Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Stella, le ‘Sardine’, Sansa, l’ex assessore

Diego Gambaretto, ex assessore comunale ad Albisola, attivista associazione di volontariaro, estroverso ed eccentrico (nel 2018 curava una rubrica su Ivg.it ‘Vite nel Buio’, si fermo dopo 13 articoli – testimonianza) scrive e ‘frusta’ sulla sua pagina Facebook: “Flop delle sardine a Stella: presenti più uomini della Digos che persone”.

‘Vite nel buio’ era la rubrica su IVG (2018) di Diego Gambaretto, nome in codice Elon: “Ci accompagna nelle passeggiate dei City Angel. La nostra è un’associazione onlus a carattere laico, multietnico e antirazzista di volontari di strada d’emergenza…clicca qui per leggere tutti gli articoli’. La rubrica si è interrotta senza che i lettori ne fossero informati e nessuno, almeno in questa provincia, ha più saputo delle opere di bene dei City Angel. Cosa sia accaduto a qualcuno di loro (cacciato?) e se corrisponda al vero che emersero presunti ammanchi, al punto che si sono dovuti prendere provvedimenti. Forse il giornalismo d’inchiesta, abituale per la forte redazione di IVg.it, prima a poi racconterà come è andata a finire dopo gli echi di stampa e dell’esordio con tanto di rubrica.

Solo 50 persone presenti all’evento delle Sardine con i due Leaders nazionali e Ferruccio Sansa persona stimabile ma che ha fatto un clamoroso flop in questo evento. Chi non ha nessuna idea é destinato a scomparire e nessuno più delle sardine rappresenta il nulla…Mi auguro che IVG.it e il direttore Andrea Chiovelli riportino la notizia del clamoroso flop, non tanto di Sansa ma delle Sardine, che si sono mosse ufficialmente con i loro Leaders nazionali….., ma in nessuno scrivete dell’evidente flop (basta pensare ai personaggi politici scesi in campo: esponenti nazionali ma anche candidato presidente regionale, sindaco, segretario provinciale CGIL, ecc…) e non riportate neanche il numero delle persone presenti. Ripeto: non vi vedo di parte nel confronto tra centrodestra e sinistra e fate per me buona informazione (e gratis) ma il mio amore per la libertà mi costringe ad attaccare le Sardine, il movimento più illiberale che conosca, sottolineando in questo caso che, per fortuna, non influenzano la politica (prova ne é che il candidato presidente Sansa, sul suo profilo, parla di gruppo di ragazzi) ne come temi, ne come flussi elettorali”.

In effetti mister Gambaretto, non da oggi fustigatore dei 5 Stelle, non solo savonesi e liguri, attratto nel tempo dalla vocazione leghista e comunque sempre di centro destra, fu tra gli informatori estensori sotto traccia di ‘uomini liberi’ (poi ai ferri corti e fine burrascoso di ogni rapporto con l’editore) e che ha firmato anche servizi per trucioli.it; Gambaretto, dicevamo, non ha mai fatto mistero dei suoi ‘amici’ e ‘nemici’.
Dal suo osservatorio non ha dubbi che Ivg.it ‘faccia una buona informazione e soprattutto gratis’. Come dire i soldini che prendete dalla pubblicità della Regione Liguria, da questo o quell’ente pubblico, da candidati disposti ad investire in campagna elettorale, aprire i portafogli per il ‘bene comune’ prima di tutto, non influenzano le scelte dell’editore puro Matteo Rainisio che dalla denuncia dei redditi non avrebbe altri introiti se non le società di Edinet (con sede a Pietra Ligure), per nulla condizionato il temibile staff di redazione.
Con il recente ingresso del direttore editoriale, Sandro Chiaramonti, uomo forte e ‘bandiera savonese della libertà di stampa già dai tempi di Teardo che un coraggioso libro ora descrive vittima di un complotto savonese e non solo (si legge tra i commenti) e del pubblicista Andrea Chiovelli orgoglioso di essere un direttore che può anche “litigare con l’editore per il suo caratterino’ senza subire interferenza alcuna sul prodotto giornalistico’. Imparate la lezione !
E Gambaretto ora ne da pubblica testimonianza. Se lui scrive di ‘informazione gratis’ bisognerà crederci. Non a caso può fregiarsi che l’occupatissimo direttore di un giornale on line che va a ruba con 100 mila ‘contatti giornalieri’ lo onori di una risposta a tamburo battente: “Caro Diego, abbiamo fatto UN SOLO articolo “post evento”. Le altre due che vedi sono la fotogallery e il video… è chiaro che se fai una ricerca il sistema ti restituisce tre risultati!!! Ma se guardi la home page l’articolo è uno solo (per la precisione quello più in basso nella foto)”.
Bisogna ammettere, si dice, che il direttore è uso rispondere  a tutti i lettori.  Gambaretto è pure tra gli ‘speciali per il suo estro’.

Ma la corrispondenza continua a seguito del ‘Flop di Stella’ e nonostante gli annunci in Tv e a La 7 dello stesso ‘portavoce’ Mattia Santori (decine di apparizione in Tv e di interviste, nei mesi precedenti le regionali in Emilia Romagna).  Gambaretto a  Chiovelli: “Grazie per la risposta. E resto dell’idea che le Sardine sono state sempre trattate troppo bene, sia da voi che da tutti e il grande clamore che hanno avuto é stato alimentato dalla visibilitá che gli é stata data dai mass media. Ripeto: nulla contro IVG, te o Sansa (che stimo per non aver scritto nulla sulle Sardine, parlando di ragazzi anche nei suoi post). Le Sardine restano un movimento molto più antidemocratico e illiberale di tutti gli altri partiti e, per esempio, non hanno portato nessun beneficio a Bonaccini, sicuramente più affidabile e serio della Bergonzoni”.

Con queste credenziali  Diego Gambetto avrebbe meritato la candidatura alla comunali di Albisola Superiore, peraltro già dato in lista  dai quotidiani locali e poi messo fuori gioco in casa Pd, fino alla sua rinuncia e agli strali verso chi ha ‘giocato per far perdere le elezioni‘ e far vincere i ‘soliti amici’ del giaguaro.
Gambaretto candidato ha suo seguito e il sostegno di un amico estimatore della prima ora quale è Angelo Berlangieri, presidente dell’Unione provinciale Albergatori, ex assessore regionale nella giunta di centro sinistra nel secondo mandato del presidente Burlando, ex assessore del centro destra a Finale Ligure (sindaco Richeri). E l’Unione provinciale albergatori (aderente a Confindustria) è cliente pubblicitaria di Ivg.it, come lo sono del resto altre associazioni (albergatori aderenti a Confcommercio). Soldi investiti per accrescere la  corretta informazione, visibilità, credibilità ed autorevolezza della categoria. Non certo per regalia all’editore più indipendente della provincia.
E fa tenerezza a leggere: ” Senza voi di Ivg la libera informazione sarebbe morta. Bravo Gambaretto ! “
Avatar

Trucioli

Torna in alto