Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

L’Alassino d’Oro, tutti ne parlano, finalmente onorato nell’assegnazione con nuovo regolamento e commissione

Assegnati in Comune gli Alassini d’Oro. Alber Baca detto Albi Albino ha ricevuto l’Alassino d’Oro, Don Giulivo dell’Istituto Salesiano, ha ricevuto quello alla memoria di Don Giorgio Colajacono, direttore dell’Istituto recentemente scomparso.  Il sindaco Melgrati: “Non ci siamo dimenticati della promessa fatta a Alber; solleciterò il governatore Toti perchè si adoperi per fare avere  la cittadinanza. Non saprei immaginare chi potrebbe meritarla di più”.

Piccola premessa di Trucioli.it: finalmente un’assegnazione  dell’Alassino d’oro che per diversi anni aveva raggiunto il punto più infelice della sua storia. Riconoscimenti a persone discutibili, alcuni con precedenti giudiziari, altri assai discussi nella professione e nelle scelte di vita. Con i nostri limiti non ci siamo mai nascosti, abbiamo esercitato la critica, l’approfondimento, i motivi di scelte poco consone. L’amministrazione Melgrati ter ha voltato pagina. Ha istituito una commissione allargata  alla società civile. Tutto di guadagnato quanto a prestigio del premio, dei premiati e di chi ha collaborato al riconoscimento destinato all’album storico alassino. Non nascondiamo che la nostra ‘censura’ ad alcune scelte ci aveva creato inimicizie e problemi. Almeno in tre casi strascichi in sede penale e civile. Non ci sentiamo onorati se siamo stati vittoriosi con il responso della giustizia. Ci siamo sforzati  di informare i lettori aprendo sempre una finestra sul potere amministrativo e politico. Il dovere di fare informazione senza sconti e senza chiedersi chi siano i beneficiari. Lo sforzo verso la ricerca della verità. (l.c.)

SOLIDARIETA’ AL SINDACO CANEPA CONDANNATO  ANCHE IN CASSAZIONE

PER L’ORDINANZA ANTI MIGRANTI: 4 MILA EURO DI MULTA 

Non si sono attese quantomeno le motivazioni  delle sentenza per essere più informati sul provvedimento della Suprema Corte destinato anche a fare testo. Siamo dunque a il dr. Enzo Canepa, imprenditore commerciale, ha agito bene a prescindere dalle legge di uno Stato democratico. O forse è solo un problema di interpretazione ?

Comunicato stampa del Comune di Alassio – “Rinnoviamo la nostra solidarietà ad Enzo Canepa – l’Amministrazione Comunale torna sul tema della condanna all’ex Sindaco per ribadire quanto già espresso in Consiglio Comunale una settimana fa – Siamo certi che nell’operato dell’allora primo cittadino di Alassio, non ci fosse volontà alcuna di discriminazione ma unicamente volontà di tutela della cittadinanza alassina. L’abbiamo detto e lo ribadiamo e certo non avremmo voluto essere nei suoi panni quando dovette prendere la decisione che oggi gli è costata un giudizio tanto severo quanto a nostro parere immeritato”. 

COMUNICATO STAMPA – In forma riservata, a porte chiuse, ma in diretta streaming sulla pagina facebook del Comune, questa mattina si è svolta presso la Sala Consigliare del Comune di Alassio la consegna dell’Alassino d’Oro il prestigioso riconoscimento che l’Amministrazione Comunale alassina conferisce ai cittadini che maggiormente si sono messi in evidenza nei rispettivi settori di competenza. Il regolamento – recentemente modificato dal Consiglio Comunale – prevede che una particolare commissione, composta da Ex Sindaci, raccolte le istanze delle realtà cittadine, esprima un nome e la relativa motivazione. Sempre da regolamento è possibile aggiungere un’onorificenza alla memoria. Ed è stato Marco Melgrati, visibilmente emozionato per il suo recente ritorno alla guida della città dopo la sospensione, ha così letto le motivazioni con le quali sono stati assegnati i riconoscimenti

L’ALASSINO D’ORO 2020 AD ALBER BACA DETTO ALBI ALBINO per aver dimostrato coraggio, dedizione e abnegazione in occasione dell’inizio della pandemia Covid-19 in Italia, con la tragica situazione di emergenza venutasi a creare ad Alassio e in particolare nel cosiddetto cluster dell’Hotel Bel Sit, presso il quale collabora da diversi anni e dove il suo prodigarsi con premura e senso di solidarietà ha alleviato la delicata situazione degli ospiti in quarantena all’interno della struttura. Con il suo impegno e la sua simpatia rappresenta e simboleggia tutti gli operatori turistici alassini che hanno difeso il nome di Alassio come meta turistica non solo bella e piacevole ma anche accogliente e affidabile.

“Un vero angelo – ha commentato l’Assessore alla Protezione Civile Franca Giannotta, cui Melgrati ha ceduto la parola in quanto principale riferimento in occasione del Cluster dell’Hotel Bel Sit – sia nei confronti dell’Amministrazione con la quale si è costantemente relazionato, sia nei confronti dei media, sia in quelli delle persone che si sono ritrovate costrette in quarantena presso l’Hotel”. “Non ci siamo dimenticati della promessa – ha concluso Melgrati – che gli è stata fatta. Sarà mia cura sollecitare il governatore Toti perchè si adoperi per fare avere ad Albi Albino la cittadinanza. Non saprei immaginare chi potrebbe meritarla di più”. “Ringrazio l’Amministrazione, ringrazio i miei colleghi della Croce Bianca – il commosso commento di Alber Baca – per me questo riconoscimento è un grande piacere e un grande onore, oltre a uno stimolo per continuare in questo percorso”.

L’ALASSINO D’ORO ALLA MEMORIA 2020 E’ CONFERITO A DON GIORGIO COLAJACONO

Direttore dell’Istituto Don Bosco di Alassio, salesiano di grande valore e umanità, di spessore culturale e religioso, con lo sguardo sempre rivolto al futuro, simbolo di un’Istituzione che ha diffuso nella nostra città un’importante opera educativa ed istruttiva. Nel 150° della fondazione dell’Istituto, un doveroso riconoscimento al ruolo da esso svolto nella comunità cittadina di educazione religiosa ed etica, di istruzione, di cultura aperta e tollerante, di formazione e trasmissione di valori umani e civili, contro la povertà e l’ignoranza. Don Giorgio, stroncato dalla pandemia, certo sarebbe stato in grado di portare ancora rinnovamento e nuova energia all’Istituto salesiano di Alassio.

“Un caro amico, con cui ricordo costruttivi confronti, insegnante dei miei figli – Melgrati ricorda così la figura di Don Giorgio Colajacono – Ci è stato portato via troppo presto, ma questo vuole essere, nel suo ricordo, il riconoscimento al ruolo che da 150 anni l’Istituto Salesiano svolge nella nostra città”. “E’ un confronto continuo – ha aggiunto Fabio Macheda, Assessore alle Politiche Scolastiche del Comune – e irrinunciabile quello con la casa Salesiana che, in attesa del nuovo plesso scolastico, ospita le scuole medie cittadine, svolge attività oratoriale e partecipa attivamente alle numerose iniziative didattiche. Fu lo stesso Don Bosco che acquistò i terreni per edificare l’Istituto, lui a siglare gli atti e le convenzioni con il comune 150 anni or sono. Lo considero un segnale importante rispetto a un rapporto, quello tra amministrazione e casa salesiana, che iniziato 150 anni fa, mi piace pensare durerà nel tempo”.

E IL FOTOSERVIZIO DI SILVIO FASANO

Fai un click sull’immagine per ampliare la lettura

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto