Conti si è espressa nella pronuncia nr. 97/2020 del 12 novembre 2020, di cui al punto iniziale del presente Consiglio, in cui si è espressa condividendo il nostro piano di stanziamenti di risorse portando il nostro ente a dover stanziare su base pluriennale la somma pari ad € 5.883.790, somma ritenuta sufficiente a coprire il valore capitale dell’arbitrato. Al momento nel bilancio è presente un accantonamento di 1.000.000,00 che andrà ad incrementarsi di anno in anno.

I settori del discrezionale “TURISMO/SPORT E CULTURA”, oggetti di una contrazione, sono comunque stati dotati di un PEG di oltre 360.000,00. Oltre all’aggiunta al capitolo dell’imposta di soggiorno prevista dagli uffici per circa 300.000,00 totalmente destinata al Turismo in coordinazione con il Comitato Locale del turismo, portando così i settori ad un totale di PEG di oltre 600.000 euro; ovviamente questa entrata, visto la notevole influenza dell’epidemia in atto e della grave crisi del settore, è stata iscritta in via prudenziale prendendo a base le entrate dell’anno 2020. In merito ai capitoli della cultura evidenzio che per l’anno 2021 la gestione della “biblioteca” è stata esternalizzato alla partecipata GESCO con un risparmio di spesa di circa 10% (118000/130000).

Particolare attenzione hanno rivestito gli stanziamenti al settore del Servizio delle Politiche Sociali maggiorando ciò che era stato previsto per l’anno 2020 (di oltre 100.000 euro) e di conseguenza iscrivendo un PEG di 1.300.000,00 euro, sempre in accordi con le richieste degli uffici preposti. Ovviamente tale settore nell’arco dell’esercizio sarà sicuramente soggetto a ulteriori stanziamenti sulla base delle future necessità, così come avvenuto per l’anno 2020 aumentando gli stanziamenti di oltre 500.000 euro.

Anche per il peg delle politiche scolastiche si conferma uno stanziamento di circa 710.000,00; che prevede tra l’altro lo stanziamento per il “campo sole” di € 160.000,00. In merito a tale argomento mi preme evidenziare quanto ha fatto questa amministrazione nell’arco del 2020 al fine di adeguare le nostre strutture scolastiche alle esigenze per l’adeguato distanziamento come previsto dalla normativa riferita all’epidemia COVID-19. Si sono confermati i fondi per € 39.600 per il Centro Alassio Salute, in modo che lo stesso possa continuare ad espletare il suo servizio come centro socio-sanitario e guardia medico-turistica.

Lo stanziamento per le spese del personale dell’Ente è pari ad € 4.919.959,00 (pressoché uguale a quello del bilancio 2020 che era di € 4.632.812,00), così come previsto nel DUP 2021, contempla tra l’altro la sostituzione del personale pensionabile e l’assunzione a tempo/determinato di personale della polizia municipale.

Nel nostro bilancio grande importante assumono, come sempre, i lavori pubblici previsti per € 3.865.590,00 finanziati dal presente bilancio di previsione a cui devono essere sommati oltre € 10.000.000,00 relativi a lavori presenti nel Fondo Pluriennale Vincolato per un totale di oltre 13.000.000,00 di euro, tutti o in fase di avvio e in pieno corso di realizzazione

Tra gli interventi finanziati si possono indicare: ..la realizzazione della scuola di Via Gastaldi, il parcheggio di Via Pera come anche l’eliminazione delle barriere architettoniche, la ristrutturazione di Pass.ta Ciccione, la ristrutturazione del plesso scolastico di Via Neghelli, impermeabilizzazione del PALASSIO, ristrutturazione del Palazzo Comunale, Sistemazioni frane e ricostruzioni muri di sostegno strade comunali etc… e finanziati: per € 10.000.000,00 dal Fondo Pluriennale Vincolato parte capitale ancora in fase di definizione finale; per € 1.080.000 da Oneri di Urbanizzazione¸ € 70.000 da cessione loculi/ossari; mentre per € 60.000,00 proventi Legge 208; da alienazioni del patrimonio per € 2.480.000; da avanzo economico per € 175.590,00.

È palese che il presente bilancio è stato influenzato dal grave periodo …Grazie alla fattiva collaborazione di tutti, che mi hanno supportato, Ringrazio gli uffici con tutto il personale dell’ente, i Dirigenti il Direttore Generale ed in particolare il mio settore finanziario e la dr.ssa Gandino, il Revisore D.re Guglielmi…”. Nel presente bilancio di previsione 2021/2023 si conferma l’assetto TARI dello scorso anno in via provvisoria, anche in assenza del piano economico finanziario aggiornato e ci si riserva di intervenire successivamente sull’ammontare complessivo e sull’articolazione tariffaria della TARI una volta definito il nuovo PEF.

Casella – “Se mi chiedessero qual è il miglior atto politico nella sua carriera politica, sindaco Melgrati, risponderei: scegliere l’Assessore Mordente come assessore al Bilancio non solo per la disponibilità e la competenza che dimostra ma anche perché anche in questo caso ha fatto un lavoro egregio ovviamente in collaborazione con gli uffici…. Non entro nel capitolo dei contenziosi, però un invito: tanti contenziosi nascono da opere annunciate a costo zero. Per il futuro invito a maggiore attenzione rispetto all’effettivo “costo zero”.

Canepa – “I complimenti vanno fatti all’Assessore Mordente che ha capacità precisione e costanza e vanno fatti anche all’ufficio che l’ha supportata. Riconosco la strada giusta percorsa con il contenzioso con Fincos, soluzioni che noi avevamo proposto ma che era stata all’epoca rifiutata. E’ stata la Corte dei Conti a indicare questo percorso e un po’ mi spiace perché se oggi abbiamo una struttura come si deve è grazie alla famiglia Vinai. Se avessimo avuto un’altra azienda forse ci saremmo trovati con un buco in piazza per chissà quanti anni. Non voglio polemizzare sulle opere a costo zero”.

Melgrati – “Non torno sui lavori pubblici dell’ex sindaco Canepa, ma Casella mi ha dato spunto per una battuta nel tessere le lodi dell’Assessore Mordente perché nel fare l’analisi del percorso l’errore più grave del sindaco Canepa è stato quello di non avere un assessore ai lavori pubblici e uno al bilancio. Un sindaco non può fare l’assessore al bilancio se non ha le competenze, se soprattutto se si mette contro la dirigente del settore. Questo è forse oggi il segreto di questa amministrazione: oggi tutti i dirigenti, compreso il direttore generale, lavorano in simbiosi con gli Assessori, il sindaco e i Consiglieri delegati che ringrazio perché in tutta la mia carriera non ho mai avuto collaboratori tanto solerti e attivi.”

 

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto