Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Loano chiamate il ‘Maggiordomo’!
E nuovo modello ‘medicina territoriale’

Loano, il vice sindaco Luca Lettieri (in corso l’investitura a futuro primo cittadino con la Lega di Salvini  ‘prima gli italiani’, in Alto Adige ‘prima i tirolesi’, in Toscana c’è il movimento ‘prima i toscani’); Lettieri annuncia l’arrivo imminente del ‘Maggiordomo di quartiere’. Trucioli aveva anticipato: in Liguria a ottobre 2019 (vedi……..). E a Loano c’è chi non dimentica ‘com’era verde la città’. Affetto, si dichiara, da ‘loanesite acuta’. E la Pro Loco di Loano non cambia presidente.

Leggi anche il convegno sul ‘nuovo modello di medicina territoriale’ con il saluto del sen. Paolo Ripamonti e l’on. Sara Foscolo moderatore. Relatori il dr. Brunello Brunetto, la dr.ssa Monica Cirone, il dr. Edmondo Bosco e il dr. Francesco Bogliolo.

LOANO LEGGI FURTO A PELUFFO BIKE – Messaggio via Facebook: “Rubata Dall’Esposizione (vedi foto a fondo pagina) IERI! (10 luglio). Questa volta …non chiamo le forze dell’ordine …mi aggiusto io!!… incomincia a nasconderti!!! …che paghi anche per gli altri!!…

LOANO IERI E OGGI – Peccato che nelle scuole loanesi non sono si dimentichi, non da oggi, chi si è diplomato con 100 e meriterebbero la riconoscenza morale della Civica di Amministrazione. Ai diplomati bisognerebbe aggiungere gli studenti delle medie cittadino che hanno conseguito i massimi voti, la media del 10. Lo scorso anno pure tre ragazzi figli di immigrati.

Luca Lettieri, vice sindaco, sui social: “ Nel nostro territorio è in arrivò il “Maggiordomo di quartiere”. La figura professionale svolge un servizio alla persona come un’assistenza domiciliare leggera a supporto delle famiglie in semplici e quotidiane necessità. I destinatari sono 15 giovani e adulti di età superiore a 18 anni. Per maggiori info.

COME ERA VERDE LOANO ANTICA
LA FOTO ERA STATA PUBBLICATA DAL COMPIANTO FRANCESCO GALLO
Loanite acuta (*) di Dante Matiz tra gli ultimi ‘storici’ della città
Loano a corredo anche dell’articolo di  Dante Matiz

Ho dovuto lasciare Loano per necessità lavorative nel luglio 1951 e al “Vittoria” si ballava ancora, la “nuova via Aurelia” era ancora circonvallazione, il Cinema-Teatro “Municipale” e il vicino asilo infantile erano in attività.

Una o due volte all’anno tornavo in paese con il “direttissimo” che faceva sosta solo a Finale Ligure o Albenga. Nei primi anni di andirivieni, mi accorgevo che la Città cambiava ma non più di tanto, in quanto le mie attenzioni erano rivolte alla spiaggia e alle presenze dell’altro sesso sull’arenile, così senza rendermene conto tutto ciò che faceva parte del mio passato e dei miei ricordi cambiava!
Il tempo è inesorabilmente passato, gli interessi sono altrove, ma Loano è sempre Loano.
Ogni tanto mi metto in viaggio e non appena il treno supera la galleria della “Caprazoppa”, scatto in piedi (se già non lo sono) per vedere la cupola del San Giovanni Battista e il cuore batte forte forte. Il nastro dei ricordi si mette in moto e tutti i 19 anni vissuti in Paese sfilano nella memoria fotogramma dopo fotogramma come se fossero attuali.
Dalla stazione ferroviaria mi avvio verso i “Gazzi Superiori” e man mano che avanzo aumenta l’amarezza nei miei occhi cancellandosi in me la Loano quando “Chiarina” era ancora seduta dietro il suo bancone della tabaccheria e chiudeva un occhio se attraversavi il negozio di corsa per andare alla “marina”.
Ora non vado più a cercare il verde di “Morteo” dove pascolavo la capretta, ne tanto meno “Santa Libera”, “San Damiano”, la “Madonnetta”, il cinema “Giardino” e le “ciappe du carrugiu”, tanto non ci sono più; vado dritto verso i “Mazzocchi”, i “Meceti” oppure in “Borgo Castello” percorrendo le vecchie viuzze fra muri alti in pietra tenuti assieme dalla calcina e magari con ancora i segni del percorso dell’acquedotto del Principe, alzando poco lo sguardo per non scoprire nuove “scatole”, nuovi smembramenti e ricevere nuove delusioni.
Mia moglie che è friulana (ricorda Loano ancora con le ciappe nei carruggi) appoggia il dito indice sulla tempia destra e ruotando più volte la mano mi fa intendere che manco di qualche rotella e non mi segue più nelle peregrinazioni o ricerche, sostenendo che debbo rassegnarmi; ma io testardo proseguo e qualche volta scopro qualcosa di intatto (magari solo un pozzo con tanto di noria ancora lì) e… posso continuare a sognare!
(*) Non è un’alterazione, non è uno stato morboso, non è provocata da germi, non è un’infezione e non è una epidemia, si manifesta solo nei soggetti in esilio volontario-forzato dalla Patria e si estingue con la scomparsa del soggetto.
DANTE MATIZ
LOANO E GLI ANTICHI SAPORI DI IERI ALLA SAGRA DEL CROSTOLO
Foto archivio trucioli.it
GLI ANTICHI SAPORI DI LOANO AI NOSTRI GIORNI CON SPECIALITA’ LOCALI
LETTIERI: MEDICINA TERRITORIALE A LOANO 2, NON MANCATE
“Medicina territoriale. Un argomento che ci tocca da vicino, soprattutto in questi mesi di emergenza epidemiologica. Sabato primo agosto alle ore 9:30 – Loano 2 Village – Loano. Non mancate!”
LOANO DOVE LA PRO LOCO SI ‘RINNOVA’
MA GLI ALBERGATORI SONO IN ‘SCIOPERO’ ‘
NO HANNO TROPPO LAVORO GRAZIE AI FRUTTI DELLA PROMOZIONE

CONFERMATA Maria Giuliana Amelotti,  residente a Boissano, presidente di Pro Loco Loano. La nomina è giunta durante l’assemblea dei soci, tenutasi lo scorso 27 luglio. E’ quanto comunica ai suoi scrupolosi lettori IVG.it. “Malgrado le difficoltà arrecate dalla recente epidemia che ha dolorosamente colpito il nostro Paese ed il mondo intero – spiegano dall’associazione – durante l’assemblea tenutasi il 27 luglio scorso presso la sede sociale l’associazione ha manifestato la unanime volontà di proseguire la propria attività a favore del turismo loanese ed ha pertanto proceduto al rinnovo del consiglio ormai giunto alla naturale scadenza”.“I soci hanno confermato all’unanimità quale presidente la signora Maria Giuliana Amelotti, ringraziandoLa per l’ottimo lavoro volto durante i suoi precedenti mandati. Consiglieri sono stati eletti il geometra Massimo Zarillo, professor Lino Romanisio, la professoressa Domenica Piana, la professoressa Umberta Bolognesi, l’ingegner Giancarlo Garassino (vice sindaco di Laigueglia) e Roberto Ossum. Sono Revisori dei Conti Stefano Calabria, Luca Colombo e Domenico Masi. I probiviri sono Silvia Dodero Olivari e Claudio Maranca”. Successvamente il consiglio ha confermato quale vice presidente Roberto Ossum e quale segretario-tesoriere Lino Romanisio.

“Ringraziando ancora l’amministrazione comunale per la costante attenzione con cui segue la nostra attività, confermiamo il nostro totale impegno a collaborare con tutti per un ulteriore sviluppo del nostro turismo”.

NON RUBATE PIU’ BICLETTE:

PELUFFO BIKE SEMPRE NEL MIRINO

Era il 10 luglio scorso: “Da Facebook di Peluffo Bike-  Rubata Dall’Esposizione IERI!. questa volta …non chiamo le forze dell’ordine …mi aggiusto io!!… incomincia a nasconderti!!! …che paghi anche per gli altri!!…”

Ultimo ‘bottino’ solo in ordine di tempo da Peluffo Bike

Era il 10 luglio di un anno fa- Entra in un negozio, in pieno giorno, ruba una bici da corsa nel giro di pochi minuti e si dà alla fuga. È accaduto a Loano. Un colpo diurno avvenuto ai danni del noto negozio “Peluffo Bike”, dal quale è stata trafugata una bici da corsa Pinarello modello “Dogma” del valore di oltre 9mila euro.

Avatar

Trucioli

Torna in alto