Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Albenga globicefali, confidenti e socievoli, al largo della Gallinara. E se Alassio si unisse per comprare l’isola

Albenga, straordinario avvistamento di globicefali, grandi mammiferi marini, che Artescienza e Menkab – il respiro del mare hanno fatto martedì 20 ottobre durante le riprese del docu-film Bartleby, la balena, attualmente in lavorazione. La Gallinara, il suo ricco mare di storia antica e moderna, sempre in attesa di essere valorizzata (e non solo ben conservata) a beneficio del turismo e del suo indotto. Per quale ragione i comuni più interessati e coinvolti (oltre Albenga, Alassio) del comprensorio non potrebbero unirsi per acquistrarla, con l’aiuto dello Stato e della Regione Liguria ? Cosa lo vieta ?

AVVENTURE MARINE NEL SANTUARIO DEI CETACEI 

L’incontro con un branco di globicefali durante le riprese del docu-film Bartleby

COMUNICATO STAMPA – Al largo dell’isola di Gallinara, i filmmaker di Artescienza sono stati protagonisti di un avvistamento sorprendente: un grosso branco di globicefali, conosciuti con il nome scientifico di Globicephala melas.

L’incontro è avvenuto durante le riprese del docu-film sui mammiferi marini Bartleby, la balena; il progetto, finanziato con le risorse del POR FERS Liguria 2014-2020, ha coinvolto i filmmakers in una serie di missioni in mare a bordo dell’imbarcazione dei ricercatori di Menkab – il respiro del mare e ha come obiettivo raccontare quanto sia straordinaria la natura che abbiamo vicino alle nostre coste. Il mare che abbiamo di fronte è un luogo sorprendente, che merita di essere conosciuto: poco lontano dalle nostre case e dalle nostre città vivono gli animali più grandi del pianeta e qui si ritrovano molte altre specie, non solo animali ma anche vegetali, all’interno di un ambiente tanto ricco quanto fragile.

L’incontro con i globicefali è stata l’occasione per sperimentare forme di racconto originali, combinando la fiction con il linguaggio documentaristico; l’attrice Francesca Frassetto ha così interpretato la sua parte e interagito con questi straordinari animali selvatici. Co- protagonisti d’eccezione i globicefali, animali confidenti e socievoli, che hanno affiancato l’imbarcazione di Menkab per alcune ore e facilitato il lavoro della troupe.

PhD student in Marine sciences so Università degli Studi di Genova
Naturalist – Skipper – Photographer  Menkab: il respiro del mare
Researcher – SONGS project Volunteering for marine life, volunteer needed, eco-volontariat. Precedentemente Whale watching guide Futurismo Azores Whale Watching. Research intern in molecular ecology laboratory Durham University. Ha studiato all’Università degli Studi di Genova e Università degli Studi di Perugia

I globicefali – spiega il biologo di Menkab Biagio Violisono i delfinidi più grandi del Mediterraneo e possono raggiungere i 6 metri di lunghezza; vivono in zone a largo, in prossimità di montagne sottomarine e scarpate continentali dove vanno a nutrirsi di calamari. Sono animali confidenti, e questo ha permesso di fare un ottimo lavoro anche dal punto di vista scientifico, fotografando le pinne per identificarle e catturando le immagini aeree per la stima della lunghezza”.

Racconto e divulgazione, queste le due premesse del progetto, per scoprire la meraviglia del quotidiano: Samuele Wurtz, filmmaker di Artescienza, spiega che “spesso, quando guardiamo il nostro paesaggio – quello in cui siamo nati o viviamo – non ci accorgiamo di quanto sia ricco e coinvolgente. Se solo riscoprissimo con stupore e curiosità il quotidiano, oltre che lo straordinario, forse potremmo vivere un’esistenza più armoniosa con il mondo che ci ospita.”

www.artescienza.org

info@artescienza.org

ALASSIO – Una videoconferenza per il futuro del Porto Luca Ferrari

(Collegati Comune di Alassio, Marina di Alassio e Cnam)

Comunicato stampa -“Un primo incontro per il futuro del Porto di Alassio sotto il profilo delle attività che ivi prendono vita, dei servizi e soprattutto dell’assetto societario alla luce delle direttive della Legge Madia”. Fabio Macheda, Assessore alle Società Partecipare del Comune descrive così l’incontro che si è svolto stamani in videoconferenza secondo le indicazioni del nuovo DPCM, tra Comune di Alassio, Marina di Alassio e Circolo Nautico al Mare. “Si è trattato di un primo passaggio – spiega Macheda- dal quale è scaturita l’unanime volontà di proseguire e anzi incentivare tutte quelle iniziative che già trovano spazio nel Porto Luca Ferrari, e di trovare una soluzione che ne conservi spirito e tradizione”.

Fin qui il comunicato stampa. E’ dal porticciolo turistico di Alassio che partono in assoluto il maggiore numero di imbarcazioni dirette a circumnavigare la Gallinara e sostare nelle sue acque. E’ da qui che salpano con i loro yacht alcuni dei proprietari dell’isola, spesso insieme agli amici che ospitano nelle loro residenze sulla ‘tartaruga’. E Alassio resta la prima ‘regina’ del turismo del ponente ligure. La metà, la gita alla scoperta dei tesori naturali dell’isola potrebbe essere un formidabile richiamo ed indotto. Le amministrazioni comunali, le forse economiche alassine, hanno mai ragionato che sarebbe quanto mai saggio e utile unire gli sforzi con Albenga, oppure ci sono ostacoli insormontabili ? Quali ? Chi ha fatto questo commento sui social: “Bravi… Quindi un magnate pieno di soldi poteva riqualificare tutta l’isola portando ricchezza ad Alassio per shopping, ad Alassio e Albenga per ristorazione e trasporti (aeroporto e porto)… Ma noi coglioni usiamo i soldi pubblici per fare una bella accoppiata come una scarpa e una ciabatta..”

DAL MINISTERO DELL’AMBIENTE 4 MILIONI PER ALBENGA:

SISTEMAZIONE DIO FASCEO E RIO CARENDETTA

Dal Ministero dell’Ambiente finanziamento di 4 milioni saranno, invece, utilizzati per la sistemazione dei rii Fasceo e Carendetta nella piana di Albenga, una zona soggetta a ripetuti allagamenti, manifestati anche nel corso dell’ondata di maltempo delle scorse settimane, che rendono l’intervento necessario.

ALBENGA: RINVIATA AL 2021 LA 2° EDIZIONE DEL “GIRO DEI MONTI SAVONESI STORICO”

Alla luce degli ultimi avvenimenti e dell’aumento costante dei contagi in tutta Italia e anche in Liguria, il Comune di Albenga, preoccupato per quanto sta accadendo e non potendo prevedere l’evolversi della situazione sanitaria né eventuali restrizioni normative, ha chiesto agli organizzatori del “Giro dei Monti Savonesi Storico” di rivedere i programmi e rimandare al prossimo anno la gara che avrebbe dovuto svolgersi il 31 ottobre e 1 novembre prossimi, questo per una maggiore tranquillità e per tutelare al massimo la salute dei partecipanti e dei cittadini, considerando comunque che la manifestazione avrebbe dovuto svolgersi senza pubblico come disposto dal protocollo anti Covid-19 promosso da Aci Sport. L’organizzazione a malincuore ha accolto questa richiesta, consapevole del difficile e delicato periodo storico. L’appuntamento con la 2° edizione del “Giro dei Monti Savonesi Storico” è quindi rimandato al 2021. Il vicesindaco di Albenga Alberto Passino: “Il Giro dei Monti Savonesi Storico è un evento su cui il Comune di Albenga ha voluto investire già nel 2019. Sarebbe un peccato che una manifestazione di così grande richiamo si dovesse svolgere, per forza di cose, senza la visibilità che merita. Proprio per non penalizzare un evento di tale rilevanza e con una grande ricaduta per la promozione del territorio, sebbene le norme indicate dalla federazione ci avrebbero consentito di mantenerlo, si è scelto di rinviarlo al prossimo anno”.

ALBENGA RINVIO DI MANIFESTAZIONE
Si comunica che a seguito del DPCM del 18/10/20. L’evento in programma sabato 24 ottobre 2020: Esperienze medievali – “Dimmi cosa indossi, ti dirò chi sei” – Corso di sartoria medievale con Stefania Menghini VIENE RINVIATO A SABATO 28 NOVEMBRE 2020.

ALBENGA – Il fiuto del commissario Lupo colpisce ancora

denunciato spacciatore diciottenne

COMUNICATO STAMPA – Il fiuto del commissario Lupo ancora una volta permette all’Ufficio di Sicurezza Urbana dell’associazione delle

L’agente di Polizia locale Romualdo Casu  diventato ‘cacciatore di spacciatori’ con il commissario lupo detective

Polizie Locali di Albenga, Loano e Finale di portare a segno un importante risultato in materia di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti. Gli agenti, sempre presenti sul territorio, spesso anche in servizi in borghese e quindi meno visibili dai cittadini, come periodicamente accade hanno eseguito controlli mirati sul territorio ingauno per contrastare, in particolare, la diffusione del fenomeno tra giovani e giovanissimi.

Dai controlli posti in essere in una zona appartata d’Albenga sono stati fermati tre giovani, tutti appena maggiorenni, i quali, all’interno di una macchina, stavano consumando della marijuana . Fermati e controllati dagli operatori gli stessi scoprivano che la sostanza era stata fornita da uno dei presenti. Chiesta l’autorizzazione al magistrato di turno gli agenti si sono attivati per procedere alla perquisizione domiciliare del giovane pusher che aveva già precedenti specifici per spaccio di sostanze stupefacenti.

Durante il controllo l’unità cinofila antidroga il commissario Lupo si è fermato in particolare al piano terra dell’immobile nella zona di pertinenza condominiale. Sebbene all’apparenza non vi fossero sostanze occultate il fiuto di Lupo ha dimostrato di andare ben oltre a quello che l’occhio umano poteva percepire. Solo grazie alla sua grande insistenza, infatti, gli operatori hanno deciso di smontare delle canalette elettriche nel punto esatto indicato da Lupo e, occultato in un buco è stato trovato un sacchetto con della marijuana.

Proseguendo le indagini gli agenti hanno rinvenuto inoltre strumenti atti allo spaccio e al confezionamento delle sostanze stupefacenti in particolare un bilancino digitale di precisione nonché diversi sacchetti. Di fronte all’evidenza dei fatti al giovane pusher che era convinto che nessuno avrebbe mai scoperto il suo nascondiglio non è restato altro che confessare la proprietà della sostanza e degli oggetti ritrovati e fare i complimenti al Poliziotto a 4 zampe.

Lo stesso è stato quindi denunciato in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente come previsto dall’articolo 73 del d.p.r. 309/1990. L’assessore alla sicurezza Mauro Vannucci nel complimentarsi con la polizia locale ed in particolare con il Commissario Lupo e, naturalmente il suo conduttore Romualdo Caso, ironicamente assicura chi ne ha dubitato che il ruolo di animale da compagnia di quello che è a tutti gli effetti un membro effettivo del corpo della Polizia Locale, viene svolto da Lupo solo fuori dall’ orario di servizio e operazioni come quella appena portata a termine ne sono la prova evidente.

Rapina ad Albenga, i protagonisti raccontano i fatti

L’assessore Mauro Vannucci: “L’atto di coraggio dei protagonisti della vicenda ha permesso di assicurare alla giustizia l’autore della rapina ed è la prova che attraverso la collaborazione con le forze dell’ordine si possono raggiungere grandi risultati.

COMUNICATO STAMPA – L’assessore alla sicurezza e al commercio Mauro Vannucci si è voluto recare personalmente presso i titolari delle attività commerciali che nella giornata di ieri hanno dimostrato una grande determinazione e sopratutto un grande coraggio nel fermare un 21enne nato in Marocco e residente a Ceriale che intorno alle 12.00 era entrato in un negozio di abbigliamento e, dopo aver rubato una polo della “Lacoste”, si era dato alla fuga.

A raccontare la vicenda i protagonisti: Denis e Nico (detto Luca) del Caffè Roma e Silvana del negozio BiancoSport.

Racconta Denis:Durante il mio orario di lavoro ho sentito la titolare nel negozio Biancosport urlare ‘fermo fermo’ ed ho immediatamente capito che era successo qualcosa. Ho notato un giovane allontanarsi di cosa e Silvana cercare di fermarlo. Non ci ho pensato due volte e mi sono messo a correre per fermarlo e assicurarlo alla giustizia. Dopo averlo fermato mi ha raggiunto Luca, il mio titolare, che ha preso in mano la situazione fino all’arrivo delle forze dell’ordine”.

Nico detto Luca titolare del caffè Roma spiega: “Non è stata una situazione facile. Il ragazzo che abbiamo fermato cercava di tirare pugni e calci ed ho anche temuto potesse avere un coltello o altri oggetti atti ad offendere. Fortunatamente non è stato così, ma ora ho paura per me e la mia attività perché mi ha rivolto pesanti minacce.”

Silvana titolare di Biancosport:Ringrazio Denis e Luca per essere intervenuti immediatamente in mio soccorso. Mi è stato riferito che il rapinatore è già stato rimesso in libertà con obbligo di firma. Speravo in una punizione più severa e spero che non ci siano ripercussioni né per me né per la mia attività”.

Afferma l’assessore Vannucci:Ho sempre sostenuto che, in relazione alla sicurezza della nostra città e dei nostri cittadini, è essenziale un concreto rapporto tra gli stessi e le forze dell’ordine. L’atto di coraggio dei protagonisti della vicenda ha permesso di assicurare alla giustizia l’autore della rapina ed è la prova che attraverso la collaborazione con le forze dell’ordine si possono raggiungere grandi risultati. Questa è altresì l’occasione per reiterare il mio invito alla cittadinanza a vigilare su qualsiasi circostanza e segnalare tempestivamente alle forze dell’ordine ogni atteggiamento che potrebbe far sorgere dubbi sulle sospette intenzioni di chi potrebbe compiere azioni illecite”.

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto