Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Savona, Cinzia Bassani l’artista e reporter
sedotta da Madre Teresa e Dalai Lama.
Ecco il calendario del Teatro Sacco
3 ottobre: Tutta casa, letto e chiesa

Per Vetrine d’artista – sede Banca Carige, ex Carisa, corso  Italia a Savona – espone: Cinzia Bassani, dal 2 ottobre  2020  al 3 novembre 2020. Curatore  Silvia Bottaro, presidente Associazione “Aiolfi” no profit, Savona e  critico d’arte. Cinzia Bassani laureata con dignità di stampa in Scienze Politiche, consegue il Master in “Teoria e Tecnica dell’Immagine” dell’Università degli Studi di Genova.

Festa al monastero di Labrang, Tibet

Si diploma in Inglese al Trinity College di Londra e diventa filmmaker alla Scuola d’Arte Cinematografica di Genova.  Partecipa a corsi internazionali per documentaristi e a workshop di fotogiornalismo tenuti da fotografi di fama mondiale.   Esordisce nel 2007 con l’editore De Ferrari con il libro fotografico “Anime in Cammino” vincitore del “Premio copertine”,  da cui trae la mostra che è tuttora presentata con successo.

Nel 2012 il film-documentario “Finchè penso, vivo” (VideoAstolfoSullaLuna) è proiettato in cinema, scuole, convegni medici ricevendo ottimi riscontri. Nel 2015 esce con lo stesso editore il libro di narrativa di viaggio “Calcutta dentro” e nel 2020 il fotografico “Declinazione natura”. Nel corso degli anni ha collaborazioni importanti con le reti televisive nazionali ed estere ed i suoi documentari hanno vinto numerose edizioni del Premio Chatwin.

Cinzia Bassani dalla sua pagina Facebook nel 2012

Gli incontri con Madre Teresa di Calcutta e il Dalai Lama sono stati fondamentali per la sua vita privata e professionale. Il documentario di creazione e il reportage fotografico sono per lei gli strumenti più adatti a dar voce a chi non l’ha grazie alla forza espressiva delle immagini ed al coinvolgimento emotivo della storia.

Le sue fotografie sono state esposte in gallerie d’arte in Italia e all’estero. Da anni tiene conferenze in varie Unitre liguri ed attualmente sta lavorando a nuovi progetti fotografici e cinematografici.

Fotografia documento quella della Bassani relativa a civiltà lontane; fotografie di riflessione interiore alla ricerca della verità nei riti, nei gesti, nella quotidianità degli Ultimi;  fotografie dove l’orizzonte è: “L’occhio vede ciò che la mente conosce” (J.W.Goethe).

(A cura di Silvia Bottaro)

 

 

STAGIONE ARTISTICA OTTOBRE – DICEMBRE  2020 / UN SACCO DI EMOZIONI DI NUOVO  INSIEME 

II ° EDIZIONE RASSEGNA TEATRALE DEDICATA  A LUCIANA COSTANTINO

5 SPETTACOLI  DI  PROFESSIONISTI  CHE HANNO RACCOLTO  LA  SUA GRANDE PASSIONE PER IL  TEATRO 

SABATO  3 OTTOBRE  ALLE ORE 21 “ TUTTA CASA, LETTO E CHIESA “  di Franca Rame e Dario Fo  SPETTACOLO TEATRALE con Marina De Juli

Lo spettacolo è interpretato da una magistrale Marina De Juli, ironica, divertente, che rende onore a Franca Rame, essendo se stessa.  Attraverso la sua recitazione scolpisce figure di donne nella loro normalità. Normalità sviscerata, smembrata, con un’interpretazione appassionata. Un’attrice capace di passare da un piano tragico a quello comico il momento dopo e di far riflettere. 

SABATO 10 OTTOBRE    ALLE ORE 21  “ IL VINO E SUO FIGLIO  “ Liberamente tratto da “ Il Navigatore del Diluvio” di Mario Brelich

SPETTACOLO TEATRALE con Enrico Bonavera  

IL VINO E SUO FIGLIO” protagonista assoluto è – come da titolo – IL VINO, il suo valore ‘mitico e sacro’, la sua paradossale congiunzione tra ‘basso corporeo’ e filosofia del palato e della vita. Quando un giovane diventa uomo ? Nella nostra società sono ormai assenti i riti di trasformazione dall’adolescenza all’età adulta, quelli che venivano chiamati ‘riti di iniziazione’; ma il primo bicchiere di vino è ancora oggi testimonianza di una prova di passaggio: il fanciullo passa progressivamente dal latte materno, all’acqua , alla bevanda dei ‘grandi’.

SABATO  17 OTTOBRE   ALLE ORE 21 “ EVA “ liberamente tratto da DIARIO DI EVA di Mark Twain  SPETTACOLO  di TEATRO – DANZA  con Mariella Speranza e Valeria Puppo . Regia di Gianni Masella   “ Eva” ha debuttato nella rassegna La Tosse d’estate raddoppia  2020  organizzata dalla Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse di Genova 

Eva, la prima donna, una sorta di dea?, che inizia il suo percorso di consapevolezza nel paradiso terrestre e, mangiando la mela dell’albero della conoscenza, si spinge ben oltre l’eden. Eva, tratta dalla costola di Adamo, Eva fatta a sua volta di polvere di cielo, abitando una specie di spazio meraviglioso o terra di nessuno, si scopre, si sperimenta, racconta ed omette.. Le parole di Mariella Speranza e il corpo di Valeria Puppo restituiscono la complessità e la ricchezza del mondo interiore di Eva, in un percorso in cui parola e gesto si fondono, per svelare l’animo ricco e appassionato della protagonista.

SABATO  24  OTTOBRE   ALLE ORE 21 “MEMORIE DI UNA CICIONA
SPETTACOLO TEATRALE di e con Simonetta Guarino. Regia Marco Taddei

Il body shaming sta alla ciciona come l’orso a miele

In scena una Ciciona in Persona e le sue memorie ( una “C” sola perché le doppie sono faticose e Le  Cicione oltre che ciccione sono anche pigre , va da sé) …Cosa si aspetterà il pubblico?
Beh , intanto iniziamo con una considerazione di genere : le donne sono definite dal loro aspetto molto più  dei maschietti.
Una Ciciona insomma è molto più interessante di un generico ciccione per chi si dedica all’arte del body shaming.  Cosa ci svelerà La Ciciona in persona sul palco?
Fantasie  imbarazzanti ? Aneddoti buffi di rotolini  ribelli ? Esilaranti brutte figure di un’imbranata over-size ?Cosa altro deve raccontare se non le sue mestizie?

SABATO  31  OTTOBRE   ALLE ORE 21 COME UNA LINGUA DI FUOCO

L’invasione di Messico con le parole dei vinti

TEATRO DI NARRAZIONE  con musica dal vivo dei  Phonodrama  con Andrea Nicolini attore, Gianluca Nicolini flauto, Fabrizio Giudice chitarra

Nel  1517, i  Conquistadores arrivano in Messico, come un elemento estraneo, penetrando in un corpo umano sano, che può infettarlo fino a ucciderlo. Così gli “extraterrestri” spagnoli segnano la fine del popolo azteco.

Il narratore, indigeno, descrive gli eventi, dai presagi funesti al sanguinoso giorno dell’ultima strage. Gli aztechi non possiedono gli anticorpi che permettano una difesa valida (le trombe di fuoco annientano archi e frecce). Moctezuma è il principale eroe tragico della vicenda: non riesce a capire, non sa decidere se resistere o fuggire. Gioca a nascondino con il nemico fino a che questi non piomba nel suo Palazzo splendente d’oro per saccheggiarlo. Il Re verrà prima ossequiato, poi imprigionato, infine ucciso.

LA 2° RASSEGNA TEATRALE LUCIANA COSTANTINO E’ STATA REALIZZATA CON IL CONTRIBUTO DELLA FONDAZIONE AGOSTINO DE MARI 

SABATO 7 NOVEMBRE   ALLE ORE  21.00  Ucciderò il gatto di Schroedinger” di e con Gabriella Greison  TEATRO DI NARRAZIONE  Questo è  un racconto incentrato sul personaggio di Erwin Schroedinger, il fisico austriaco che prima di tutti ha pensato quello che oggi ha rivoluzionato il nostro modo di vivere, e il nostro futuro. Uno scienziato anni luce lontano dall’ideologia comune: bigamo, amante della bella vita, grande seduttore di bellezze femminili, anticonformista, filosofo,  lontano dagli stereotipi e dalla politica. La sua amicizia con Albert Einstein, i computer quantistici, l’intelligenza artificiale, la mente quantica, i mondi paralleli, , gli esperimenti mentali, la sincronicità. Tutto questo è “Ucciderò il gatto di Schroedinger”. Una storia che non è mai stata raccontata, e che lascerà tutti senza fiato.

SABATO 14  NOVEMBRE  ALLE ORE 21 ““ LA FINE DI TUTTE LE COSE “ . SPETTACOLO TEATRALE di Alessandra Schiavoni con Alessandra Frabetti. Regia di Alessandra Schiavoni

Franca è una mamma e una nonna, una donna di questi tempi, in grado di fotografare con estrema lucidità e semplicità la caducità della vita e il bisogno, per sopravvivere, “di andare oltre le cose, oltre la forma, oltre il colore, oltre l’odore”.

SABATO 21  NOVEMBRE  ALLE ORE 17.30 E ALLE  21 “ ESERCIZI DI STILE “           di  RAIMOND QUENEAU SPETTACOLO TEATRALE  CON LA LIBERA COMPAGNIA TEATRO SACCO

Regia di Antonio Carlucci con ,Sandro Battaglino, Guglielmo Bonaccorti, Susj Borello,  Alessio Dalmazzone, Manuela Salviati, Monica Schiavini  Musiche di e con Dario B. Caruso chitarra, Marco Di Giuseppe sax, Alessandro Delfino pianoforte.

Scenografie di Vittoria Carrieri .

Il nostro spettacolo teatrale resta fedele al testo letterario e realizza questa divertentissima sperimentazione sull’uso del linguaggio attraverso i vari personaggi che via via racconteranno, canteranno, declameranno dal loro “punto di vista” lo stesso episodio di vita quotidiana, con un effetto comico travolgente.

SABATO 28  NOVEMBRE  ALLE ORE 21  “ IL MURO TRASPARENTE “                     Delirio di un tennista sentimentale SPETTACOLO TEATRALE  a cura di Monica Codena, Marco Ongaro e Paolo Valerio

Sul palcoscenico Max, il protagonista, interpretato da Paolo Valerio che affronta la crisi della sua vita come ha sempre fatto: giocando a tennis. Lo fa contro una parete di plexiglass. Dall’altra il pubblico nei panni, in pratica, dell’avversario. Max soppesa la racchetta, si confronta con la schiena dolorante, si misura con la passione del tennis e la passione amorosa. Gioca, pensa, racconta, si dibatte.  Momenti di silenzio si alternano a urli di sfida, quasi disperati, di un uomo alle prese con gerarchie di sentimenti che si travasano l’uno nell’altro Le soluzioni si fanno problemi, l’agonismo dell’innamoramento trascolora nella rivalità tra solitudine e vita. Avrà il fiato necessario per portare a termine la partita? 

DOMENICA  6  DICEMBRE ORE 17.30  “  SONO BRAVO CON LA LINGUA “

SPETTACOLO TEATRALE Una storia di fonemi, idiomi, linguistica e computer

con Antonello Taurino scritto da Antonello Taurino e Carlo Turati

Regia di Antonello Taurino

Un viaggio nella linguistica attraverso le curiosità più divertenti degli idiomi del mondo, un monologo nello stile di altri spettacoli di Taurino: argomenti serissimi trattati in modo comicissimo. Qui è l’esilarante confessione di un docente di lingue antiche alle prese con la svolta lavorativa più destabilizzante della sua carriera: la possibilità di traferirsi in un’azienda hi-tech della Silicon Valley 

SABATO 12 DICEMBRE  ORE 21 Sì DOLCE E’ IL TORMENTO CHE IN SENO MI STA CONCERTO  con la soprano Monica Russo e il maestro Mauro Castellano al pianoforte

Una serata dedicata al bel canto e la musica dei grandi compositori

Musiche di Monteverdi, Purcell, Haendel, Vincenzi (prima esecuzione assoluta), Mascagni, Mozart, Dvorak, Castellano (prima esecuzione assoluta), Bussotti (prima esecuzione assoluta), Pucci

Monica Russo, soprano savonese, si è diplomata brillantemente in canto lirico presso l’Istituto Musicale “L. Cherubini” di Lucca, ha vinto ed è stata finalista in numerosi concorsi nazionali ed internazionali e si è esibita in prestigiose sedi italiane ed estere. Ha frequentato masterclass tenute da soprani di fama internazionale.

Mauro Castellano ,  nato a Savona, ha studiato pianoforte nella sua città con Walter Ferrato, diplomandosi brillantemente, appena diciassettenne, presso il conservatorio “N. Paganini” di Genova, dove ora insegna da molti anni. Suo maestro di composizione è stato Sylvano Bussotti, del quale è divenuto assistente presso la Scuola di Musica di Fiesole. Alla medesima scuola ha seguito una masterclass con Maurizio Pollini. Il suo Concerto per pianoforte e orchestra (scena dei gesti estremi), è stato commissionato ed eseguito presso il teatro “Carlo Felice” di Genova. La sua opera lirica Campana di vetro  è stata rappresentata con grande successo di pubblico presso il Teatro Nuovo a cura dell’”Associazione Rossini” di Savona.

DOMENICA 20 DICEMBRE  ALLE  17.30 e  ALLE  ORE 21 “ LA LIGURIA DEI POETI  “

SPETTACOLO TEATRALE con MUSICA E CANZONI DAL VIVO

con gli attori Antonio Carlucci, Sara Damonte, Antonella Margapoti, Manuela Salviati

e con Matteo Troilo (chitarra e voce), Federica Calcagno (Violino) ed Enrico Bovone (percussioni),  che interpreteranno le canzoni dei cantautori liguri

Regia e adattamento di Lazzaro Calcagno –

Una produzione del  Teatro il Sipario Strappato  ed Antico Teatro Sacco

Un viaggio teatrale che si immerge nella poesia dei poeti liguri del ‘900,  ( Montale, Caproni,  Sbarbaro , Barile ) accompagnato dalle canzoni, eseguite dal vivo, dei più importanti cantautori della scuola genovese (  Bindi, Tenco, Lauzi,  Paoli,  Fossati, De André  ) che rapiscono l’ascoltatore in un flusso armonico di poesia e canzoni

Uno spettacolo che evidenzia il carattere apparentemente aspro della sua gente ma dal cuore grande in questa terra di infinita bellezza, chiusa tra mari e monti, luogo di profonda ispirazione per molti artisti.

MERCOLEDI 30  DICEMBRE ALLE ORE  21  verrà fatta l’estrazione della lotteria “LA FORTUNA NEL SACCO”

 INGRESSO RISERVATO AI SOCI  ……  DIVENTARE SOCI  E’ FACILE 

INFO : info@teatrosacco.com   331  77 39 633 – 328 65 75 729    www.teatrosacco.com    

 

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto