Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Andora, parrocchia on line: 3 convegni per educare i figli. A Stellanello il ‘piatto’ del sindaco è a Laigueglia. E Albenga riapre il Consultorio. Evoluzione sessuale

Una mini rassegna dal titolo “Figli, facili da amare, difficili da educare”: tre incontri virtuali trasmessi in diretta da Palazzo Tagliaferro, sul profilo Fb del Consultorio, ma anche sulla piattaforma Meeting. Il link di accesso sarà lanciato dal sito della parrocchia http://www.santamatilde.it/. Leggi della riapertura del Consultorio di Albenga. Infine: è a Laigueglia il ‘piatto’ prediletto del sindaco di Stellanello.

ANDORA, INCONTRI PARROCCHIALI ON LINE (6,13, 20 novembre 2020)

TRE CONVEGNI SULL’EDUCAZIONE DEI FIGLI IN DIRETTA DA PALAZZO TAGLIAFERRO

Un progetto che vede uniti parrocchie, comune e scuole

COMUNICATO STAMPA – Gli incontri parrocchiali sbarcano su Facebook e su meeting. Educazione al rispetto delle regole, ma anche alla affettività e alla sessualità fra gli argomenti proposti dalla Parrocchia di Santa Matilde, dalle Parrocchie del Vicariato di Andora che, con il patrocinio del Comune di Andora e in collaborazione con gli operatori dell’Associazione Consultorio Diocesano Profamiglia di Imperia e Albenga, hanno organizzato una mini rassegna dal titolo “Figli, facili da amare, difficili da educare”: tre incontri virtuali trasmessi in diretta da Palazzo Tagliaferro, sul profilo Fb del Consultorio, ma anche sulla piattaforma Meeting. Il link di accesso sarà lanciato dal sito della parrocchia http://www.santamatilde.it/. prima di ogni incontro virtuale. La prima diretta il 6 novembre, quindi 13 e 20 novembre.

Don Emanuele Daniel

Gli incontri sono dedicati a tutti gli adulti che fanno parte delle varie agenzie educative sociali, per questo abbiamo coinvolto anche le scuole: certamente ai genitori, ma anche allenatori sportivi, gli insegnanti, gli educatori parrocchiali e gli adulti che pur non avendo figli sono punti di riferimento per i giovani e verificano con noi ogni giorno un’emergenza educativa a cui è necessario dare risposta soprattutto in questo periodo di parziale isolamento  – spiega il parroco di Santa Matilde, don Emanuele Daniel, promotore dell’iniziativa – I tre appuntamenti saranno un’opportunità per dialogare con psicologi che ogni giorno trattano le problematiche legate al mondo giovanile e certamente sapranno dare  giusti spunti di riflessione per guidare nella crescita i bambini e gli adolescenti. Il rischio lockdown non può fermare il nostro impegno a sostegno degli adulti nel delicato rapporto con il mondo giovanile”.

Il 6 novembre, alle ore 21.00, l’incontro “Se mi vuoi bene dimmi di no!” vedrà la partecipazione dei relatori Dottor Luca Pino Psicoterapeuta e della signora Maria Sep ( Counselor).

Il 13 novembre, sempre alle 21.00, il tema sarà “Affettività e sessualità. Due facce della stessa medaglia” con la  Dott.ssa  Norma Spadavecchia Pedagogista e il dottor  Marco Scarella, Pedagogista

Il 20 novembre, alle ore 21.00, “Cosa metto nello zaino? ( testimonianze, domande e condivisioni) con la  Dottoressa Monica Rebuffo, psicoterapeuta, le counselors Annunziata Venturelli e Adriana Didio

“Quotidianamente siamo al servizio delle famiglie che hanno difficoltà con i figli – spiega la dottoressa Monica Rebuffo, psicologa – Da poco tempo, abbiamo riaperto anche il consultorio di Albenga. Con i convegni di Andora parleremo del rapporto con gli adulti, della necessità di regole, dell’evoluzione affettiva e sessuale dei ragazzi, ma soprattutto sottolineeremo l’importanza di creare un rapporto continuativo fra genitori e figli per poter affrontare a qualsiasi età ogni argomento”.

Per in formazioni il consultorio è disponibile allo 0183/297677

QUANDO SI POTEVA PRANZARE E CENARE SENZA ORARI

IL PIATTO PREDILETTO DAL SINDACO DI STELLANELLO ERA A LAIGUEGLIA:

Grande Luca, il Pirata a Laigueglia, numero 1

UN ALTRO VOTO DEL PRIMO CITTADINO CLAUDIO CAVALLO

“Ho votato questa incredibile opera sia dal punto di vista tecnico con soluzioni affascinanti per l’epoca di costruzione, sia dal punto di vista delle bellezze naturali e storiche. Votalo per favore, il bello è il viaggio non la metà!”

DAL SITO DEL FAI – Esiste un luogo che ne racchiude in sé molti altri, una straordinaria opera dell’ingegno umano che sfida i limiti fisici per creare un ardito collegamento tra territori e tra nazioni. E’ la Ferrovia Cuneo – Ventimiglia – Nizza, pensata e realizzata quasi due secoli fa, che con il suo audace tracciato unisce l’Italia alla Francia, il Piemonte alla Liguria i monti al mare, la pianura alla costa… un filo conduttore che corre parallelo alla storia del nostro Paese e abbraccia la sua geografia. Sulle sue rotaie si intraprende un viaggio che è scoperta del territorio e del suo paesaggio. Oltre 100 chilometri di emozioni durante i quali scorrono dal finestrino la pianura piemontese, le coste della Liguria di ponente e della Costa Azzurra francese, i parchi naturali delle Alpi Marittime e del Mercantour. Una testimonianza del genio e dell’intraprendenza dell’uomo: in meno di cinquanta chilometri in linea d’aria supera un dislivello di mille metri, in un territorio affascinante ma straordinariamente impervio. Nonostante la sua spettacolarità e l’utilità per tutte le persone che ne usufruiscono, dagli anni ’80 la linea ferroviaria non è mai stata sufficientemente valorizzata e sostenuta. Malgrado i considerevoli investimenti per la sua messa in sicurezza è poi mancata una vera e propria politica di rilancio che ha portato ad un inevitabile declino con una drastica riduzione delle corse (attualmente 2 al giorno) e un’incombente minaccia di chiusura, acuita dalla doppia gestione italiana/francese. Eppure questa è la “Ferrovia delle Meraviglie”, inserita nel 2016 dalla rivista tedesca Hörzu tra le dieci linee ferroviarie più belle del mondo. Ma oggi rischiamo di perderne il profondo valore. Per questo il tuo voto è importante, perché unito a quello di tante altre persone può fare la differenza e aiutarci a salvare la Ferrovia. Vorremmo che questo censimento fosse l’occasione per scoprire e riscoprire un luogo unico del nostro Paese. Sono molteplici gli aspetti della ferrovia che possono coinvolgere e appassionare ognuno di noi, temi che toccano gli interessi e le propensioni più svariate. Li approfondiremo e ve li proporremo se vorrete tornare ad aprire questa scheda nei prossimi giorni. Intanto, diffondete la voce e votate!

Avatar

Trucioli

Torna in alto