Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Alassio festeggia 150 anni dei Salesiani
E il risultato elettorale di Jan Casella

L’Istituto Salesiani di Alassio, un’istituzione benemerita e ricchissima di storia. Qui hanno studiato, si sono diplomati, migliaia di savonesi, imperiesi, cuneesi. Molti hanno raggiunto vette importanti nella professione e nella società civile. Sul piazzale del grande parcheggio le ‘piastrelle murali’ di ceramica racchiudono nomi e decenni memorabili. Alassio che ha festeggiato i 150 dell’istituto e ha scoperto dai suoi archivi comunali la convenzione firmata da Don Bosco. Negli stessi giorni la città si è svegliata con i risultati, forse a sorpresa, di un concittadino candidato che i più consideravano gregario da ultimo posto della classifica dei candidati della lista ‘Sansa presidente’. E invece eccolo, pur tra i non eletti. ULTIMA ORA – Il sindaco di Varazze Bozzano eletto in Regione, libera un posto al primo dei non eletti in Provincia: l’avv. Massimo Parodi presidente del consiglio comunale alassino.

Alassio in festa per celebrare i 150 anni dei Salesiani

Dagli Archivi del Comune trovata convenzione firmata da Don Bosco

COMUNICATO STAMPA – E’ una giornata di festa quella odierna per la comunità alassina che si stringe intorno all’Istituto Salesiano per festeggiare i 150 anni della presenza dell’istituzione creata e avviata dallo stesso Don Giovanni Bosco per la formazione ed educazione dei giovani. E proprio da un’indagine effettuata presso l’Archivio Storico del Comune di Alassio viene fuori che il terreno su cui sorge l’Istituto, originariamente di proprietà comunale, fu ceduto allo stesso Don Bosco perchè vi costruisse le scuole alassine.”All’epoca – spiegano dall’Amministrazione Melgrati Ter – le delibera veniva scritte, ovviamente a mano su fogli protocollo. Nel tempo furono fatti rilegare e conservati presso l’Archivio Storico Comunale. Prendere oggi in mano questi volumi dà come la sensazione di prendere in mano la storia della nostra città, soprattutto quando si leggono in calce alla convenzione che segue la delibera del giugno 1870 la firma del Sac. Giovanni Bosco“.

“Da allora – aggiunge l’Assessore alle Politiche Scolastiche Fabio Macheda – non possiamo che essere grati per la presenza salesiana nella nostra città. Da sempre garantiscono e amplificano l’offerta formativa del territorio e, ancor più in questo momento in cui ospitano anche la scuola statale”. Copia autentica della delibera e della convenzione siglata dallo stesso Don Bosco  è stata consegnata dal’Amministrazione Comunale ai rappresentanti ed eredi del mandato di Don Bosco, contestualmente allo scoprimento di una targa commemorativa.

ALASSIO, JAN CASSELA, CONSIGLIERE COMUNALE DI MINORANZA, HA OTTENUTO IN PROVINCIA DI SAVONA
2119 PREFERENZE NELLA COMPETIZIONE PER LE REGIONALI. OLTRE 800 LE PREFERENZE AD ALASSIO

Dalla pagina Facebook del candidato Casella si legge, dopo i risultati: 

Jan casella candidato nella lista di Sansa presidente

È avvenuto ugualmente qualcosa di straordinario: 2119 persone nella nostra provincia hanno scritto il mio nome a fianco alla Lista Sansa Presidente (altri l’hanno scritto ma vicino ad altri simboli). Ad Alassio il risultato è stato commovente con oltre 800 preferenze.

Con l’aiuto dello splendido gruppo che mi ha appoggiato, con pochissime risorse economiche, frutto di tante piccole e generose donazioni degli amici, abbiamo ottenuto un consenso strabiliante: sono di gran lunga il più votato della mia lista in tutta la Liguria, raccogliendo più preferenze di sindaci e politici di lungo corso con forti partiti alle spalle. A chi mi ha sopportato e supportato in questi giorni, con affetto e passione politica, esprimo il più grande e sincero grazie.
Abbiamo dimostrato maturità e abbiamo dato il meglio di noi stessi: non abbiamo rimpianti. La Liguria era e resta la nostra priorità. Mi amareggia molto l’idea di non poter rappresentare in Regione i bisogni e le aspirazioni di questo comprensorio. Avrei lavorato incessantemente e con dedizione per la nostra gente, per la nostra terra.
Ma la storia va veloce ed è già il momento di guardare avanti. Con gli occhi un po’ lucidi, ma a testa alta, un immenso ringraziamento ai tantissimi cittadini che mi hanno dato fiducia. Coraggio, serietà e abnegazione sono le principali qualità umane e politiche delle persone che mi hanno accompagnato. A tutti loro rivolgo un invito: continuate a battervi per una Liguria migliore. Io sarò a vostra disposizione, per continuare a fare sentire la vostra voce.
ANALISI DEL VOTO IN PROVINCIA DI SAVONA
MARCO MELGRATI COORDINATORE PROVINCIALE:
GRAZIE A CIANGHEROTTI, BALESTRA E CLAUDIO SCAJOLA

Una analisi e alcune considerazioni sul voto delle regionali che ha visto la vittoria di Giovanni Toti da parte del neo-coordinatore di Forza Italia Marco Melgrati.

COMUNICATO STAMPA – A “bocce ferme” mi siano consentite alcune riflessioni sulla  vittoria della figura del Presidente Giovanni Toti e sulla Sua riconferma alla guida della Liguria. Che  Giovanni Toti venisse riconfermato alla guida della Regione Liguria nessuno ha mai avuto dubbi e già durante le proiezioni dei primi exit poll nella mia veste di Coordinatore Provinciale ho inviato allo stesso Presidente un messaggio di congratulazioni per il nuovo traguardo raggiunto e per l’ottimo lavoro che lui stesso ha svolto sul territorio. Detto ciò vorrei con questa missiva ripercorrere le tappe di questi ultimi tre mesi partendo dalla data della mia nomina a coordinatore fino alla data dello spoglio elettorale.

Forza Italia, che in questi anni ha visto nel corso delle ultime tornate elettorali un calo fisiologico dei consensi in Liguria ha dovuto fare i conti anche con un ulteriore elemento che ha portato ad una ulteriore riduzione dei consensi, elemento legato al fatto che per mero egoismo politico, rinunciando e rinnegando il passato, l’intero apparato partitico presente nella nostra provincia si è trasferito all’interno del nuovo incubatore creato dallo stesso Presidente Toti.

Nonostante ciò già da subito l’attuale Forza Italia ha appoggiato il Presidente Toti, facendo parte funzionalmente di questa coalizione di Centro-Destra, rappresentando l’anima più moderata, pur con i distinguo del caso. Il percorso condotto insieme a Liguria Popolare altro non è che l’embrione di un nuovo soggetto politico che ridarà, a livello nazionale, voce a tutto quell’elettorato moderato, cattolico, liberale, europeista e non estremista che oggi non si rispecchia nelle politiche populiste e che non trova una eco nazionale in Cambiamo, per ora movimento regionale. Sicuramente la massiccia visibilità mediatica conquistata da Toti durante tutta la fase del Covid-19 e ancora prima con la ricostruzione del ponte Morandi gli ha giovato e la sua lista ha effettuato un sorpasso sulla Lega.

 Siamo partiti tre mesi fa con la volontà di ricostruire un partito distrutto e svuotato della sua dirigenza, confluita quasi ‘manu militari’ in Cambiamo. Eppure i numeri che abbiamo fatto su Imperia mi sia consentito di dire che hanno quasi del miracoloso, e sicuramente lo si deve all’apporto determinante di Claudio Scajola. Siamo andati benissimo anche sul Ponente Savonese: ad Albenga siamo il secondo partito dopo la Lega e stiamo parlando della seconda città più popolosa della provincia dopo il capoluogo; sono numeri da non sottovalutare, grazie anche ai due candidati Eraldo Ciangherotti e Pietro Balestra.

L’attuale assenza di una struttura partitica ha visto sul Savonese, Savona città e Val Bormida un risultato elettorale deludente, ma in previsione delle prossime amministrative a breve verranno intraprese delle iniziative al fine di recuperare il vuoto creatosi ricostruendo un rapporto con il tessuto sociale del territorio. Ora è il momento di guardare al futuro e non commettere gli errori del passato. L’anno prossimo la nostra provincia verrà di nuovo chiamata al voto per eleggere e/o riconfermare alcune amministrazioni cercando di proporre agli elettori lo stesso modello politico che ci ha portato alla vittoria della Regione.

Ma se a livello regionale la lista di Toti è la prima in termini di preferenze, in provincia di Savona lo scenario è completamente diverso. L’ottimo lavoro fatto dal Senatore Ripamonti sul territorio ha portato la Lega ad essere il primo partito in Provincia di Savona, risultato in netta controtendenza rispetto al risultato nelle altre provincie. Di questo non possiamo che tenerne conto ritenendo quindi che la Lega e il suo coordinatore siano pienamente legittimati a presiedere e coordinare tutti i tavoli della coalizione per l’individuazione dei candidati Sindaci e consiglieri comunali. I partiti ampiamente rappresentati dai vari coordinatori avranno il difficile compito di individuare e dettare le strategie migliori per ogni singolo territorio in cui si andrà al voto.

Per concludere un’ultima riflessione, nel comune di Alassio, dove il sottoscritto ha l’onore di essere il Sindaco, come tutti ben sanno alle scorse elezioni comunali, per una questione di egoismi personali e strategie politiche “ad personam” è stato presentato all’elettorato uno scenario politico nell’area di centro destra spaccato. Comprendo le mire di qualche soggetto nel voler conquistare il mondo e di qualche suo gregario di vedere riconosciuti meriti che nella vita privata e lavorativa hanno difficoltà a raggiungere, ma tutto questo non deve essere anteposto al bene del paese e della sua collettività. Il mio appello al Presidente Toti è quello di continuare ad essere intellettualmente onesto mantenendo la stessa linea politica che lo ha portato alla vittoria anche sul nostro territorio provinciale, facendo si che ogni soggetto coinvolto nella partita svolga e mantenga il proprio ruolo evitando che, calcisticamente parlando, ricoprano ruoli che non gli competono e che non sarebbero neanche in grado di svolgere.

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto