Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Giustizia: senza toga magistrato simbolo
Davigo escluso pure dal Csm

È finita l’esperienza di Piercamillo Davigo magistrato eccezionale al Csm. Al termine di un dibattito durato diverse ore, ieri pomeriggio il plenum ha votato la decadenza da consigliere superiore dell’ex pm di Mani pulite. Intransigente onestà intellettuale,assoluta indipendenza di giudizio, inattaccabile libertà morale, esemplare carriera.

DA IL DUBBIO (QUOTIDIANO)-

Piercamillo Davigo ora è in pensione

Al termine di un dibattito durato diverse ore, ieri pomeriggio il plenum ha votato la decadenza da consigliere superiore dell’ex pm di Mani pulite. A favore dell’uscita di scena si sono pronunciati i componenti del comitato di presidenza di Palazzo dei Marescialli, vale a dire il vicepresidente del Csm David Ermini, il primo presidente e il pg della Cassazione, Pietro Curzio e Giovanni Salvi. No al prosieguo del mandato, con una certa sorpresa, anche da parte dell’“indipendente” ( ma eletto col sostegno del gruppo davighiano) Nino Di Matteo, dai 3 di Magistratura indipendente Loredana Micciché, Paola Braggion e Antonio D’Amato, dai 2 di Unicost Conchita Grillo e Michele Ciambellini, e dai laici Filippo Donati ( indicato dal M5S), Emanuele Basile ( Lega), Alessio Lanzi e Michele Cerabona ( FI).

Alla fine si sono schierati, senza successo, per la permanenza di Davigo solo 2 dei 5 consiglieri di Area, Alessandra Dal Moro ed Elisabetta Chinaglia, uniche altre togate oltre ai 3 rappresentanti della davighiana Autonomia e indipendenza, ovvero Sebastiano Ardita, Ilaria Pepe e Giuseppe Marra. Tra i laici, il solo che abbia votato perché Davigo restasse in plenum è stato Fulvio Gigliotti ( indicato dal M5S). Si sono invece astenuti Stefano Cavanna ( Lega) e Alberto Maria Benedetti ( M5S), così come gli altri 3 togati di Area Giuseppe Cascini, Giovanni Zaccaro e Mario Suriano.

Un esito che nessuno si aspettava, alla luce della forte campagna d’opinione portata avanti in questi mesi a favore della permanenza di Davigo al Csm anche dopo la sua entrata in quiescenza, formalizzata ieri dalla delibera approvata pochi minuti prima del dibattito sul prosieguo del mandato. Chissà perché fino all’ora fatidica del plenum non era balenata in modo così nitido la volontà di attenersi alla Costituzione. Difficile spiegarlo se non con il peso che hanno avuto, prima e durante la discussione consiliare, i vertici dello stesso organo di autogoverno. Saranno risuonate anche nella testa di possibili “indecisi” parole come quelle del presidente della Suprema corte, Curzio: «Il pensionamento fa venire meno lo status di magistrato, quindi anche le funzioni di componente del Csm. Ne ho parlato anche in comitato di presidenza» , ha spiegato in modo molto trasparente Curzio, «e ho trovato conferma in questa mia conclusione. Ne ho parlato anche con Davigo, per la chiarezza che ha sempre contraddistinto i nostri rapporti. È stato un onore essere suo collega, aver lavorato con lui, ma gli argomenti per la decadenza sono più convincenti». Anche il pg Salvi ha parlato di una «necessità derivante da principi costituzionali: a far parte del Csm non possono che essere magistrati in servizio».

Fino all’intervento di Ermini, secondo il quale «la Costituzione ci impone di rinunciare all’apporto che Piercamillo Davigo, magistrato eccezionale, potrebbe ancora dare al Consiglio superiore». Va dato atto al vicepresidente del Csm di aver speso parole forti per l’ex pm del Pool, a proposito delle sue «qualità», della «intransigente onestà intellettuale», dell’ «assoluta indipendenza di giudizio» e «inattaccabile libertà morale», che «hanno connotato il percorso di un magistrato eccezionale» e la sua «esemplare carriera». A Davigo, ha aggiunto Ermini, «mi lega ora un’amicizia per me preziosa e irrinunciabile», ma «tuttavia, nella vita, ci sono momenti in cui chi è chiamato a compiti di responsabilità istituzionale deve assumere decisioni dolorose».

Del no pronunciato da Di Matteo al prosieguo del mandato, resterà tra l’altro un’osservazione non sentita spesso, nel dibattito degli ultimi giorni: «L’appartenenza all’ordine giudiziario è condizione imprescindibile per l’organo di autogoverno», che è «per due terzi composto da magistrati: il rapporto predeterminato tra laici e togati è una regola sancita dalla Costituzione», ha detto Di Matteo. La permanenza di Davigo al Csm dopo il suo collocamento in pensione violerebbe dunque, ha sostenuto il pm antimafia, «la ratio e lo spirito delle norme costituzionali». Di Matteo ha comunque parlato di una decisione «presa con grande dolore» per la stima nei confronti del collega che «lascerà un segno nella storia recente della magistratura italiana».

Con l’uscita di Davigo cambiano i rapporti di forza al Csm, contraddistinti finora da una maggioranza imperniata sull’alleanza fra Area e davighiani. Il posto dell’ex pm di Mani pulite ( che compie oggi 70 anni) sarà preso dal giudice di Cassazione Carmelo Celentano, di Unicost. Difficile dire, almeno per questo, che l’uscita di Davigo dal Csm non produca conseguenze politiche.

COMMENTO DI Giovanni Di Simone
Il problema è più complesso,e basta guardare Buonafede (ministro). Il dramma, riportato anche nella filosofia millenaria da assolutissime sintesi, è che il popolo italiano ,e di più quello meridionale, è più intelligente della media, e ciò si comprende anche nella generale minore statura e prestanza fisica e, ( frequenti volte) perplessità estetica.
Proprio per questo abbiamo il dramma in Italia di una sovrappopolazione di avvocati del 400% superiore alla media Europea che , insieme ai giudici, arrivano dalle classi economiche inferiori, dopo unghiosi studi e facili sogni, finalmente,di soldi assai e non quelli strettamente misurati che circolano in casa ,ed altre ,piccole e grandi aspirazioni. Ciò specialmente se,tra tanto impegno, hanno per illusione tralasciato di approfondire proprio ( e per le nostre province meridionali) il Decreto n.851 datato in Napoli il 17.4.1832 da S.M. FERDINANDO II.
Se frequenti studi e statistiche anche europee, rivelano in Italia la terrificante connessione criminogena ,in perfetto equilibrio dei reati commessi e trattati nei Tribunali ,corrispondenti lo stesso ad effettuare n numero quattro volte maggiore alla media Europea come gli avvocati,
Vienesi a significare che da lungo tempo ci troviamo di fronte a forme occulte di assistenza mediante la studiata tolleranza di queste cartiere giudiziarie che hanno la funzione di sottrarre; non denaro al fisco come le società cartiere che evadono le tasse; ma denaro al Ministero della Giustizia per il pagamento di procedimenti sceneggiati per così bassa esigenza economica. L’imbarazzo delle Alte Funzioni dello Stato è proprio questo, inquantoche’ ,se questa gente rimanevano di condizione umile come le loro famiglie potevano essere assistite socialmente alla luce del sole con gli strumenti in uso, ma se sono avvocati o giudici, e ripeto virgola, con quale fallimento una Grande Nazione tra le massime potenze mondiali, assisterebbe con la Caritas o con la carta sociale una persona di tale alto status appartenente alla classe dirigente? È lo stesso problema di parvenza sociale che si presentava con i nobili decaduti e ridotti alla fame, durante i tempi della nobiltà. Ma la immensa lacerazione nell’animo con questi stratagemmi di oggigiorno, è che accusare falsamente o superficialmente un altro solo per ottenere un tornaconto economico è la ripetizione di un evento che bene ci insegna la Nostra Sacrosanta Religione, Quindi più che mai , anche limitando queste caratteristiche naturali degli italiani, di fronte alla lapsazione in così gravi peccati,LA MAGISTRATURA DEVE ESSERE RIFORMATA SIN DALLA RADICE, in un riordino che la ponga moralmente in linea con il sentire comune del popolo italiano

Avatar

Trucioli

Torna in alto