Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Diano Marina premia Renata Scotto
Savonese e regina del teatro dell’opera

Il riconoscimento alla carriera “Città di Diano Marina” al grande soprano Savonese che debuttò con tutto esaurito al Chiabrera per poi esibirsi nei principali teatri del mondo. Il Galà della Lirica prevede anche il concerto  di altri due savonesi: il soprano Linda Campanella e del basso Matteo Peirone, accompagnati da Andrea Albertini al pianoforte e Livia Hagiu al violino.

Leggi anche: SABATO 1 AGOSTO LA PRIMA SERATA DI FOLK IN DIANO

IL PREMIO CULTURA POPOLARE AD ALBERTO BERTOLI

 E PREMIO A RENATA SCOTTO E GALA’ DELLA LIRICA

PER LA PRIMA SERATA DELL’EMD FESTIVAL

Una foto d’epoca: Pavarotti con Renata Scotto

COMUNICATO STAMPA – Il riconoscimento alla carriera “Città di Diano Marina” sarà consegnato al grande soprano di origine savonese che debuttò con tutto esaurito al Chiabrera per poi esibirsi nei principali teatri di tutto il mondo. Il Galà della Lirica di domani sera prevede anche il concerto del soprano Linda Campanella e del basso Matteo Peirone, accompagnati da Andrea Albertini al pianoforte e Livia Hagiu al violino. 

Un’altra stella si appresta ad illuminare il palcoscenico dell’Estate Musicale Dianese Festival. Nella prima serata della nona edizione, domani, sabato 25 luglio, sarà consegnato il Premio Città di Diano Marina, alla carriera, a Renata Scotto, soprano di origine savonese, che nel teatro all’aperto intervistata da Roberta Moschella e farà rivivere al pubblico, con appositi filmati, alcune sue memorabili interpretazioni. La Scotto, considerata un’autentica regina dell’opera, nella seconda parte del secolo scorso si è “divisa” la scena internazionale con Maria Callas. Prima della Scotto il riconoscimento dell’Emd Festival è andato a Mariella Devia (2012), Katia Ricciarelli (2013), Fabio Ermiliato (2014), Roberto Servile (2015), Alfonso Antoniozzi e Bruno Praticò (2016), John Osborn (2017), Amarilli Nizza (2018) e Liliana Cosi (2019).

Linda Campanella

Quello dedicato allo Scotto sarà uno dei due “momenti” dello spettacolo inaugurale della rassegna: il Galà della Lirica prevede infatti anche il concerto del soprano Linda Campanella e del basso Matteo Peirone, tra le più quotate ed affermate “voci” del panorama lirico internazionale. Campanella e Peirone, coppia anche nella vita di tutti giorni, interpreteranno famosi brani (tratti dai repertori di Pergolesi, Mozart, Donizetti, Strauss e Webber) sia individualmente che in duetto.

La Scotto della Campanella ha detto: “E’ un’artista di grande valore, dalla tecnica vocale impeccabile. Come “vocal coach” Linda è in grado di trasmettere, ad un giovane talento, la sicurezza tecnica per affrontare il “belcanto” e ogni altro repertorio”.

Sul palco, insieme a loro, saliranno anche due bravissimi musicisti: il M° Andrea Albertini al pianoforte e Livia Hagiu al violino.

Matteo Peirone

Il costo del biglietto è di 15 euro (posto unico). Consigliata la prenotazione al 338.1118108 oppure al 338.8771096. La prevendita (già in corso anche quella dei successivi spettacoli) viene effettuata presso l’ufficio di via Cavour 30, nel centro di Diano Marina.

Nel rispetto delle normative sanitarie in sala (apertura ore 20.30) è previsto il distanziamento sociale, fatto salvo che per parenti e affini.

Il 9° Emd Festival è organizzato dalle associazioni Ritorno all’Opera e Amici della Musica del Golfo Dianese con il sostegno del Comune di Diano Marina e il patrocinio di Provincia di Imperia e Regione Liguria.

RENATA SCOTTO – Considerata la “Signora della Lirica”, è un’autentica regina del teatro dell’opera. Savonese, classe 1934, ha debuttato al Chiabrera di Savona a soli 18 anni, nella Traviata, nel ruolo di Violetta, con un tutto esaurito. Nel 1954, appena ventenne, dopo aver vinto il concorso per voci nuove al conservatorio, si è esibita per la prima volta alla Scala di Milano nella Wally di Catalani. Ha conquistato fama internazionale quando nel 1957 ha sostituito Maria Callas in una rappresentazione della Sonnambula al Festival di Edimburgo, dando così inizio a una brillante carriera che l’ha portata a esibirsi, nei ruoli più significativi del repertorio tradizionale, in tutti i più importanti teatri lirici del mondo: dall’Opera di Chicago (Bohéme) al Covent Garden di Londra (Madama Butterfly), al Metropolitan di New York (Lucia di Lammermoor e, nel 1977, Mimì al fianco di Luciano Pavarotti) e così via,  ampliando sempre più il repertorio grazie alle straordinarie doti canore, rara combinazione di agilità vocale, dolcezza di timbro e vivace temperamento drammatico. Memorabile l’interpretazione del difficile ruolo della Marescialla nel Rosenkavalier di Strauss. Ha cantato spesso anche insieme a Placido Domingo.

Dal 1986 si è dedicata anche al ruolo di regista, con ottimi risultati: nel 1995, la Traviata, andata in scena alla New York City Opera in diretta tv,  ha vinto il premio quale evento televisivo dell’anno dal vivo. Chiusa la carriera, si è dedicata a formare nuove leve, tenendo master class un po’ in tutto il mondo e creando due”Renata Scotto Academy”, a New York e ad Albisola, non lontano dalla sua casa di Noli. Nel 2011 le è stato consegnato il premio “Met Legends”.

Il cartellone completo del 9° Estate Musicale Dianese Festival

Location: Villa Scarsella, ingresso da via Cavour – inizio spettacoli: ore 21.30 – apertura sala: ore 20.30. Prevendita: ufficio via Cavour, Diano Marina (dal lunedì al sabato, dalle ore 9.30 alle 12.30).

Tel.  338.1118108, 338.8771096. E-mail: info@musicagolfodianese.it. Sito: www.musicagolfodianese.it (Facebook Estate Musicale Dianese) 

 

Giovedì 6 agosto

2) Gabriele Cirilli in “Mi piace… di più”

Spettacolo del noto attore comico, a cura di G. Cirilli (regista), M. De Luca, G. Ganzerli e G. Giugliarelli

Prezzo dei biglietti: 20 euro (platea) e 15 euro (laterali)

Martedì 11 agosto

3) Omaggio a Ennio Morricone

Le più belle colonne sonore dei film di tutti i tempi

Prezzo dei biglietti: 20 euro (platea) e 15 euro (laterali)

Domenica 16 agosto

4) I Tre Tenori – Omaggio a Luciano Pavarotti

Concerto dedicato all’indimenticabile tenore modenese

Prezzo del biglietto (posto unico): 15 euro

Giovedì 20 agosto

5) Gran Galà dell’Operetta

Le arie e i duetti più famosi

Prezzo del biglietto (posto unico): 15 euro

Giovedì 27 agosto

6) Omaggio a Napoli

Viaggio tra note e poesie del Sud

Prezzo del biglietto (posto unico): 15 euro

SABATO 1 AGOSTO LA PRIMA SERATA DI FOLK IN DIANO

IL PREMIO CULTURA POPOLARE AD ALBERTO BERTOLI

Dopo il Premio Città di Diano Marina alla carriera, consegnato alla soprano Renata Scotto nell’ambito della prima serata dell’Emd Festival, sabato 1° agosto l’appuntamento inaugurale della rassegna curata da Antonio Carli prevede (Villa Scarsella, ore 21.15) lo spettacolo di Alberto Bertoli, figlio del compianto Pierangelo, cui andrà l’importante riconoscimento. I posti in platea sono limitati, è necessaria la prenotazione presso l’Ufficio Iat di via Genala. 

A Diano Marina è il momento dei premi ad importanti personaggi del mondo dello spettacolo. Dopo il riconoscimento alla carriera Città di Diano Marina assegnato l’altra sera, nell’ambito dell’Emd Festival a Renata Scotto, soprano di origine savonese, regina dell’opera nella seconda metà dello scorso secolo, sabato 1 agosto sarà la volta di Alberto Bertoli, figlio d’arte del grande Pierangelo, cui, in occasione della serata inaugurale della terza edizione di Folk in Diano (Villa Scarsella, ore 21.15), andrà il Premio Cultura Popolare. Bertoli, la sua chitarra, la sua storia e le sue canzoni saranno ovviamente i protagonisti della serata.

Sono tre quest’anno gli appuntamenti di cui si compone Folk in Diano, il festival di cultura popolare, “un contenitore – come lo definisce il suo ideatore, Antonio Carli – che unisce storia e influenze della musica moderna esaltando la grande vitalità ed attualità di canti e musica popolare”.

Gli spettacoli si susseguiranno a distanza di due settimane l’uno dall’altro. Dopo quello di sabato 1 con Alberto Bertoli, venerdì 14 toccherà ad Antonio Carli che in prima nazionale presenterà Musicabaret (viaggio dal night club all’avanspettacolo, per celebrare la nascita del cabaret), mentre per il gran finale di venerdì 28 agosto il palcoscenico sarà tutto per Giorgio Conte e il suo quartetto con il concerto dal titolo Sconfinando.

“Folk in Diano – afferma Carli – è un titolo che contiene più significati, una sorta di “I.G.T.” con cui Diano Marina si vuole distinguere nella scelta di preservare un patrimonio, la tradizione folkloristica e le radici della cultura nazionale. L’assonanza “inDiano” vuole suggerire un richiamo storico alle “riserve”, vere proprie “isole” in cui si è deciso di conservare e proteggere dall’estinzione le minoranze che rischiavano di estinguersi nella frenesia della modernità”.

Nelle due precedenti edizioni il Premio Cultura Popolare “Città di Diano Marina”, intitolato alla memoria di Franco Carli, è stato consegnato a Max Manfredi (2018) e al trio composto da Gian Piero Alloisio, Maurizio Lauzi e Franco Fasano (2019).

Per il pubblico, l’ingresso a Villa Scarsella per le tre serate di Folk in Diano non ha costi, ma vige, in base alle disposizioni sanitarie, un numero contingentato di posti. E’ pertanto necessario prenotare, sino ad esaurimento, presso l’Ufficio Iat di Diano Marina (via Genala, aperto dal lunedì al sabato ore 10-13 e 16-19, domenica ore 10-13,  telefono 377.0981085, e-mail: iat.dianomarina@gmail.com). E’ previsto un solo invito a persona, con possibilità di riservare il posto anche per i propri congiunti (necessario esibire il relativo documento). Non è prevista numerazione. L’ingresso alla platea di Villa Scarsella (accesso da via Cavour) sarà consentito tra le 19.45 e le 21.15, dopo di che sarà dato il via allo spettacolo.

ALBERTO BERTOLI

Figlio d’arte (il padre è stato il famoso cantautore emiliano, Pierangelo Bertoli), comincia da bambino a seguire le orme paterne. Adolescente, comincia a scrivere le prime canzoni. Inizia la “gavetta” partecipando a vari concorsi ed ottenendo successo con diversi gruppi giovanili.
Nel 2003, dopo la scomparsa del padre, ne fa veci cantando “A muso duro”. Da quel momento inizia la vera e propria carriera musicale, sempre alternando il magnifico repertorio del padre a pregevoli produzioni proprie di successo, riuscendo a coniugare la vena artistica personale al garbato e rispettoso ricordo del grande papà.
Incide insieme a Luciano Ligabue, con cui canterà anche dal vivo, ”Le cose cambiano”, pezzo inedito scritto da Ligabue in omaggio a Bertolo senior, al quale era molto affezionato e al quale il cantautore tributa un debito di riconoscenza. La canzone, registrata ed arrangiata da Mauro Pagani, viene inserita in un album dedicato dal titolo “Sugar”, nel quale dove Enrico Ruggeri, Fiorello, Aviontravel, Marco Masini, Nek, Nomadi rendono omaggio a Pierangelo interpretando i suoi successi.
A seguito di questo “battesimo di fuoco”, il giovane artista comincia una intensa attività musicale live e discografica, alternando tour con la sua band, serate in acustico e partecipazioni televisive e radiofoniche, sempre ricordando il padre attraverso le sue canzoni.
Nel luglio 2010 Alberto apre due date di Luciano Ligabue per la tournée “Stadi”, nelle date di Firenze e di Bologna, cui seguirà un’ntensa tournee di concerti in tutta Italia. Attivo anche nel sociale, incide “Safà”, singolo di beneficenza per l’associazione “Africa nel cuore”, per raccogliere fondi con cui realizzare opere necessarie alla popolazione Rumuruti (Kenya) e ai villaggi del suo distretto.  Nel 2012 partecipa a “Italia loves Emilia”, il più grande concerto per beneficienza mai organizzato in Italia, proprio per il terremoto, dove affianca per l’occasione i 13 più grandi artisti italiani – tra cui Luciano Ligabue, Claudio Baglioni, Litfiba, Zucchero, Biagio Antonacci -, cantando nel finale “A muso duro”.
Organizza un mega concerto tributo al padre con Enrico Ruggeri, Luca Carboni, i Tazenda, Danilo Sacco, Gerardina Trovato, Caterina Caselli, i Dik Dik, Marco Dieci, Enrico Ruggeri, Luca Carboni e i Tazenda.
Collabora con Eugenio Finardi con il Premio Pierangelo Bertoli, i Nomadi, Luca Carboni, Alice, Andrea Mingardi, Biagio Antonacci, Elisa, Gaetano Curreri, Gianni Morandi, Jovanotti, Riccardo Sinigallia, Ron, Samuele Bersani, Saturnino e Tiziano Ferro.
Incide “Bertoli”, il primo cd completo dell’artista che presenta 10 brani autografi e una ricercata cover del padre: “Delta”, riscuotendo un grande successo di critica e vendite.
Alberto Bertoli è un giovane artista di grande sensibilità, profondamente legato al padre, che gli ha insegnato a “fare musica” e farla bene. Il suo tributo è un riconoscimento costante al merito di un grande artista, ma anche una dichiarazione costante di amore filiale.

Avatar

Trucioli

Torna in alto